Una mappatura dell'immagine raggruppa un set di specifiche predefinite del sistema operativo di destinazione per una regione o un account cloud specifici in vRealize Automation utilizzando le denominazioni del linguaggio naturale.

Gli account dei fornitori di soluzioni cloud come Microsoft Azure e Amazon Web Services utilizzano le immagini per raggruppare una serie di condizioni di distribuzione di destinazione, incluso il sistema operativo e le impostazioni di configurazione correlate. Gli ambienti basati su vCenter e NSX, incluso VMware Cloud on AWS, utilizzano un meccanismo di raggruppamento simile per definire un set di condizioni di distribuzione del sistema operativo. Quando si crea, quindi si distribuisce e si itera un modello cloud, si sceglie l'immagine disponibile più adatta alle proprie esigenze.

Organizzare le mappature delle immagini per un progetto in base a impostazioni del sistema operativo, strategia di tag e scopo della distribuzione funzionale simili.

Per un esempio di come definire una mappatura dell'immagine di base, vedere Aggiunta di mappature dell'immagine.

Per semplificare la creazione del modello cloud, è possibile selezionare un'opzione di pre-configurazione quando si aggiunge un nuovo account cloud. Quando si seleziona l'opzione di pre-configurazione, vengono selezionate la mappatura delle caratteristiche e la mappatura dell'immagine più comuni dell'organizzazione per la regione specificata.

Quando si aggiungono informazioni sull'immagine a un modello cloud, si utilizza la voce image o imageRef nella sezione properties di un componente macchina. Ad esempio, se si desidera eseguire la clonazione da uno snapshot, utilizzare la proprietà imageRef.

Per esempi di voci image e imageRef nel codice del modello cloud, vedere Progettazione delle distribuzioni di vRealize Automation Cloud Assembly.

Per assegnare un'autorizzazione per una libreria di contenuti, un amministratore deve concedere l'autorizzazione all'utente come autorizzazione globale. Per informazioni correlate, vedere Ereditarietà gerarchica delle autorizzazioni per le librerie di contenuti in Amministrazione delle macchine virtuali di vSphere nella documentazione di VMware vSphere.

Sincronizzazione delle immagini per la regione o l'account cloud

È possibile eseguire la sincronizzazione delle immagini per assicurarsi che le immagini che si stanno aggiungendo o rimuovendo per una determinata regione o account cloud nella pagina Infrastruttura > Configura > Mappatura immagine siano aggiornate.
  1. Aprire la regione o l'account cloud associati selezionando Infrastruttura > Connessioni > Account cloud. Selezionare una regione o un account cloud esistente.
  2. Fare clic sul pulsante Sincronizza immagini e attendere il completamento dell'azione.

    Immagine dell'icona Sincronizza immagine nella pagina Account cloud

  3. Al termine dell'azione, fare clic su Infrastruttura > Configura > Mappatura immagine. Definire una nuova mappatura immagine o modificarne una esistente, quindi selezionare la regione o l'account cloud dal passaggio 1.
  4. Fare clic sull'icona Sincronizzazione immagine nella pagina Mappatura immagine.

    Icona Sincronizzazione immagini mostrata nella pagina Mappature immagini

  5. Configurare le impostazioni delle mappature delle immagini per la regione o l'account cloud specificati nella pagina Mappatura immagine.

Visualizzazione dei dettagli di OVF

È possibile includere le specifiche di OVF negli oggetti del modello cloud di vRealize Automation Cloud Assembly, come mappe delle immagini e componenti macchina di vCenter. Se l'immagine contiene un file OVF, è possibile individuarne il contenuto senza aprire il file. Passare il puntatore del mouse su OVF per visualizzarne i dettagli, tra cui nome e posizione. Per ulteriori informazioni sul formato del file OVF, vedere vcenter ovf: property.

Passare il puntatore del mouse sul simbolo Visualizza dettagli OVF e fare clic per visualizzare i contenuti del file OVF

Utilizzo delle immagini condivise e più recenti di una raccolta di immagini di Microsoft Azure

Quando si creano mappature delle immagini per Microsoft Azure, è possibile selezionare immagini in una raccolta di immagini di Azure condivisa nella sottoscrizione. Vengono raccolti i dati delle immagini nel menu a discesa che vengono rese disponibili in base alla regione selezionata.

Anche se le immagini condivise possono essere utilizzate in più sottoscrizioni, non possono essere elencate nel menu a discesa di mappatura delle immagini nelle sottoscrizioni. Vengono raccolti solo i dati delle immagini di una sottoscrizione specifica, che vengono elencate nell'elenco delle mappature delle immagini. Per utilizzare un'immagine di una raccolta di immagini in una sottoscrizione diversa, specificare l'ID immagine nella mappatura delle immagini e utilizzare tale mappatura nel modello cloud.

Utilizzo di vincoli e tag per perfezionare la selezione delle immagini

Per perfezionare ulteriormente la selezione delle immagini in un modello cloud, è possibile aggiungere uno o più vincoli per specificare le limitazioni basate su tag del tipo di immagine che può essere distribuito. L'esempio di vincoli forniti visualizzati quando si crea o si modifica una configurazione di mappatura dell'immagine è !license:none:hard. L'esempio illustra una limitazione basata su tag in cui l'immagine può essere utilizzata solo se il tag license:none non è presente nel modello cloud. Se si aggiungono tag come license:88 e license:92, è possibile utilizzare l'immagine specificata solo se i tag license:88 e license:92 sono presenti nel modello cloud.

