Gli amministratori del cloud possono aggiungere, visualizzare e gestire la configurazione degli spazi dei nomi e dei cluster Kubernetes distribuiti, sia generici che basati su Pacific, in vRealize Automation Cloud Assembly.

Gli utenti dotati di privilegi amministrativi possono visualizzare, aggiungere e gestire gli spazi dei nomi e i cluster Kubernetes per cui si dispone di accesso autorizzato nella pagina Infrastruttura > Risorse > Kubernetes. Questa pagina contiene le schede per cluster, spazi dei nomi, cluster supervisore e spazi dei nomi supervisore. È possibile selezionare una di queste schede per visualizzare e gestire le risorse analoghe. In genere, questa pagina semplifica la gestione degli spazi dei nomi e dei cluster distribuiti.

  • Cluster: un cluster è un gruppo di nodi Kubernetes distribuiti in una o più macchine fisiche. Questa pagina mostra i cluster sottoposti a provisioning e non distribuiti che sono stati configurati per l'utilizzo nell'istanza di vRealize Automation Cloud Assembly. È possibile fare clic su un cluster per visualizzare le informazioni sullo stato corrente. Quando si distribuisce un cluster, include un collegamento a un file Kubconfig accessibile solo per gli amministratori del cloud. Questo file concede privilegi di amministratore completi sul cluster, incluso un elenco di spazi dei nomi.

    I cluster supervisore sono univoci per le istanze vSphere e utilizzano ESXI come nodi di lavoro anziché Linux.

  • Spazi dei nomi: gli spazi dei nomi sono cluster virtuali che forniscono agli amministratori un modo per separare le risorse del cluster. Facilitano la gestione delle risorse tra grandi gruppi di utenti e organizzazioni. Come forma di controllo degli accessi in base al ruolo, un amministratore del cloud può consentire agli utenti di aggiungere spazi dei nomi a un progetto quando richiedono una distribuzione e successivamente gestiscono gli spazi dei nomi dalla pagina Cluster Kubernetes. Quando si distribuisce uno spazio dei nomi, include un collegamento a un file kubeconfig che consente agli utenti validi, ad esempio gli sviluppatori, di visualizzare e gestire alcuni aspetti di tale spazio dei nomi.

    I cluster supervisore e gli spazi dei nomi supervisore esistono solo per le istanze di vSphere e forniscono un accesso simile a Kubernetes agli oggetti vSphere.

Un amministratore del cloud può modificare il progetto associato a uno spazio dei nomi o a un cluster Kubernetes in questa pagina, in modo che l'amministratore possa eseguire il provisioning di risorse Kubernetes da modelli cloud e Service Broker e quindi assegnarli a progetti specifici per il consumo. L'amministratore di può modificare l'ambito di un cluster per renderlo specifico del progetto o globale. I cluster globali vengono visualizzati nella scheda Cluster per tutte le zone Kubernetes e sono disponibili per la selezione e il provisioning. Se un cluster è globale, può essere aggiunto a una zona Kubernetes e quindi utilizzato per eseguire il provisioning degli spazi dei nomi dal catalogo.

Se si configura un cluster nuovo o esistente, è necessario scegliere se connettersi con un indirizzo IP master o un nome host master.

Utilizzo dei cluster Kubernetes generici in vRealize Automation Cloud Assembly

È possibile aggiungere nuovi cluster, esistenti o esterni a vRealize Automation Cloud Assembly utilizzando le opzioni in questa pagina.

  1. Selezionare Infrastruttura > Risorse > Kubernetes e verificare che la scheda Cluster sia attiva.

    Se sono presenti cluster attualmente configurati per l'istanza di vRealize Automation Cloud Assembly, vengono visualizzati in questa pagina.

