Quando si creano o si modificano i modelli cloud di vRealize Automation, utilizzare le risorse di bilanciamento del carico più appropriate per i propri obiettivi. Di seguito sono disponibili ulteriori informazioni sulle opzioni di bilanciamento del carico nel modello cloud.

È possibile utilizzare NSX e risorse di bilanciamento del carico indipendenti dal cloud in un modello cloud per controllare il bilanciamento del carico in una distribuzione.

Il bilanciamento del carico indipendente dal cloud può essere distribuito in più cloud. Un bilanciamento del carico specifico del cloud consente la definizione di impostazioni e funzionalità avanzate disponibili solo per un cloud o una topologia specifici. Le proprietà specifiche del cloud sono disponibili nel tipo di risorsa bilanciamento del carico NSX (Cloud.NSX.LoadBalancer). Se si aggiungono queste proprietà in un bilanciamento del carico indipendente dal cloud (Cloud.LoadBalancer), vengono ignorate se ad esempio viene eseguito il provisioning di un bilanciamento del carico Amazon Web Services o Microsoft Azure, ma vengono rispettate se viene eseguito il provisioning di un bilanciamento del carico NSX-V o NSX-T. Scegliere uno dei tipi di risorse di bilanciamento del carico disponibili in base alle condizioni del modello cloud di vRealize Automation.

Non è possibile connettere una risorsa di bilanciamento del carico direttamente a una risorsa del gruppo di sicurezza nella tela di progettazione.

Risorsa di bilanciamento del carico indipendente dal cloud

Utilizzare un bilanciamento del carico indipendente dal cloud quando si desidera specificare le caratteristiche di rete per qualsiasi tipo di macchina di destinazione.

È possibile aggiungere un bilanciamento del carico indipendente dal cloud utilizzando la risorsa Indipendente dal cloud > Bilanciamento del carico nella pagina di progettazione del modello cloud. La risorsa viene visualizzata nel codice del modello cloud come tipo di risorsa Cloud.LoadBalancer. La risorsa predefinita viene visualizzata come:
Cloud_LoadBalancer_1:
    type: Cloud.LoadBalancer
    properties:
      routes: []
      network: ''
      instances: []
      internetFacing: false

Risorsa di bilanciamento del carico di NSX

Utilizzare un bilanciamento del carico NSX quando il modello cloud contiene caratteristiche specifiche di NSX-V o NSX-T (metodi Policy API o Manager API). È possibile collegare uno o più bilanciamenti del carico a una rete NSX-V o NSX-T oppure a macchine associate a una rete NSX-V o NSX-T.

È possibile aggiungere un bilanciamento del carico NSX utilizzando la risorsa NSX > Bilanciamento del carico. La risorsa viene visualizzata nel codice del modello cloud come tipo di risorsa Cloud.NSX.LoadBalancer. La risorsa predefinita viene visualizzata come:
Cloud_NSX_LoadBalancer_1:
    type: Cloud.NSX.LoadBalancer
    properties:
      routes: []
      network: ''
      instances: []
      

Opzioni del bilanciamento del carico nel codice del modello cloud

L'aggiunta di una o più risorse del bilanciamento del carico al modello cloud consente di specificare le impostazioni seguenti. Alcuni esempi sono disponibili nella sezione Reti, gruppi di sicurezza e bilanciamenti del carico in vRealize Automation Cloud Assembly.
Nota: I bilanciamenti del carico su richiesta non supportano il protocollo HTTPS. Quando si usa un bilanciamento del carico su richiesta, viene utilizzato il protocollo HTTP.
  • Definizione della macchina

    È possibile specificare le risorse denominate della macchina che devono partecipare a un pool di bilanciamento del carico. In alternativa, è possibile specificare che la scheda NIC di una macchina specifica partecipi al pool di bilanciamento del carico.

    Questa opzione è disponibile solo per la risorsa bilanciamento del carico NSX (Cloud.NSX.LoadBalancer).

    • resource.Cloud_Machine_1.id

      Specifica che il bilanciamento del carico include la macchina identificata nel codice del modello cloud come Cloud_Machine_1.

    • resource.Cloud_Machine_2.networks[2].id

      Specifica che il bilanciamento del carico include la macchina identificata nel codice del modello cloud come Cloud_Machine_2 solo quando viene distribuita nella scheda NIC della macchina Cloud_Machine_2.networks[2].

