Una volta aggiornato vRealize Automation dalla versione 6.x alla versione 7.4, è possibile effettuare la migrazione dell'appliance virtuale Orchestrator 6.x esterna nel server Orchestrator integrato in vRealize Automation 7.4.

Nota: Se è presente un ambiente vRealize Automation distribuito con più nodi di Appliance vRealize Automation, eseguire la procedura di migrazione solo nel nodo di vRealize Automation primario.

Prerequisiti

  • Migrazione a vRealize Automation 7.4 riuscita.
  • Arrestare il servizio nel server Orchestrator esterno.
  • Eseguire il backup del database del server Orchestrator esterno, incluso lo schema di database.

Procedura

  1. Scaricare lo strumento di migrazione dal server Orchestrator di destinazione al server Orchestrator di origine.
    1. Accedere all'appliance virtuale vRealize Orchestrator 6.x su SSH come root.
    2. Nella directory /var/lib/vco, eseguire il comando scp per scaricare l'archivio migration-tool.zip.
      scp root@vra-va-hostname.domain.name:/var/lib/vco/downloads/migration-tool.zip ./
    3. Eseguire il comando unzip per estrarre l'archivio dello strumento di migrazione.
      unzip migration-tool.zipy7
  2. Esportare la configurazione di Orchestrator dal server Orchestrator di origine.
    1. Nella directory /var/lib/vco/migration-cli/bin, eseguire il comando export.
      ./vro-migrate.sh export
      Questo comando combina i file di configurazione e i plug-in di VMware vRealize Orchestrator in un archivio di esportazione.
      Viene creato un archivio con nome di file orchestrator-config-export-orchestrator_ip_address-date_hour.zip nella cartella /var/lib/vco.
  3. Effettuare la migrazione della configurazione esportata nel server Orchestrator integrato in vRealize Automation 7.4.
    1. Accedere all'Appliance vRealize Automation su SSH come root.
    2. Nella directory /usr/lib/vco/tools/configuration-cli/bin, eseguire il comando scp per scaricare l'archivio di configurazione esportato.
      scp root@orchestrator_ip_or_DNS_name:/var/lib/vco/orchestrator-config-export-orchestrator_ip_address-date_hour.zip ./
    3. Modificare la proprietà del file di configurazione del server Orchestrator esportato.
      chown vco:vco orchestrator-config-export-orchestrator_ip_address-date_hour.zip
    4. Arrestare il servizio del server Orchestrator e il servizio Control Center del server vRealize Orchestrator integrato.
      service vco-server stop && service vco-configurator stop
    5. Importare il file di configurazione del server Orchestrator nel server vRealize Orchestrator integrato eseguendo lo script vro-configure con il comando import.
      ./vro-configure.sh import --skipDatabaseSettings --skipLicense --skipSettings --skipSslCertificate --notForceImportPlugins --notRemoveMissingPlugins --skipTrustStore --path orchestrator-config-export-orchestrator_appliance_ip-date_hour.zip
  4. Se il server Orchestrator esterno da cui si desidera effettuare la migrazione utilizza il database PostgreSQL integrato, modificare i suoi file di configurazione del database.
    1. Nel file /var/vmware/vpostgres/current/pgdata/postgresql.conf, rimuovere il commento per la riga listen_addresses.
    2. Impostare i valori di listen_addresses su un carattere jolly (*).
      listen_addresses ='*'
    3. Aggiungere una riga al file /var/vmware/vpostgres/current/pgdata/pg_hba.conf.
      host all all vra-va-ip-address/32 md5	
      Nota: Il file pg_hba.conf richiede l'uso di un formato di prefisso CIDR al posto di un indirizzo IP e di una subnet mask.
    4. Riavviare il servizio del server PostgreSQL.
      service vpostgres restart
  5. Migrare il database nel database PostgreSQL interno mediante l’esecuzione dello script vro-configure con il comando db-migrate.
    ./vro-configure.sh db-migrate --sourceJdbcUrl JDBC_connection_URL --sourceDbUsername database_user --sourceDbPassword database_user_password
    Nota: Racchiudere tra apici le password contenenti caratteri speciali.
    Il valore di JDBC_connection_URL dipende dal tipo di database utilizzato.
    PostgreSQL: jdbc:postgresql://host:port/database_name
    MSSQL: jdbc:jtds:sqlserver://host:port/database_name\; if using SQL authentication and MSSQL: jdbc:jtds:sqlserver://host:port/database_name\;domain=domain\;useNTLMv2=TRUE if using Windows authentication.
    Oracle: jdbc:oracle:thin:@host:port:database_name
    Le informazioni di accesso del database predefinite sono:
    database_name vmware
    database_user vmware
    database_user_password vmware
  6. Se vRealize Automation è stato migrato e non aggiornato, eliminare i certificati Single Sign-On attendibili dal database dell'istanza di Orchestrator incorporata.
    sudo -u postgres -i -- /opt/vmware/vpostgres/current/bin/psql vcac -c "DELETE FROM vmo_keystore WHERE id='cakeystore-id';"
  7. Ripristinare la configurazione predefinita dei file postgresql.conf e pg_hba.conf.
    1. Riavviare il servizio del server PostgreSQL.

risultati

La migrazione di un'appliance virtuale vRealize Orchestrator 6.x esterna in un'istanza di vRealize Orchestrator incorporata in vRealize Automation 7.4 è stata eseguita correttamente.

Operazioni successive

Configurare il server vRealize Orchestrator integrato. Vedere Configurazione del server vRealize Orchestrator integrato.