Per migliorare le prestazioni della macchina virtuale, è possibile aggiungere, modificare o configurare le risorse della CPU. È possibile impostare la maggior parte dei parametri della CPU durante la creazione delle macchine virtuali o dopo l'installazione del sistema operativo guest. Alcune azioni richiedono lo spegnimento della macchina virtuale prima di modificare le impostazioni.

VMware utilizza la terminologia seguente. La comprensione di questi termini consente di pianificare la strategia di allocazione delle risorse della CPU.

CPU
La CPU, o processore, è il componente di un sistema informatico che esegue le attività necessarie per l'esecuzione delle applicazioni del computer. La CPU è l'elemento primario che esegue le funzioni del computer. Le CPU contengono core.
CPU Socket
Un socket CPU è un connettore fisico su una scheda madre del computer che si connette a una singola CPU fisica. Alcune schede madri hanno più socket e possono connettersi a più processori multicore (CPU).
Core
Un core contiene un'unità contenente una cache L1 e unità funzionali necessarie per eseguire le applicazioni . I core possono eseguire in modo indipendente le applicazioni o i thread. Uno o più core possono esistere in una singola CPU.
Condivisione delle risorse
Le condivisioni specificano la priorità relativa o l'importanza di una macchina virtuale o di un pool di risorse . Se una macchina virtuale dispone di una quantità doppia di condivisioni di una risorsa rispetto a un'altra macchina virtuale, può consumare una quantità doppia di tale risorsa nel caso in cui le due macchine virtuali competano per le risorse.
Allocazione risorse
È possibile modificare le impostazioni di allocazione delle risorse della CPU, ad esempio condivisioni, prenotazione e limite, quando la capacità di risorse disponibile non soddisfa le esigenze. Ad esempio. se alla fine dell'anno il carico di lavoro sulla contabilità aumenta, è possibile aumentare la riserva del pool di risorse della contabilità.
vSphere Virtual Symmetric Multiprocessing (SMP virtuale)
SMP virtuale o vSphere Virtual Symmetric Multiprocessing è una funzionalità che consente a una singola macchina virtuale di avere più processori.

Limitazioni della CPU virtuale

Il numero massimo di CPU virtuali che è possibile assegnare a una macchina virtuale è 768 . Il numero di CPU virtuali dipende dal numero di CPU logiche sull'host e dal tipo di sistema operativo guest installato nella macchina virtuale.

Tenere presenti le limitazioni seguenti:

  • Una macchina virtuale non può avere più CPU virtuali rispetto al numero di core logici nell'host. Il numero di core logici è uguale al numero di core fisici se l'hyperthreading è disattivato o il doppio di tale numero se l'hyperthreading è attivato.
  • Se una macchina virtuale in esecuzione dispone al massimo di 128 CPU virtuali, non è possibile utilizzare l'aggiunta a caldo per aumentare ulteriormente il numero di CPU virtuali. Per modificare il numero di CPU virtuali oltre tale limite, è innanzitutto necessario spegnere la macchina virtuale. Al contrario, se una macchina virtuale in esecuzione dispone già di più di 128 CPU virtuali, è possibile utilizzare l'aggiunta a caldo per aumentare ulteriormente il numero di CPU virtuali fino a 768.
  • Il numero massimo di socket di CPU virtuali che una macchina virtuale può avere è 128. Se si desidera configurare una macchina virtuale con più di 128 CPU virtuali, è necessario utilizzare CPU virtuali multicore.
  • Non tutti i sistemi operativi guest supportano SMP virtuale, e i sistemi operativi guest che supportano questa funzionalità potrebbero supportare un numero inferiore di processori rispetto a quelli disponibili nell'host. Per informazioni sul supporto di SMP virtuale, vedere Guida alla compatibilità di VMware all'indirizzo http://www.vmware.com/resources/compatibility.

Configurazione di CPU virtuali multicore

Il supporto pe le CPU virtuali multicore di VMware consente di controllare il numero di core per socket virtuale in una macchina virtuale. Questa funzionalità consente ai sistemi operativi con restrizioni socket di utilizzare quantità maggiori di core della CPU host, aumentando in questo modo le prestazioni complessive.

Importante: Quando si configura la macchina virtuale per le impostazioni della CPU virtuale multicore, è necessario verificare che la configurazione soddisfi i requisiti dell'EULA del sistema operativo guest.

L'utilizzo di CPU virtuali multicore può essere utile quando si eseguono sistemi operativi o applicazioni che possono usufruire di un numero limitato di socket della CPU.

È possibile configurare una macchina virtuale con ESXi 7.0 Update 1 (e versioni successive) in modo che disponga di un massimo di 768 CPU virtuali. Una macchina virtuale non può avere più CPU virtuali rispetto al numero effettivo di CPU logiche sull'host. Il numero di CPU logiche indica il numero di core del processore fisico oppure una quantità doppia se l'hyperthreading è abilitato. Ad esempio, se un host dispone di 128 CPU logiche, è possibile configurare la macchina virtuale per 128 CPU virtuali.

È possibile configurare la modalità di assegnazione delle CPU virtuali in termini di core e core per socket. Stabilire il numero di core della CPU desiderati nella macchina virtuale, quindi selezionare il numero di core per ciascun socket in base al tipo di CPU desiderata (core singolo, dual-core, tri-core e così via). La selezione effettuata determina il numero di socket della macchina virtuale.

Il numero massimo di socket di CPU virtuali che una macchina virtuale può avere è 128. Se si desidera configurare una macchina virtuale con più di 128 CPU virtuali, è necessario utilizzare CPU virtuali multicore.

Per ulteriori informazioni sulle CPU multicore, vedere la documentazione di Gestione delle risorse di vSphere.