È possibile avviare la CLI di Application Services da una macchina remota.

Si consiglia di eseguire la CLI in remoto per ridurre il carico del server ed evitare la condivisione della CLI sull'appliance Application Services. La connessione dalla macchina remota alla CLI è protetta.

Alcuni comandi della CLI usano nomi di gruppi di business o di distribuzioni contenenti caratteri non in lingua inglese. Per visualizzare tali caratteri, è necessario eseguire la CLI in un'interfaccia terminale o client shell completamente internazionalizzata, come Putty o iTerm2. Impostare inoltre la variabile di ambiente LC_CTYPE su en_US.UTF-8 per consentire l'immissione di caratteri non in lingua inglese.

Se si accede alla CLI con su - root, la variabile viene impostata automaticamente. Se si omette il trattino e si accede con su root, è necessario impostare la variabile con il comando seguente.

export LC_CTYPE=en_US.UTF-8; 	 
		

Prerequisiti

  • Accertarsi di disporre della password per l'appliance Application Services.
  • Verificare che sulla macchina remota sia installato Java JRE 1.7.
  • Accertarsi che la macchina remota sia in grado di connettersi all'appliance Application Services usando il protocollo HTTPS.

Procedura

  1. Scaricare il file darwin-cli.jar dal server Application Services http://DarwinServerIP/tools/darwin-cli.jar in una cartella con autorizzazione in scrittura sulla macchina remota.

    Sostituire DarwinServerIP con l'indirizzo IP del server Application Services.

    Durante la sessione la CLI crea un file di registro.
  2. Aprire un prompt dei comandi e avviare il client.
    java -jar /PathToJarFolder/darwin-cli.jar
    Viene visualizzato il banner della CLI Darwin con il prompt appd> della CLI.
  3. Accedere al server Application Services.
    login --serverUrl https://DarwinServerIP:8443/darwin --username UserName --password password --tenantId tenantid

    Se si esegue il parametro --password con il comando di accesso o con un comando che consente di aggiungere una password, questa viene salvata come testo normale nel file darwin-cli-history.log che si trova nella directory corrente. Per impostazione predefinita, la CLI elimina il file di registro. Per maggiore sicurezza, eliminare questo file di registro.

    Se il parametro --password viene omesso, il sistema richiede di immettere una password. Il sistema non salva la password come testo normale.

    Il parametro --tenantId consente di accedere al tenant identificato dal nome tenant tenantid. Se si omette il parametro --tenantId, il tenant è il vsphere.local predefinito.

risultati

Il prompt della riga di comando visualizza il nome utente, il dominio e il tenant.