Dopo aver distribuito i modelli cloud, è possibile eseguire azioni in Cloud Assembly per gestire le risorse. Le azioni disponibili dipendono dal tipo di risorsa e dal fatto che le azioni siano supportate in un account cloud o una piattaforma specifici.

Le azioni disponibili dipendono anche da ciò che l'amministratore ha autorizzato a eseguire.

In qualità di amministratore o amministratore del progetto, è possibile impostare i criteri delle azioni giorno 2 in Service Broker. Vedere Come autorizzare i consumatori per i criteri di azione giorno 2 di Service Broker

Potrebbero essere visualizzate anche azioni non incluse nell'elenco. Si tratta probabilmente di azioni personalizzate aggiunte dall'amministratore. Ad esempio, un'azione vMotion.

Attenzione:

Per modificare una distribuzione, è possibile modificarne il modello cloud e riapplicarlo oppure utilizzare le azioni del giorno 2. Nella maggior parte dei casi, è comunque consigliabile evitare di combinare i due approcci.

Le modifiche del ciclo di vita del giorno 2, come l'accensione e lo spegnimento, sono in genere sicure, ma altre, come l'aggiunta di dischi, richiedono cautela.

Ad esempio, se si aggiungono dischi con un'azione del giorno 2 e quindi si adotta un approccio misto riapplicando il modello cloud, il modello cloud potrebbe sovrascrivere la modifica del giorno 2 rimuovendo i dischi e causando la perdita di dati.

Tabella 1. Elenco di azioni possibili
Azione Si applica a questi tipi di risorse Disponibile per questi tipi di cloud Origine risorsa Descrizione
Aggiungi disco Macchine
  • Amazon Web Service
  • Google Cloud Platform
  • Microsoft Azure
  • VMware vSphere
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding

Aggiungere altri dischi alle macchine virtuali esistenti.

Se si aggiunge un disco a una macchina Azure, il disco persistente o il disco non persistente viene distribuito nel gruppo di risorse che include la macchina.

Quando si aggiunge un disco a una macchina Azure, è anche possibile crittografare il nuovo disco utilizzando il set di crittografia del disco di Azure nel profilo di storage.

Non è possibile aggiungere un disco a una macchina Azure con un disco non gestito.

Quando si aggiunge un disco alle macchine vSphere, è possibile selezionare il controller SCSI, il cui ordine è stato impostato nel modello cloud e distribuito. È inoltre possibile specificare il numero di unità per il nuovo disco. Non è possibile specificare un numero di unità senza un controller selezionato. Se non si seleziona un controller o non si specifica un numero di unità, il nuovo disco viene distribuito al primo controller disponibile e gli viene assegnato il numero di unità successivo disponibile in tale controller.

Se si aggiunge un disco a una macchina vSphere per un progetto con limiti di storage definiti, il disco aggiunto non deve superare i limiti di storage. I limiti di storage tengono conto della capacità effettiva per il thin provisioning e il thick provisioning delle risorse in modo che non sia possibile eseguire l'overprovisioning utilizzando il thin provisioning.

Se si utilizza VMware Storage DRS (SDRS) e il cluster di datastore è configurato nel profilo di storage, è possibile aggiungere dischi in SDRS nelle macchine vSphere.

Collega risorsa SaltStack Macchine
  • Amazon Web Services
  • Google Cloud Platform
  • Microsoft Azure
  • VMware vSphere
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding

Collegare una risorsa SaltStack a una risorsa di distribuzione in modo che sia possibile installare un minion Salt e aggiornare la configurazione Salt nella macchina virtuale. È possibile utilizzare questa azione per aggiornare una configurazione di una risorsa o per collegare la risorsa e installare il minion su un'altra risorsa della distribuzione.

L'azione Collega risorsa Salt è disponibile se è stata configurata l'integrazione di SaltStack Config.

