In qualità di amministratore del progetto o del cloud, si dispone di una convenzione di denominazione prestabilita per le risorse del proprio ambiente e si desidera che la risorsa distribuita segua tale convenzione senza che sia necessaria l'interazione dell'utente. È possibile creare un modello di denominazione per tutte le distribuzioni di un progetto di vRealize Automation Cloud Assembly.

Ad esempio, la convenzione di denominazione dell'host consiste nell'aggiungere a una risorsa il prefisso projectname-sitecode-costcenter-whereDeployed-identifier. È possibile configurare il modello di denominazione personalizzato per le macchine per ogni progetto. Alcune variabili di modello vengono estratte dal sistema durante la distribuzione, mentre altre sono basate sulle proprietà personalizzate del progetto. Il modello di denominazione personalizzato per il prefisso riportato sopra ha un aspetto simile all'esempio seguente.
${project.name}-${resource.siteCode}-${resource.costCenter}-${endpoint.name}-${######} 
L'identificatore, fornito nel modello come ${######}, mostra un identificatore di sei cifre. L'identificatore è un contatore che garantisce l'univocità. Il contatore è globale per l'organizzazione e viene incrementato in tutti i progetti, non solo in quello corrente. Quando si dispone di più progetti, non aspettarsi una sequenza da 000123 a 000124 per le distribuzioni nel progetto corrente. È possibile prevedere un incremento da 000123 a 000127.

Tutti i nomi delle risorse devono essere univoci. Per garantire l'univocità, utilizzare la proprietà del numero incrementale. I numeri aumentano per tutte le distribuzioni, incluse le distribuzioni denominate da vRealize Automation Cloud Assembly. Man mano che il sistema diventa più robusto e poiché il sistema applica nomi personalizzati a molti tipi di risorse, la numerazione può apparire casuale, ma i valori garantiscono comunque l'univocità. I numeri aumentano anche quando si esegue una distribuzione di test.

L'elenco seguente è un esempio di dove vengono applicati i nomi personalizzati. L'elenco non è da intendersi come definitivo.

Tabella 1. Elenco di esempio delle risorse a cui vengono applicati nomi personalizzati
Gruppo di risorse Tipi di risorse
Macchine virtuali
  • Cloud.Machine
  • Cloud.vSphere.Machine
  • Cloud.AWS.EC2.Instance
  • Cloud.GCP.Machine
  • Cloud.Azure.Machine
Bilanciamenti del carico
  • Cloud.LoadBalancer
  • Cloud.NSX.LoadBalancer
Reti
  • Cloud.Network
  • Cloud.vSphere.Network
  • Cloud.NSX.Network
Gruppi di sicurezza
  • Cloud.SecurityGroup
Dischi
  • Cloud.Volume
  • Cloud.vSphere.Disk
  • Cloud.AWS.Volume
  • Cloud.GCP.Disk
  • Cloud.Azure.Disk
NSX
  • Cloud.NSX.Gateway
  • Cloud.NSX.NAT
Microsoft Azure
  • Cloud.Azure.ResourceGroup

Oltre agli esempi forniti qui, è possibile aggiungere anche il nome utente, l'immagine utilizzata, altre opzioni integrate e stringhe semplici. Durante la creazione del modello, vengono forniti suggerimenti relativi alle opzioni possibili.

Si tenga presente che alcuni valori visualizzati sono solo esempi di casi d'uso. Non sarà possibile utilizzarli alla lettera nel proprio ambiente. Valutare dove apportare le proprie sostituzioni o utilizzare i valori di esempio per adattarli alle proprie esigenze di gestione della distribuzione e dell'infrastruttura cloud.

Prerequisiti

  • Assicurarsi di conoscere la convenzione di denominazione che si desidera utilizzare per le distribuzioni di un progetto.
  • Questa procedura presuppone che sia presente o che sia possibile creare un modello cloud semplice da utilizzare per testare la denominazione dei prefissi degli host personalizzati.

Procedura

  1. Selezionare Infrastruttura > Progetti.
  2. Selezionare un progetto esistente o crearne uno nuovo.
  3. Nella scheda Provisioning, individuare la sezione Proprietà personalizzate e creare le proprietà per il codice del sito e i valori del centro di costo.
    Qui è possibile sostituire i valori visualizzati dell'esempio con quelli pertinenti per il proprio ambiente.
    Opzioni di denominazione personalizzate per un progetto
    1. Creare una proprietà personalizzata con il nome siteCode e il valore BGL.
    2. Aggiungere un'altra proprietà personalizzata con il nome costCenter e il valore IT-research.
  4. Individuare la sezione Denominazione personalizzata e aggiungere il modello seguente.
    ${project.name}-${resource.siteCode}-${resource.costCenter}-${endpoint.name}-${######} 
    È possibile copiare nella stringa, ma se questo è il primo modello di denominazione, è consigliabile utilizzare il testo del suggerimento e la selezione rapida durante la creazione del modello.
  5. Distribuire un modello cloud associato al progetto per verificare che il nome personalizzato venga applicato alla risorsa.
    1. Fare clic sulla scheda Progettazione, quindi fare clic su un modello cloud associato al progetto.
    2. Distribuire il modello cloud.
      Viene aperta la scheda Distribuzioni, che mostra la distribuzione in corso.
    3. Una volta completata la distribuzione, fare clic sul nome della distribuzione.
    4. Nella scheda Topologia, si noti che il nome personalizzato è il nome della risorsa nel riquadro a destra.

      Illustrazione del nome della risorsa personalizzata nella topologia della distribuzione
  6. Se è stato distribuito un modello cloud di test per verificare la convenzione di denominazione, è possibile eliminare la distribuzione.

Operazioni successive

Creare modelli di denominazione personalizzati per gli altri progetti.