Per fornire i componenti di Software, è necessario collocarli sopra i componenti della macchina supportati quando si assemblano blueprint.

Per supportare i componenti Software, il blueprint della macchina selezionato deve contenere un componente macchina basato su un modello, uno snapshot o un'immagine della macchina Amazon che contiene l'agente guest e l'agente bootstrap del Software e deve utilizzare un metodo di provisioning supportato. Poiché gli agenti di Software non supportano Internet Protocol versione 6 (IPv6), verificare che i blueprint delle macchine, le prenotazioni e i componenti di rete e sicurezza in uso siano configurati per l'utilizzo di IPv4 e non di IPv6. Se si progettano blueprint in modo che siano scalabili, si consiglia di creare singoli blueprint di layer che non riutilizzino altri blueprint. In genere, i processi di aggiornamento durante le operazioni di scalabilità vengono attivati da dipendenze implicite come le dipendenze create quando si associa una proprietà software a una proprietà di macchina. Tuttavia, le dipendenze implicite in un blueprint nidificato non attivano sempre processi di aggiornamento.

Mentre gli architetti IaaS, gli architetti delle applicazioni e gli architetti dei software possono tutti assemblare blueprint, solo gli architetti IaaS possono configurare i componenti macchina. Se l'utente non è un architetto IaaS, non può configurare i propri componenti macchina, ma può riutilizzare i blueprint delle macchine che l'architetto IaaS ha creato e pubblicato. Se è necessario utilizzare blueprint nidificati in un blueprint scalabile, è possibile tracciare manualmente dipendenze tra i componenti nel blueprint nidificato per creare dipendenze esplicite che attivano sempre un aggiornamento.

Tabella 1. Metodi di provisioning che supportano Software

Tipo di macchina

Metodo di provisioning

vSphere

Clona

vSphere

Clone collegato

vCloud Director

Clona

vCloud Air

Clona

Amazon AWS

Immagine macchina Amazon