Immagine dell'esempio di vincoli di mappatura dell'immagine illustrata in precedenza

Utilizzo di uno script di configurazione cloud per controllare la distribuzione

È possibile utilizzare uno script di configurazione cloud in una mappa dell'immagine, un modello cloud o entrambi per definire le caratteristiche del sistema operativo personalizzato da utilizzare in una distribuzione di vRealize Automation Cloud Assembly. Ad esempio, a seconda che il modello cloud venga distribuito in un cloud pubblico o in un cloud privato, è possibile applicare all'immagine specifiche autorizzazioni dell'utente, autorizzazioni del sistema operativo o altre condizioni. Uno script di configurazione del cloud utilizza il formato cloud-init per le immagini basate su Linux o il formato cloudbase-init per le immagini basate su Windows. vRealize Automation Cloud Assembly supporta lo strumento cloud-init per i sistemi Linux e lo strumento cloudbase-init per Windows.

Per le macchine Windows, è possibile utilizzare qualsiasi formato di script di configurazione cloud supportato da cloudbase-init.

La risorsa macchina nel codice del modello cloud di esempio seguente utilizza un'immagine che contiene uno script di configurazione cloud, il cui contenuto è visibile nella voce image.
resources:
  demo-machine:
    type: Cloud.vSphere.Machine
    properties:
      flavor: small
      image: MyUbuntu16 
        https://cloud-images.ubuntu.com/releases/16.04/release-20170307/ami-ubuntu-16.04-1.10.3-00-15269239.ova
      cloudConfig: |
        ssh_pwauth: yes
        chpasswd:
          list: |
            ${input.username}:${input.password}
          expire: false
        users:
          - default
          - name: ${input.username}
            lock_passwd: false
            sudo: ['ALL=(ALL) NOPASSWD:ALL']
            groups: [wheel, sudo, admin]
            shell: '/bin/bash'
        runcmd:
          - echo "Defaults:${input.username}  !requiretty" >> /etc/sudoers.d/${input.username}

Che cosa succede quando una mappatura dell'immagine e un modello cloud contengono uno script di configurazione cloud

Quando un modello cloud che contiene uno script di configurazione cloud utilizza una mappatura dell'immagine che contiene uno script di configurazione cloud, entrambi gli script vengono combinati. L'azione di unione elabora innanzitutto il contenuto dello script di mappatura dell'immagine e poi il contenuto dello script del modello cloud, tenendo in considerazione la possibilità che gli script siano in formato #cloud-config o meno.

  • Per gli script che si trovano nel formato #cloud-config, l'unione combina il contenuto di ciascun modulo (ad esempio runcmd, users e write_files) come segue:
    • Per i moduli in cui il contenuto è un elenco, gli elenchi di comandi dalla mappatura dell'immagine e dal modello cloud vengono uniti, escludendo i comandi che sono identici in entrambi gli elenchi.
    • Per i moduli in cui il contenuto è un dizionario, i comandi vengono uniti e il risultato è una combinazione di entrambi i dizionari. Se la stessa chiave esiste in entrambi i dizionari, la chiave del dizionario dello script di mappatura dell'immagine viene mantenuta e la chiave dal dizionario dello script del modello cloud viene ignorata.
    • Per i moduli in cui il contenuto è una stringa, i valori dei contenuti dello script di mappatura dell'immagine vengono mantenuti e i valori dei contenuti dello script del modello cloud vengono ignorati.
  • Per gli script che sono in un formato diverso da #cloud-config o quando uno script è in formato #cloud-config e l'altro non lo è, entrambi gli script vengono combinati in modo che lo script di mappatura dell'immagine venga eseguito per primo e lo script del modello cloud venga eseguito quando lo script di mappatura dell'immagine è terminato.

Per informazioni correlate, vedere Unione di sezioni di dati utente.

Aggiunta di un'immagine da una libreria dei contenuti di vCenter

Quando una libreria di contenuti locale o di autori si trova in un vCenter gestito dall'organizzazione di vRealize Automation, ovvero quando il vCenter è rappresentato da un account cloud di vSphere in vRealize Automation, le immagini del modello della libreria di contenuti vengono elencate nel menu a discesa dell'immagine. Sono incluse immagini dei modelli di macchine virtuali e OVF nelle librerie di contenuti di vCenter locali o degli autori. Le immagini delle librerie di contenuti dei sottoscrittori non vengono visualizzate nel menu a discesa.

Immagine che mostra un elemento della libreria in cui il nome dell'immagine è preceduto dal nome della libreria e separato da un carattere barra

Quando si distribuisce un modello cloud che contiene la mappatura di un'immagine del modello di macchina virtuale, vRealize Automation tenta di accedere all'immagine mappata nella libreria di contenuti più vicina al datastore, e quindi più vicina all'host, della macchina da sottoporre a provisioning. Ciò può includere una libreria di contenuti locale nonché una libreria di contenuti di un autore o un sottoscrittore.

Quando si distribuisce un modello cloud che contiene la mappatura di un'immagine del modello OVF, si accede alle immagini OVF come specificato nella riga della mappatura dell'immagine se l'immagine si trova in una libreria di contenuti locale o un sottoscrittore locale di una libreria di contenuti di un autore remota specificata.

Per informazioni relative alla creazione e all'utilizzo delle librerie dei contenuti di vCenter, vedere Utilizzo delle librerie di contenuti nella documentazione di prodotto di vSphere.

Ulteriori informazioni sulla configurazione e l'utilizzo degli script di configurazione cloud

Per ulteriori informazioni sull'utilizzo degli script di configurazione cloud nei modelli cloud, vedere Come inizializzare automaticamente una macchina in un modello di vRealize Automation Cloud Assembly.

Vedere anche gli articoli dei blogger di VMware sulla personalizzazione di vSphere con cloud-init durante l'utilizzo di vRealize Automation 8 o Cloud e sulla personalizzazione delle distribuzioni di Cloud Assembly con cloud-init.