In qualità di amministratore o di sviluppatore di DevOps, è possibile creare script personalizzati che estendano la funzionalità di vRealize Automation Code Stream. Grazie allo script, è possibile integrare vRealize Automation Code Stream con gli strumenti di integrazione continua (CI) e di consegna continua (CD), nonché con le API che creano, testano e distribuiscono le applicazioni. Gli script personalizzati sono particolarmente utili se le API dell'applicazione non vengono esposte pubblicamente.

Lo script personalizzato può svolgere quasi tutte le operazioni necessarie per l'integrazione con gli strumenti di creazione, test e distribuzione. Ad esempio, può interagire con l'area di lavoro nella pipeline per supportare le attività CI che creano e testano l'applicazione e le attività CD che la distribuiscono. Può inviare un messaggio a Slack quando una pipeline termina e molto altro.

È possibile scrivere lo script personalizzato in uno dei linguaggi supportati. Nello script è necessario includere la logica di business e definire input e output. I tipi di output possono includere numero, stringa, testo e password. È possibile creare più versioni di uno script personalizzato con logica di business, input e output diversi.

È necessario che la pipeline esegua una versione dello script in un'attività personalizzata. Gli script creati si trovano nell'istanza di vRealize Automation Code Stream.

Quando una pipeline utilizza un'integrazione personalizzata, se si tenta di eliminare l'integrazione personalizzata, viene visualizzato un messaggio di errore che indica che non è possibile eliminarla.

L'eliminazione di un'integrazione personalizzata comporta la rimozione di tutte le versioni dello script personalizzato. Se esiste una pipeline con un'attività personalizzata che utilizza una versione qualsiasi dello script, la pipeline non riuscirà. Per assicurarsi che le pipeline esistenti vengano eseguite correttamente, è possibile deprecare e ritirare la versione dello script che non si desidera più utilizzare. Se tale versione non viene utilizzata da alcuna pipeline, è possibile eliminarla.

Tabella 1. Cosa fare dopo aver scritto lo script personalizzato
Cosa fare... Ulteriori informazioni su questa azione...

Aggiungere un'attività personalizzata alla pipeline.

L'attività personalizzata:

  • Viene eseguita nello stesso contenitore di altre attività CI nella pipeline.
  • Include le variabili di input e output che lo script popola prima che la pipeline esegua l'attività personalizzata.
  • Supporta più tipi di dati e vari tipi di metadati che vengono definiti come input e output nello script.

Selezionare lo script nell'attività personalizzata.

Le proprietà di input e output vengono dichiarate nello script.

Salvare la pipeline, quindi abilitarla ed eseguirla.

Quando la pipeline è in esecuzione, l'attività personalizzata richiama la versione dello script specificata e con tale versione esegue la logica di business, che integra lo strumento di creazione, test e distribuzione con vRealize Automation Code Stream.

Una volta eseguita la pipeline, esaminare le esecuzioni.

Verificare che la pipeline abbia fornito i risultati previsti.

Quando si utilizza un'attività personalizzata che richiama una versione di Integrazione personalizzata, è possibile includere variabili di ambiente personalizzate come coppie nome-valore nella scheda Area di lavoro della pipeline. Quando l'immagine del generatore crea il contenitore dell'area di lavoro che esegue l'attività CI e distribuisce l'immagine, vRealize Automation Code Stream passa le variabili di ambiente a tale contenitore.

Ad esempio, quando l'istanza di vRealize Automation Code Stream richiede un proxy Web e si utilizza un host Docker per creare un contenitore per un'integrazione personalizzata, vRealize Automation Code Stream esegue la pipeline e passa le variabili di impostazione del proxy Web a tale contenitore.

Tabella 2. Esempio di coppie nome-valore delle variabili di ambiente
Nome Valore
HTTPS_PROXY http://10.0.0.255:1234
https_proxy http://10.0.0.255:1234
NO_PROXY 10.0.0.32, *.dept.vsphere.local
no_proxy 10.0.0.32, *.dept.vsphere.local
HTTP_PROXY http://10.0.0.254:1234
http_proxy http://10.0.0.254:1234
PATH /usr/local/sbin:/usr/local/bin:/usr/sbin:/usr/bin:/sbin:/bin

Le coppie nome-valore vengono visualizzate nell'interfaccia utente nel modo seguente:

vRealize Automation Code Stream passa le variabili di ambiente al contenitore creato dall'immagine del generatore.