  • Livello di registrazione

    Il valore del livello di registrazione specifica un livello di gravità per il registro degli errori. Le opzioni sono nessuna NONE, EMERGENCY, ALERT, CRITICAL, ERROR, WARNING, INFO, DEBUG e NOTICE. Il valore del livello di registrazione si applica a tutti i bilanciamenti del carico nel modello cloud. Questa opzione è specifica di NSX. Per i bilanciamenti del carico con un elemento principale, l'impostazione del livello di registrazione principale sostituisce qualsiasi impostazione del livello di registrazione nei relativi elementi secondari.

    Per informazioni correlate, vedere argomenti come l'aggiunta di bilanciamenti del carico nella documentazione di prodotto di NSX.

  • Tipo

    Utilizzare un tipo di bilanciamento del carico per specificare una dimensione di scala. Il valore predefinito è small. Questa opzione è specifica di NSX. Per i bilanciamenti del carico con un elemento principale, l'impostazione del tipo principale sostituisce qualsiasi impostazione di tipo nei relativi elementi secondari.

    • Piccolo

      Correlato a compact in NSX-V e small in NSX-T.

    • Medio

      Correlato a large in NSX-V e medium in NSX-T.

    • Grande

      Correlato a quad-large in NSX-V e large in NSX-T.

    • Molto grande

      Correlato a xlarge in NSX-V e large in NSX-T.

      Per informazioni correlate, vedere argomenti come il ridimensionamento delle risorse del bilanciamento del carico nella documentazione di prodotto di NSX.

    Questa opzione è disponibile per la risorsa di bilanciamento del carico NSX (Cloud.NSX.LoadBalancer).

  • Algoritmo (pool di server)
    Utilizzare un metodo di bilanciamento algoritmo per controllare il modo in cui le connessioni in entrata vengono distribuite tra i membri del pool di server. L'algoritmo può essere utilizzato in un pool di server o direttamente in un server. Tutti gli algoritmi di bilanciamento del carico ignorano i server che soddisfano una delle seguenti condizioni:
    • Lo stato dell’amministratore è impostato su DISABLED.
    • Lo stato dell’amministratore è impostato su GRACEFUL_DISABLED e non è presente alcuna voce di persistenza corrispondente.
    • Lo stato del controllo di integrità attivo o passivo è DOWN.
    • È stato raggiunto il limite massimo di connessioni simultanee del pool di server.

    Questa opzione è specifica di NSX.

    • IP_HASH

      Seleziona un server in base a un hash dell'indirizzo IP di origine e al peso totale di tutti i server in esecuzione.

      È correlato a IP-HASH in NSX-V e NSX-T.

    • LEAST_CONNECTION

      Distribuisce le richieste del client a più server in base al numero di connessioni già presenti nel server. Le nuove connessioni vengono inviate al server con il minor numero di connessioni. Ignora i pesi dei membri del pool di server anche se sono configurati.

      È correlato a LEASTCONN in NSX-V e LEAST_CONNECTION in NSX-T.

    • ROUND_ROBIN

      Le richieste dei client in entrata vengono assegnate a un elenco di server disponibili in grado di gestirle, uno alla volta e ciclicamente. Con questa opzione, il peso dei membri del pool di server viene ignorato anche se è configurato. Questa è l’impostazione predefinita.

      È correlato a ROUND_ROBIN in NSX-V e NSX-T.

    • WEIGHTED_LEAST_CONNECTION

      A ciascun server viene assegnato un valore di peso che indica le prestazioni del server rispetto agli altri server nel pool. Tale valore determina il numero di richieste dei client inviate a un server rispetto agli altri server nel pool. Questo algoritmo di bilanciamento del carico utilizza il valore del peso per distribuire equamente il carico tra le risorse server disponibili. Per impostazione predefinita, il valore del peso è 1 se tale valore non viene configurato e l'opzione di avvio lento è abilitata.

      È correlato a WEIGHTED_LEAST_CONNECTION in NSX-T. Non c'è correlazione in NSX-V.

    • WEIGHTED_ROUND_ROBIN

      A ciascun server viene assegnato un valore di peso che fornisce che indica le prestazioni del server rispetto agli altri server nel pool. Tale valore determina il numero di richieste dei client inviate a un server rispetto agli altri server nel pool. L'obiettivo di questo algoritmo di bilanciamento del carico è quello di distribuire equamente il carico tra le risorse server disponibili.

      È correlato a WEIGHTED_ROUND_ROBIN in NSX-T. Non c'è correlazione in NSX-V.

