vRealize Automation Cloud Assembly offre diverse opzioni per la gestione e la distribuzione delle risorse Kubernetes.

Sono disponibili due opzioni principali per utilizzare le risorse Kubernetes in vRealize Automation Cloud Assembly. È possibile integrare VMware Tanzu Kubernetes Grid Integrated Edition (TKGI), in precedenza PKS, o Red Hat OpenShift con vRealize Automation Cloud Assembly per configurare, gestire e distribuire le risorse Kubernetes. Con la seconda opzione, è possibile utilizzare un account cloud di vCenter per accedere agli spazi dei nomi supervisore per utilizzare la funzionalità vSphere Project Pacific basata su Kubernetes. È inoltre possibile integrare le risorse Kubernetes esterne in vRealize Automation Cloud Assembly.

Utilizzo delle integrazioni di VMware Tanzu Kubernetes Grid Integrated Edition (TKGI) oppure OpenShift

Per i TKGI, i cluster esterni o le configurazioni OpenShift, vRealize Automation Cloud Assembly fornisce un Kubeconfig che consente agli utenti di accedere ai cluster Kubernetes applicabili.

Dopo aver creato un'integrazione con TKGI oppure OpenShift, i cluster Kubernetes applicabili diventano disponibili in vRealize Automation Cloud Assembly ed è possibile creare e aggiungere componenti Kubernetes a vRealize Automation Cloud Assembly per supportare la gestione delle applicazioni cluster e contenitori. Queste applicazioni costituiscono la base delle distribuzioni self-service disponibili nel catalogo di Service Broker.

Utilizzo dei cluster Kubernetes di vSphere Project Pacific

Project Pacific è un miglioramento di vSphere che utilizza Kubernetes come piano di controllo. Consente di gestire sia macchine virtuali che contenitori da un'unica interfaccia. vRealize Automation Cloud Assembly consente agli utenti di utilizzare al meglio le funzionalità Kubernetes di Pacific che incorporate all'interno di vSphere. È possibile accedere alle funzionalità di Pacific creando un'integrazione con una distribuzione di vCenter con un'implementazione di vSphere che contenga cluster supervisore. Pacific consente di gestire sia macchine virtuali convenzionali che cluster Kubernetes da vCenter.

Per gli spazi dei nomi supervisore basati su Pacific, gli utenti devono essere in grado di accedere a un SSO di vSphere applicabile in modo che possano accedere a un collegamento fornito ai dettagli dello spazio dei nomi supervisore. Quindi, possono scaricare un Kubectl personalizzato con l'autenticazione di vSphere affinché possano utilizzare lo spazio dei nomi supervisore.

Per utilizzare questa funzionalità, è necessario disporre di un vCenter con un account cloud di vSphere configurato con spazi dei nomi supervisore. Dopo aver eseguito l'accesso, è possibile iniziare a utilizzare gli spazi dei nomi applicabili.