Quando si gestisce un ambiente o una rete, può essere necessario assegnare un indirizzo IP diverso a un'appliance vRealize Automation esistente.

Prerequisiti

  • Come precauzione, creare snapshot delle appliance vRealize Automation e dei server IaaS.

  • Da una sessione della console come root nell'appliance vRealize Automation, ispezionare le voci del file /etc/hosts.

    Cercare le assegnazioni di indirizzi che potrebbero essere in conflitto con il piano del nuovo indirizzo IP e apportare le eventuali modifiche necessarie.

    In tutti i server IaaS, ripetere il processo per il file Windows\system32\drivers\etc\hosts.

  • Arrestare tutte le appliance vRealize Automation.

  • Arrestare tutti i servizi vRealize Automation nei server IaaS.

Procedura

  1. In vSphere, individuare l'appliance vRealize Automation che si desidera modificare e selezionare Azioni > Modifica impostazioni.
  2. Fare clic su Opzioni vApp.
  3. Espandere Allocazione IP e abilitare l'opzione Ambiente OVF.
  4. Espandere Impostazioni OVF e abilitare l'opzione Immagine ISO.

    Figura 1. Opzioni Ambiente OVF e Immagine ISO
    Indirizzo dell'appliance, credenziali e impronta digitale

  5. Fare clic su OK.
  6. Avviare l'appliance vRealize Automation che si sta modificando.
  7. Accedere come root all'interfaccia di gestione dell'appliance vRealize Automation.

    https://vrealize-automation-appliance-FQDN:5480

  8. Fare clic sulla scheda Rete.
  9. Sotto le schede, fare clic su Indirizzo.
  10. Aggiornare l'indirizzo IP.
  11. Fare clic su Salva impostazioni in alto a destra.
  12. Arrestare l'appliance vRealize Automation che si sta modificando.
  13. In DNS, aggiornare le voci per i nuovi indirizzi IP.

    Aggiornare solo i record di tipo A esistenti. Non modificare i nomi di dominio completi.

    Se si utilizza il bilanciamento del carico, aggiornare anche le impostazioni IP del bilanciamento del carico per i nodi back-end, i pool di servizi e i server virtuali in base alle esigenze.

  14. Attendere che abbiano luogo la replica del DNS e la distribuzione per zone.
  15. Avviare tutte le appliance vRealize Automation.
  16. Avviare i servizi vRealize Automation nei server IaaS.
  17. Accedere come root all'interfaccia di gestione dell'appliance vRealize Automation.

    https://vrealize-automation-appliance-FQDN:5480

  18. Verificare lo stato dell'appliance vRealize Automation nelle seguenti aree.
    • Stato della connessione al database in Cluster

    • Stato di RabbitMQ in vRA > Messaggistica

    • Stato di Xenon in vRA > Xenon

    • Tutti i servizi come sono REGISTRATI in Servizi