Il profilo di rete identifica le proprietà della rete NAT su richiesta, il profilo della rete esterna sottostante, il tipo di NAT e gli altri valori utilizzati per eseguire il provisioning della rete utilizzando l'IPAM vRealize Automation incorporato.

Se si desidera creare un profilo di rete NAT che utilizzi un endpoint IPAM di terze parti, vedere Indicazione delle informazioni sul profilo di rete NAT con un endpoint IPAM di terze parti.

Prerequisiti

Procedura

  1. Selezionare Infrastruttura > Prenotazioni > Profili di rete.
  2. Fare clic su Nuovo e selezionare NAT dal menu a discesa.
  3. Immettere un nome e, facoltativamente, una descrizione.
  4. Accettare il valore Endpoint IPAM predefinito per l'endpoint IPAM di vRealize Automation.
  5. Selezionare un profilo di rete esterno esistente dal menu a discesa Profilo di rete esterno.
  6. Selezionare un tipo di traduzione degli indirizzi di rete One-to-One o One-to-Many dal menu a discesa Tipo NAT.
    Opzione Descrizione
    One-to-One

    Assegnare un indirizzo IP statico esterno a ciascuna scheda di rete. Ogni macchina può accedere alla rete esterna ed è accessibile dalla rete esterna.

    Tutti gli indirizzi IP esterni assegnati a un uplink edge di NSX devono far parte della stessa subnet. Quando si utilizza NAT one-to-one in vRealize Automation, il profilo di rete esterno corrispondente deve contenere solo intervalli di indirizzi IP appartenenti a una singola subnet.

    One-to-Many

    Un indirizzo IP esterno è condiviso da tutte le macchine della rete. Una macchina interna può avere indirizzi IP statici o forniti tramite protocollo DHCP. Ogni macchina può accedere alla rete esterna, ma nessuna macchina è accessibile dalla rete esterna. Selezionando questa opzione viene selezionata la casella di controllo Attivato nel gruppo DHCP.

    Per NSX for vSphere, il tipo di traduzione NAT One-to-Many consente di definire regole NAT quando si aggiunge un componente di rete NAT a un blueprint.

    NSX for vSphere supporta reti NAT One-to-One e NAT One-to-Many, ma NSX-T supporta solo reti NAT one-to-many.

  7. Immettere la subnet mask IP nella casella di testo Subnet mask.
    La subnet mask indica la dimensione dell'intero spazio degli indirizzi instradabili che si desidera definire per il profilo di rete.
    Ad esempio, immettere 255.255.0.0.
  8. Immettere l'indirizzo di un gateway instradato, ad esempio 10.10.110.1, nella casella di testo Gateway.

    L'indirizzo IP del gateway definito nel profilo di rete viene assegnato alla NIC durante l'allocazione. Il gateway è necessario per i profili di rete NAT.

    Per NSX-T, il gateway predefinito del server DHCP corrisponde al gateway predefinito NAT One-to-Many. Il gateway predefinito del pool di IP corrisponde al gateway predefinito NAT One-to-Many in vRealize Automation.

    Se nella casella di testo Gateway del profilo di rete non è assegnato alcun valore, è necessario utilizzare la proprietà personalizzata VirtualMachine.Network0.Gateway per assegnare un gateway.

  9. (Facoltativo) Nel gruppo DHCP, selezionare la casella di controllo Abilitato e immettere i valori di inizio intervallo IP e fine intervallo IP.

    È possibile selezionare la casella di controllo solo se si imposta il tipo di NAT su One-to-Many.

    Per NSX-T, il primo IP nell'intervallo del pool di IP corrisponde all'indirizzo IP del server DHCP definito con l'impostazione <FirstIpInPool>/<subnetMaskOfNat>. Il pool di IP in NSX-T inizia con il secondo indirizzo IP.

  10. (Facoltativo) Impostare una durata lease DHCP per definire per quanto tempo una macchina può utilizzare un indirizzo IP.
  11. Fare clic sulla scheda DNS.
  12. Immettere i valori di DNS e WINS secondo necessità.

    Utilizzare i valori DNS per la registrazione e la risoluzione dei nomi. I valori sono facoltativi per un IPAM interno. I valori vengono forniti dal provider IPAM di terze parti per un IPAM esterno.

    1. (Facoltativo) Immettere un valore del server DNS primario.
    2. (Facoltativo) Immettere un valore del server DNS secondario.
    3. (Facoltativo) Immettere un valore per i suffissi DNS.
    4. (Facoltativo) Immettere un valore per i suffissi di ricerca DNS.
    5. (Facoltativo) Immettere un valore del server WINS preferito.
    6. (Facoltativo) Immettere un valore del server WINS alternativo.

Operazioni successive

Configurazione di intervalli di indirizzi IP di profili di rete NAT con l'endpoint IPAM di vRealize Automation.