È possibile creare un punto di integrazione IPAM esterno specifico del provider per gestire gli indirizzi IP utilizzati nelle distribuzioni dei modelli cloud. Quando si utilizza un punto di integrazione IPAM esterno, gli indirizzi IP vengono ottenuti e gestiti dal provider IPAM designato anziché da vRealize Automation.

È possibile creare un punto di integrazione IPAM specifico del provider per gestire gli indirizzi IP e le impostazioni DNS per le distribuzioni dei modelli cloud e le macchine virtuali in vRealize Automation.

Per informazioni su come configurare i prerequisiti e consultare un esempio su come creare un punto di integrazione IPAM esterno specifico del provider nel contesto di un workflow di esempio, vedere Aggiunta dell'integrazione di un provider IPAM esterno per Infoblox in vRealize Automation. Si noti che questo workflow è per un'integrazione Infoblox IPAM, ma può essere utilizzato come riferimento per qualsiasi fornitore IPAM esterno.

Per informazioni su come creare le risorse necessarie per consentire a partner e fornitori IPAM esterni di integrare la propria soluzione IPAM con vRealize Automation, vedere Come utilizzare l'SDK IPAM per creare un pacchetto di integrazione IPAM esterno specifico del provider per vRealize Automation.

Prerequisiti

  • Verificare di disporre delle credenziali di amministratore del cloud. Vedere Credenziali necessarie per l'utilizzo di account cloud in vRealize Automation.
  • Verificare di disporre del ruolo utente di amministratore del cloud. Vedere Che cosa sono i ruoli utente di vRealize Automation.
  • Verificare di disporre di un account con il provider IPAM esterno, ad esempio Infoblox o Bluecat e di disporre delle credenziali di accesso corrette per l'account dell'organizzazione con il provider IPAM.
  • Verificare di disporre dell'accesso a un pacchetto di integrazione distribuito per il provider IPAM, ad esempio Infoblox o BlueCat. Il pacchetto distribuito viene inizialmente ottenuto come download .zip dal provider IPAM o da vRealize Automation Marketplace e quindi distribuito in vRealize Automation.
  • Verificare di disporre dell'accesso a un ambiente in esecuzione configurato per il provider IPAM.
  • Se si utilizza un ambiente in esecuzione incorporato locale di estendibilità basata su azioni (ABX), verificare di disporre di un server proxy HTTP nella rete vRealize Automation in grado di far passare il traffico in uscita verso siti esterni, come gcr.io o storage.googleapis.com. Per informazioni dettagliate, vedere come estrarre immagini Docker dietro il proxy in vRealize Automation 8.x (75180).
  • Verificare di disporre delle credenziali utente necessarie per accedere e utilizzare il prodotto del fornitore IPAM. Per informazioni sulle autorizzazioni utenti richieste, consultare la documentazione del prodotto del fornitore di integrazione.

Procedura

  1. Selezionare Infrastruttura > Connessioni > Integrazioni e fare clic su Aggiungi integrazione.
  2. Fare clic su IPAM.
  3. Nel menu a discesa Provider, selezionare un pacchetto del provider IPAM configurato nell'elenco.

    Se l'elenco è vuoto, fare clic su Importa pacchetto del provider, passare a un file ZIP del pacchetto del provider esistente e selezionarlo. Se non si dispone del file ZIP, è possibile ottenerlo dal sito Web del provider o dalla scheda vRealize Automation Marketplace.

  4. Immettere il nome utente e la password dell'amministratore per il proprio account con il provider IPAM esterno, insieme a tutti gli altri campi obbligatori (se presenti), ad esempio il nome host del provider.
  5. Nell'elenco a discesa Ambiente in esecuzione, selezionare un ambiente in esecuzione esistente, ad esempio il punto di integrazione locale di estendibilità basata su azioni.

    L'ambiente in esecuzione supporta la comunicazione tra vRealize Automation e il provider IPAM.

    Il framework IPAM supporta solo un ambiente in esecuzione incorporato locale di estendibilità basata su azioni (ABX).

    Nota: Se si utilizza un account cloud di Amazon Web Services o Microsoft Azure come ambiente in esecuzione dell'integrazione, assicurarsi che l'appliance del provider IPAM sia accessibile da Internet e non sia protetta da una regola NAT o un firewall e che disponga di un nome DNS risolvibile pubblicamente. Se il provider IPAM non è accessibile, le funzioni Amazon Web Services Lambda o Microsoft Azure non possono connettersi e l'integrazione non riuscirà.
  6. Fare clic su Convalida.
  7. Quando viene richiesto di considerare attendibile il certificato autofirmato dal provider IPAM esterno, fare clic su Accetta.
    Dopo aver accettato il certificato autofirmato, l'azione di convalida può continuare fino al completamento.
  8. Immettere un nome per questo punto di integrazione IPAM e fare clic su Aggiungi per salvare il nuovo punto di integrazione IPAM.
    Viene imitata un'azione di raccolta dati. I dati di reti e indirizzi IP vengono raccolti dal provider IPAM esterno.