È possibile configurare le impostazioni e le opzioni dei blueprint per un Contenitori per vRealize Automation componente contenitore nella vRealize Automation tela di progettazione.

Scheda Generale

Configurare le impostazioni generali per il componente contenitore del blueprint nella tela di progettazione.

Tabella 1. Impostazioni della scheda Generale

Impostazione

Descrizione

Nome

Inserire un nome per il componente contenitore nel blueprint.

Descrizione

Testo che riepiloga il componente contenitore a vantaggio di altri architetti.

Immagine

Consente di specificare il nome completo d un'immagine in un registro gestito, come un registro privato o un registro del servizio Docker Hub (ad esempio registry.hub.docker.com/library/python).

Comandi

Inserire un comando appropriato all'immagine specificata, ad esempio python app.py. Il comando verrà eseguito nel momento in cui viene avviata la procedura di provisioning dei contenitori.

Collegamenti

I collegamenti rappresentano un altro modo di collegare i contenitori a un singolo host o fra più host. Specificare uno o più servizi a cui collegare il contenitore, ad esempio redis o datadog.

Scheda Rete

Configurare le impostazioni generali per il componente contenitore del blueprint nella tela di progettazione.

È possibile collegare un contenitore a una rete. La rete viene rappresentata come componente rete di contenitore nella tela di progettazione. Le informazioni sulle reti disponibili sono indicate nella pagina Rete del modulo del componente contenitore.

Tabella 2. Impostazioni della scheda Rete

Impostazione

Descrizione

Reti

Consente di specificare le reti esistenti definite per l'immagine selezionata e di creare una nuova rete.

Quando si aggiunge un componente contenitore di rete al modulo di progettazione, le reti specificate in questo campo verranno elencate come opzioni selezionabili.

Binding di porta

Consente di specificare i binding di porta per la rete selezionata. I binding di porta sono formati da host protocollo, porta host e porta del contenitore.

Pubblica tutte le porte

Selezionare questa casella di controllo per rendere visibili le porte utilizzate nell'immagine del contenitore a tutti gli utenti.

Nome host

Consente di specificare il nome host del contenitore. Se non viene specificato un nome, viene automaticamente inserito il nome del componente contenitore nel blueprint.

Modalità di rete

Consente di specificare lo stack di rete del contenitore. Se non viene specificato un valore, il contenitore viene configurato nella modalità di collegamento con bridging.

Scheda Storage

Configurare le impostazioni di storage per il componente contenitore del blueprint nella tela di progettazione.

Tabella 3. Impostazioni della scheda Storage

Impostazioni

Descrizione

Volumi

Consente di specificare i volumi di storage mappati dall'host da utilizzare con il contenitore.

Volumi da

Consente di specificare i volumi di storage da ereditare da un altro contenitore.

Directory di lavoro

Consente di specificare la directory da cui eseguire i comandi.

Scheda Criterio

Configurare le impostazioni relative ai criteri, ad esempio il criterio di distribuzione e i vincoli di affinità per il componente contenitore del blueprint nella tela di progettazione.

Tabella 4. Impostazioni della scheda Criterio

Impostazioni

Descrizione

Criterio di distribuzione

Consente di specificare un criterio di distribuzione per impostare le preferenze per il set di host da utilizzare per la distribuzione del contenitore. È possibile associare i criteri di distribuzione a definizioni di host, criteri e contenitori, così da poter definire le preferenze in merito a host, criteri e quote al momento della distribuzione del contenitore.

È possibile aggiungere un criterio di distribuzione mediante la scheda Contenitori in vRealize Automation.

Dimensioni cluster

Consente di specificare il numero di istanze da generare come cluster a partire dal contenitore.

Criterio di riavvio

N. massimo di riavvii

Condivisioni CPU

Consente di specificare il numero di quote di CPU allocate per la risorsa sottoposta a provisioning.

Limite di memoria

Consente di specificare un numero compreso fra 0 e la memoria disponibile nella zona di posizionamento. Questo valore rappresenta la memoria totale disponibile per le risorse in questo posizionamento. 0 indica che non sono presenti limiti.

Swap memoria

Vincoli di affinità

Indica le regole per il provisioning dei contenitori sugli stessi host o in altri.

  • Tipo di affinità

    In caso di anti-affinità, i contenitori vengono posizionati su host diversi, altrimenti si trovano sullo stesso host.

  • Servizio

    Il nome del servizio disponibile sul menu a discesa corrisponde al nome del componente contenitore specificato nel campo Nome della scheda Generale.

