È possibile configurare una connessione di risorse PKS in locale e nel cloud per supportare le funzionalità di gestione e integrazione di Kubernetes in vRealize Automation Cloud Assembly.

Le integrazioni di PKS consentono di gestire le istanze di PKS in locale e nel cloud e i cluster Kubernetes sottoposti a provisioning in cluster esterni e PKS. È necessario creare un profilo Kubernetes e associarlo a un progetto per supportare il posizionamento delle risorse basato su criteri.

Prerequisiti

  • È necessario disporre di un server PKS (Pivotal Container Service) configurato in modo appropriato con l'autenticazione UAA.
  • Verificare di disporre delle credenziali di amministratore del cloud. Per ulteriori informazioni, vedere Che cosa sono i ruoli utente di vRealize Automation.

Procedura

  1. Selezionare Infrastruttura > Connessioni > Integrazioni e fare clic su Aggiungi integrazione.
  2. Selezionare VMware Enterprise PKS.
  3. Immettere l'indirizzo IP o il nome di dominio completo e l'indirizzo PKS per l'account cloud PKS che si sta creando.
    • L'indirizzo IP è il nome di dominio completo o l'indirizzo IP del server di autenticazione utente PKS.
    • L'indirizzo PKS è il nome di dominio completo o l'indirizzo IP del il server PKS principale.
  4. Selezionare se questo server PKS è in locale oppure si trova nel cloud pubblico o in un cloud privato.
  5. Immettere Nome utente e Password appropriati per il server PKS e altre informazioni correlate.
  6. Se si utilizzano tag per supportare una strategia di assegnazione dei tag, immettere i tag di funzionalità. Vedere Come utilizzare i tag per gestire le distribuzioni e le risorse di vRealize Automation Cloud Assembly e Creazione di una strategia di assegnazione dei tag.
  7. Fare clic su Aggiungi.

risultati

È possibile creare zone Kubernetes e assegnarle a un progetto oppure individuare i cluster Kubernetes esterni e assegnare tali cluster ai progetti. È inoltre possibile aggiungere o creare spazi dei nomi Kubernetes che facilitano la gestione dei cluster tra gruppi e organizzazioni di grandi dimensioni.

Operazioni successive

Creare o selezionare le zone Kubernetes appropriate, quindi selezionare uno o più cluster o spazi dei nomi e assegnarli a un progetto. In seguito, è possibile creare e pubblicare modelli cloud per consentire agli utenti di generare distribuzioni self-service che utilizzano Kubernetes.