Prima di eseguire il processo di aggiornamento di vRealize Automation, esaminare questi prerequisiti.

Requisiti della configurazione del sistema

Prima di un aggiornamento, verificare che siano soddisfatti i seguenti prerequisiti.

  • Verificare che tutte le appliance e i server facenti parte della distribuzione soddisfino i requisiti di sistema relativi alla versione più recente. Vedere il collegamento della matrice di supporto di vRealize Automation nella documentazione del prodotto vRealize Automation.

  • Consultare il documento VMware Product Interoperability Matrix sul sito Web di VMware per informazioni sulla compatibilità con altri prodotti VMware. Vedere il collegamento delle matrici di interoperabilità di vRealize Automation nella documentazione del prodotto vRealize Automation.

  • Verificare che la versione di vRealize Automation dalla quale si sta effettuando l'aggiornamento sia in condizioni di funzionamento stabili. Correggere eventuali problemi prima di effettuare l'aggiornamento.

  • Assicurarsi di aver modificato le impostazioni di timeout del bilanciamento del carico dal valore predefinito ad almeno 10 minuti.

Requisiti di configurazione dell'hardware

Verificare che l'hardware nell'ambiente sia adatto per la versione di vRealize Automation a cui si sta effettuando l'aggiornamento.

Vedere Specifiche hardware e massima capacità di vRealize Automation

Prima di un aggiornamento, verificare che siano soddisfatti i seguenti prerequisiti.

  • Per poter eseguire l'aggiornamento sono necessari almeno 18 GB di RAM, 4 CPU, disco1 = 50 GB, disco3 = 25 GB e disco4=50 GB.

    Se la macchina virtuale è presente in vCloud Networking and Security, potrebbe essere necessario allocare più spazio RAM.

    Benché il supporto generico per vCloud Networking and Security sia terminato, l'utilizzo delle proprietà personalizzate di VCNS in NSX è ancora valido. Vedere l'articolo 2144733 della Knowledge Base.

  • Questi nodi devono avere almeno 5 GB di spazio libero su disco:

    • Sito Web IaaS primario

    • Database Microsoft SQL

    • Model Manager

  • Per scaricare ed eseguire l'aggiornamento, è necessario disporre delle risorse seguenti:

    • Almeno 15 GB sulla partizione root

    • 5 GB sulla partizione /storage/db per il master Appliance vRealize Automation

    • 15 GB sulla partizione root per ogni appliance virtuale di replica

  • Verificare la sottocartella /storage/log e rimuovere eventuali file ZIP precedenti archiviati per liberare spazio.

Prerequisiti generali

Prima di un aggiornamento, verificare che siano soddisfatti i seguenti prerequisiti.

  • Eseguire il backup del file setenv.sh prima di avviare l'aggiornamento, perché dopo questa operazione gli aggiornamenti personalizzati per questo file vengono sovrascritti. Il file si trova in /usr/lib/vco/app-server/bin/setenv.sh. Dopo l'aggiornamento, aggiornare i valori dove appropriato e riavviare vco-server per applicare le modifiche.

  • Si dispone dell'accesso a tutti i database e a tutti i bilanciamenti del carico interessati o partecipanti all'aggiornamento di vRealize Automation.

  • Il sistema viene reso non disponibile per gli utenti durante l'esecuzione dell'aggiornamento.

  • Si disabilita ogni applicazione che effettua una query su vRealize Automation.

  • Verificare che Microsoft Distributed Transaction Coordinator (MSDTC) sia attivo in tutte le istanze di vRealize Automation e nei server SQL associati. Per le istruzioni, consultare l'articolo 2089503 della Knowledge Base.

  • Se si esegue l'aggiornamento di un ambiente distribuito configurato con un database PostgreSQL incorporato, completare la procedura che segue.

    1. Prima di aggiornare gli host di replica, esaminare i file nella directory pgdata sull'host master.

    2. Andare alla cartella di dati PostgreSQL sull'host master nel percorso /var/vmware/vpostgres/current/pgdata/.

    3. Chiudere tutti i file aperti nella directory pgdata e rimuovere gli eventuali file con suffisso .swp.

    4. Verificare che tutti i file di questa directory abbiano la proprietà corretta: postgres:users.

  • Se si utilizza il plug-in DynamicTypes, esportare la configurazione del plug-in vRealize Orchestrator DynamicTypes come pacchetto.

    1. Accedere al client Java in qualità di utente amministratore.

    2. Selezionare la scheda Workflow.

    3. Selezionare Libreria > DynamicTypes > Configurazione.

    4. Selezionare il workflow Esporta configurazione come pacchetto ed eseguirlo.

    5. Fare clic su Non impostato > Inserisci valore.

    6. Selezionare gli spazi dei nomi che si desidera esportare e fare clic su Aggiungi per aggiungerli al pacchetto.

    7. Fare clic su Invia per esportare il pacchetto.

Inoltre, verificare che le proprietà personalizzate non contengano spazi nei nomi. Prima dell'aggiornamento a questa versione di vRealize Automation, rimuovere eventuali spazi da nomi di proprietà personalizzate, ad esempio sostituire lo spazio con un carattere di sottolineatura, per consentire il riconoscimento della proprietà personalizzata nell'installazione vRealize Automation aggiornata. I nomi della proprietà personalizzata vRealize Automation non possono contenere spazi. Questo problema può influire sull'utilizzo di un'installazione di vRealize Orchestrator aggiornata che utilizza proprietà personalizzate che contenevano spazi nelle versioni precedenti di vRealize Automation o vRealize Orchestrator oppure entrambi.