Per applicare una configurazione, è necessario selezionare un metodo di autenticazione. L'opzione Accesso remoto con credenziali esistenti utilizza le credenziali di accesso remoto incluse nella distribuzione. Se dopo la distribuzione sono state modificate le credenziali della macchina, è possibile che l'azione non riesca. Se si conoscono le nuove credenziali, utilizzare il metodo di autenticazione Password.

Le opzioni Password e Chiave privata utilizzano il nome utente e la password o la chiave per convalidare le credenziali e quindi connettersi alla macchina virtuale mediante il protocollo SSH.

Se non si specifica un valore per ID master e ID minion, Salt crea tali valori automaticamente.

Annulla
  • Distribuzioni
  • Vari tipi di risorse nelle distribuzioni
  • Amazon Web Service
  • Google Cloud Platform
  • Microsoft Azure
  • VMware vSphere
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding
Annulla una distribuzione o un'azione del giorno 2 in una distribuzione o una risorsa durante l'elaborazione della richiesta.

È possibile annullare la richiesta nella scheda della distribuzione o nei dettagli della distribuzione. Dopo l'annullamento, la richiesta viene visualizzata come richiesta non riuscita nella pagina Distribuzioni. Utilizzare l'azione Elimina per rilasciare tutte le risorse distribuite e ripulire l'elenco di distribuzione.

L'annullamento di una richiesta che si ritiene sia stata in esecuzione troppo a lungo è un metodo per gestire il tempo di distribuzione. Tuttavia, è più efficiente impostare il valore di Timeout richiesta nei progetti. Il timeout predefinito è di due ore. È possibile impostare un valore di tempo più lungo se la distribuzione del carico di lavoro per un progetto richiede più tempo.

Modifica lease Distribuzioni
  • Amazon Web Service
  • Microsoft Azure
  • VMware vSphere
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding

Modificare la data e l'ora di scadenza del lease.

Quando un lease scade, la distribuzione viene eliminata e le risorse vengono recuperate.

I criteri di lease sono impostati in Service Broker.

Cambia proprietario Distribuzioni
  • Amazon Web Service
  • Google Cloud Platform
  • Microsoft Azure
  • VMware vSphere
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding

Modifica il proprietario della distribuzione impostando l'utente o il gruppo di Active Directory selezionato. L'utente o il gruppo AD selezionato deve essere un amministratore o membro dello stesso progetto che ha distribuito la richiesta. Solo gli utenti o i gruppi AD definiti nel progetto sono disponibili per diventare proprietari. I gruppi personalizzati non sono idonei per essere il proprietario di destinazione.

Quando un progettista di modelli cloud distribuisce un modello, il progettista è sia il richiedente sia il proprietario. Tuttavia, un richiedente può rendere proprietario un altro membro del progetto.

È possibile utilizzare criteri per controllare ciò che un proprietario può fare con una distribuzione, assegnandogli autorizzazioni più o meno restrittive.

Modifica del progetto Distribuzioni
  • Amazon Web Service
  • Google Cloud Platform
  • Microsoft Azure
  • NSX-T
  • NSX-V
  • VMware Cloud on AWS
  • VMware vSphere
  • Distribuita
  • Migrate
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding

L'azione di modifica del progetto consente di spostare una distribuzione da un progetto a un altro.

L'azione di modifica del progetto è disponibile per le distribuzioni con risorse distribuite, le distribuzioni con risorse migrate e le distribuzioni con risorse sottoposte a onboarding. Questa azione non è supportata per le distribuzioni che contengono una combinazione di risorse distribuite, migrate e sottoposte a onboarding.

