È possibile creare blueprint di macchine virtuali Microsoft Azure che forniscano accesso alle risorse delle macchine virtuali Azure.

Un modello di macchina Azure viene visualizzato nella categoria Tipi di macchine nella pagina Modifica blueprint di vRealize Automation. È possibile utilizzare questo modello di macchina virtuale come base di un blueprint Azure come descritto nella seguente procedura. Dopo aver creato un blueprint Azure, è possibile pubblicarlo e distribuirlo come progettato oppure è possibile utilizzarlo congiuntamente alle risorse Azure personalizzate o con altri blueprint per creare un blueprint composito.

Dopo aver creato e pubblicato il blueprint, gli utenti con i privilegi appropriati possono richiedere ed effettuare il provisioning di un'istanza di Azure tramite il Catalogo dei servizi di vRealize Automation.

Si tenga presente che i blueprint Azure definiscono i requisiti della macchina virtuale. vRealize Automation utilizza tali requisiti per selezionare la prenotazione più appropriata per la distribuzione.

Per informazioni sulle schede Impostazioni NSX e Proprietà della finestra di dialogo Nuovo blueprint, vedere Impostazioni delle proprietà dei blueprint.

Per creare contemporaneamente due macchine virtuali da una sola distribuzione, è necessario creare due nomi di interfaccia di rete e due nomi di macchina virtuale.

Nota: Evitare di effettuare il provisioning di una distribuzione sia su Azure che su vSphere utilizzando lo stesso prefisso di denominazione, poiché questo può causare la duplicazione di nomi in Azure e vSphere e questo potrebbe causare problemi ad alcuni utenti.

Prerequisiti

  • Ottenere un ID di sottoscrizione Azure valido e le informazioni correlate, incluso il gruppo di risorse, l'account di storage e le informazioni della rete virtuale che potrebbero essere necessarie per la creazione di un blueprint.
  • Configurare un endpoint Azure per creare una connessione ad Azure da utilizzare con la distribuzione di vRealize Automation.
  • Configurare le prenotazioni Azure come opportuno per i gruppi di business.

Procedura

  1. Scegliere Progettazione > Blueprint.
  2. Fare clic sull'icona Nuovo (Aggiungi).
  3. Specificare il nome del blueprint nella casella di testo Nome.
    Il nome immesso compila anche la casella di testo ID. Nella maggior parte dei casi è possibile ignorare le schede Impostazioni NSX e Proprietà.
  4. Fare clic su OK.
  5. Fare clic su Tipi di macchine nel menu Categorie.
  6. Trascinare il modello della macchina virtuale Azure Machine nella Tela di progettazione.
    Se è stata creata una risorsa Azure personalizzata da utilizzare come base di un blueprint, è possibile selezionare tale risorsa dalla categoria assegnata nell'elenco Categorie.
  7. Immettere le informazioni necessarie per la macchina virtuale Azure nelle caselle di testo nelle pagine con schede situate nella parte centrale in basso nella tela di progettazione visualizzata quando si trascina il modello della macchina Azure nella tela di progettazione.
    Le selezioni disponibili per le caselle di testo e gli altri parametri di tutte queste schede sono determinate principalmente dall'endpoint di Azure configurato come base per i blueprint.

    Per la maggior parte dei parametri, quando si fa clic sulla casella di testo accanto al nome del parametro, si apre un nuovo riquadro nella parte destra della pagina. In questo riquadro, è possibile immettere valori di parametri nella casella di testo Valore e indicare se è Obbligatorio. Nota: in alcuni casi è inoltre possibile immettere un Valore minimo e un Valore massimo. Fare clic su Applica nel riquadro destro per compilare la casella di testo iniziale.

    Figura 1. Menu destro del blueprint Azure
    Menu destro del blueprint Azure

    Per la maggior parte dei parametri è inoltre disponibile un pulsante Opzioni avanzate. Queste opzioni consentono di specificare la lunghezza dei parametri nonché di nascondere i parametri agli utenti finali.

    Nota: È necessario popolare i parametri richiesti su ogni scheda per poter procedere con la configurazione del blueprint. Se si desidera lasciare un campo vuoto, è possibile tornare indietro ed eliminare la voce prima di salvare.
    Scheda Descrizione Parametri importanti
    Generale Selezionare le informazioni di connessione di base per la macchina virtuale Azure, ad esempio l'endpoint da utilizzare.

    ID - Identifica la macchina virtuale Azure in corso di creazione. Se il nome viene modificato, viene aggiornata automaticamente anche l'immagine della macchina virtuale Azure nella tela di progettazione.

