Assicurarsi che l'host soddisfi le configurazioni minime dell'hardware supportate da ESXi 8.0.

Risorse hardware e di sistema

Per installare o aggiornare ESXi, le risorse hardware e di sistema devono soddisfare i seguenti requisiti:

  • Piattaforma server supportata. Per un elenco delle piattaforme supportate, vedere la Guida alla compatibilità di VMware disponibile all'indirizzo http://www.vmware.com/resources/compatibility.
  • ESXi 8.0 richiede un host con almeno due core della CPU.
  • ESXi 8.0 supporta un'ampia gamma di processori x86 multi-core a 64 bit. Per un elenco completo dei processori supportati, consultare la Guida alla compatibilità di VMware all'indirizzo http://www.vmware.com/resources/compatibility.
  • ESXi 8.0 richiede che il bit NX/XD sia abilitato per la CPU nel BIOS.
  • ESXi 8.0 richiede almeno 8 GB di RAM fisica. Fornire almeno 12 GB di RAM per eseguire macchine virtuali in ambienti di produzione tipici.
  • Per supportare le macchine virtuali a 64 bit, è necessario abilitare il supporto per la virtualizzazione hardware (Intel VT-x o AMD RVI) nelle CPU x64.
  • Uno o più controller Ethernet Gigabit o più veloci. Per un elenco dei modelli di schede di rete supportati, vedere la Guida alla compatibilità di VMware disponibile all'indirizzohttp://www.vmware.com/resources/compatibility.
  • ESXi 8.0 richiede un disco di avvio di almeno 32 GB di storage persistente come HDD, SSD o NVMe. Un dispositivo di avvio non può essere condivisa tra host ESXi.
  • Disco SCSI o LUN RAID locale, non di rete con spazio non partizionato per le macchine virtuali.
  • Per Serial ATA (SATA), un disco connesso tramite controller SAS supportati o controller SATA integrati. I dischi SATA sono considerati remoti, non locali. Per impostazione predefinita, questi dischi non vengono utilizzati come partizione scratch perché sono considerati remoti.
    Nota: Non è possibile connettere un dispositivo CD-ROM SATA a una macchina virtuale in un host ESXi. Per utilizzare il dispositivo CD-ROM SATA, è necessario utilizzare la modalità di simulazione IDE.

Sistemi di storage

Per un elenco dei sistemi di storage supportati, vedere la Guida alla compatibilità di VMware disponibile all'indirizzo http://www.vmware.com/resources/compatibility. A partire da ESXi 8.0, non è possibile utilizzare le schede software per Fibre Channel over Ethernet (FCoE). Sono consentite solo schede FCoE hardware.

Requisiti di avvio di ESXi

In vSphere 8.0, il supporto per il BIOS legacy è limitato ed è consigliabile avviare gli host ESXi da Unified Extensible Firmware Interface (UEFI). Con UEFI, è possibile avviare i sistemi da dischi rigidi, unità CD-ROM o supporti USB. vSphere Auto Deploy supporta l'avvio di rete e il provisioning di host ESXi con UEFI. Se il sistema dispone di unità di elaborazione dati (DPU) supportate, è possibile utilizzare solo UEFI per installare e avviare ESXi nelle DPU. Per ulteriori informazioni sui piani di VMware per deprecare il supporto per BIOS legacy nelle piattaforme server, vedere l'articolo della Knowledge Base https://kb.vmware.com/s/article/84233.

ESXi può essere avviato da un disco di dimensioni maggiori di 2 TB se il firmware del sistema e il firmware su qualsiasi scheda di componente aggiuntivo in usoi lo supportano. Consultare la documentazione del fornitore.

Requisiti di storage per l'installazione o l'aggiornamento di ESXi 8.0

Per ottenere prestazioni ottimali in un'installazione di ESXi 8.0, utilizzare un dispositivo di storage persistente di almeno 32 GB per i dispositivi di avvio. Per eseguire l'aggiornamento a ESXi 8.0, è necessario disporre di un dispositivo di avvio di almeno 8 GB. Quando si esegue l'avvio da un disco locale, SAN o LUN iSCSI, è necessario un disco di almeno 32 GB per consentire la creazione di volumi di storage del sistema, che includono una partizione d'avvio, bootbank e un volume ESX-OSData basato su VMFS-L. Il volume ESX-OSData assume il ruolo di partizione /scratch legacy, partizione locker per VMware Tools e destinazione del core dump.
Nota: In ESXi 8.0, il volume ESX-OSData è considerato una partizione unificata e i componenti separati, come /scratch e VMware Tools, sono consolidati in un'unica partizione OSDATA persistente.