Le risorse supportate includono i seguenti tipi di risorse e vincoli:
  • Le distribuzioni con risorse distribuite possono contenere macchine virtuali, dischi, bilanciamenti del carico, reti, gruppi di sicurezza, gruppi di Azure, NAT e gateway.
  • Le distribuzioni con risorse migrate possono contenere macchine virtuali, dischi, bilanciamenti del carico, reti, gruppi di sicurezza, NAT, gateway e risorse personalizzate.
  • Le distribuzioni con risorse sottoposte a onboarding possono contenere macchine virtuali, dischi e reti.
  • Se si aggiunge un tipo di risorsa non supportato a un tipo di distribuzione qualsiasi, ovvero con risorse distribuite, migrate o sottoposte a onboarding, non è possibile eseguire l'azione di modifica del progetto. Ad esempio, se si aggiunge una configurazione Terraform a una distribuzione, l'azione di modifica del progetto non è disponibile.
Ruoli, considerazioni e vincoli per le distribuzioni con risorse distribuite o migrate:
  • Per modificare il progetto di una distribuzione con risorse distribuite o migrate, l'utente che avvia la modifica deve disporre del ruolo seguente:
    • Amministratore del cloud.
  • È possibile modificare il progetto solo quando il progetto di destinazione contiene tutte le zone cloud in cui sono distribuite le macchine e i dischi della distribuzione. La distribuzione spostata è quindi soggetta ai limiti configurati per il progetto di destinazione, inclusi il numero delle istanze, la memoria, la CPU e lo storage. Dopo lo spostamento, l'utilizzo corrente viene rilasciato dal progetto di origine.
  • Dopo aver spostato una distribuzione nel progetto di destinazione, è soggetta ai criteri del progetto di destinazione. Ad esempio, lease, azioni giorno 2, quota della risorsa e altri criteri. Per spostare una distribuzione, il lease della distribuzione definito dal criterio di lease del progetto di destinazione non può scadere nelle 24 ore successive.
  • L'azione di modifica del progetto potrebbe non essere disponibile se si esegue la migrazione di una distribuzione contenente una risorsa personalizzata che include un'azione di aggiornamento e quindi si esegue un aggiornamento iterativo della distribuzione ridistribuendo il modello cloud.
Ruoli, considerazioni e vincoli per le distribuzioni con risorse sottoposte a onboarding:
  • Per spostare una distribuzione con risorse sottoposte a onboarding, l'utente che avvia lo spostamento deve disporre di almeno uno dei seguenti ruoli:
    • Amministratore del cloud.
    • Autorizzazione Gestisci distribuzioni. Questa autorizzazione può essere definita come un ruolo personalizzato.
    • Amministratore del progetto di destinazione.
    • Il membro del progetto di destinazione e le distribuzioni vengono condivise tra tutti gli utenti nel progetto di destinazione.
  • Anche se è possibile spostare le risorse sottoposte a onboarding in un progetto che non contiene le stesse zone cloud, se il progetto di destinazione non dispone delle stesse zone cloud, tutte le azioni giorno 2 future che coinvolgono le risorse dell'account cloud o delle regioni che vengono eseguite potrebbero non funzionare.
Considerazioni generali:
  • Se si è un amministratore che sposta la distribuzione, è possibile che si sposti la distribuzione in un progetto in cui il proprietario non è un membro e pertanto perde l'accesso. È possibile aggiungere il proprietario al progetto di destinazione, spostare la distribuzione in un progetto di cui è membro o usare l'azione Cambia proprietario.
Modifica gruppi di sicurezza Macchine
  • VMware vSphere
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding
È possibile associare e dissociare i gruppi di sicurezza a reti di macchine in una distribuzione. L'azione di modifica si applica ai gruppi di sicurezza esistenti e su richiesta per NSX-V e NSX-T. Questa azione è disponibile solo per le singole macchine e non per i cluster di macchine.

Per associare un gruppo di sicurezza alla rete di macchine, è necessario che il gruppo di sicurezza sia presente nella distribuzione.

La dissociazione di un gruppo di sicurezza da tutte le reti di tutte le macchine in una distribuzione non rimuove il gruppo di sicurezza dalla distribuzione.

Queste modifiche non influiscono sui gruppi di sicurezza applicati come parte dei profili di rete.

Questa azione modifica la configurazione del gruppo di sicurezza della macchina senza ricreare la macchina. Si tratta di una modifica non distruttiva.