    Descrizione - Identifica la macchina virtuale in corso di creazione e se è richiesta o meno.

    Istanze - Questa selezione consente di creare una macchina virtuale scalabile. Utilizzare i campi Minimo e Massimo per identificare il numero di istanze Azure che è possibile generare da questa macchina.

    Usa password di autenticazione - Selezionare Sì per utilizzare l'autenticazione tramite password oppure No per utilizzare SSH.

    Nome utente amministratore - Lasciare vuoto questo campo, potrà essere assegnato dall'utente che esegue il provisioning della macchina.

    Password amministratore - Lasciare vuoto questo campo, la password potrà essere inserita dall'utente che esegue il provisioning della macchina.

    Informazioni build Consente di configurare le informazioni sulla macchina virtuale in corso di creazione. Posizione - Selezionare la località geografica in cui verrà distribuita tale macchina virtuale.

    Prefisso macchina - Selezionare il pulsante di opzione per indicare se si desidera utilizzare il prefisso della macchina dal gruppo di business associato o creare un prefisso personalizzato. Se si desidera utilizzare un prefisso personalizzato, immetterlo nella casella di testo Prefisso macchina personalizzato.

    Tipo di immagine della macchina virtuale - Scegliere il pulsante di opzione appropriato per l'immagine di una macchina virtuale di tipo Personalizzato o Stock. Viene creata una macchina virtuale personalizzata dalla distribuzione classica di Azure, offrendo un numero maggiore di opzioni di configurazione correlate a servizi cloud, account di storage e set di disponibilità.

    Immagine della macchina virtuale - Identificare l'immagine della macchina virtuale Azure su cui è basato il blueprint.
    • Per un'immagine di macchina virtuale di tipo stock, l'URN dell'immagine della macchina deve corrispondere al seguente formato: (autore):(offerta):(sku): (versione).
    • Per un disco gestito, l'immagine della macchina URN deve corrispondere al seguente formato: (ResourceGroupName):(CustomImageName)
    • Per un'immagine di macchina virtuale personalizzata, l'URN dell'immagine della macchina deve corrispondere al seguente formato:

      https://storageaccount.blob.core.windows.net/container/image.vhd

    È inoltre necessario compilare la casella di testo Tipo d'immagine sistema operativo (Windows o Linux) per le immagini personalizzate

    Utente amministratore - Digitare il nome dell'amministratore designato configurato per le macchine virtuali basate su questo blueprint. In alternativa, può essere lasciato vuoto e immesso nel modulo di richiesta.

    Autenticazione - Selezionare il pulsante di opzione appropriato per indicare se le macchine virtuali basate su questo blueprint richiedono una password o l'autenticazione SSH.

    Password amministratore - La password dell'amministratore dell'istanza della macchina virtuale.

    Serie - Definisce la dimensione generale di un'istanza di macchina virtuale. Per ulteriori informazioni sulle serie, consultare la documentazione di Azure in https://azure.microsoft.com/it-it/documentation/articles/virtual-machines-windows-sizes/.

    Dimensione - Definisce la dimensione dell'istanza di macchina virtuale specifica in una serie. La dimensione è correlata alla Serie selezionata. Se è presente una connessione valida a un'istanza di Azure, le dimensioni disponibili vengono popolate dinamicamente in base alla sottoscrizione, nonché alla posizione e alle serie selezionate. Per ulteriori informazioni sulle dimensioni, consultare la documentazione di Azure.

    Dettagli dimensione istanza - Informazioni opzionali sulla serie e sulla dimensione dell'istanza di macchina virtuale.

    Risorse macchina Organizzare le risorse della macchina virtuale in bucket. Un gruppo di risorse è un costrutto organizzativo che raggruppa le risorse della macchina virtuale, quali siti web, account, database e reti.

    Un Set di disponibilità è un meccanismo che consente di gestire due o più macchine virtuali per supportare la ridondanza. Vedere https://azure.microsoft.com/en-us/documentation/articles/virtual-machines-windows-manage-availability/ per ulteriori informazioni sui Set di disponibilità di Azure.

    Nota: Se si configura un blueprint con il numero massimo di istanze Azure impostato su un valore maggiore di 1, si consiglia di utilizzare il gruppo di risorse e il set di disponibilità esistenti anziché crearne di nuovi. L'utilizzo di nuovi gruppi di risorse o di nuovi set di disponibilità in più istanze nella stessa distribuzione causerà errori e altri problemi se associati con bilanciamenti del carico.

