A seconda della piattaforma di integrazione in uso, potrebbe essere necessario apportare alcune modifiche alla configurazione prima di poter sottoporre il proprio ambiente alla gestione di vRealize Automation o prima di poter sfruttare determinate funzionalità.

Tabella 1. Preparazione dell'ambiente per l'integrazione di vRealize Automation

Ambiente

Preparazioni

VMware NSX NSX

Se si desidera sfruttare NSX per gestire le funzionalità di networking e sicurezza delle macchine fornite in provisioning con vRealize Automation, preparare la propria istanza di NSX per l'integrazione. Vedere Elenco di controllo per la preparazione della configurazione di rete e sicurezza di NSX.

VMware vCloud Director vCloud Director

Installare e configurare la propria istanza di vCloud Director, impostare le risorse cloud e vSphere e identificare o creare credenziali appropriate per fornire a vRealize Automation l'accesso all'ambiente vCloud Director. Vedere Preparazione dell'ambiente di vCloud Director per vRealize Automation.

VMware vCloud Air vCloud Air

Effettuare la registrazione per ottenere il proprio account di vCloud Air, configurare l'ambiente di vCloud Air e identificare o creare credenziali appropriate per fornire a vRealize Automation l'accesso all'ambiente. Vedere Preparazione per il provisioning di vCloud Air e vCloud Director.

Amazon AWS Amazon AWS

Preparare gli elementi e i ruoli utente nell'ambiente Amazon AWS per l'uso in vRealize Automation e analizzare le corrispondenze delle funzionalità di Amazon AWS con le funzionalità di vRealize Automation. Vedere Preparazione dell'ambiente di Amazon AWS.

Openstack Red Hat OpenStack

Se si desidera sfruttare Red Hat OpenStack per gestire le funzionalità di networking e sicurezza delle macchine fornite in provisioning con vRealize Automation, preparare la propria istanza di Red Hat OpenStack per l'integrazione. Vedere Preparazione delle funzionalità di rete e sicurezza di Red Hat OpenStack.

SCVMM SCVMM

Configurare le impostazioni di storage e networking e informarsi sulle restrizioni imposte sui nomi dei modelli e dei profili hardware. Vedere Preparazione dell'ambiente di SCVMM.

Provider IPAM esterni

Registrare un pacchetto o plug-in di provider IPAM esterni, eseguire i workflow di configurazione e registrare la soluzione IPAM come nuovo endpoint di vRealize Automation. Vedere Elenco di controllo per la preparazione del supporto di provider IPAM esterni.

Tutti gli altri ambienti

Non è necessario apportare modifiche al proprio ambiente. È possibile iniziare a prepararsi per il provisioning della macchina creando modelli, ambienti di avvio o immagini della macchina. Vedere Preparazione per il provisioning delle macchine.