  • Per modificare la configurazione del gruppo di sicurezza della macchina, selezionare la macchina nel riquadro della topologia, quindi fare clic sul menu Azione nel riquadro destro e selezionare Modifica gruppi di sicurezza. A questo punto è possibile aggiungere o rimuovere l'associazione dei gruppi di sicurezza alle reti di macchine.
Connetti a console remota Macchine
  • VMware vSphere
  • Distribuita
  • Rilevata
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding
Aprire una sessione remota nella macchina selezionata.

Rivedere i seguenti requisiti per stabilire la connessione correttamente.

  • In qualità di amministratore del cloud, verificare che l'host ESXi sia accessibile tramite il protocollo SSL dalla rete utilizzata dai consumatori.
  • In qualità di consumatore della distribuzione, verificare che la macchina sottoposta a provisioning sia accesa.

Se il tentativo di connessione indica che non è possibile stabilire una connessione con l'host, potrebbe essere necessario accettare il certificato autofirmato.

  1. Se si riceve un errore del certificato, fare clic su accetta il certificato e utilizzare il metodo fornito dal browser per aprire l'URL della pagina VMware ESXi.

    L'apertura della pagina VMware ESXi è sufficiente per accettare il certificato. È possibile chiudere la pagina ESXi.

  2. Aggiornare o riaprire la pagina di connessione remota in cui in precedenza è stato visualizzato l'avviso.

    Viene aperta la console della macchina di destinazione.

In qualità di amministratore, se si preferisce garantire certificati attendibili, vedere KB2113926 per configurare i certificati firmati dall'autorità di certificazione per gli host ESXi.

Creazione dello snapshot del disco Macchine e dischi
  • Microsoft Azure
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding

Creazione dello snapshot di un disco di una macchina virtuale o di un disco di storage.

  • Per le macchine, è possibile creare snapshot per singoli dischi della macchina, inclusi i dischi di avvio, i dischi immagine e i dischi di storage.
  • Per i dischi di storage, si creano snapshot di dischi gestiti indipendenti, non di dischi non gestiti.

Oltre a specificare un nome per lo snapshot, è anche possibile fornire le seguenti informazioni per lo snapshot:

  • Snapshot incrementale. Selezionare la casella di controllo per creare uno snapshot delle modifiche dall'ultimo snapshot anziché da uno snapshot completo.
  • Gruppo di risorse. Immettere il nome del gruppo di risorse di destinazione in cui si desidera creare lo snapshot. Per impostazione predefinita, lo snapshot viene creato nello stesso gruppo di risorse utilizzato dal disco principale.
  • ID set di crittografia. Selezionare la chiave di crittografia per lo snapshot. Per impostazione predefinita, lo snapshot viene crittografato con la stessa chiave utilizzata dal disco principale.
  • Tag. Immettere i tag che consentiranno di gestire gli snapshot in Microsoft Azure.
Crea snapshot Macchine
  • Google Cloud Platform
  • VMware vSphere
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding
Creazione di uno snapshot della macchina virtuale.

Se sono consentiti solo due snapshot in vSphere e sono già stati creati entrambi, il comando diventa disponibile solo dopo l'eliminazione di uno snapshot.

Elimina

Distribuzioni

  • Amazon Web Service
  • Google Cloud Platform
  • Microsoft Azure
  • VMware vSphere
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding
Eliminazione di una distribuzione.

Tutte le risorse vengono eliminate e recuperate.

Se l'eliminazione non riesce, è possibile eseguire l'azione di eliminazione in una distribuzione una seconda volta. Durante il secondo tentativo, è possibile selezionare Ignora errori di eliminazione. Se si seleziona questa opzione, la distribuzione viene eliminata, ma le risorse potrebbero non essere recuperate. È necessario controllare i sistemi in cui è stato eseguito il provisioning della distribuzione per assicurarsi che tutte le risorse vengano rimosse. In caso contrario, è necessario eliminare manualmente le risorse rimanenti in tali sistemi.

