La dotazione di vRealize Automation include file di configurazione di esempio che è possibile modificare in base alle proprie esigenze. Per rendere i file utilizzabili sono necessarie alcune modifiche.

Procedura

  1. Aprire la pagina della console di gestione di vCloud Automation Center Appliance.

    Ad esempio: https://va-hostname.domain.com.

  2. Fare clic sulla pagina Guest and software agents (Agenti guest e software) nella sezione dedicata all’installazione dei componenti di vRealize Automation della pagina.

    Ad esempio: https://va-hostname.domain.com/software/index.html.

    Si apre la pagina Guest and Software Agent Installers (Programmi di installazione degli agenti guest e software), con i link ai download disponibili.

  3. Fare clic su Linux guest agent packages (Pacchetti agenti guest Linux) nella sezione dedicata ai programmi di installazione degli agenti guest della pagina per scaricare e salvare il file LinuxGuestAgentPkgs.zip.
  4. Decomprimere il file LinuxGuestAgentPkgs.zip scaricato per creare la cartella VraLinuxGuestAgent.
  5. Andare alla sottodirectory VraLinuxGuestAgent che corrisponde al sistema operativo guest da distribuire durante il provisioning.

    Ad esempio: rhel32.

  6. Aprire un file nella sottodirectory dei campioni che corrisponde al sistema di destinazione.

    Ad esempio, samples/sample-https-rhel6-x86.cfg.

  7. Sostituire tutte le istanze della stringa host=dcac.example.net con l’indirizzo IP o il nome di dominio completo e il numero di porta del servizio di gestione o del bilanciamento del carico del servizio di gestione.

    Piattaforma

    Formato richiesto

    vSphere ESXi

    Indirizzo IP, ad esempio: --host=172.20.9.59

    vSphere ESX

    Indirizzo IP, ad esempio: --host=172.20.9.58

    SUSE 10

    Indirizzo IP, ad esempio: --host=172.20.9.57

    Tutte le altre

    Nome di dominio completo, ad esempio: --host=mycompany-host1.mycompany.local:443

  8. Individuare ogni istanza di gugent.rpm o gugent.tar.gz e sostituire l'URL rpm.example.net con la posizione del pacchetto dell'agente guest.

    Ad esempio:

    rpm -i nfs:172.20.9.59/suseagent/gugent.rpm 
    		  
  9. Salvare il file in una posizione accessibile alle macchine di cui verrà eseguito il provisioning.