In questo esempio viene creata un'integrazione personalizzata che connette vRealize Automation Code Stream all'istanza di Slack e invia un messaggio a un canale Slack.

Prerequisiti

  • Per scrivere lo script personalizzato, verificare di disporre di uno di questi linguaggi: Python 2, Python 3, Node.js o di uno di questi linguaggi della shell: Bash, sh o zsh.
  • Generare un'immagine del contenitore utilizzando il runtime Node.js o Python installato.

Procedura

  1. Creare l'integrazione personalizzata.
    1. Fare clic su Integrazioni personalizzate > Nuovo e immettere un nome pertinente.
    2. Selezionare l'ambiente di runtime preferito.
    3. Fare clic su Crea.
      Lo script si apre e viene visualizzato il codice, che include l'ambiente di runtime richiesto. Ad esempio runtime: "nodejs". Lo script deve includere il runtime, utilizzato dall'immagine del generatore, in modo che l'attività personalizzata aggiunta alla pipeline venga eseguita correttamente quando viene eseguita la pipeline. In caso contrario, l'attività personalizzata non riesce.
    Le aree principali dello YAML dell'integrazione personalizzata includono runtime, codice, proprietà di input e proprietà di output. Questa procedura illustra diversi tipi e sintassi.
    Chiavi YAML dell'integrazione personalizzata Descrizione
    runtime

    Ambiente di runtime dell'attività in cui vRealize Automation Code Stream esegue il codice, che può essere una di queste stringhe senza distinzione tra maiuscole e minuscole:

    • nodejs
    • python2
    • python3
    • shell

    Se non viene specificato alcun valore, viene utilizzato shell per impostazione predefinita.

    code Logica di business personalizzata da eseguire come parte dell'attività personalizzata.
    inputProperties Array di proprietà di input da acquisire come parte della configurazione dell'attività personalizzata. Queste proprietà vengono in genere utilizzate nel codice.
    outputProperties Array di proprietà di output che è possibile esportare dall'attività personalizzata da propagare alla pipeline.
  2. Dichiarare le proprietà di input nello script utilizzando i tipi di dati e i metadati disponibili.
    Le proprietà di input vengono passate come contesto allo script nella sezione code: del linguaggio YAML.
    Chiavi di input YAML per l'attività personalizzata Descrizione Obbligatoria
    type Tipi di input per il rendering:
    • text
    • textarea
    • number
    • checkbox
    • password
    • select
    name Nome o stringa dell'input per l'attività personalizzata, che viene inserito nel codice YAML dell'integrazione personalizzata. Deve essere univoco per ogni proprietà di input definita per un'integrazione personalizzata.
    title Etichetta della stringa di testo della proprietà di input per l'attività personalizzata nella tela del modello di pipeline. Se viene lasciata vuota, per impostazione predefinita viene utilizzato il valore name. No
    required Determina se un utente deve immettere la proprietà di input quando configura l'attività personalizzata. Impostare su true o su false. Quando è true, se un utente non specifica alcun valore quando configura l'attività personalizzata nella tela della pipeline, lo stato dell'attività rimane non configurata. No
    placeHolder Testo predefinito per l'area di immissione della proprietà di input quando non è presente alcun valore. Viene mappato all'attributo placeholder HTML. Supportata solo per determinati tipi di proprietà di input. No
    defaultValue Valore predefinito che popola l'area di immissione della proprietà di input quando viene eseguito il rendering dell'attività personalizzata nella pagina del modello di pipeline. No
    bindable Determina se la proprietà di input accetta le variabili con simbolo di dollaro quando si modella l'attività personalizzata nella tela della pipeline. Aggiunge l'indicatore $ accanto al titolo. Supportata solo per determinati tipi di proprietà di input. No
    labelMessage Stringa che funge da descrizione comando della guida per gli utenti. Aggiunge un'icona descrizione comando i accanto al titolo di input. No
    enum Acquisisce un array di valori che visualizza le opzioni delle proprietà di input selezionate. Supportata solo per determinati tipi di proprietà di input.

    Quando un utente seleziona un'opzione e la salva per l'attività personalizzata, il valore di inputProperty corrisponde a questo valore e viene visualizzato nella modellazione dell'attività personalizzata.