Gateway NSX
  • NSX
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding
Eliminare le regole di inoltro della porta NAT da un gateway di NSX-T o NSX-V.
Macchine e bilanciamenti del carico
  • Amazon Web Service
  • Microsoft Azure
  • VMware vSphere
  • VMware NSX
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding
Rimuovere una macchina o un bilanciamento del carico da una distribuzione. Questa azione potrebbe comportare una distribuzione non utilizzabile.
Gruppi di sicurezza
  • NSX-T
  • NSX-V
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding
Se il gruppo di sicurezza non è associato ad alcuna macchina nella distribuzione, il processo rimuove il gruppo di sicurezza dalla distribuzione.
  • Se il gruppo di sicurezza è su richiesta, viene eliminato nell'endpoint.
  • Se il gruppo di sicurezza è condiviso, l'azione non riesce.
Cluster di Tanzu Kubernetes
  • VMware vSphere
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding
Rimuovere un cluster Tanzu Kubernetes da una distribuzione.
Eliminazione dello snapshot del disco

Macchine e dischi

  • Microsoft Azure
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding

Eliminare uno snapshot del disco della macchina virtuale Azure o di un disco gestito.

Questa azione è disponibile quando è presente almeno uno snapshot.

Elimina snapshot Macchine
  • VMware vSphere
  • Google Cloud Platform
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding
Eliminazione di uno snapshot della macchina virtuale.
Disabilita diagnostica all'avvio Macchine
  • Microsoft Azure
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding
Disattivare la funzionalità di debug della macchina virtuale Azure.

L'opzione Disabilita è disponibile solo se la funzionalità è attivata.

Disattiva analisi dei log Macchine
  • Microsoft Azure
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding

Disattivare la possibilità di eseguire query di registro sui log delle macchine virtuali Azure.

Selezionare il nome dell'estensione che si desidera disattivare. Se non è necessario selezionare un nome per l'estensione, le analisi dei log non sono attualmente abilitate in questa macchina.

Per utilizzare l'analisi dei log, Azure Monitor e il modello cloud devono essere configurati per supportare l'area di lavoro. Vedere Analisi dei log.

Modifica tag Distribuzioni
  • Amazon Web Service
  • Microsoft Azure
  • VMware vSphere
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding
Aggiungere o modificare i tag di risorsa applicati alle singole risorse di distribuzione.
Abilita diagnostica all'avvio Macchine
  • Microsoft Azure
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding
Attivare la funzionalità di debug della macchina virtuale Azure per diagnosticare gli errori di avvio delle macchine virtuali. Le informazioni di diagnostica all'avvio sono disponibili nella console di Azure.

L'opzione Abilita è disponibile solo se la funzionalità non è al momento attivata.

Attiva analisi dei log Macchine
  • Microsoft Azure
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding

Attivare la macchina virtuale Azure per modificare ed eseguire query di registro sui dati raccolti dai log di Azure Monitor.

Specificare il nome dell'estensione. L'ID e la chiave dell'area di lavoro devono essere i valori configurati in Azure.

Per utilizzare l'analisi dei log, Azure Monitor e il modello cloud devono essere configurati per supportare l'area di lavoro. Vedere Analisi dei log.

Ottieni stato Terraform Configurazione Terraform
  • Amazon Web Service
  • Google Cloud Platform
  • Microsoft Azure
  • VMware vSphere
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding
Visualizzare il file dello stato di Terraform.

Per visualizzare tutte le modifiche apportate alle macchine Terraform nelle piattaforme cloud su cui sono state distribuite e aggiornare la distribuzione, è innanzitutto necessario eseguire l'azione Aggiorna stato Terraform e quindi eseguire l'azione Ottieni stato Terraform.

Quando il file viene visualizzato in una finestra di dialogo. Il file è disponibile per circa 1 ora prima che sia necessario eseguire una nuova azione di aggiornamento. È possibile copiarlo se si intende utilizzarlo in un secondo momento.

È inoltre possibile visualizzare il file nella scheda Cronologia della distribuzione. Selezionare l'evento Ottieni stato Terraform nella scheda Eventi, quindi fare clic su Dettagli richiesta. Se il file non è scaduto, fare clic su Visualizza contenuto. Se il file è scaduto, eseguire nuovamente le azioni Aggiorna e Ottieni.

