In questo argomento viene descritto un approccio di base e le opzioni per una strategia di tag di vRealize Automation Cloud Assembly logica. È possibile utilizzare questi esempi come punto di partenza per una distribuzione effettiva oppure è possibile definire una strategia diversa che soddisfi meglio le proprie esigenze.

In genere, l'amministratore del cloud è il principale responsabile della creazione e della gestione dei tag.

Questo argomento si riferisce al caso d'uso di WordPress descritto altrove nella documentazione di vRealize Automation Cloud Assembly per illustrare la modalità di aggiunta dei tag ad alcuni elementi chiave. Descrive anche possibili alternative ed estensioni agli esempi di tag che compaiono nel caso d'uso di WordPress.

Per ulteriori informazioni sul caso d'uso di WordPress, vedere Tutorial: configurazione e verifica dell'infrastruttura e delle distribuzioni multi-cloud in vRealize Automation Cloud Assembly.

Il caso d'uso di WordPress descrive come posizionare i tag nelle zone cloud e nei profili di storage e di rete. Questi profili sono come pacchetti di risorse organizzati. I tag inseriti nei profili si applicano a tutti gli elementi all'interno del profilo. È inoltre possibile creare e posizionare tag in risorse di storage e singoli elementi di rete, nonché nelle risorse di elaborazione, ma questi tag si applicano solo alle risorse specifiche in cui sono posizionati. Quando si configurano i tag, in genere è preferibile iniziare applicando tag alle risorse di elaborazione, quindi è possibile aggiungere successivamente tag ai profili e alle zone cloud. Inoltre, questi tag vengono utilizzati per filtrare l'elenco delle risorse di elaborazione per una zona cloud.

Ad esempio, mentre è possibile inserire tag nei profili di storage, come mostrato in questo caso d'uso, è anche possibile inserire tag nei singoli criteri di storage, nei datastore e negli account di storage. I tag di queste risorse consentono di esercitare un controllo più preciso sulle modalità di distribuzione delle risorse di storage. Durante l'elaborazione in preparazione alla distribuzione, questi tag vengono risolti come livello successivo di elaborazione dopo i tag del profilo.

Come esempio della possibile configurazione di uno scenario tipico del cliente, è possibile collocare un tag di region: eastern in un profilo di rete. Questo tag si applicherebbe a tutte le risorse all'interno di tale profilo. È quindi possibile inserire un tag di networktype:pci su una risorsa di rete PCI all'interno del profilo. Un modello con vincoli eastern e PCI creerebbe distribuzioni che utilizzano questa rete PCI per la regione eastern.

Procedura

  1. Contrassegnare le risorse dell'infrastruttura di elaborazione in modo logico e appropriato.
    È particolarmente importante che le risorse di elaborazione vengano contrassegnate in modo logico in modo da poterle trovare utilizzando la funzione di ricerca nella scheda Risorse di elaborazione della pagina Crea zona cloud. Utilizzando questa funzione di ricerca, è possibile filtrare rapidamente le risorse di elaborazione associate a una zona cloud. Se si assegnano tag a storage e reti a livello di profilo, potrebbe non essere necessario assegnare tag alle singole risorse di storage e di rete.
    1. Selezionare Risorse > Risorse di elaborazione per visualizzare le risorse di elaborazione importate per l'istanza di vRealize Automation Cloud Assembly.
    2. Selezionare ciascuna risorsa di elaborazione in base alle esigenze e fare clic su Tag per aggiungere un tag alla risorsa. Se necessario, è possibile aggiungere più tag a ciascuna risorsa.
    3. Ripetere il passaggio precedente per le risorse di storage e di rete in base alle esigenze.
  2. Creare tag di funzionalità per zone cloud e profili di rete.
    È possibile utilizzare gli stessi tag per le zone cloud e i profili di rete oppure è possibile creare tag univoci per ogni elemento, se necessario per l'implementazione.

    Nei profili di rete è possibile collocare tag sull'intero profilo, nonché sulle subnet all'interno del profilo. I tag applicati a livello di profilo si applicano a tutti i componenti, ad esempio le subnet, all'interno di tale profilo. I tag sulle subnet si applicano solo alla subnet specifica su cui sono posizionati. Durante l'elaborazione dei tag, i tag a livello del profilo hanno la precedenza rispetto ai tag a livello di subnet.

    Per informazioni sull'aggiunta di tag alle zone cloud o ai profili di rete, vedere GUID-9DB7610D-9179-419B-9605-539F625A81D1.html#GUID-9DB7610D-9179-419B-9605-539F625A81D1GUID-23B5D5B8-1718-4581-9019-71F01BD28111.html#GUID-23B5D5B8-1718-4581-9019-71F01BD28111.

    In questo esempio vengono creati tre semplici tag che vengono visualizzati in tutta la documentazione del caso d'uso per i tag di zone cloud e profili di rete di vRealize Automation Cloud Assembly. Questi tag identificano l'ambiente per i componenti del profilo.

    • zone:test
    • zone:dev
    • zone:prod
  3. Creare tag del profilo di storage per i componenti dello storage.

    In genere, i tag di storage identificano il livello di prestazioni degli elementi di storage, come tier1 o tier2, oppure identificano la natura degli elementi di storage, come ad esempio PCI.

    Per informazioni sull'aggiunta di tag ai profili di storage, vedere GUID-32433F9C-A27E-46D6-8B77-8A4BA8E23D1E.html#GUID-32433F9C-A27E-46D6-8B77-8A4BA8E23D1E.

    • usage:general
    • usage:fast

risultati

Dopo aver creato una struttura di tag di base, è possibile iniziare a utilizzarla e aggiungere o modificare i tag in modo appropriato per perfezionare ed estendere le funzionalità di tag.