VMware Cloud Director Object Storage Extension 2.0 | 15 OTT 2020 | Build 17024017

Controllare se sono presenti aggiunte o aggiornamenti a queste note di rilascio.

Contenuto del documento

Le note di rilascio riguardano i seguenti argomenti:

Novità

VMware Cloud Director Object Storage Extension 2.0 include le nuove funzionalità seguenti:

Integrazione di AWS S3 nativo

  • I provider di servizi possono offrire AWS S3 nativo agli utenti del tenant con un'integrazione semplificata con la multi-tenancy di VMware Cloud Director. Vedere Configurazione di VMware Cloud Director Object Storage Extension con AWS. I provider di servizi dispongono di quattro opzioni per l'onboarding dei tenant in VMware Cloud Director Object Storage Extension.
    • Invitare un account AWS esistente a partecipare all'organizzazione AWS del provider.
    • Creare un nuovo account AWS per conto dell'utente del tenant di VMware Cloud Director.
    • Riutilizzare l'account AWS esistente del provider dalla relativa organizzazione AWS.
    • Condividere un account AWS per le organizzazioni tenant di VMware Cloud Director multisito.

                      Vedere Onboarding di organizzazioni e utenti di VMware Cloud Director in AWS.

  • Consente agli utenti del tenant di utilizzare il servizio di storage di oggetti supportato dall'integrazione di AWS S3 nativo.
  • Offre API S3 complete paragonabili alle API di AWS S3 nativo.

 

Supporto per il servizio VMware Cloud Director

 

Blocco oggetti

  • Gli utenti del tenant possono abilitare il blocco oggetti durante la creazione del bucket.
  • Gli utenti del tenant possono modificare il criterio di mantenimento di bucket e oggetti.
  • Questa funzionalità è disponibile per AWS S3 nativo e Cloudian HyperStore versione 7.2.2.1 o successiva.
Vedere Modifica della configurazione del blocco degli oggetti a livello di oggetto e Modifica della configurazione del blocco degli oggetti a livello di bucket.

Ciclo di vita degli oggetti

  • Gli utenti del tenant possono definire le regole del ciclo di vita per i bucket.
  • Gli utenti del tenant possono definire la migrazione, la scadenza e l'eliminazione degli oggetti in base a prefissi, tag e durate.
Vedere Utilizzo delle regole del ciclo di vita.

 

Crittografia dei bucket

  • Gli utenti del tenant possono abilitare metodi di crittografia per bucket specifici.
  • Gli utenti del tenant possono proteggere gli oggetti inattivi ai seguenti livelli:
    • A livello di oggetto utilizzando l'API S3
    • A livello di bucket mediante l'API S3 o l'interfaccia utente di VMware Cloud Director Object Storage Extension 
    • A livello di tenant utilizzando l'interfaccia utente di VMware Cloud Director Object Storage Extension

Vedere Modifica della crittografia del bucket.

 

Criterio del bucket

 

Aggiornamento

È possibile eseguire l'aggiornamento direttamente a VMware Cloud Director Object Storage Extension 2.0 dalle versioni 1.5 e 1.0.1. Vedere Aggiornamento di VMware Cloud Director Object Storage Extension

Browser supportati

VMware Cloud Director Object Storage Extension è compatibile con Internet Explorer 11, nonché con le versioni principali correnti e più recenti dei browser seguenti:

  • Google Chrome
  • Mozilla Firefox
  • Microsoft Edge

Avvertenze e limitazioni

  • Le richieste dell'API S3 autenticate con le credenziali dell'applicazione non supportano i seguenti casi d'uso:
    • Accesso a un bucket condiviso se un altro utente concede le autorizzazioni per il bucket.
    • Eliminazione di più oggetti contemporaneamente con una singola richiesta API.
    • Limitazione della copia degli oggetti dai bucket di cui si è proprietari.
  • VMware Cloud Director e i sistemi di storage sottostanti hanno limitazioni diverse per i nomi utente. Per utilizzare VMware Cloud Director Object Storage Extension, i nomi utente devono soddisfare i requisiti di VMware Cloud Director e del sistema di storage sottostante. Una procedura consigliata consiste nell'utilizzare nomi utente brevi (inferiori a 50 byte) e caratteri alfanumerici. 
    • Se si utilizza lo storage Cloudian, aumentare la lunghezza massima degli ID utente da 64 byte a 255 byte.
    • Se si utilizza lo storage ECS, la lunghezza massima degli ID utente è 91 byte.
  • Se si utilizza lo storage ECS mediante l'API S3 o la funzionalità per trovare un bucket, non è possibile passare a un bucket che si trova in un'organizzazione tenant diversa nella piattaforma ECS.

Documentazione del prodotto

Oltre alle note di rilascio correnti, è possibile utilizzare il set della documentazione di VMware Cloud Director Object Storage Extension disponibile all'indirizzo https://docs.vmware.com/it/VMware-Cloud-Director-Object-Storage-Extension/index.html.

Problemi noti

  • Il tentativo di abilitare uno storage tenant di VMware Cloud Director in un gruppo di Cloudian personalizzato non riesce e viene visualizzato un messaggio di errore.

    Quando un provider di servizi specifica un gruppo di Cloudian personalizzato durante l'abilitazione di un tenant di VMware Cloud Director, l'operazione non riesce e viene visualizzato il seguente messaggio di errore:

    Impossibile scambiare le informazioni utente tra Cloud Director e la piattaforma di storage.

    Soluzione: per risolvere questo problema, con la console di gestione di Cloudian, creare un gruppo utilizzando l'UUID dell'organizzazione di sistema di VMware Cloud Director e creare un utente del gruppo utilizzando l'utente amministratore di sistema di VMware Cloud Director.

  • Il caricamento multipart in una cartella non riesce con eccezioni

    Se la destinazione per un caricamento multipart è una cartella, il processo non riesce.

    Soluzione: per risolvere questo problema, impostare l'intestazione della richiesta HTTP su Accept: application/xml.

check-circle-line exclamation-circle-line close-line
Scroll to top icon