Esempio dei dettagli della richiesta in cui è possibile visualizzare il file dello stato di Terraform.

È possibile eseguire altre azioni del giorno 2 relative alle risorse di Terraform incorporate nella configurazione. Le azioni disponibili dipendono dal tipo di risorsa, dalla piattaforma cloud su cui sono distribuite e dal fatto che l'utente abbia o meno il permesso di eseguire le azioni in base a un criterio del giorno 2.

Spegni

Distribuzioni

  • Amazon Web Service
  • Microsoft Azure
  • VMware vSphere
  • Distribuita
  • Rilevata
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding

Spegnere la distribuzione dopo il primo tentativo di shutdown dei sistemi operativi guest. Se lo spegnimento temporaneo non riesce, viene ancora eseguito uno spegnimento a freddo.

Macchine

  • Amazon Web Service
  • Google Cloud Platform
  • Microsoft Azure
  • VMware vSphere
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding

Spegnere la macchina dopo il primo tentativo di spegnimento dei sistemi operativi guest. Se lo spegnimento temporaneo non riesce, viene ancora eseguito uno spegnimento a freddo.

Accendi

Distribuzioni

  • Amazon Web Service
  • Microsoft Azure
  • VMware vSphere
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding
Accensione della distribuzione. Se le risorse sono state sospese, il funzionamento normale riprende dal punto in cui erano state sospese.

Macchine

  • Amazon Web Service
  • Google Cloud Platform
  • Microsoft Azure
  • VMware vSphere
  • Distribuita
  • Rilevata
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding
Accensione della macchina. Se la macchina è stata sospesa, il funzionamento normale riprende dal punto in cui la macchina è stata sospesa.
Riavvia Macchine
  • Amazon Web Service
  • VMware vSphere
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding

Riavvio del sistema operativo guest su una macchina virtuale.

Nel caso di una macchina vSphere, VMware Tools deve essere installato nella macchina per poter eseguire questa azione.

Riconfigura Bilanciamenti del carico
  • Amazon Web Service
  • Microsoft Azure
  • VMware NSX
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding

Modificare le dimensioni del bilanciamento del carico e il livello di registrazione.

È inoltre possibile aggiungere o rimuovere route e modificare le impostazioni relative a protocollo, porta, configurazione dell'integrità e pool di membri.

Per i bilanciamenti del carico NSX, è possibile abilitare o disattivare il controllo dello stato di integrità e modificare le opzioni di integrità. Per NSX-T, è possibile impostare il controllo su attivo o passivo. NSX-V non supporta controlli dello stato passivi.

Inoltro della porta di NSX Gateway
  • NSX-T
  • NSX-V
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding
Aggiungere, modificare o eliminare le regole di inoltro della porta NAT da un gateway di NSX-T o NSX-V.
Gruppi di sicurezza
  • NSX-T
  • NSX-V
  • VMware Cloud
  • VMware vSphere
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding

Aggiungere, modificare o rimuovere le regole o i vincoli del firewall in base al fatto che il gruppo di sicurezza sia un gruppo di sicurezza su richiesta o esistente.

  • Gruppo di sicurezza su richiesta

    Aggiungere, modificare o rimuovere le regole del firewall per i gruppi di sicurezza su richiesta di NSX-T e VMware Cloud.

    • Per aggiungere o rimuovere una regola, selezionare il gruppo di sicurezza nel riquadro della topologia, fare clic sul menu Azione nel riquadro destro e selezionare Riconfigura. A questo punto è possibile aggiungere, modificare o rimuovere le regole.
  • Gruppo di sicurezza esistente

    Aggiungere, modificare o rimuovere i vincoli per i gruppi di sicurezza esistenti di NSX-V, NSX-T e VMware Cloud.

