Richieste multiple simultanee del provisioning di macchine possono avere un impatto significativo sulle prestazioni di vRealize Automation. È possibile operare alcune modifiche ai limiti definiti sugli agenti proxy e nelle attività dei workflow per variare le prestazioni.

In base alle esigenze dei proprietari delle macchine del sito, il server di vRealize Automation potrebbe ricevere richieste simultanee multiple di provisioning di macchine. Questa circostanza può presentarsi nelle seguenti situazioni:

  • Un singolo utente invia una richiesta di macchine multiple

  • Molti utenti richiedono contemporaneamente macchine

  • Uno o più manager di gruppo approvano in rapida successione richieste di macchine multiple che erano in sospeso

Il tempo richiesto a vRealize Automation per eseguire il provisioning di una macchina in genere aumenta in presenza di un numero elevato di richieste simultanee. L'aumento del tempo di provisioning dipende da tre importanti fattori:

  • L'effetto sulle prestazioni delle attività dei workflow di vRealize Automation simultanee che impiegano intensivamente le risorse, incluse l'attività di SetupOS (per macchine create all'interno della piattaforma di virtualizzazione, come nel provisioning basato su WIM) e l'attività Clona (per macchine clonate all'interno della piattaforma di virtualizzazione).

  • La soglia configurata in vRealize Automation che limita il numero di attività di provisioning a uso intensivo di risorse, tipicamente lunghe, che possono essere eseguite simultaneamente. L'impostazione predefinita è otto. Le attività simultanee successive al raggiungimento del limite vengono messe in coda.

  • Eventuali limiti all'interno della piattaforma di virtualizzazione o nell'account del servizio cloud rispetto al numero di elementi di lavoro di vRealize Automation (a uso intensivo di risorse o meno) che possono essere eseguiti simultaneamente. Ad esempio, il limite predefinito in vCenter Server è quattro, gli elementi di lavoro successivi al raggiungimento del limite vengono messi in coda.

Per impostazione predefinita, vRealize Automation limita le attività simultanee di provisioning virtuale per gli hypervisor che utilizzano agenti proxy a otto per endpoint. Ciò garantisce che la piattaforma di virtualizzazione gestita da un particolare agente non riceva mai una mole elementi di lavoro a uso intensivo di risorse tale da evitare l'esecuzione di altri elementi. Prima di cambiare il limite, pianificare un test attento su quali sarebbero gli effetti del nuovo limite. La determinazione del limite migliore per il proprio sito potrebbe richiedere l'analisi dell'esecuzione degli elementi di lavoro all'interno della piattaforma di virtualizzazione e dell'esecuzione delle attività dei workflow all'interno di vRealize Automation.

Se si aumenta il limite di vRealize Automation per agente configurato, potrebbe essere necessario effettuare regolazioni di configurazione aggiuntive in vRealize Automation, nei modi seguenti:

  • Gli intervalli di timeout di esecuzione predefiniti per le attività di workflow di SetupOS e Clona sono di due ore per ognuno. Se il tempo richiesto per eseguire una di queste attività supera il limite, l'attività viene annullata e il provisioning ha esito negativo. Per prevenire questo problema, aumentare uno solo o entrambi questi intervalli di timeout di esecuzione.

  • Gli intervalli di timeout di consegna predefiniti per le attività di workflow di SetupOS e Clona sono di 20 ore per ognuno. Una volta che una di queste attività è iniziata, se la macchina risultante dall'attività non viene fornita in provisioning entro 20 ore, l'attività viene annullata e il provisioning ha esito negativo. Pertanto, se il limite è stato aumentato fino al punto in cui talvolta si verifica questa situazione, è consigliabile aumentare uno solo o entrambi questi intervalli di timeout di consegna.