Questa funzionalità è disponibile solo se si dispone di una sottoscrizione a VMware vRealize Cloud Universal. L'amministratore può aggiungere modelli di cloud locali esistenti di vRealize Automation 8.0.1 e versioni successive al catalogo cloud di Service Broker.

Dopo aver aggiunto i modelli di cloud versione 8.0.1 o successiva come elementi del catalogo, gli utenti possono richiedere i modelli di cloud locali correnti o qualsiasi elemento del catalogo di Service Broker da un singolo catalogo cloud. Il singolo catalogo offre ai clienti un'esperienza di richiesta uniforme nelle richieste di modelli di cloud sviluppati in locale, nell'istanza cloud o da altre origini di contenuti.

Se si è interessati a questa funzionalità, ma non si dispone ancora di una sottoscrizione a vRealize Cloud Universal, è possibile sottoscriverla quando si aggiunge l'integrazione.

Diagramma del workflow che illustra i passaggi per vRealize Automation 8.x

Esaminare le considerazioni seguenti per stabilire se si desidera importare i modelli di cloud di vRealize Automation 8.0.1 o versioni successive come elementi del catalogo.

  • I modelli di cloud con tipi di risorse personalizzate non vengono importati.
  • Durante l'operazione di distribuzione, non è possibile annullare una distribuzione. È necessario attendere il completamento del processo di provisioning.
  • Il timeout della richiesta impostato in ogni progetto in cui sono in esecuzione questi modelli di cloud importati deve corrispondere al tempo di distribuzione per il modello di cloud nell'istanza di 8.x. Il valore di timeout predefinito è 120 minuti. Questo tempo potrebbe non essere sufficiente per una distribuzione riuscita. Per modificare il valore di timeout della richiesta, selezionare Infrastruttura > Amministrazione > Progetti e fare clic su Provisioning.
  • Dopo aver distribuito l'elemento del catalogo, è possibile eseguire solo le azioni del giorno 2 Elimina, Modifica lease, Accendi e Spegni sulla distribuzione. Anche se si dispone di altre azioni autorizzate in 8.0.1 o versioni successive, è possibile eseguire solo queste azioni. Per garantire che gli utenti possano eseguire queste azioni, è necessario creare un criterio che autorizzi i membri del progetto a eseguire le azioni Deployment.Delete, Deployment.ChangeLease, Deployment.PowerOff e Deployment.PowerOn. Questo criterio può essere a livello di organizzazione o di progetto. Vedere Come autorizzare gli utenti della distribuzione alle azioni giorno 2 di Service Broker utilizzando i criteri. L'azione Modifica lease imposta la data di lease nell'istanza di vRealize Automation 8.x.

Prerequisiti

  • Verificare di disporre dell'URL del nome host per l'istanza di vRealize Automation 8.0.1 o versione successiva. Se si sta integrando la versione 8.1 o successiva e si dispone di più di un'organizzazione, ogni organizzazione ha un URL univoco. È necessario ripetere questa procedura per ogni organizzazione, inclusa la creazione di un'integrazione per ogni organizzazione. Il risultato finale è ancora un catalogo.
  • Verificare di disporre del nome utente e della password di vRealize Automation 8.x avente autorizzazioni di amministratore di Cloud Assembly. Queste credenziali vengono utilizzate per distribuire gli elementi del catalogo in vRealize Automation 8.x. Vengono inoltre utilizzate per eseguire le azioni del giorno 2 consentite sulle distribuzioni.
  • Prima di importarli, verificare che i modelli di cloud siano distribuibili e che siano stati rilasciati in Cloud Assembly.
  • Se si desidera condividere i modelli di cloud creati per un altro progetto con i membri di questo progetto, verificare che la condivisione sia consentita nelle impostazioni del modello di cloud di Cloud Assembly.