    • Per aggiungere o rimuovere un vincolo, selezionare il gruppo di sicurezza nel riquadro della topologia, fare clic sul menu Azione nel riquadro destro e selezionare Riconfigura. A questo punto è possibile aggiungere, modificare o rimuovere i vincoli.
Aggiorna stato Terraform Configurazione Terraform
  • Amazon Web Service
  • Google Cloud Platform
  • Microsoft Azure
  • VMware vSphere
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding
Recuperare l'iterazione più recente del file dello stato di Terraform.

Per recuperare tutte le modifiche apportate alle macchine Terraform nelle piattaforme cloud su cui sono state distribuite e aggiornare la distribuzione, è innanzitutto necessario eseguire l'azione Aggiorna stato Terraform.

Per visualizzare il file, eseguire l'azione Ottieni stato Terraform sulla configurazione.

Utilizzare la scheda della cronologia della distribuzione per monitorare il processo di aggiornamento.

Rimuovi disco Macchine
  • Amazon Web Service
  • Google Cloud Platform
  • Microsoft Azure
  • VMware vSphere
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding

Rimuovere i dischi dalle macchine virtuali esistenti.

Se si esegue l'azione giorno 2 in una distribuzione distribuita come macchine e dischi vSphere, il conteggio dei dischi viene recuperato poiché si applica ai limiti di storage del progetto. I limiti di storage tengono conto della capacità effettiva per il thin provisioning e il thick provisioning delle risorse in modo che non sia possibile eseguire l'overprovisioning utilizzando il thin provisioning. I limiti di storage del progetto non si applicano agli ulteriori dischi aggiunti dopo la distribuzione come azione giorno 2.

Reimposta Macchine
  • Amazon Web Service
  • Google Cloud Platform
  • VMware vSphere
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding

Riavvio forzato di una macchina virtuale senza shutdown del sistema operativo guest.

Ridimensiona Macchine
  • Amazon Web Service
  • Microsoft Azure
  • Google Cloud Platform
  • VMware vSphere
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding

Aumento o riduzione della CPU e della memoria di una macchina virtuale.

Ridimensiona disco di avvio Macchine
  • Amazon Web Service
  • Google Cloud Platform
  • Microsoft Azure
  • VMware vSphere
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding

Aumentare o diminuire le dimensioni del disco di avvio.

Se si esegue l'azione giorno 2 in una distribuzione distribuita come macchine e dischi vSphere, l'azione non riesce e viene visualizzato un messaggio simile a "Lo storage richiesto è di dimensioni superiori rispetto al posizionamento di storage disponibile", ciò è probabilmente dovuto ai limiti di storage definiti nei modelli di macchine virtuali e alla libreria dei contenuti di vSphere definiti nel progetto. I limiti di storage tengono conto della capacità effettiva per il thin provisioning e il thick provisioning delle risorse in modo che non sia possibile eseguire l'overprovisioning utilizzando il thin provisioning. I limiti di storage del progetto non si applicano agli ulteriori dischi aggiunti dopo la distribuzione come azione giorno 2.

Ridimensiona disco Disco di storage
  • Amazon Web Service
  • Google Cloud Platform
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding

Aumento della capacità di un disco di storage.

Se si esegue l'azione giorno 2 in una distribuzione distribuita come macchine e dischi vSphere, l'azione non riesce e viene visualizzato un messaggio simile a "Lo storage richiesto è di dimensioni superiori rispetto al posizionamento di storage disponibile", ciò è probabilmente dovuto ai limiti di storage definiti nei modelli di macchine virtuali e alla libreria dei contenuti di vSphere definiti nel progetto. I limiti di storage tengono conto della capacità effettiva per il thin provisioning e il thick provisioning delle risorse in modo che non sia possibile eseguire l'overprovisioning utilizzando il thin provisioning. I limiti di storage del progetto non si applicano agli ulteriori dischi aggiunti dopo la distribuzione come azione giorno 2.

Per vSphere Storage DRS, è possibile trasferire la macchina virtuale all'interno del cluster del LUN corrente in modo che non disponga di spazio sufficiente.

