Se non si dispone di una coppia di chiavi pubblica-privata per l'autenticazione dell'accesso remoto, vRealize Automation Cloud Assembly è in grado di generarla.

Utilizzare il codice seguente come linea guida.

  1. In vRealize Automation Cloud Assembly, prima del provisioning, aggiungere proprietà remoteAccess al modello cloud come mostrato nell'esempio.

    Il nome utente è facoltativo. Se viene omesso, il sistema genera un ID casuale come nome utente.

    Esempio:

    type: Cloud.Machine
    properties:
      name: our-vm2
      image: Linux18
      flavor: small
      remoteAccess: authentication: generatedPublicPrivatekey username: testuser
    
  2. In vRealize Automation Cloud Assembly, eseguire il provisioning della macchina dal relativo modello cloud e portarlo a uno stato di avvio.

    Il processo di provisioning genera le chiavi.

  3. Individuare il nome della chiave nelle proprietà Distribuzioni > Topologia
  4. Utilizzare l'interfaccia del provider cloud, ad esempio il client di vSphere, per accedere alla riga di comando della macchina sottoposta a provisioning.
  5. Concedere l'autorizzazione di lettura alla chiave privata.

    chmod 600 key-name

  6. Passare alla distribuzione di vRealize Automation Cloud Assembly, selezionare la macchina e fare clic su Azioni > Ottieni chiave privata.
  7. Copiare il file della chiave privata nella macchina locale.

    Un percorso di file locale tipico è /home/username/.ssh/key-name.

  8. Aprire una sessione SSH remota e connettersi alla macchina di cui è stato eseguito il provisioning.

    ssh -i key-name user-name@machine-ip