In qualità di amministratore del cloud, si desidera automatizzare il processo di distribuzione per un progetto in modo che quando i progettisti dei modelli cloud creano e distribuiscono i modelli, vRealize Automation Cloud Assembly esegua il lavoro automaticamente. Ad esempio, i carichi di lavoro vengono distribuiti con un determinato modello di denominazione della macchina personalizzato, le macchine vengono aggiunte a una specifica unità organizzativa di Active Directory e vengono utilizzati intervalli di IP e DNS specifici.

Automatizzando il processo per le distribuzioni del progetto, è possibile gestire più facilmente più progetti in diversi data center e ambienti cloud.

Non è necessario completare tutte le attività fornite qui. È possibile abbinare le attività nel modo desiderato, in base ai propri obiettivi di gestione.

Prima di iniziare

In questo tutorial è necessario configurare l'infrastruttura e distribuire correttamente un modello cloud con una macchina e una rete. Verificare che nel sistema siano già stati configurati i seguenti elementi.

Personalizzazione dei nomi delle macchine

L'obiettivo di questa attività consiste nel garantire che le macchine distribuite per il progetto Development Project siano denominate in base al centro di costo del progetto, al tipo di risorsa selezionato al momento della distribuzione e a numeri incrementali per garantire l'unicità. Ad esempio, DevProject-centos-021.

È possibile adattare questo esempio ai propri requisiti di denominazione.

Per ulteriori informazioni sui progetti, vedere Aggiunta e gestione di progetti di vRealize Automation Cloud Assembly.

Icona video. Il collegamento al video è nella frase seguente. In Come creare un modello di denominazione personalizzata per le distribuzioni è disponibile un video che illustra questo esempio di denominazione personalizzata.

  1. Selezionare Infrastruttura > Progetti.
  2. Selezionare un progetto esistente o crearne uno nuovo.

    Per questo tutorial, il nome del progetto è Development Project.

  3. Fare clic su Crea.
  4. Nella pagina Progetti, fare clic sul nome del progetto nel riquadro in modo che sia possibile configurarlo.
  5. Fare clic sulla scheda Utenti e aggiungere gli utenti membri di questo progetto.
  6. Fare clic sulla scheda Provisioning.
    1. Nella sezione Zone, fare clic su Aggiungi zona e aggiungere le zone cloud possibili in cui vengono distribuiti i carichi di lavoro per questo progetto.
    2. Nella sezione Proprietà personalizzate, aggiungere una proprietà personalizzata con nome costCenter e valore DevProject.
      Scheda Provisioning del progetto con i valori di esempio per le proprietà personalizzate e la denominazione personalizzata.
    3. Nella sezione Denominazione personalizzata, aggiungere il seguente modello di denominazione.
      ${resource.costCenter}-${resource.installedOS}-${###}

      ${resource.installedOS} si basa sul sistema operativo selezionato quando si distribuisce il modello cloud.

  7. Fare clic su Salva.
  8. Aggiornare il modello cloud con un valore di input per il tipo di sistema operativo.

    I valori di input rappresentano il modo diretto per personalizzare il modulo di richiesta della distribuzione per gli utenti e semplificare il processo di sviluppo. Creando i valori di input, è possibile utilizzare un singolo modello cloud per distribuire i carichi di lavoro con configurazioni diverse. Ad esempio, dimensione o sistema operativo.

    In questo esempio viene utilizzato il modello Development Template creato in un tutorial precedente. Vedere Passaggio 5: progettare e distribuire un modello cloud di base.

    1. Selezionare Progettazione e aprire il modello Development Template.
    2. Nel riquadro Codice, aggiornare il codice YAML con le seguenti modifiche.
      • Nella sezione Inputs, aggiungere installedOS.

        Nel passaggio successivo è possibile vedere che l'input installedOS viene utilizzato anche per specificare l'immagine. Quando si aggiungono le stringhe nella sezione enum, i valori in questo esempio sono centos e ubuntu, e devono corrispondere ai nomi delle immagini definiti in Infrastruttura > Configura > Mappature immagini. Ad esempio, se il nome della mappatura immagine è CentOS anziché centos, è consigliabile utilizzare CentOS nella sezione degli input.

        inputs: 
          installedOS:
            type: string
            title: OS Type
            description: Select the operating system.
            enum: 
              - centos
              - ubuntu
        
      • Nella sezione Cloud_vSphere_Machine_1, aggiornare image a un parametro di input installedOS (${input.installedOS}) e aggiungere una proprietà personalizzata installedOS con lo stesso parametro di input.
        resources:
          Cloud_vSphere_Disk_1:
            type: Cloud.vSphere.Disk
            properties:
              capacityGb: 1
          Cloud_vSphere_Machine_1:
            type: Cloud.vSphere.Machine
            properties:
              image: ${input.installedOS}
              installedOS: ${input.installedOS}
              flavor: small
              networks:
                - network: '${resource.Cloud_NSX_Network_1.id}'
              attachedDisks:
                - source: '${resource.Cloud_vSphere_Disk_1.id}'
          Cloud_NSX_Network_1:
            type: Cloud.NSX.Network
            properties:
              networkType: existing
    3. Fare clic su Distribuisci e immettere il nome Custom name deployment test.
    4. Fare clic su Avanti.
    5. Selezionare il sistema operativo centos dal menu a discesa.
      Sezione Input di distribuzione della finestra di dialogo Distribuisci. Gli input includono il menu a discesa delle opzioni.
    6. Fare clic su Distribuisci.
  9. Monitorare lo stato di avanzamento e rivedere la distribuzione corretta.
    Il nome della macchina in questo esempio è DevProject-centos-026. È importante ricordare che questo esempio si basa sul tutorial a cui si fa riferimento all'inizio di questa attività.
    Scheda Topologia dei dettagli della distribuzione che mostra il nome personalizzato della macchina.