    Creare o riutilizzare il gruppo di risorse - Selezionare il pulsante di opzione appropriato per indicare se si desidera utilizzare il gruppo di risorse Azure esistente o crearne uno nuovo. È possibile trovare il nome del gruppo di risorse esistente nella pagina Gruppi di risorse del portale di Azure. Se si sceglie di creare un nuovo gruppo di risorse, nella casella di testo Gruppo di risorse viene visualizzato automaticamente un nome appropriato per il nuovo gruppo.

    Creare o riutilizzare il set di disponibilità - Selezionare il pulsante di opzione appropriato in base alle operazioni che si desidera eseguire. Se si seleziona Crea nuovo, nella casella di testo vengono visualizzate le informazioni sul nuovo set di disponibilità.
    Storage Consente di scegliere un disco gestito Azure o un account di storage per questo blueprint. Con il disco gestito, Azure gestisce la maggior parte della configurazione e della manutenzione correlata allo storage. Un account di archiviazione fornisce l'accesso ai diversi tipi di storage di Azure, come Archivio BLOB di Azure, Tabella coda e Archiviazione file. Per la maggior parte dei blueprint, è possibile accettare i valori predefiniti.

    Tipo di storage: selezionare se si desidera fornire un disco gestito o un account di storage gestito manualmente.

    • Se è stato selezionato Disco gestito, selezionare se si desidera utilizzare un disco premium o standard nella casella di testo Tipo di disco della macchina virtuale. È possibile ignorare le caselle di selezione rimanenti.
    • Se si seleziona Account di storage, immettere il nome dell’account di storage per la macchina virtuale nella casella Account di storage sul disco del sistema operativo. Il disco del sistema operativo della macchina virtuale Azure viene distribuito in questo account di storage. È possibile trovare le informazioni sul gruppo di archiviazione nel portale di Azure. È possibile disporre di uno o più account di storage.
      Nota: I nomi di account di archiviazione che contengono trattini bassi o altri caratteri speciali possono causare errori.

    Abilita diagnostica all'avvio: selezionare questa casella di controllo se si utilizzano dati di diagnostica con l'istanza Azure.

    Numero di dischi dati: selezionare il numero appropriato di dischi di storage di dati utilizzati nella macchina virtuale. È possibile specificare fino a quattro dischi. Tali dischi vengono aggiunti al disco del sistema operativo come specificato nella casella di testo Account di storage.

    N. disco di storage
    • Nome disco - Identifica il nome assegnato al disco.
    • Tipo di disco - Tipo di dispositivo di storage.
    • Dimensione del disco - Dimensione del disco.
    • Replica - Metodo di ridondanza utilizzato per il backup del disco.
    • Cache host - Indica se le letture/scritture vengono memorizzate in cache per aumentare le prestazioni.
    Rete Consente di selezionare il servizio di rete per il blueprint della macchina virtuale. Per la maggior parte dei blueprint, è possibile accettare i valori predefiniti e l'utente immetterà le informazioni di rete appropriate durante la distribuzione.
    Nota: È possibile creare una sola macchina virtuale per interfaccia, tuttavia ciascuna macchina virtuale può disporre di un massimo di quattro interfacce.
    Fare clic sulla tabella per aprire una finestra di dialogo a destra, che contiene a sua volta un'altra tabella modificabile con i seguenti campi.
    • Nome bilanciamento del carico - Il bilanciamento del carico utilizzato con l'istanza Azure.
    • Numero di interfacce di rete - Selezionare il numero di interfacce di rete utilizzate con l'istanza Azure. Il numero di interfacce di rete deve essere supportato dalla dimensione della macchina virtuale come selezionato nella scheda Storage.
    • Interfaccia di rete - Selezionare l'interfaccia di rete appropriata per il blueprint della macchina virtuale. Se si immette una rete esistente, è possibile ignorare tutte le altre schede relative alla rete. Se si immette un nome di interfaccia di rete inesistente, viene creata una nuova interfaccia con il nome specificato ed è possibile utilizzare tutte le altre schede relative all'interfaccia per configurarla.
    • Prefisso nome NIC - Il prefisso della scheda dell'interfaccia di rete.
    • Tipo di indirizzo IP - Indicare se la macchina virtuale utilizza un indirizzo IP statico o dinamico.
    • Configurazione di rete - Immettere la configurazione di rete appropriata. I profili di rete sono supportati. Sono disponibili due opzioni: Specifica reti Azure e Usa profilo di rete, e i campi successivi cambiano in base all'opzione selezionata.
      • Le seguenti opzioni sono disponibili se si seleziona Specifica reti Azure. Se tali caselle di testo sono lasciate vuote, i costrutti di rete predefiniti vengono utilizzati in base alle informazioni specificate nella prenotazione pertinente.
        • Nome vNet - Nome della rete virtuale
        • Nome subNet - Il nome di domino della subnet di Azure.
        Nota: È possibile impostare l'indirizzo IP pubblico per Azure durante le operazioni Giorno 2.
      • Se si seleziona Usa profilo di rete, la configurazione di rete viene scollegata dai costrutti Azure sottostanti e viene associata al profilo di rete di vRealize Automation.
        • Se la casella di testo Profilo di rete viene lasciata vuota, la coppia di vNet e subnet Azure predefinita viene risolta in base alle prenotazioni pertinenti in cui è specificato un profilo di rete.
        • Se si immette un profilo di rete, la vNet e la subnet Azure vengono risolte in base alla prenotazione corrispondente.
    Proprietà

