In qualità di amministratore che configura Code Stream, dopo aver effettuato l'accesso, è possibile aggiungere endpoint, creare ed eseguire pipeline e visualizzare i risultati.

Code Stream si connette a endpoint locali tramite un proxy cloud. La configurazione della rete e la posizione degli endpoint locali in queste reti determinano il numero di istanze di proxy cloud richieste. Se tutti gli endpoint locali si trovano nella stessa rete, installare un proxy cloud singolo. Se gli endpoint locali risiedono in reti differenti, installare un proxy cloud per ogni rete indipendente. Quindi, nella configurazione dell'endpoint in Code Stream, selezionare il proxy cloud che risiede nella stessa rete dell'endpoint.

In questo caso d'uso si aggiunge un proxy cloud che connette il servizio Code Stream basato su cloud a un repository GitLab locale in modo che la pipeline possa scaricare un file Kubernetes.

Per aggiungere proxy cloud, scaricare il file OVA da Cloud Assembly e installarlo nell'istanza di vCenter Server. Quindi, in Code Stream, aggiungere un endpoint Git che Code Stream possa utilizzare per connettersi tramite il proxy cloud al repository locale. A questo punto, è possibile creare una pipeline che ottenga il codice dello sviluppatore dal repository GitLab locale e lo distribuisca a un cluster Kubernetes.

Nell'interfaccia utente di Code Stream è disponibile un processo introduttivo in forma di configurazione guidata. Fare clic sull'icona Guida e scegliere Configurazione guidata.

L'utilizzo di Code Stream comporta l'aggiunta di un endpoint, l'aggiunta di un proxy cloud, nonché la creazione e l'esecuzione di una pipeline.

Prerequisiti

  • Verificare che esista un repository GitLab o GitHub in locale e che contenga il codice la pipeline utilizzerà.
  • Per connettere il servizio Code Stream basato su cloud al repository GitLab o GitHub locale, verificare di poter accedere a Cloud Assembly per poter aggiungere un proxy cloud.

Procedura

  1. Impostare il proxy cloud utilizzato dal Code Stream basato su cloud per stabilire la connessione al repository GitLab locale.
    Oppure, se è disponibile un proxy cloud locale, quando si aggiunge l'endpoint Git è possibile selezionare Predefinito per il proxy cloud. In questo esempio di caso d'uso, il nome del proxy cloud è codestream.
    1. Per aggiungere proxy cloud, scaricare il file OVA del proxy cloud e installarlo nell'istanza di vCenter Server.
    2. Passare al servizio Cloud Assembly, fare clic su Infrastruttura, Proxy cloud, Nuovo e installare il proxy cloud.
      Quando si aggiunge un proxy cloud, si scarica il file OVA e lo si importa in vCenter Server con la chiave copiata qui.
  2. Aggiungere un endpoint Git che connetta Code Stream al repository GitLab locale.
    1. Fare clic su Endpoint.
    2. Selezionare il tipo di endpoint Git e inserire nome e descrizione.
    3. Selezionare il proxy cloud creato. In questo esempio, il nome del proxy cloud è codestream. Oppure selezionare Predefinito per utilizzare un proxy cloud locale.
    4. Inserire le informazioni rimanenti e il token.
    5. Per testare la connessione all'endpoint, fare clic su Convalida e salvare l'endpoint.
      Quando si aggiunge un endpoint che connette Code Stream e il repository, si seleziona il proxy cloud e il server del repository e si immette l'URL del repository.
  3. Fare clic su Pipeline, creare una pipeline e aggiungere un'attività che utilizza l'endpoint Git. Facoltativamente è possibile aggiungere una notifica via email.
    Quando si crea una pipeline, si aggiungono attività e si immettono i dettagli di ciascuna attività.
  4. Salvare la pipeline e fare clic su Abilita per abilitarne l'esecuzione.
    Dopo aver salvato la pipeline, è necessario abilitarla per poterla eseguire.
  5. Dopo aver abilitato la pipeline, fare clic su Esegui.
  6. Fare clic su Esecuzioni e osservare la pipeline durante l'esecuzione.
    Quando si osserva l'esecuzione della pipeline, l'icona Fasi mostra l'avanzamento.
  7. Se la pipeline non riesce, correggere il problema ed eseguirla nuovamente.
  8. Fare clic su Dashboard e selezionare il dashboard della pipeline in modo che possa monitorare l'attività della pipeline.

risultati

La pipeline è stata eseguita e ha scaricato il file dello sviluppatore da un'istanza di GitLab. L'attività della pipeline ha distribuito l'applicazione a un cluster Kubernetes ed è stato possibile monitorare personalmente tutta l'attività sul dashboard della pipeline.

Operazioni successive

Se non si trovano le informazioni necessarie, è possibile ottenere ulteriore assistenza nel prodotto.

  • Per ottenere informazioni specifiche del contesto, quando e dove sono necessarie, fare clic e leggere le indicazioni e le descrizioni comandi nell'interfaccia utente.
  • Aprire il pannello di supporto all'interno del prodotto e leggere gli argomenti visualizzati per la pagina dell'interfaccia utente attiva. Per ottenere risposte alle domande è anche possibile effettuare ricerche nel pannello.