Prima di aggiornare l'appliance virtuale di VMware Identity Manager online, eseguire queste attività relative ai prerequisiti.

  • Per acquisire l'intero stato dell'appliance virtuale prima di eseguire l'aggiornamento, creare uno snapshot dell'appliance virtuale.

    Per informazioni sulla creazione di snapshot, vedere la guida all'amministrazione delle macchine virtuali vSphere.

  • Se è stato revocato il ruolo db_owner nel database Microsoft SQL, come descritto nella versione 3.3 della guida all'installazione e configurazione di VMware Identity Manager per Linux, è necessario aggiungerlo nuovamente prima di eseguire l'aggiornamento, altrimenti l'aggiornamento non riuscirà.

    Aggiungere il ruolo db_owner allo stesso utente utilizzato durante l'installazione:

    1. Accedere a Microsoft SQL Server Management Studio come utente con privilegi di sysadmin.
    2. Connettersi all'istanza del database per VMware Identity Manager.
    3. Immettere i comandi seguenti.

      Se si utilizza la modalità di autenticazione di Windows, utilizzare i comandi seguenti:

      USE <saasdb>;
      ALTER ROLE db_owner ADD MEMBER <domain\username>; GO 
      						  

      Sostituire <saasdb> con il nome del proprio database e <domain\username> con il dominio e il nome utente pertinenti.

      Se si utilizza la modalità di autenticazione di SQL Server, utilizzare i comandi seguenti:
      USE <saasdb>;
      ALTER ROLE db_owner ADD MEMBER <loginusername>; GO 
      						  

      Sostituire <saasdb> con il nome del proprio database e <loginusername> con il nome utente pertinente.

  • Creare gli snapshot appropriati.
    • Creare uno snapshot di ogni appliance di VMware Identity Manager esistente nella distribuzione.
    • Se si utilizza un database Microsoft SQL esterno, creare uno snapshot o un backup del database esterno.
  • Verificare che l'appliance virtuale possa risolvere e raggiungere vapp-updates.vmware.com mediante le porte 80 e 443 su HTTP.
  • Se per l'accesso HTTP in uscita è necessario un server proxy HTTP, configurare le impostazioni del server proxy per l'appliance virtuale. Vedere Configurazione delle impostazioni del server proxy per l'appliance VMware Identity Manager.
  • Verificare che i requisiti dei certificati SSL siano soddisfatti.

    Se si utilizza VMware Identity Manager con VMware vRealize Automation 8.3, configurare i certificati SSL seguendo le istruzioni in Abilitazione della multi-tenancy con tenant nel nome host con vRealize Automation 8.3.

  • Verificare che nell'appliance virtuale siano disponibili almeno 10 GB di spazio libero su disco (/dev/sda).
  • Assicurarsi che siano soddisfatti i requisiti di spazio della directory per un aggiornamento online.
    Tabella 1. Requisiti di spazio nella directory per l'aggiornamento dalla versione 3.3.1 o 3.3.2 alla versione 3.3.4
    Directory Spazio minimo disponibile
    / 2 GB
    /var 3 GB
    Nota: Se si scarica il file dualbootupdate.tar.gz nella directory /var, sono necessari almeno 7 GB di spazio disponibile.
    Directory in cui si scarica il file dualbootupdate.tar.gz, se applicabile 7 GB

    Se si intende eseguire un aggiornamento offline utilizzando vRealize Suite Lifecycle Manager, è necessario scaricare il file dualbootupdate.tar.gz .

    Tabella 2. Requisiti di spazio della directory per l'aggiornamento dalla versione 3.3.3 alla versione 3.3.4
    Directory Spazio minimo disponibile
    / 4 GB
  • Se si esegue l'aggiornamento direttamente da VMware Identity Manager 3.3.1 o 3.3.2, scaricare l'aggiornamento a doppio avvio dell'appliance virtuale del servizio VMware Identity Manager dalla pagina di download del prodotto VMware Identity Manager 3.3.4 in my.vmware.com e salvare il file in una directory qualsiasi nell'appliance virtuale di VMware Identity Manager.

    VMware Identity Manager 3.3.3 è passato dal sistema operativo SUSE Linux Enterprise Server (SLES) al sistema operativo VMware Photon™. Pertanto, VMware Identity Manager 3.3.3 utilizza già Photon, mentre le versioni 3.3.1 e 3.3.2 non lo utilizzano. Il download dell'aggiornamento a doppio avvio dell'appliance virtuale del servizio VMware Identity Manager contiene il file dualbootupdate.tar.gz, che include il sistema operativo Photon e i relativi pacchetti. Il processo di aggiornamento utilizza il file dualbootupdate.tar.gz durante la migrazione del sistema operativo da SLES a Photon.