    Ad esempio, il valore 2015.

    • 2015
    • 2016
    • 2017
    • 2018
    • 2019
    • 2020
    No
    options Acquisisce un array di oggetti utilizzando optionKey e optionValue.
    • optionKey. Valore propagato alla sezione del codice dell'attività.
    • optionValue. Stringa che visualizza l'opzione nell'interfaccia utente.

    Supportata solo per determinati tipi di proprietà di input.

    Opzioni:

    optionKey: key1. Quando viene selezionata e salvata per l'attività personalizzata, il valore di questa proprietà inputProperty corrisponde a key1 nella sezione del codice.

    optionValue: 'Etichetta per 1'. Valore visualizzato per key1 nell'interfaccia utente. Non viene visualizzato in alcun altro punto per l'attività personalizzata.

    optionKey: key2

    optionValue: 'Etichetta per 2'

    optionKey: key3

    optionValue: 'Etichetta per 3'

    No
    minimum Acquisisce un numero che funge da valore minimo valido per questa proprietà di input. Supportata solo per la proprietà di input di tipo number. No
    maximum Acquisisce un numero che funge da valore massimo valido per questa proprietà di input. Supportata solo per la proprietà di input di tipo number. No
    Tabella 3. Metadati e tipi di dati supportati per script personalizzati
    Tipi di dati supportati Metadati supportati per l'input
    • Stringa
    • Testo
    • Elenco: come elenco di qualsiasi tipo
    • Mappa: come map[string]any
    • Sicuri: rappresentati come casella di testo per la password, crittografati quando si salva l'attività personalizzata
    • Numero
    • Booleani: visualizzati come caselle di testo
    • URL: come stringa, con convalida aggiuntiva
    • Selezione, pulsante di opzione
    • type: Stringa | Testo...
    • default: valore predefinito
    • options: elenco o mappa di opzioni da utilizzare con la selezione o il pulsante di opzione
    • min: valore o dimensione minimi
    • max: valore o dimensione massimi
    • title: nome dettagliato della casella di testo
    • placeHolder: segnaposto dell'interfaccia utente
    • description: diventa una descrizione comando
    Ad esempio:
    inputProperties:
            - name: message
              type: text
              title: Message
              placeHolder: Message for Slack Channel
              defaultValue: Hello Slack
              bindable: true
              labelInfo: true
              labelMessage: This message is posted to the Slack channel link provided in the code
    
  3. Dichiarare le proprietà di output nello script.
    Lo script acquisisce le proprietà di output dalla sezione code: della relativa business logic, dove si dichiara il contesto per l'output.
    Quando la pipeline viene eseguita, è possibile immettere il codice di risposta per l'output dell'attività. Ad esempio 200.
    Chiavi che vRealize Automation Code Stream supporta per ogni outputProperty.
    Chiave Descrizione
    type Attualmente include un singolo valore di label.
    nome Chiave emessa dal blocco di codice dello YAML dell'integrazione personalizzata.
    title Etichetta nell'interfaccia utente che visualizza outputProperty.
    Ad esempio:
    outputProperties:
      - name: statusCode
        type: label
        title: Status Code
  4. Per interagire con l'input e l'output dello script personalizzato, recuperare una proprietà di input o impostare una proprietà di output utilizzando context.
    Per una proprietà di input: (context.getInput("key"))
    Per una proprietà di output: (context.setOutput("key", "value"))
    Per Node.js:
    var context = require("./context.js")
    var message = context.getInput("message");
    //Your Business logic
    context.setOutput("statusCode", 200);
    Per Python:
    from context import getInput, setOutput
    message = getInput('message')
    //Your Business logic
    setOutput('statusCode', '200')
    
    Per Shell:
    # Input, Output properties are environment variables
    echo ${message} # Prints the input message
    //Your Business logic
    export statusCode=200 # Sets output property statusCode
    
  5. Nella sezione code: dichiarare tutta la logica di business per l'integrazione personalizzata.
    Ad esempio, con l'ambiente di runtime Node.js:
    code: |
        var https = require('https');
        var context = require("./context.js")
        
