Eseguire il provisioning di una macchina effettuando l'avvio in un ambiente WinPE, quindi installare un sistema operativo utilizzando l'immagine in formato WIM (Windows Imaging File Format) di una macchina di riferimento Windows esistente.

L'elenco che segue è una panoramica ad alto livello dei passaggi necessari per preparare il provisioning WIM:

  1. Identificare o creare l'area di gestione temporanea. L'area deve essere costituita da una directory di rete che può essere specificata come percorso UNC o montata come unità di rete dalla macchina di riferimento, il sistema su cui creare l'immagine WinPE e l'host di virtualizzazione su cui viene eseguito il provisioning delle macchine.

  2. Assicurarsi che nella rete sia disponibile un server DHCP. vRealize Automation non può eseguire il provisioning di macchine utilizzando un'immagine WIM se non è disponibile il servizio DHCP.

  3. Identificare o creare la macchina di riferimento all'interno della piattaforma di virtualizzazione che si intende utilizzare per il provisioning. Per i requisiti di vRealize Automation, vedere Requisiti della macchina di riferimento per il provisioning WIM. Per informazioni sulla creazione di una macchina di riferimento, consultare la documentazione fornita dall'hypervisor.

  4. Utilizzando System Preparation Utility for Windows, preparare il sistema operativo della macchina di riferimento per la distribuzione. Vedere Requisiti di SysPrep per la macchina di riferimento.

  5. Creare l'immagine WIM della macchina di riferimento. Non includere spazi nel nome del file dell'immagine WIM, altrimenti il provisioning non riuscirà.

  6. Creare un'immagine WinPE che contenga l'agente guest di vRealize Automation. È possibile utilizzare vRealize Automation PEBuilder per creare un'immagine WinPE che include l'agente guest.

    È possibile creare l'immagine WinPE con un altro metodo, ma in quel caso sarà necessario inserire manualmente l'agente guest di vRealize Automation. Vedere Inserimento manuale dell'agente guest in un'immagine WinPE.

  7. Collocare l'immagine di WinPE nella posizione richiesta dalla piattaforma di virtualizzazione utilizzata. Se non si conosce la posizione, consultare la documentazione fornita dall'hypervisor.

  8. Raccogliere le seguenti informazioni in modo da poterle includere nel blueprint:

    1. Nome e posizione dell'immagine ISO WinPE.

    2. Il nome del file WIM, il percorso UNC del file WIM e l'indice utilizzato per estrarre l'immagine desiderata dal file WIM.

    3. Il nome utente e la password usati per mappare il percorso dell'immagine WIM a un'unità di rete sulla macchina fornita in provisioning.

    4. Se non si intende accettare la lettera predefinita K, la lettera di unità a cui è mappato il percorso dell'immagine WIM sulla macchina fornita in provisioning.

    5. Per le integrazioni di vCenter Server, la versione del sistema operativo guest di vCenter Server con cui vCenter Server creerà la macchina.

    6. (Facoltativo) Per integrazioni di SCVMM, l'immagine ISO, il disco rigido virtuale o il profilo hardware da allegare alle macchine fornite in provisioning.

    Nota:

    è possibile creare un gruppo di proprietà per includere tutte queste informazioni richieste. L'uso di un gruppo di proprietà rende più semplice includere correttamente tutte le informazioni nei blueprint.