Lo strumento Assistente migrazione di vRealize Automation 8 include le seguenti limitazioni per le distribuzioni.

  • La migrazione di una distribuzione è un'operazione definitiva, indipendentemente dal fatto che riesca o meno. Non è possibile riprovare la migrazione di una distribuzione. È possibile eseguire nuovamente il piano creato dal servizio di migrazione nel servizio di onboarding. Quando si esegue nuovamente utilizzando il servizio di onboarding, il lease e la cronologia della distribuzione non vengono migrati.
  • Le informazioni di costo storiche non vengono migrate insieme alle distribuzioni. Per ulteriori informazioni su prezzi e costi, vedere Che cosa sono le schede dei prezzi.
  • Per le distribuzioni con reti su richiesta, se si migra una distribuzione che contiene un IP gestito da IPAM e poi si elimina la distribuzione migrata da vRealize Automation 8, è necessario eliminare manualmente anche l'indirizzo IP associato da Infoblox.
  • Dopo la migrazione a vRealize Automation 8, tutte le informazioni IPAM vengono migrate. Tuttavia, le operazioni giorno 2, come l'eliminazione delle distribuzioni, rilasciano gli indirizzi IP da un IPAM esterno solo per le distribuzioni che contengono profili di rete esterni. Per le distribuzioni contenenti reti su richiesta, è necessario rimuovere manualmente l'indirizzo IP da IPAM. In alternativa, è possibile creare una sottoscrizione per rimuovere l'IP da IPAM.
  • Se l'ambiente di origine include un bilanciamento del carico configurato in una rete esistente che non è connessa a una macchina, la rete esterna non viene migrata e l'IP non viene allocato durante la migrazione.
  • La funzionalità "Aggiorna distribuzione" funziona solo per le distribuzioni contenenti componenti di macchine virtuali vSphere. L'esecuzione di un'azione "Aggiorna distribuzione" nelle distribuzioni che contengono altri tipi di componenti (reti, macchine AWS, macchine Azure e così via) tenta di ricreare i componenti della distribuzione.
  • vRealize Automation 7 non raccoglie i dati dagli endpoint di Azure e non è in grado di verificare se una macchina Azure è stata eliminata al di fuori di vRealize Automation 7. Durante la valutazione della migrazione in vRealize Automation 8, le distribuzioni di Azure eliminate vengono indicate come Pronte ma vengono escluse durante la migrazione perché Assistente migrazione non trova le macchine virtuali.
  • Non è possibile eseguire la migrazione di una distribuzione di origine se include tipi di rete misti, ad esempio entrambe le reti NAT/route nella stessa distribuzione per NSX-T/NSX-V.
  • Se la distribuzione di origine contiene più di un componente di bilanciamento del carico NSX, viene migrata come singolo componente del bilanciamento del carico.
    Nota: Non tutte le route vengono create nel singolo componente.
  • L'indirizzo IP configurato per la rete NAT nelle distribuzioni di origine non è contrassegnato come allocato dopo la migrazione. Dopo la migrazione, gli indirizzi IP dei bilanciamenti del carico e delle macchine virtuali migrati vengono tuttavia contrassegnati come allocati in Infrastruttura > Reti > Indirizzo IP.
  • Se la distribuzione di vRealize Automation 7 di origine contiene una risorsa non valida, ad esempio non dispone di proprietà per una risorsa, la risorsa non viene migrata. Se tutte le risorse della distribuzione non sono valide, l'intera distribuzione non viene migrata.
  • Durante la migrazione Brownfield, sia le macchine migrate sia quelle di cui è stato eseguito l'onboarding non sono collegate alle zone cloud. Di conseguenza, queste macchine non vengono calcolate nelle definizioni dei valori massimi di storage.
  • Se si esegue la migrazione di una distribuzione con un componente macchina singolo e un componente di rete esistente, vRealize Automation tenta di ricreare la macchina esistente e termina con esito negativo visualizzando l'errore "La subnet è obbligatoria".
  • Al momento non è possibile eseguire la migrazione di distribuzioni di più macchine che hanno più dischi.
  • Se si esegue la migrazione di una distribuzione di vSphere collegata a un modello cloud e quindi si aggiorna il modello cloud dopo la migrazione, la distribuzione non riesce.
  • Se una distribuzione contiene regole DNAT, non è possibile eseguire la riconfigurazione delle azioni giorno 2 dopo la migrazione.