    • URI

      Tramite la parte sinistra dell'URI viene calcolato un hash che viene quindi diviso per il peso totale dei server in esecuzione. Il risultato indica il server che riceverà la richiesta. Ciò assicura che un URI venga sempre indirizzato allo stesso server purché nessun altro server diventi attivo o inattivo. Il parametro dell'algoritmo URI ha due opzioni, ovvero uriLength=<len> e uriDepth=<dep>. L'intervallo del parametro della lunghezza deve essere 1<=len<256. L'intervallo del parametro della profondità deve essere 1<=dep<10. I parametri di lunghezza e profondità sono seguiti da un numero intero positivo. Queste opzioni possono bilanciare i server solo in base alla parte iniziale dell'URI. Il parametro della lunghezza indica che l'algoritmo deve prendere in considerazione solo i caratteri definiti all'inizio dell'URI per calcolare l'hash. Il parametro della profondità indica la profondità di directory massima da utilizzare per calcolare l'hash. Viene conteggiato un livello per ciascuna barra presente nella richiesta. Se sono specificati entrambi i parametri, la valutazione termina quando viene raggiunto uno dei parametri.

      È correlato a URI in NSX-V. Non c'è correlazione in NSX-T.

    • HTTPHEADER

      In ciascuna richiesta HTTP viene cercato il nome dell'intestazione HTTP. Per il nome dell'intestazione tra parentesi non viene fatta distinzione tra maiuscole e minuscole. Se l'intestazione è assente o non contiene alcun valore, viene applicato l'algoritmo round robin. Il parametro dell'algoritmo HTTPHEADER ha un'unica opzione, ovvero headerName=<name>.

      È correlato a HTTPHEADER in NSX-V. Non c'è correlazione in NSX-T.

    • URL

      Nella stringa di query di ciascuna richiesta HTTP GET viene cercato il parametro URL specificato nell'argomento. Se il parametro è seguito da un segno di uguale = e da un valore, viene calcolato l'hash del valore, il quale viene poi diviso per il peso totale dei server in esecuzione. Il risultato indica il server che riceverà la richiesta. Questo processo viene utilizzato per tenere traccia degli identificatori utente nelle richieste e assicurare che lo stesso ID utente venga sempre inviato allo stesso server purché nessun altro server diventi attivo o inattivo. Se non viene trovato alcun valore o parametro, viene applicato un algoritmo round robin. Il parametro dell'algoritmo URL ha un'unica opzione, ovvero urlParam=<url>.

      È correlato a URL in NSX-V. Non c'è correlazione in NSX-T.

    Per informazioni correlate, vedere argomenti come l'aggiunta di un pool di server per il bilanciamento del carico nella documentazione di prodotto di NSX.

  • Monitoraggio dell'integrità

    Utilizzare le opzioni di monitoraggio dell'integrità per verificare se un server è disponibile. È supportato il monitoraggio dell'integrità attivo per i protocolli HTTP, ICMP, TCP e UDP. Il monitoraggio dell'integrità passivo è disponibile solo per NSX-T.

    Questa opzione è specifica di NSX.

    • httpMethod

      Metodo HTTP da utilizzare per rilevare lo stato del server per la richiesta di controllo dell'integrità. I metodi sono GET, HOST, OPTIONS, HEAD e PUT.

    • requestBody

      Contenuto del corpo della richiesta di controllo dell'integrità. Utilizzato e necessario per i protocolli HTTP, TCP e UDP.

    • responseBody

      Contenuto del corpo della risposta prevista dal controllo dell'integrità. Se la stringa ricevuta corrisponde a questo corpo della risposta, il server viene considerato integro. Utilizzato e necessario per i protocolli HTTP, TCP e UDP.

    Nota: Se si utilizza il protocollo di monitoraggio UDP, i parametri UDP Data Sent e UDP Data Expected sono necessari. Le proprietà requestBody e responseBody vengono mappate a questi parametri.

    Questa opzione è disponibile per la risorsa bilanciamento del carico di NSX (Cloud.NSX.LoadBalancer).

    Per informazioni correlate, vedere argomenti come la configurazione del monitoraggio dell'integrità attivo nella documentazione di prodotto di NSX.

  • Controllo dell'integrità

    Utilizzare le opzioni di controllo dell'integrità per specificare in che modo il bilanciamento del carico esegue il controllo dell'integrità.

    Questa opzione è disponibile solo per la risorsa bilanciamento del carico di NSX (Cloud.NSX.LoadBalancer).

    Vedere Reti, gruppi di sicurezza e bilanciamenti del carico in vRealize Automation Cloud Assembly per un esempio di impostazioni di controllo dell'integrità disponibili.

Tipi di rete e opzioni di bilanciamento del carico di NSX-V e NSX-T

Le opzioni di bilanciamento del carico dipendono dalla rete a cui è associata la risorsa di bilanciamento del carico nel modello cloud. È possibile configurare un bilanciamento del carico relativo al tipo di rete e alle condizioni della rete.

