È possibile estendere la presentazione e le funzionalità del workflow aggiungendo nuovi campi definiti ai moduli di azioni risorsa e blueprint di XaaS generati in maniera predefinita.

Se nel workflow di vRealize Orchestrator viene definito un parametro di input, in vRealize Automation questo appare nel modulo generato in maniera predefinita. Se non si desidera utilizzare nel modulo i campi generati in maniera predefinita, è possibile eliminarli e trascinare nuovi campi dal riquadro. È possibile sostituire i campi generati in maniera predefinita senza interrompere le mappature del workflow utilizzando lo stesso ID del campo che si sta sostituendo.

È anche possibile aggiungere nuovi campi, diversi da quelli generati in base agli input del workflow di vRealize Orchestrator, in modo da estendere la presentazione e le funzionalità del workflow nei casi elencati di seguito.

  • Aggiungere vincoli ai campi esistenti

    Ad esempio, è possibile creare un nuovo menu a discesa e denominarlo dd. Successivamente si possono creano opzioni predefinite Oro, Argento, Bronzo e Personalizzato. Se è presente un campo predefinito, come CPU, è possibile aggiungere i seguenti vincoli a questo campo:

    • Se dd è uguale a Oro, la CPU è da 2.000 MHz

    • Se dd è uguale ad Argento, la CPU è da 1.000 MHz

    • Se dd è uguale a Bronzo, la CPU è da 500 MHz

    • Se dd è uguale a Personalizzato, il campo CPU è modificabile e il cliente può specificare un valore personalizzato

  • Aggiungere definizioni di valori esterni ai campi

    È possibile aggiungere la definizione di un valore esterno a un campo in modo che sia possibile eseguire azioni script di vRealize Orchestrator e fornire informazioni aggiuntive ai clienti dei moduli progettati. Ad esempio, può essere utile creare un workflow per cambiare le impostazioni del firewall di una macchina virtuale. Nella pagina delle richieste di azioni risorsa, si desidera fornire all'utente la possibilità di cambiare le impostazioni delle porte aperte, ma si desidera anche limitare le opzioni alle porte che sono aperte. È possibile aggiungere la definizione di un valore esterno a un campo elenco doppio e selezionare un'azione script di vRealize Orchestrator personalizzata che interroghi il sistema per conoscere le porte aperte. Quando il modulo della richiesta viene caricato, le azioni script vengono eseguite e le porte aperte vengono presentate come opzioni all'utente.

  • Aggiungere nuovi campi gestiti nel workflow di vRealize Orchestrator come parametri globali

    Ad esempio, il workflow offre un'integrazione a un sistema di terze parti e lo sviluppatore del workflow ha definito parametri di input da gestire nel caso generale, ma ha anche fornito un modo per passare campi personalizzati. Ad esempio, in una finestra di scripting vengono gestiti tutti i parametri globali che iniziano con my3rdparty. Quindi, se l'architetto di XaaS desidera passare valori specifici forniti dai clienti, l'architetto di XaaS può aggiungere un nuovo campo chiamato my3rdparty_CPU.

Tabella 1. Nuovi campi nel modulo dell'azione risorsa o di un blueprint di XaaS

Campo

Descrizione

Campo testo

Casella di testo a singola riga

Area testo

Casella di testo con più righe

Collegamento

Campo in cui i clienti immettono un URL

Email

Campo in cui i clienti immettono un indirizzo di email

Campo password

Campo in cui i clienti immettono una password

Campo numero intero

Casella di testo in cui i clienti immettono un valore intero

È possibile rendere questo campo un cursore con un valore minimo e un valore massimo, nonché come incremento.

Campo decimale

Casella di testo in cui i clienti immettono un valore decimale

È possibile rendere questo campo un cursore con un valore minimo e un valore massimo, nonché come incremento.

Data e ora

Caselle di testo in cui i clienti specificano una data (selezionandola da un calendario) e possono anche selezionare l'orario (utilizzando le frecce su e giù)

Elenco doppio

Generatore di elenchi in cui i clienti spostano un set di valori predefinito tra due elenchi, il primo elenco contiene tutte le opzioni deselezionate e il secondo elenco contiene le scelte dell'utente.

Casella di controllo

Casella di controllo

Sì/No

Menu a discesa per la selezione di o No

Menu a discesa

Menu a discesa

Elenco

Elenco

Elenco caselle di controllo

Elenco caselle di controllo

Gruppo pulsanti di opzione

Gruppo di pulsanti di opzione

Cerca

Casella di testo di ricerca con completamento automatico della query e dove i clienti possono selezionare un oggetto

Albero

Albero utilizzato dai clienti per individuare e selezionare gli oggetti disponibili

Mappa

Tabella di mappature utilizzata dai clienti per definire coppie chiave-valore per le proprietà

È possibile utilizzare anche il campo Intestazione sezione per dividere le pagine dei moduli in sezioni con intestazioni separate e il campo del modulo Testo per aggiungere testi informativi di sola lettura.