Creazione di record macchina di Active Directory

Quando si esegue il provisioning di un carico di lavoro, è possibile creare record macchina in Active Directory. Configurando vRealize Automation Cloud Assembly in modo che esegua automaticamente questa attività per le distribuzioni di un progetto è possibile alleggerire il proprio carico di lavoro di amministratore del cloud.

  1. Aggiungere un'integrazione di Active Directory.
    1. Selezionare Infrastruttura > Connessioni > Integrazioni.

      Questi passaggi illustrano la configurazione di Active Directory di base in relazione ai record macchina di AD di questo esempio. Per ulteriori informazioni sull'integrazione di Active Directory, vedere Come creare un'integrazione di Active Directory in vRealize Automation Cloud Assembly.

    2. Fare clic su Aggiungi integrazione e quindi su Active Directory.
      Scheda Riepilogo di Active Directory che include i valori di DN di base ou=AppDev,dc=cmbu,dc=local.
    3. Immettere il nome utilizzato per questa integrazione.
    4. Immettere Host/IP LDAP e le credenziali associate.
    5. Immettere il DN di base.

      In questo tutorial l'esempio è ou=AppDev,dc=cmbu,dc=local. AppDev è l'unità organizzativa principale per l'unità organizzativa del computer che verrà aggiunta per il progetto.

    6. Fare clic su Aggiungi.
  2. Aggiungere il progetto all'integrazione.
  3. Nell'integrazione di Active Directory, fare clic sulla scheda Progetti e quindi su Aggiungi progetto.
    Finestra di dialogo Aggiungi progetti dell'integrazione di Active Directory che include il valore DN relativo ou=AppDev-Computers.
    1. Selezionare il progetto App Development.
    2. Immettere i DN relativi. Ad esempio OU=AppDev-Computers.
    3. Lasciare disattivati gli interruttori Sostituisce e Ignora.

      Questa procedura è incentrata sull'automazione del processo per un progetto. Non vengono trattate le personalizzazioni che è possibile eseguire nei modelli.

    4. Fare clic su Aggiungi.
  4. Per salvare le modifiche apportate all'integrazione, fare clic su Salva.
  5. Distribuire un modello cloud per il progetto e verificare che la macchina sia stata aggiunta all'unità organizzativa di Active Directory corretta.

Impostazione del DNS di rete e dell'intervallo di IP interni

Aggiungere o aggiornare un profilo di rete per includere i server DNS e gli intervalli di indirizzi IP interni.

È necessario aver già creato un account cloud per vSphere, NSX-V o NSX-T. Vedere Tutorial: configurazione e verifica dell'infrastruttura e delle distribuzioni di vSphere in vRealize Automation Cloud Assembly o Aggiunta di account cloud a vRealize Automation Cloud Assembly.

  1. Selezionare Infrastruttura > Configura > Profili di rete.
  2. Selezionare un profilo esistente o crearne uno.
  3. Nella scheda Riepilogo, selezionare Account/Regione e immettere un nome.

    Per questo tutorial, il nome del profilo di rete è Network Profile.

  4. Aggiungere le reti.
    1. Fare clic sulla scheda Reti.
    2. Fare clic su Aggiungi rete.
    3. Aggiungere una o più reti NSX o vSphere.
    4. Fare clic su Aggiungi.
  5. Configurare i server DNS.
    1. Nell'elenco di reti della scheda Reti, fare clic sul nome della rete.
      Scheda Reti con il nome della rete evidenziato.
    2. Immettere gli indirizzi IP del server DNS che si desidera utilizzare per questa rete.
      Finestra di dialogo di configurazione della rete che include il server DNS e i domini di ricerca DNS con dati di esempio. La guida indicazioni è aperta per i server DNS per ricordare agli utenti che all'interno del prodotto è disponibile una guida.
    3. Fare clic su Salva.
  6. Specificare l'intervallo di indirizzi IP per la rete.
    1. Nell'elenco delle reti, selezionare la casella di controllo accanto al nome della rete.
      Profilo di rete con la scheda Reti selezionata. Viene selezionata una rete e il pulsante Gestisci intervalli IP è evidenziato.
    2. Fare clic su Gestisci intervalli IP.
    3. Nella finestra di dialogo Gestisci intervalli IP, fare clic su Nuovo intervallo IP.
      Finestra di dialogo Nuovo intervallo IP. Include i dati di esempio di questa attività.
    4. Immettere un nome.

      Ad esempio, DevProject Range.

    5. Per definire l'intervallo, immettere Indirizzo IP iniziale e Indirizzo IP finale.
    6. Fare clic su Aggiungi.
    7. Aggiungere ulteriori intervalli o fare clic su Chiudi.
  7. Aggiungere la zona cloud contenente la regione o l'account di rete associato che è stato configurato per Development Project.
  8. Distribuire un modello cloud per il progetto e verificare che venga eseguito il provisioning della macchina entro l'intervallo di IP specificato.