Utilizzare il servizio file di vSAN per creare condivisioni file nel datastore vSAN a cui le workstation o le macchine virtuali del client possono accedere.

I dati archiviati in una condivisione file possono essere accessibili da qualsiasi dispositivo con diritti di accesso. Il servizio file di vSAN si trova al livello principale di vSAN per fornire condivisioni file. Al momento supporta le condivisioni file SMB, NFSv3 e NFSv4.1. Il servizio file di vSAN include vSAN Distributed File System (vDFS) che fornisce il file system scalabile sottostante aggregando gli oggetti di vSAN, una piattaforma di servizi di storage che fornisce endpoint dei file server resilienti e un piano di controllo per la distribuzione, la gestione e il monitoraggio. Le condivisioni file sono integrate nella gestione basata sul criterio di storage di vSAN esistente, in base alla condivisione. Il servizio file di vSAN offre la possibilità di ospitare le condivisioni file direttamente nel cluster vSAN.

Architettura del servizio file di vSAN.

Quando si configura il servizio file di vSAN, vSAN crea un singolo file system distribuito VDFS per il cluster che verrà utilizzato internamente per scopi di gestione. In ogni host viene posizionata una macchina virtuale del servizio file (FSVM). Le macchine virtuali del servizio file gestiscono le condivisioni file nel datastore vSAN. Ogni FSVM contiene un file server che fornisce entrambi i servizi NFS e SMB.

Quando si abilita il workflow del servizio file, è necessario fornire come input un pool di indirizzi IP statici. Uno degli indirizzi IP è designato come indirizzo IP primario. L'indirizzo IP primario può essere utilizzato per accedere a tutte le condivisioni nel cluster dei servizi file tramite i riferimenti di SMB e NFSv4.1. Viene avviato un file server per ogni indirizzo IP fornito nel pool di IP. Una condivisione file viene esportata da un solo file server. Tuttavia, le condivisioni file vengono distribuite in modo uniforme in tutti i file server. Per fornire risorse di elaborazione che consentono di gestire le richieste di accesso, il numero di indirizzi IP deve essere uguale al numero di host nel cluster vSAN.

Il servizio file vSAN supporta cluster estesi e cluster a due nodi. Un cluster a due nodi deve avere due server di nodi di dati nella stessa posizione o nello stesso ufficio e il witness in una posizione remota o condivisa.

Per ulteriori informazioni sui volumi di file di storage cloud nativo (CNS), vedere la documentazione Plug-in del container di storage di VMware vSphere e la documentazione Configurazione e gestione di vSphere with Tanzu.