È possibile aggiungere un componente di rete NAT su richiesta NSX o un componente di rete instradata su richiesta NSX alla tela di progettazione in preparazione per associarne le impostazioni a uno o più componenti macchina vSphere nel blueprint.

Informazioni su questa attività

Quando si associa un componente di rete esistente o un componente di rete su richiesta a un componente macchina, insieme a quest'ultimo vengono archiviate le informazioni sulla NIC. Le informazioni del profilo di rete specificato vengono memorizzate insieme al componente rete.

È possibile aggiungere più componenti rete e sicurezza alla tela di progettazione del blueprint.

Per i componenti macchina senza la scheda Rete o Sicurezza, è possibile aggiungere proprietà personalizzate di rete e sicurezza, quali ad esempio VirtualMachine.Network0.Name, alla relativa scheda Proprietà nella tela del blueprint. Le proprietà del bilanciamento del carico di NSX sono applicabili solo alle macchine vSphere.

Prerequisiti

  • Creare e configurare le impostazioni di rete per NSX dall'esterno. Vedere Elenco di controllo per la preparazione della configurazione di rete e sicurezza di NSX e la guida di amministrazione di NSX.

  • Verificare che il plug-in NSX per vRealize Automation sia installato e che l'inventario di NSX sia stato correttamente eseguito per il proprio cluster.

    Per utilizzare configurazioni di NSX in vRealize Automation, è necessario installare il plug-in di NSX ed eseguire la raccolta dati.

  • Creare un profilo di rete. Vedere Creazione di un profilo di rete.

    Ad esempio, se si sta aggiungendo un componente della rete NAT su richiesta, creare un profilo di rete per NAT.

  • Accedere alla console di vRealize Automation come architetto dell'infrastruttura.

  • Aprire un blueprint nuovo o già esistente nella tela di progettazione utilizzando la scheda Progettazione.

Procedura

  1. Fare clic su Rete e sicurezza nella sezione Categorie per visualizzare l'elenco dei componenti rete e sicurezza disponibili.
  2. Trascinare uno dei componenti rete su richiesta nella tela di progettazione, a seconda che si desideri configurare un componente NAT o instradato su richiesta.
  3. Immettere un nome e, facoltativamente, una descrizione.
  4. Selezionare un profilo di rete appropriato dal menu a discesa Profilo di rete.

    Ad esempio, se si sta aggiungendo un componente della rete NAT su richiesta, selezionare un profilo di rete NAT.

    Selezionando il profilo di rete vengono popolate automaticamente le seguenti impostazioni di rete. Eventuali modifiche a questi valori devono essere apportate nel profilo di rete:

    • Nome del profilo di rete esterna

    • Tipo di NAT (rete NAT su richiesta)

    • Subnet mask

    • Subnet mask dell'intervallo (rete instradata su richiesta)

    • Subnet mask dell'intervallo (rete instradata su richiesta)

    • Indirizzo IP di base (rete instradata su richiesta)

  5. (Facoltativo) Fare clic sulla scheda DNS/WINS.
  6. (Facoltativo) Specificare o confermare le impostazioni di DNS e WINS per il profilo di rete.
    • DNS primario

    • DNS secondario

    • Suffisso DNS

    • WINS preferito

    • WINS alternativo

    Non è possibile cambiare le impostazioni di DNS e WINS per una rete esistente.

  7. (Facoltativo) Nel caso di un componente di rete NAT su richiesta, fare clic sulla scheda DHCP per specificare i valori per l'intervallo di indirizzi IP e la durata del lease.

    È possibile specificare i valori degli indirizzi IP iniziale e finale dell'intervallo DHCP. Quando viene eseguito il provisioning della macchina virtuale con DHCP, la scheda di rete assegna alla macchina un indirizzo IP appartenente all'intervallo. Per impostazione predefinita, si tratta di una scheda di rete statica. Gli indirizzi IP non possono coincidere con gli indirizzi della rete o di broadcast utilizzati nella subnet associata. Non è possibile sovrapporre intervalli IP statici.

    DHCP è disponibile solo per i componenti di rete NAT One-to-Many su richiesta.

  8. (Facoltativo) Immettere l'indirizzo IP iniziale nella casella di testo Inizio intervallo IP.
  9. (Facoltativo) Immettere l'indirizzo IP finale nella casella di testo Fine intervallo IP.
  10. Specificare la durata del lease di DHCP, espressa in secondi, nella casella di testo Durata lease (secondi) o lasciare vuoto il campo per specificare una durata di lease infinita.
  11. (Facoltativo) Fare clic sulla scheda Intervalli IP.

    Vengono visualizzati l'intervallo o gli intervalli di indirizzi IP specificati nel profilo di rete. È possibile cambiare l'ordine e la visualizzazione delle colonne. Per le reti NAT è possibile anche cambiare i valori dell'intervallo di indirizzi IP.

  12. Fare clic su Fine per salvare il blueprint come bozza o continuare la configurazione del blueprint.

Operazioni successive

Per configurare ulteriormente le impostazioni di rete, è possibile aggiungere componenti rete aggiuntivi e selezionare le impostazioni nella scheda Rete di un componente macchina vSphere nella tela del blueprint.