  • Vincolo

    Se è presente un vincolo fisso, il provisioning non può essere eseguito se è impossibile rispettare il vincolo. Se è presente un vincolo flessibile, il provisioning viene eseguito anche se risulta impossibile rispettare il vincolo.

Scheda Ambiente

Configurare le impostazioni relative all'ambiente, ad esempio il binding di proprietà per il contenitore del blueprint nella tela di progettazione.

Tabella 5. Impostazioni della scheda Ambiente

Impostazione

Descrizione

Nome

Binding

Valore

Scheda Proprietà

Configurare proprietà singole o gruppi di proprietà personalizzate per il componente contenitore del blueprint nella tela di progettazione.

Per informazioni sulle proprietà personalizzare e sui gruppi di proprietà forniti con l'applicazione Contenitori, vedere Utilizzo di proprietà di contenitori e gruppi di proprietà in un blueprint.

Se si seleziona la scheda Gruppi di proprietà e si fa clic su Aggiungi, saranno disponibili le seguenti opzioni:

  • Proprietà dell'host del contenitore con autenticazione mediante certificato

  • Proprietà dell'host del contenitore con autenticazione mediante utente/password

Se sono stati definiti gruppi di proprietà aggiuntivi, verranno anch'essi inclusi nell'elenco.

Se si seleziona la scheda Proprietà personalizzate e si fa clic su Aggiungi, è possibile aggiungere proprietà personalizzate individuali al componente contenitore.

Tabella 6. Impostazioni della scheda Proprietà per Proprietà personalizzate

Impostazione

Descrizione

Nome

Consente di specificare il nome di una proprietà personalizzata o di selezionare una proprietà personalizzata disponibile dal menu a discesa.

Valore

Consente di specificare o di modificare un valore da associare al nome della proprietà personalizzata.

Codificato

Si può scegliere di codificare il valore di una proprietà, ad esempio se il valore è una password.

Sovrascrivibile

È possibile specificare che il valore di una proprietà può essere sovrascritto dalla persona successiva che utilizza tale proprietà. Si tratta in genere di un altro architetto, ma se si seleziona Mostra nella richiesta, gli utenti business saranno in grado di visualizzare e modificare i valori della proprietà al momento di richiedere gli elementi del catalogo.

Mostra nella richiesta

Se si desidera consentire agli utenti finali di visualizzare il nome e il valore della proprietà, si può scegliere di visualizzare la proprietà nel modulo della richiesta di provisioning di una macchina. Per consentire agli utenti di fornire un valore, è inoltre necessario selezionare Sovrascrivibile.

Scheda Configurazione integrità

Consente di specificare la modalità di configurazione dei controlli di stato per la componente contenitore del blueprint nella tela di progettazione.

Tabella 7. Impostazioni della scheda Configurazione integrità

Impostazione Modalità

Descrizione

Nessuno

Valore predefinito. Non sono stati configurati controlli di stato.

HTTP

Se si seleziona HTTP, è necessario specificare un'API a cui accedere nonché un metodo e una versione HTTP da utilizzare. L'API è relativa. Non è necessario inserire l'indirizzo del contenitore. È inoltre possibile specificare un periodo di timeout per il funzionamento e impostare una soglia di integrità.

Ad esempio, una soglia di integrità pari a 2 indica che, affinché il contenitore venga considerato integro, devono essere portate a termine correttamente due chiamate consecutive con stato RUNNING . Ad esempio, una soglia di non integrità pari a 2 indica che, affinché il contenitore venga considerato non integro, non devono andare a buon fine due chiamate, che devono presentare lo stato ERROR. Per gli stati intermedi fra la soglia di integrità e di non integrità, lo stato del contenitore è DEGRADED.

Connessione TCP

Se si seleziona Connessione TCP, sarà necessario inserire solo una porta per il contenitore. Il controllo dello stato tenta di stabilire una connessione TCP con il contenitore mediante la porta specificata. È inoltre possibile specificare un valore di timeout per il funzionamento e impostare una soglia di integrità o di non integrità con HTTP.

Comando

Se si seleziona Comando, è necessario inserire un comando da eseguire sul contenitore. L'esito del controllo di stato è determinato dall'esito del comando.

Scheda Configurazione registrazione

Specificare la modalità di registrazione nonché le opzioni di registrazione facoltative per il componente contenitore del blueprint nella tela di progettazione.

Tabella 8. Impostazioni scheda Configurazione registrazione

Impostazione

Descrizione

Driver

Selezionare un formato di registrazione dal menu a discesa.

Opzioni

Consente di specificare le opzioni relative ai driver mediante un formato per il nome e il valore appropriato al formato di registrazione.