        //Get the entered message from task config page and assign it to message var
        var message = context.getInput("message");
        var slackPayload = JSON.stringify(
            {
                text: message
            });
    
        const options = {
            hostname: 'hooks.slack.com',
            port: 443,
            path: '/YOUR_SLACK_WEBHOOK_PATH',
            method: 'POST',
            headers: {
                'Content-Type': 'application/json',
                'Content-Length': Buffer.byteLength(slackPayload)
            }
        };
        
        // Makes a https request and sets the output with statusCode which 
        // will be displayed in task result page after execution
        const req = https.request(options, (res) => {
            context.setOutput("statusCode", res.statusCode);
        });
    
        req.on('error', (e) => {
            console.error(e);
        });
        req.write(slackPayload);
        req.end();
    
  6. Prima di eseguire la versione e rilasciare lo script di integrazione personalizzato, scaricare il file di contesto per Python o Node.js e verificare la logica di business inclusa nello script.
    1. Posizionare il puntatore nello script, quindi fare clic sul pulsante del file di contesto nella parte superiore della tela. Ad esempio, se lo script è in linguaggio Python fare clic su CONTEXT.PY.
    2. Modificare il file e salvarlo.
    3. Nel sistema di sviluppo eseguire e testare lo script personalizzato con l'aiuto del file di contesto.
  7. Applicare una versione allo script di integrazione personalizzato.
    1. Fare clic su Versione.
    2. Inserire le informazioni sulla versione.
    3. Fare clic su Versione di rilascio per poter selezionare lo script nell'attività personalizzata.
    4. Per creare la versione, fare clic su Crea.
      La versione dello script di integrazione personalizzato e selezionare la versione nell'attività personalizzata nella pipeline.
  8. Per salvare lo script, fare clic su Salva.
  9. Nella pipeline, configurare l'area di lavoro.
    1. Fare clic sulla scheda Area di lavoro.
    2. Selezionare l'host Docker e l'URL immagine generatore.
      Dopo aver creato un'integrazione personalizzata, è necessario includere l'host, l'URL dell'immagine del generatore e il registro immagini.
  10. Aggiungere un'attività personalizzata alla pipeline e configurarla.
    1. Fare clic sulla scheda Modello.
    2. Aggiungere un'attività, selezionare il tipo come Personalizzato e immettere un nome pertinente.
    3. Selezionare lo script di integrazione personalizzato e la versione.
    4. Per visualizzare un messaggio personalizzato in Slack, immettere il testo del messaggio.
      Il testo immesso sostituisce defaultValue nello script di integrazione personalizzato. Ad esempio:
      Quando si aggiunge un'attività personalizzata alla pipeline, è possibile selezionare una versione dello script personalizzato.
  11. Salvare e abilitare la pipeline.
    1. Fare clic su Salva.
    2. Nella scheda Pipeline fare clic su Attiva pipeline in modo che il cerchio venga spostato a destra.
  12. Eseguire la pipeline.
    1. Fare clic su Esegui.
    2. Osservare l'esecuzione della pipeline.
    3. Verificare che l'output includa il codice di stato, il codice di risposta, lo stato e l'output dichiarato previsti.
      È stato definito statusCode come proprietà di output. Ad esempio, uno statusCode di 200 potrebbe indicare un post creato correttamente in Slack e un responseCode di 0 potrebbe indicare che lo script è riuscito senza errori.
    4. Per verificare l'output nei registri di esecuzione, fare clic su Esecuzioni, fare clic sul collegamento alla pipeline, quindi sull'attività e controllare i dati registrati. Ad esempio:
      Dopo che la pipeline esegue l'attività personalizzata, è possibile visualizzare l'output dell'attività per l'integrazione personalizzata nelle esecuzioni della pipeline.
  13. Se si verifica un errore, risolvere il problema ed eseguire nuovamente la pipeline.
    Ad esempio, se manca un file o un modulo nell'immagine di base, è necessario creare un'altra immagine di base che includa il file mancante. Quindi specificare il file Docker e inserire l'immagine attraverso la pipeline.

risultati

Congratulazioni! È stato creato uno script di integrazione personalizzata che connette vRealize Automation Code Stream all'istanza di Slack e invia un messaggio a un canale Slack.

Operazioni successive

Continuare a creare integrazioni personalizzate per supportare l'utilizzo di attività personalizzate nelle pipeline, in modo da poter estendere la funzionalità di vRealize Automation Code Stream nell'automazione del ciclo di vita del rilascio del software.