Procedura

  1. Configurare l'integrazione di vRealize Automation Cloud.
    È possibile configurare un'integrazione con vRealize Automation Cloud 8.0.1 e versioni successive in locale.
    1. Selezionare Infrastruttura > Connessioni > Integrazioni.
    2. Fare clic su Aggiungi integrazione, quindi su vRealize Automation 8.
    3. Immettere un nome che identifichi questa istanza quando si crea l'origine del contenuto.
      Non è possibile modificare il nome dopo aver creato l'integrazione.
    4. Immettere l'URL vRealize Automation 8.x.
    5. Selezionare o aggiungere un Proxy cloud.
    6. Immettere un nome utente e una password per l'account utente che dispone del ruolo utente amministratore di Cloud Assembly nell'istanza 8.0.1 o versione successiva.
    7. Per convalidare le credenziali e l'URL, fare clic su Convalida.
    8. Fare clic su Aggiungi.
  2. Importare i modelli di cloud.
    1. Selezionare Contenuto e criteri > Origini contenuto.
    2. Fare clic su Nuovo e quindi su Modelli cloud di vRealize Automation 8.x.
    3. Immettere il Nome per questa origine del contenuto affinché sia possibile identificarla quando si condivide il contenuto.
    4. Selezionare l'Integrazione vRA 8.x di origine configurata nel passaggio precedente.
    5. Selezionare il Progetto di origine che include i modelli di cloud di vRealize Automation 8.0.1 o versioni successive che si desidera importare.
      Se si desidera importare modelli di cloud per più di un progetto, è necessario creare un'origine contenuto diversa per ogni progetto.
    6. Fare clic su Crea e importa.
  3. Aggiungere un progetto affinché sia possibile condividere i modelli di cloud importati con gli utenti di Service Broker.
    Se si dispone di un progetto che include utenti che devono essere in grado di distribuire i modelli di cloud importati, è possibile utilizzare un progetto esistente. In alternativa è possibile creare un nuovo progetto.
    1. In Service Broker, selezionare Infrastruttura > Amministrazione > Progetti, quindi fare clic su Nuovo progetto.
    2. Immettere le informazioni di progetto nella scheda Riepilogo.
    3. Fare clic sulla scheda Utenti, quindi su Aggiungi utenti.
      Per aggiungere utenti di progetti, i singoli o i gruppi devono essere già utenti dell'organizzazione dei servizi attivi.
    4. Fare clic su Crea.
  4. Condividere i modelli cloud importati con un progetto.
    Gli utenti che si desidera dotati dell'autorizzazione per distribuire i modelli di cloud versione 8.0.1 o successiva importati, ma che fanno parte del progetto selezionato.
    1. Selezionare Contenuti e criteri > Criteri > Definizioni e creare un nuovo criterio di condivisione dei contenuti.
    2. Immettere un nome per il criterio di condivisione dei contenuti.
    3. Nell'elenco Ambito, selezionare il progetto che include gli utenti che devono avere l'autorizzazione per distribuire gli elementi 8.0.1 o successivi importati.
    4. Nella sezione Condivisione dei contenuti, fare clic su Aggiungi elementi e selezionare uno o più elementi del catalogo da condividere con i membri del progetto.
      È possibile selezionare tutti gli elementi importati dall'origine di contenuto di vRealize Automation 8.x oppure e selezionare singoli elementi. Per selezionare solo elementi specifici, scegliere Tutto il contenuto nel menu a discesa Origini contenuto.
    5. Nella sezione Utenti, selezionare gli utenti e i gruppi di utenti che si desidera abbiano accesso al contenuto.
      È possibile condividere il contenuto con tutti gli utenti e i gruppi nel progetto oppure selezionare singoli utenti e gruppi.
    6. Fare clic su Crea.
  5. Verificare che gli elementi del catalogo del modello di cloud siano disponibili nel catalogo per i membri del progetto selezionato.
    1. Fare clic su Catalogo, individuare il workflow importato e rivedere i progetti per assicurarsi che il progetto configurato sia incluso.
    2. Fare clic su Richiedi e fornire tutte le informazioni necessarie.
    3. Fare clic su Invia.
    Il processo di provisioning inizia e viene aperta la pagina Distribuzioni con la richiesta corrente nella parte superiore.
  6. Monitorare il processo di provisioning per verificare che un elemento del catalogo venga eseguito correttamente.
    vRealize Automation 8.x distribuisce l'elemento del catalogo all'infrastruttura allocata nell'applicazione.
    1. Selezionare Risorse > Distribuzioni e individuare la richiesta distribuita.
    2. Monitorare lo stato della scheda finché non risulta corretto.
  7. Verificare che gli utenti possano eseguire un'azione Day2 nell'elemento del catalogo distribuito.
    Le azioni Day2 sono modifiche che è possibile apportare agli elementi del catalogo distribuiti. Le azioni a livello di distribuzione potrebbero includere Elimina, Modifica lease, Accendi e Spegni. L'istanza di vRealize Automation 8.0.1 o versione successiva esegue le azioni nel sistema di destinazione. I membri del progetto devono essere autorizzati a eseguire le azioni.
    1. Selezionare Risorse > Distribuzioni e individuare l'elemento del catalogo distribuito correttamente.
    2. Fare clic sul menu Azioni sul lato destro della scheda.
      Le azioni previste sono Modifica lease, Elimina, Spegni e Accendi. In base alla finalità dell'elemento, eseguire una delle azioni.

risultati

I modelli di cloud di vRealize Automation 8.0.1 o versioni successive vengono importati in Service Broker e condivisi nel catalogo.

Operazioni successive

  • Se la distribuzione non riesce, è necessario risolvere l'errore nell'istanza di vRealize Automation 8.0.1 o versione successiva.
  • Se si desidera controllare per quanto tempo può esistere una distribuzione, creare un lease. Vedere Impostazione dei criteri di Service Broker.
  • Per fornire più o meno input utente al momento della richiesta, è possibile creare un modulo personalizzato. Vedere Personalizzazione di un'icona e del modulo di richiesta di Service Broker. Le modifiche al modulo di richiesta vengono applicate alle richieste di vRealize Automation Cloud e non ai modelli di cloud versione 8.0.1 o successiva.
  • Per applicare i criteri di approvazione alle richieste, è possibile creare criteri di approvazione per due criteri possibili: requestedBy e catalogItem. Non è possibile applicare altri criteri a questi modelli di cloud importati. Vedere Come configurare i criteri di approvazione di Service Broker.