  2. Se si aggiunge un cluster nuovo o esistente o se ne distribuisce uno, selezionare l'opzione appropriata in base alla tabella seguente.
    Opzione Descrizione Dettagli
    Distribuisci Aggiunge nuovi cluster a vRealize Automation Cloud Assembly È necessario specificare l'account cloud TKGI in cui verrà distribuito il cluster, nonché il piano e il numero di nodi desiderati.
    Aggiungi esistente Configura un cluster esistente in modo che funzioni con il progetto. È necessario specificare l'account cloud TKGI, il cluster da utilizzare e il progetto appropriato per lo sviluppatore di destinazione. Inoltre, è necessario specificare l'ambito di condivisione. Se si desidera condividere globalmente, è necessario configurare le zone e gli spazi dei nomi Kubernetes in modo appropriato.
    Aggiungi esterno Aggiunge un cluster Kubernetes vanilla, che potrebbe non essere associato a TKGI, per vRealize Automation Cloud Assembly. È necessario designare un progetto a cui il cluster è associato, immettere l'indirizzo IP del cluster desiderato e selezionare un proxy cloud e le informazioni del certificato necessarie per connettersi a questo cluster.
  3. Fare clic su Aggiungi per rendere il cluster disponibile in vRealize Automation Cloud Assembly.

Utilizzo degli spazi dei nomi Kubernetes in vRealize Automation Cloud Assembly

Se si è un amministratore del cloud, gli spazi dei nomi consentono di raggruppare e gestire le risorse del cluster Kubernetes. Se si è un utente, gli spazi dei nomi sono l'area nei cluster Kubernetes per le distribuzioni. Gli amministratori e gli utenti possono accedere agli spazi dei nomi utilizzando la scheda Spazi dei nomi disponibile nella pagina Infrastruttura > Risorse > Kubernetes.

Esistono diversi modi per aggiungere spazi dei nomi Kubernetes alle risorse in vRealize Automation Cloud Assembly. La seguente procedura illustra un metodo tipico.
  1. Selezionare Infrastruttura > Risorse > Kubernetes e fare clic sulla scheda Spazi dei nomi.
  2. Per aggiungere un nuovo spazio dei nomi, fare clic su Nuovo spazio dei nomi. Per aggiungere uno spazio dei nomi esistente, fare clic su Aggiungi spazio dei nomi.
  3. Immettere un nome e una descrizione per l'integrazione.

    A questo punto è stato aggiunto uno spazio dei nomi da utilizzare con le risorse Kubernetes, ma non è associato a nulla in particolare.

  4. Specificare il cluster che si desidera associare a questo spazio dei nomi.
  5. Fare clic su Crea per aggiungere lo spazio dei nomi a vRealize Automation Cloud Assembly.

È possibile aggiungere proprietà personalizzate negli spazi dei nomi Kubernetes per supportare l'estendibilità in diversi modi. È possibile aggiungere proprietà personalizzate quando si esegue il provisioning di uno spazio dei nomi creando un modello cloud di Cloud Assembly. Quando si specifica un nome Kubernetes in un modello cloud, è possibile aggiungere proprietà allo spazio dei nomi. Innanzitutto, è possibile fare clic con il pulsante destro del mouse sulle proprietà nel modello per accedere alle proprietà predefinite che fanno parte dello schema del modello cloud. Come seconda opzione, è possibile aggiungere proprietà definite dall'utente nella sezione delle proprietà dello spazio nomi nel modello cloud.

Dopo la distribuzione, queste proprietà personalizzate vengono visualizzate nella pagina Distribuzioni in Cloud Assembly per la distribuzione applicabile.

Infine, è possibile aggiungere proprietà personalizzate a uno spazio dei nomi utilizzando le azioni configurate nella pagina Estendibilità > Azioni in Cloud Assembly.

Utilizzo di cluster supervisore e spazi dei nomi supervisore

Gli amministratori del cloud possono visualizzare e modificare la configurazione dei cluster e degli spazi dei nomi supervisore nella pagina Kubernetes in vRealize Automation Cloud Assembly.