Macchine
  • Amazon Web Service
  • Google Cloud Platform
  • Microsoft Azure
  • VMware vSphere
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding
Aumento o diminuzione delle dimensioni dei dischi inclusi nel modello di immagine della macchina e di tutti i dischi collegati.
Riavvia Macchine
  • Microsoft Azure
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding
Shutdown e riavvio di una macchina in esecuzione.
Ripristina snapshot Macchine
  • VMware vSphere
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding
Ripristino di uno snapshot precedente della macchina.

Per utilizzare questa azione è necessario disporre di uno snapshot esistente.

Esegui attività Puppet Risorse gestite
  • Puppet Enterprise
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding
Esecuzione dell'attività selezionata sulle macchine nella distribuzione.

Le attività sono definite nell'istanza di Puppet. È necessario essere in grado di identificare l'attività e fornire i parametri di input.

Scalare i nodi di lavoro Cluster di Tanzu Kubernetes
  • VMware vSphere
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding

Aumentare o diminuire il numero di macchine virtuali del nodo di lavoro Tanzu Kubernetes nella distribuzione.

Shutdown Macchine
  • VMware vSphere
  • Distribuita
Shutdown del sistema operativo guest e spegnimento della macchina. Per utilizzare questa azione, è necessario che sulla macchina sia installato VMware Tools.
Sospendi Macchine
  • Microsoft Azure
  • VMware vSphere
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding
Sospensione della macchina in modo che non possa essere utilizzata e non consumi risorse del sistema ad eccezione dello storage che usa.
Aggiorna Distribuzioni
  • Amazon Web Service
  • Microsoft Azure
  • VMware vSphere
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding
Modifica della distribuzione in base ai parametri di input.

Per un esempio, vedere Spostamento di una macchina distribuita in un'altra rete.

Se la distribuzione è basata sulle risorse di vSphere e la macchina e i dischi includono l'opzione di conteggio, quando si aumenta il numero potrebbero essere applicati i limiti di storage definiti nel progetto. Se l'azione non riesce e viene visualizzato un messaggio simile a "Lo storage richiesto è di dimensioni superiori rispetto al posizionamento di storage disponibile", ciò è probabilmente dovuto ai limiti di storage definiti nei modelli di macchine virtuali vSphere definiti nel progetto. I limiti di storage del progetto non si applicano agli ulteriori dischi aggiunti dopo la distribuzione come azione giorno 2.

Alcune proprietà non possono essere aggiornate utilizzando questa azione. Vedere Proprietà di distribuzione che non è possibile aggiornare utilizzando le azioni del giorno 2 in vRealize Automation Cloud.

Aggiorna configurazione Salt Risorsa di SaltStack Config
  • Amazon Web Service
  • VMware vSphere
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding
Aggiungere o modificare l'ambiente Salt, applicare file di stato o specificare variabili per la risorsa di Salt selezionata.
Aggiorna tag Macchine e dischi
  • Amazon Web Service
  • Microsoft Azure
  • VMware vSphere
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding
Aggiungere, modificare o eliminare un tag applicato a una singola risorsa.
Aggiorna versione Tanzu Cluster di Tanzu Kubernetes
  • VMware vSphere
  • Distribuita
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding
Aggiornare la versione Kubernetes corrente a una versione successiva.
Annullamento della registrazione Macchine
  • Amazon Web Service
  • Google Cloud Platform
  • Microsoft Azure
  • VMware vSphere
  • Di cui è stato eseguito l'onboarding

L'azione di annullamento della registrazione è disponibile solo per le macchine di distribuzione di cui è stato eseguito l'onboarding.

Le macchine di cui viene annullata la registrazione vengono rimosse dalla distribuzione, insieme a tutti i dischi collegati. Rimuovendo le risorse, è possibile eseguire nuovamente il workflow di onboarding per la macchina non registrata. Potrebbe essere necessario eseguire nuovamente l'onboarding della risorsa, questa volta in un nuovo progetto.

Se si apportano modifiche alla macchina, ad esempio l'aggiunta di un disco, prima di annullare la registrazione della macchina, l'azione di annullamento della registrazione non riesce.