    Consente di aggiungere proprietà personalizzate al blueprint. Le proprietà personalizzate aggiunte in questa scheda possono essere sovrascritte da proprietà assegnate in un momento successivo nella catena delle precedenze. Per ulteriori informazioni sull'ordine di precedenza delle proprietà personalizzate, vedere La precedenza delle proprietà personalizzate.

    Per aggiungere proprietà personalizzate esistono due opzioni rappresentate da due schede nella finestra di dialogo Proprietà.
    • Gruppi di proprietà: si tratta di gruppi riutilizzabili che semplificano il processo di aggiunta di proprietà personalizzate. Per la selezione di gruppi di proprietà sono disponibili quattro opzioni:
      • Aggiungi: consente di aggiungere al blueprint un gruppo di proprietà disponibile.
      • Sposta su/Sposta giù: consente di controllare la precedenza dei gruppi di proprietà. Il primo gruppo ha la priorità più elevata e le sue proprietà personalizzate hanno la precedenza rispetto a tutte le altre.
      • Visualizza proprietà: consente di visualizzare le proprietà personalizzate all'interno del gruppo selezionato.
      • Visualizza proprietà unite: se una proprietà personalizzata è inclusa in più gruppi di proprietà, il valore nel gruppo di proprietà con la priorità più elevata ha la precedenza. La visualizzazione delle proprietà unite semplifica l'assegnazione della priorità ai gruppi di proprietà.
    • Proprietà personalizzate: utilizzare questa scheda per aggiungere singole proprietà personalizzate.
      • Nuovo: consente di aggiungere al blueprint una singola proprietà personalizzata.
      • Nome: immettere un nome per la proprietà. Per un elenco dei nomi e delle descrizioni delle proprietà personalizzate, vedere Proprietà personalizzate e dizionario delle proprietà.

      • Valore: immettere un valore per la proprietà personalizzata.
      • Codificato: consente di codificare la proprietà.
      • Sovrascrivibile: consente di specificare che il valore della proprietà può essere sovrascritto dall'utente successivo. Si tratta in genere di un altro architetto, ma se si seleziona Mostra nella richiesta, gli utenti business possono visualizzare e modificare i valori delle proprietà quando richiedono elementi del catalogo.
      • Mostra nella richiesta: se si desidera che gli utenti finali visualizzino il nome e il valore della proprietà, è possibile scegliere di visualizzare la proprietà nel modulo di richiesta del provisioning della macchina. Per consentire agli utenti di fornire un valore, è inoltre necessario selezionare Sovrascrivibile.
  8. Fare clic su Fine per salvare la configurazione del blueprint e tornare alla pagina Blueprint principale.

Operazioni successive

Se sono state configurate proprietà personalizzate nella prenotazione di Azure per supportare un tunnel VPN, è possibile aggiungere componenti software ai blueprint Azure.

  1. Selezionare Componenti software nel menu Categorie. I componenti software configurati nei blueprint Azure compaiono nel riquadro sottostante.
  2. Selezionare Macchina virtuale Azure nei valori a discesa del contenitore.
  3. Selezionare il componente software desiderato e trascinarlo nella macchina virtuale Azure nella tela di progettazione.
  4. In caso di proprietà richieste per il componente software, inserirle nelle caselle di testo dei parametri corrispondenti sotto alla tela di progettazione.
  5. Fare clic su Salva.

Se si desidera pubblicare il blueprint, selezionarlo nella pagina Blueprint principale e fare clic su Pubblica. Un blueprint pubblicato è disponibile nella pagina Elemento del catalogo. Inoltre, un manager di gruppi di business (o una figura equivalente) può utilizzare questo blueprint pubblicato come base di un blueprint composito.