  1. Selezionare Infrastruttura > Risorse > Kubernetes in vRealize Automation Cloud Assembly.
  2. Selezionare Aggiungi cluster supervisore.
  3. Specificare i dettagli dell'account per l'account cloud vSphere di destinazione.
  4. Fare clic sull'icona di ricerca nella casella di testo Cluster supervisore per visualizzare tutti i cluster supervisore oppure cercare un cluster in base al nome.
  5. Selezionare il cluster desiderato e fare clic su Aggiungi.
  6. Selezionare la scheda Spazi dei nomi supervisore e fare clic sul pulsante Nuovo spazio dei nomi supervisore per aggiungere un nuovo spazio dei nomi.
  7. Selezionare la scheda Spazi dei nomi supervisore e fare clic sul pulsante Nuovo spazio dei nomi supervisore per aggiungere un nuovo spazio dei nomi.
    1. Se si sta creando un nuovo spazio dei nomi, aggiungere un Nome e una Descrizione.
    2. Selezionare l'Account cloud appropriato da associare allo spazio dei nomi.
    3. Selezionare il Cluster supervisore da associare a questo spazio dei nomi.
    4. Selezionare il Progetto da associare allo spazio dei nomi.
    5. Utilizzare la selezione Criteri di storage disponibili per aggiungere criteri di storage da utilizzare con lo spazio dei nomi.

      È possibile aggiungere tutti i criteri di storage disponibili o selezionare criteri specifici da utilizzare con lo spazio dei nomi supervisore. Inoltre, facoltativamente, è possibile impostare un limite per le dimensioni di storage disponibili con ogni criterio di storage disponibile.

    6. Fare clic su Crea.
  8. Rivedere i dettagli pertinenti per il nuovo spazio dei nomi. Se necessario, è possibile modificare la configurazione del criterio di storage.
    Gli utenti e i gruppi che al momento possono accedere allo spazio dei nomi in vSphere sono elencati nella scheda Utenti. Se vengono aggiunti nuovi utenti o gruppi al progetto, fare clic sul pulsante Aggiorna utenti in questa scheda per aggiornare l'elenco. L'elenco non viene aggiornato automaticamente, pertanto è necessario utilizzare il pulsante per aggiornarlo.
    Nota: La sincronizzazione degli utenti ha senso solo se vRealize Automation Cloud Assembly e vCenter sono configurati con un servizio Active Directory/LDAP comune.

Dopo aver configurato un cluster o uno spazio dei nomi, la pagina Infrastruttura > Risorse > Kubernetes in vRealize Automation Cloud Assembly visualizza i cluster e gli spazi dei nomi disponibili per l'utente. È possibile fare clic su un singolo spazio dei nomi o cluster per aprire una pagina contenente un numero o schede che mostrano statistiche e altre informazioni per la risorsa e che consente di configurare varie opzioni.

La scheda Riepilogo per i cluster nella pagina Kubernetes consente agli amministratori di visualizzare e, in alcuni casi, aggiornare la configurazione di un cluster, incluso cambiare l'ambito. I pulsanti di opzione Condivisione consentono di selezionare Globale (condivisibile tramite zona Kubernetes) o Progetto (accesso limitato a un singolo progetto). Se si seleziona Progetto, è inoltre necessario specificare il progetto applicabile nella selezione Progetto riportata di seguito.
Nota: La modifica della configurazione della condivisione può influire sugli spazi dei nomi disponibili nel cluster.

Gli utenti possono fare clic sul collegamento Indirizzo nella scheda Riepilogo per aprire gli strumenti CLI Kubernetes di vSphere per gestire lo spazio dei nomi. Per accedere a un collegamento dei dettagli dello spazio dei nomi supervisore, gli utenti devono essere amministratori del cloud o membri dello spazio dei nomi per il progetto designato. Gli utenti possono inoltre scaricare un Kubectl personalizzato per utilizzare lo spazio dei nomi supervisore. Gli utenti possono accedere allo spazio dei nomi supervisore e utilizzarlo come qualsiasi altro spazio dei nomi, quindi creare modelli cloud distribuire applicazioni.