Altre opzioni per ottenere prestazioni ottimali in un'installazione di ESXi 8.0 sono le seguenti:

  • Un disco locale di almento 128 GB per il supporto ottimale di ESX-OSData. Il disco contiene la partizione d'avvio, il volume ESX-OSData e un datastore VMFS.
  • Un dispositivo che supporta un minimo di 128 terabyte scritti (TBW).
  • Un dispositivo che offra almeno 100 MB/s di velocità di scrittura sequenziale.
  • Per fornire resilienza in caso di errore del dispositivo, è consigliabile utilizzare un dispositivo con mirroring RAID 1.

I dispositivi SD e USB legacy sono supportati con le limitazioni seguenti:

  • I dispositivi SD e USB sono supportati per le partizioni boot bank. L'utilizzo di dispositivi SD e USB per l'archiviazione delle partizioni ESX-OSData è stato deprecato e la procedura consigliata consiste nel fornire un dispositivo locale separato persistente con almeno 32 GB per archiviare il volume ESX-OSData. Il dispositivo di avvio locale persistente può essere un dispositivo flash M.2 di livello industriale (SLC e MLC), SAS, SATA, HDD, SSD o NVMe. La capacità ottimale per dispositivi locali persistenti è 128 GB.
  • Se non si fornisce uno storage persistente, viene visualizzato l'allarme Dispositivo persistente secondario non trovato. Spostare l'installazione in uno storage permanente perché il supporto per la configurazione solo scheda SD/USB verrà deprecato.
  • È necessario utilizzare un dispositivo flash SD approvato dal fornitore del server per il modello di server specifico in cui si desidera installare ESXi su un dispositivo di archiviazione flash SD. Un elenco di dispositivi convalidati è disponibile all'indirizzo partnerweb.vmware.com.
  • Vedere l'articolo della Knowledge Base 85685 relativo alle linee guida aggiornate per gli ambienti basati su scheda SD o USB.
  • Per scegliere un dispositivo di avvio SD o USB appropriato, consultare l'articolo 82515 della Knowledge Base.

Il processo di aggiornamento a ESXi 8.0 da versioni precedenti alla 7.x ripartiziona il dispositivo di avvio e consolida le partizioni coredump, locker e scratch originali nel volume ESX-OSData.

Durante il processo di partizionamento si verificano i seguenti eventi:
  • Se non è configurata una destinazione dump principale personalizzata, la posizione dump principale dell'archivio predefinita è un file nel volume ESX-OSData.
  • Se il servizio syslog è configurato per archiviare i file di registro nella partizione scratch VFAT di 4 GB, i file di registro in var/run/log vengono migrati nel volume ESX-OSData.
  • VMware Tools viene migrato dalla partizione locker e la partizione viene cancellata.
  • La partizione dump principale viene cancellata. I file dump principali dell'applicazione archiviati nella partizione scratch vengono eliminati.
Nota: Il rollback a una versione precedente di ESXi non è possibile a causa del processo di ripartizionamento del dispositivo di avvio. Per utilizzare una versione precedente di ESXi dopo l'aggiornamento alla versione 8.0, è necessario creare un backup del dispositivo di avvio prima dell'aggiornamento e ripristinare il dispositivo di avvio ESXi dal backup.

Se si utilizzano dispositivi USB o SD per eseguire un aggiornamento, è consigliabile allocare una regione ESX-OSData in un disco persistente disponibile o in un LUN SAN. Se lo storage persistente o un LUN SAN non è disponibile, ESX-OSData viene creato automaticamente in un disco RAM. Per la partizione di ESX-OSData, è possibile utilizzare anche VMFS.

Dopo l'aggiornamento, se ESX-OSData si trova in un disco RAM e agli avvii successivi viene trovato un nuovo dispositivo persistente con l'impostazione autoPartition=True, ESX-OSData viene creato automaticamente nel nuovo dispositivo persistente. ESX-OSData non passa automaticamente da uno storage persistente all'altro, ma è possibile modificare manualmente la posizione di ESX-OSData in uno storage supportato.

Per ulteriori informazioni sulla riconfigurazione della partizione /scratch, consultare la documentazione di Installazione e configurazione di vCenter Server.

Per configurare le dimensioni delle partizioni di sistema ESXi, è possibile utilizzare l'opzione systemMediaSize. Per ulteriori informazioni, vedere l'articolo della Knowledge Base https://kb.vmware.com/s/article/81166.

Nelle installazioni di Auto Deploy, il programma di installazione tenta di allocare una regione scratch in un disco locale o in un datastore disponibile. Se non viene trovato alcun disco locale o datastore, l'installazione non riesce.

Per gli ambienti che vengono avviati da un SAN o utilizzano Auto Deploy, il volume ESX-OSData per ogni host ESXi deve essere configurato in un LUN SAN distinto.