  • Rete su richiesta

    Se le risorse di elaborazione del bilanciamento del carico sono collegate a una rete su richiesta, viene creato un nuovo router di livello 1, che viene collegato al router di livello 0 specificato nel profilo di rete. Il bilanciamento del carico viene quindi collegato al router di livello 1. L'annuncio VIP del router di livello 1 è attivato se il VIP si trova su una rete esistente. Se una rete su richiesta è configurata per DHCP, la rete su richiesta e il bilanciamento del carico condividono il router di livello 1.

  • Rete esistente

    Se il bilanciamento del carico è collegato a una rete esistente, viene creato un bilanciamento del carico per il router di livello 1 della rete esistente. Viene creato un nuovo bilanciamento del carico se al router di livello 1 non è collegato alcun servizio di bilanciamento del carico. Se il bilanciamento del carico esiste già, i nuovi server virtuali vengono collegati a tale bilanciamento del carico. Se la rete esistente non è collegata a un router di livello 1, un nuovo router di livello 1 viene creato e collegato a un router di livello 0 definito nel profilo di rete. L'annuncio VIP del router di livello 1 non è abilitato.

    vRealize Automation non supporta un bilanciamento del carico a due bracci (bilanciamento del carico inline) di NSX-T su due reti esistenti diverse. Si tenga presente che in uno scenario di bilanciamento del carico a due bracci, l'uplink VIP si trova in una rete esistente, mentre le macchine che fanno parte del pool sono connesse a una rete su richiesta. Per specificare il bilanciamento del carico quando si utilizza una rete esistente, è necessario configurare un bilanciamento del carico a un braccio in cui la stessa rete esistente viene utilizzata per il VIP del bilanciamento del carico e per le macchine che fanno parte del pool. Tuttavia, a partire da vRealize Automation 8.4.2, se si utilizza un bilanciamento del carico selezionato nel profilo di rete, è possibile bilanciare il carico tra le macchine su due reti esistenti diverse se è presente la connettività tra le due reti esistenti.

  • Isolamento di rete definito nel profilo di rete

    Per i tipi di rete outbound o private, è possibile specificare le impostazioni di isolamento di rete in un profilo di rete per emulare un nuovo gruppo di sicurezza. Poiché le macchine sono collegate a una rete esistente e le impostazioni di isolamento sono definite nel profilo, questa opzione è simile a un bilanciamento del carico creato in una rete esistente. La differenza è che per attivare il percorso dei dati, l'IP della porta di uplink di livello 1 viene aggiunto al gruppo di sicurezza di isolamento.

È possibile specificare le impostazioni di bilanciamento del carico per le reti associate a NSX utilizzando una risorsa di bilanciamento del carico di NSX nella progettazione del modello cloud.

Per ulteriori informazioni, vedere il post vRA Cloud Assembly Load Balancer with NSX-T Deep Dive nel blog di VMware.

Riconfigurazione delle impostazioni del livello o del tipo di registrazione quando più bilanciamenti del carico condividono un NSX-T di livello 1 o un edge NSX-V

Quando si utilizza un modello cloud che contiene più bilanciamenti del carico che condividono un router di livello 1 nell'endpoint di NSX-T o un router edge nell'endpoint di NSX-V, la riconfigurazione delle impostazioni del livello o del tipo di registrazione in una delle risorse del bilanciamento del carico non aggiorna le impostazioni per gli altri bilanciamenti del carico. Le impostazioni non corrispondenti causano incoerenze in NSX. Per evitare incoerenze quando si riconfigurano queste impostazioni del livello e/o del tipo di registrazione, utilizzare gli stessi valori di riconfigurazione per tutte le risorse del bilanciamento del carico nel modello cloud che condividono un router di livello 1 o un nell'endpoint NSX associato.

Operazioni giorno 2 disponibili

Quando si esegue la scalabilità verticale o la scalabilità orizzontale di una distribuzione che contiene un bilanciamento del carico, il bilanciamento del carico viene configurato in modo da includere le macchine appena aggiunte o interrompere le macchine di bilanciamento del carico destinate alla disinstallazione.

Per un elenco delle operazioni giorno 2 comuni disponibili per i modelli cloud e le distribuzioni, vedere Quali azioni è possibile eseguire sulle distribuzioni di vRealize Automation Cloud Assembly.

Ulteriori informazioni

Per informazioni sulla definizione delle impostazioni di bilanciamento del carico in un profilo di rete, vedere Ulteriori informazioni sui profili di rete in vRealize Automation

Per esempi di progettazioni di modelli cloud che includono bilanciamenti del carico, vedere Reti, gruppi di sicurezza e bilanciamenti del carico in vRealize Automation Cloud Assembly.