Prima di eseguire l'aggiornamento di vRealize Automation 6.2.5 alla versione 7.3 o 7.3.1, esaminare i seguenti prerequisiti.

Requisiti della configurazione del sistema

Prima di avviare un aggiornamento, verificare che i requisiti di sistema indicati di seguito siano soddisfatti.

  • Verificare che tutte le appliance e i server facenti parte della distribuzione soddisfino i requisiti di sistema relativi alla versione più recente. Vedere la vRealize Automation Matrice di supporto nella documentazione di VMware vRealize Automation.

  • Consultare il documento VMware Product Interoperability Matrix sul sito Web di VMware per informazioni sulla compatibilità con altri prodotti VMware.

  • Verificare che la versione di vRealize Automation dalla quale si sta effettuando l'aggiornamento sia in condizioni di funzionamento stabili. Correggere eventuali problemi prima di effettuare l'aggiornamento.

  • Se si esegue l'aggiornamento da vRealize Automation 6.2.5, registrare la chiave di licenza di vCloud Suite utilizzata per l'ambiente vRealize Automation corrente. In seguito all'aggiornamento, le chiavi di licenza esistenti verranno rimosse dal database. Se si esegue l'aggiornamento da vRealize Automation 7.x, non è necessario registrare la licenza.

Requisiti di configurazione dell'hardware

Verificare che l'hardware nell'ambiente sia adeguato per vRealize Automation 7.3 o 7.3.1.

Vedere Specifiche hardware e massima capacità di vRealize Automation

Prima di avviare un aggiornamento, verificare che i requisiti di sistema indicati di seguito siano soddisfatti.

  • Prima di scaricare l'aggiornamento è necessario configurare l'hardware esistente. Vedere Incremento delle risorse hardware di vCenter Server per vRealize Automation 6.2.5.

  • Per poter eseguire l'aggiornamento sono necessari almeno 18 GB di RAM, 4 CPU, disco1 = 50 GB, disco3 = 25 GB e disco4 = 50 GB.

    Se la macchina virtuale è presente in vCloud Networking and Security, potrebbe essere necessario allocare più spazio RAM.

    Benché il supporto generico per vCloud Networking and Security 5.5.x (vCNS) sia terminato nel settembre 2016, le proprietà personalizzate di VCNS sono ancora valide per l'utilizzo in NSX. Per ulteriori informazioni, vedere l'articolo della knowledge base End of Availability and End of General Support for VMware vCloud Networking and Security 5.5.x (2144733) (Fine della disponibilità e del supporto generico per VMware vCloud Networking and Security 5.5.x) all'indirizzo http://kb.vmware.com/kb/2144733.

  • Questi nodi devono avere almeno 5 GB di spazio libero su disco:

    • Sito Web IaaS primario

    • Database Microsoft SQL

    • Model Manager

  • Il nodo Web IaaS primario in cui sono installati i dati Model Manager dev'essere installato JAVA SE Runtime Environment 8, a 64 bit, aggiornamento 111 o versione successiva. Dopo aver installato Java, è necessario impostare la variabile di ambiente JAVA_HOME sulla nuova versione.

  • Per scaricare ed eseguire l'aggiornamento, è necessario disporre delle risorse seguenti:

    • Almeno 4,5 GB sulla partizione root

    • 4,5 GB sulla partizione /storage/db per il master Appliance vRealize Automation

    • 4,5 GB sulla partizione root per ogni appliance virtuale di replica

  • Verificare la sottocartella /storage/log e rimuovere eventuali file ZIP precedenti archiviati per liberare spazio.

Prerequisiti generali

Prima di avviare un aggiornamento, verificare che i requisiti di sistema indicati di seguito siano soddisfatti.

  • Si dispone dell'accesso a un account di Active Directory con formato username@domain e autorizzazioni di binding alla directory.

  • Si soddisfano le condizioni seguenti:

    • Si dispone di accesso a un account con il formato SAMaccountName.

    • I privilegi di cui si dispone sono sufficienti per unire il sistema al dominio creando dinamicamente un oggetto computer o per l'unione in un oggetto creato in precedenza.

  • Si dispone dell'accesso a tutti i database e a tutti i bilanciamenti del carico interessati o partecipanti all'aggiornamento di vRealize Automation.

  • Il sistema viene reso non disponibile per gli utenti durante l'esecuzione dell'aggiornamento.

  • Si disabilita ogni applicazione che effettua una query su vRealize Automation.

  • Verificare che Microsoft Distributed Transaction Coordinator (MSDTC) sia attivo in tutte le istanze di vRealize Automation e nei server SQL associati. Per istruzioni, vedere l'articolo della knowledge base di VMware Errore di varie attività dopo l'aggiornamento o la migrazione a VMware vCloud Automation Center (vCAC) 6.1.x (2089503) all'indirizzo http://kb.vmware.com/kb/2089503.

  • Se l'ambiente include un'appliance vRealize Orchestrator esterna e un'appliance vRealize Orchestrator esterna connessa all'Identity Appliance, eseguire l'aggiornamento di vRealize Orchestrator prima di aggiornare vRealize Automation.

  • Se si esegue l'aggiornamento di un ambiente distribuito configurato con un database PostgreSQL incorporato, completare la procedura che segue.

    1. Prima di aggiornare gli host di replica, esaminare i file nella directory pgdata sull'host master.

    2. Andare alla cartella di dati PostgreSQL sull'host master nel percorso /var/vmware/vpostgres/current/pgdata/.

    3. Chiudere tutti i file aperti nella directory pgdata e rimuovere gli eventuali file con suffisso .swp.

    4. Verificare che tutti i file di questa directory abbiano la proprietà corretta: postgres:users.

  • È necessario esaminare l'articolo della Knowledge Base 000051531 ed eseguire eventuali correzioni rilevanti agli ambienti prima dell'aggiornamento.