È possibile installare il servizio SaltStack Config nell'ambiente vRealize Automation utilizzando uno di due metodi di installazione. La scelta del metodo di installazione appropriato per il proprio ambiente dipende da alcuni fattori.

I due metodi di installazione disponibili per SaltStack Config sono:

  • Installazione standard: installa i componenti dell'architettura necessari per SaltStack Config in quattro o più nodi separati.
  • Installazione di vRealize Suite Lifecycle Manager (vRLCM): installa SaltStack Config e tutti i componenti della sua architettura in un nodo singolo. Questo metodo consente inoltre di installare l'host Salt Master e configurare un gruppo di proprietà di vRealize Automation obbligatorio.

Nelle sezioni seguenti vengono fornite descrizioni dettagliate di questi due scenari di installazione. Mentre si leggono le descrizioni e si sceglie il metodo di installazione appropriato per la propria rete, le domande principali da porsi sono le seguenti:

  • Quanti nodi ha la rete? SaltStack Config gestirà tutti questi nodi?
  • La rete richiede funzionalità di alta disponibilità, come il bilanciamento del carico e il failover automatico?
  • Qual è lo scopo dell'installazione di SaltStack Config? Ad esempio, si sta installando SaltStack Config come esecuzione di prova prima della distribuzione alla produzione?

Panoramica dell'installazione standard

Nell'installazione standard, si installa SaltStack Config in più nodi (server) utilizzando il programma di installazione di SaltStack Config. In questo scenario di installazione, l'obiettivo finale è avere quattro nodi, ognuno con una funzione host diversa:

  • Un Salt Master
  • Un nodo di database PostgreSQL
  • Un nodo di database Redis
  • Un nodo RaaS, noto anche come SaltStack Config

Nell'installazione standard, viene eseguito un highstate dell'orchestrazione specificato nel programma di installazione. L'highstate viene eseguito nel Salt Master e configura l'ambiente con più nodi. Installa l'architettura principale di SaltStack Config negli altri tre nodi che ospiteranno i nodi PostgreSQL, Redis e RaaS.

Utilizzare lo scenario di installazione con più nodi se:

  • La rete contiene più di 1.000 nodi che saranno gestiti da SaltStack Config. Si tenga presente che questo scenario è adatto anche per installazioni di dimensioni inferiori.
  • Se non si è certi del metodo di installazione più adatto al proprio sistema, lo scenario consigliato è l'installazione standard.

I vantaggi dello scenario di installazione con più nodi sono i seguenti:

  • Può essere scalato man mano che la rete cresce.
  • Per funzionare non dipende dalla disponibilità di un singolo nodo.
  • Questo metodo di installazione è in grado di supportare reti con esigenze di alta disponibilità, come il bilanciamento del carico e il failover automatico.

Gli svantaggi sono i seguenti:

  • Il processo di installazione è più complesso e richiede un'attenta riflessione e pianificazione. Potrebbe essere opportuno richiedere la consulenza professionale di un esperto che abbia già distribuito SaltStack Config in un ambiente di produzione.
  • Se nella rete è necessario utilizzare l'alta disponibilità, potrebbero essere necessari servizi di assistenza e/o consulenza da parte di un esperto che abbia già distribuito SaltStack Config in un ambiente di produzione.
  • Il completamento del processo di installazione può richiedere uno o due giorni, a seconda delle dimensioni e della complessità della rete.

Panoramica dell'installazione di vRealize Suite Lifecycle Manager

Nello scenario di installazione di Lifecycle Management, SaltStack Config viene installato in un nodo singolo (server). Dopo l'installazione, un Salt Master, il nodo RaaS, un database Redis e un database PostgreSQL vengono eseguiti in questo stesso nodo.

Utilizzare l'installazione di Lifecycle Management se:

  • La rete contiene al massimo 1.000 nodi che si intende gestire mediante SaltStack Config
  • Si desidera installare rapidamente SaltStack Config e valutarlo prima di distribuirlo alla produzione. (In un secondo momento, quando si esegue la distribuzione alla produzione, è possibile utilizzare l'installazione standard).

I vantaggi dello scenario di installazione di Lifecycle Management sono:

  • È semplice da installare.
  • È semplice da gestire perché SaltStack Config e tutte le relative dipendenze si trovano nello stesso nodo.
  • Il processo richiede solo alcune ore, a seconda delle dimensioni della rete.

Gli svantaggi sono i seguenti:

  • Questo metodo di installazione non è consigliato per i sistemi a livello di produzione.
  • Il sistema SaltStack Config dipende dalla disponibilità di un singolo nodo. Se tale nodo diventa inattivo, anche l'ecosistema di SaltStack Config diventa inattivo.