È possibile installare il servizio SaltStack Config nell'ambiente vRealize Automation utilizzando uno di due metodi di installazione. Dopo l'installazione, è possibile configurare un'integrazione di SaltStack Config e completare le attività necessarie dopo l'installazione.

Importante: SaltStack Config viene eseguito in Salt, un motore di gestione della configurazione e dell'automazione open source. Per iniziare a utilizzare SaltStack Config per la gestione della configurazione, è inoltre necessario installare ed eseguire il servizio dei minion Salt in qualsiasi nodo che si intende gestire utilizzando SaltStack Config. È possibile distribuire il servizio dei minion Salt ai nodi utilizzando i modelli cloud di vRealize Automation o installando il servizio tramite Secure Shell (SSH).

In questa guida all'installazione viene spiegato il processo standard per l'installazione di SaltStack Config dall'inizio alla fine. È destinata agli amministratori dei sistemi di rete che hanno le conoscenze e l'esperienza generali necessarie in questo campo, ad esempio esperienza di utilizzo di Linux e della riga di comando. Non è necessario disporre di conoscenze avanzate di Salt o SaltStack Config prima dell'installazione.

Se durante l'installazione si verificano problemi non illustrati in questa guida, contattare il supporto.

Obiettivi di installazione

L'obiettivo del processo di installazione è creare l'architettura di sistema di SaltStack Config di back-end, composta da quattro componenti principali:

Componente Descrizione
API del server di SaltStack Config, noto anche come RaaS

RaaS (Returner as a Service) fornisce endpoint RPC per ricevere comandi di gestione dall'interfaccia utente di SaltStack Config, nonché endpoint di controllo RPC per interfacciarsi con i Salt Master connessi.

Salt Master e plug-in Master

È possibile connettere a SaltStack Config tutti i Salt Master che si desiderano, ma ne serve almeno uno.

Il Salt Master è la connessione principale tra SaltStack Config e il resto dei nodi nella rete (denominati minion). Quando si esegue un comando da SaltStack Config (ad esempio un processo), il comando passa al Salt Master per la distribuzione ai minion di destinazione.

Il plug-in Master è installato nei Salt Master. Consente ai Salt Master di comunicare con il server back-end di SaltStack Config, ovvero il nodo RaaS. Il plug-in Master consente ai Salt Master di accedere ai processi avviati da SaltStack Config, nonché ai file esterni e ai dati del pillar archiviati nel database PostgreSQL.

Database PostgreSQL SaltStack Config utilizza un database PostgreSQL per archiviare i dati dei minion, i risultati dei processi, i dati degli eventi, i file e i dati del pillar, gli account utente locali, nonché le impostazioni aggiuntive per l'interfaccia utente.
Database Redis SaltStack Config utilizza un database Redis per archiviare determinati tipi di dati nello storage temporaneo, ad esempio i dati memorizzati nella cache. Utilizza inoltre l'archiviazione temporanea dei dati per distribuire il lavoro in coda ai worker in background.

Nello scenario di installazione standard, ciascuno di questi componenti verrà distribuito in un nodo dedicato. Ciò significa che al termine saranno disponibili quattro nodi dedicati. Se il sistema richiede l'alta disponibilità, potrebbe essere necessario distribuire più Salt Master, database PostgreSQL e database Redis.

L'immagine seguente illustra l'obiettivo finale di un'installazione standard:

Panoramica dell'installazione

Il processo di installazione è suddiviso in cinque fasi principali:

  • Preinstallazione
  • Installazione
  • Post-installazione
  • Integrazione con vRealize Automation
  • Installazione di Salt nei nodi che si desidera gestire con SaltStack Config

Questa guida include contenuti per supportare ogni fase, come descritto nelle sezioni seguenti.

Preinstallazione

Prima di avviare la fase di preinstallazione, assicurarsi di avere familiarità con l'architettura di sistema di SaltStack Config e con l'architettura di sistema di Salt.

Durante la fase di preinstallazione, si prendono decisioni importanti mentre si pianifica il progetto di installazione di SaltStack Config. In questa fase, sarà necessario:

  • Decidere quale scenario di installazione è più adatto alla propria rete.
  • Stabilire l'hardware e il software necessari per l'installazione di SaltStack Config, ad esempio il numero di nodi da allocare, i sistemi operativi necessari per tali nodi o per le macchine virtuali e così via.
  • Pianificare le soluzioni alternative necessarie se la rete non dispone di accesso a Internet.
  • Installare Salt nei nodi o nelle macchine virtuali che ospiteranno l'architettura di SaltStack Config necessaria.
  • Scaricare, verificare e importare i file di installazione richiesti.

Al termine di questa fase, assicurarsi di aver richiesto i nodi e le macchine virtuali necessari per il proprio scenario di installazione.

Installazione

SaltStack Config supporta due metodi di installazione:

  • Installazione standard: installa i componenti dell'architettura necessari per SaltStack Config in quattro o più nodi separati.
  • Installazione di vRealize Suite Lifecycle Manager (vRLCM): installa SaltStack Config e tutti i componenti della sua architettura in un nodo singolo. Questo metodo consente inoltre di installare l'host Salt Master e configurare un gruppo di proprietà di vRealize Automation obbligatorio.
Attenzione: Se non si è certi del metodo di installazione più adatto al proprio sistema, è consigliabile utilizzare l'installazione standard. Il metodo di installazione di vRealize Suite Lifecycle Manager non è consigliato per i sistemi a livello di produzione con più di 1.000 nodi.

L'immagine seguente mostra l'architettura di sistema disponibile dopo aver completato un'installazione standard, ma prima di completare i passaggi successivi all'installazione o per l'installazione di Salt:

L'immagine seguente illustra l'architettura di sistema disponibile dopo aver completato un'installazione di Lifecycle Manager (vRLCM), ma prima di completare i passaggi successivi all'installazione o per l'installazione di Salt:

Post-installazione

Una volta completati gli scenari dell'installazione di base, sono previsti diversi passaggi successivi all'installazione, alcuni dei quali sono facoltativi:

Integrazione con vRealize Automation

In questa fase, viene creata un'integrazione in vRealize Automation per accedere al servizio SaltStack Config nella rete.

Installazione di Salt nei nodi che si desidera gestire con SaltStack Config

SaltStack Config viene eseguito in Salt, un motore di gestione della configurazione e dell'automazione open source.

Per iniziare a utilizzare SaltStack Config per la gestione della configurazione, è inoltre necessario installare ed eseguire il servizio dei minion Salt in qualsiasi nodo che si intende gestire utilizzando SaltStack Config.

È possibile distribuire il servizio dei minion Salt ai nodi utilizzando i modelli cloud di vRealize Automation o installando il servizio tramite Secure Shell (SSH).

L'immagine seguente illustra l'architettura di sistema disponibile dopo aver completato i passaggi di installazione standard, i passaggi successivi all'installazione, i passaggi di integrazione e i passaggi di installazione di Salt: