Per fornire i componenti di Software, è necessario collocarli sopra i componenti della macchina supportati quando si assemblano blueprint.

Per supportare i componenti Software, il blueprint della macchina selezionato deve contenere un componente macchina basato su un modello, uno snapshot o un'immagine della macchina Amazon che contiene l'agente guest e l'agente bootstrap del Software e deve utilizzare un metodo di provisioning supportato.

Poiché gli agenti Software non supportano il protocollo IP versione 6 (IPv6), utilizzare le impostazioni IPv4.

Nota:

I componenti software nel blueprint devono avere una dipendenza ordinata. Componenti software non ordinati possono infatti impedire il provisioning corretto del blueprint. Se per i componenti software non è presente alcuna dipendenza di ordine effettiva, è possibile soddisfare il requisito relativo all'ordine dei blueprint aggiungendo una dipendenza fittizia tra i componenti software.

Se si progettano blueprint in modo che siano scalabili, si consiglia di creare singoli blueprint di layer che non riutilizzino altri blueprint. Normalmente, i processi di aggiornamento utilizzati durante le operazioni di scalabilità vengono attivati da dipendenze implicite come i binding di proprietà. Tuttavia, le dipendenze implicite in un blueprint nidificato non attivano sempre processi di aggiornamento.

Mentre gli architetti IaaS, gli architetti delle applicazioni e gli architetti dei software possono tutti assemblare blueprint, solo gli architetti IaaS possono configurare i componenti macchina. Se l'utente non è un architetto IaaS, non può configurare i propri componenti macchina, ma può riutilizzare i blueprint delle macchine che l'architetto IaaS ha creato e pubblicato.

Per aggiungere correttamente componenti software alla tela di progettazione, è necessario disporre anche dell'accesso come membro del gruppo di business, come amministratore del gruppo di business o con ruolo di amministratore del tenant al catalogo di destinazione.

Se è necessario utilizzare blueprint nidificati in un blueprint scalabile, è possibile tracciare manualmente dipendenze tra i componenti nel blueprint nidificato per creare dipendenze esplicite che attivano sempre un aggiornamento.

Nota:
Quando si pubblica un blueprint, i dati del componente software vengono gestiti come uno snapshot. Se in un momento successivo si modificano le proprietà del componente software, solo le nuove proprietà vengono riconosciute dal blueprint in cui si trova il componente software. Le modifiche apportate alle proprietà presenti nel componente software al momento della pubblicazione del blueprint non vengono applicate nel blueprint. Solo le proprietà aggiunte dopo la pubblicazione del blueprint vengono ereditate dal blueprint. Tuttavia, è possibile apportare modifiche alle istanze del componente software nel blueprint in cui si trova il componente software per modificare tale blueprint specifico.
Tabella 1. Metodi di provisioning che supportano Software

Tipo di macchina

Metodo di provisioning

vSphere

Clona

vSphere

Clone collegato

vCloud Director

Clona

vCloud Air

Clona

Amazon AWS

Immagine macchina Amazon