Per modellare il processo di rilascio, si crea una pipeline che rappresenta le fasi, le attività e le approvazioni normalmente utilizzate per rilasciare il software. Code Stream automatizza quindi il processo che crea, testa, approva e distribuisce il codice.

Ora che tutte le condizioni per modellare il processo di rilascio del software sono soddisfatte, vediamo come procedere in Code Stream.

Prerequisiti

  • Verificare se sono già disponibili endpoint locali remoti e basati su cloud. In Code Stream fare clic su Endpoint.
  • Informazioni sulle modalità native per la creazione e la distribuzione del codice. Vedere Pianificazione di creazione, integrazione e consegna native del codice in Code Stream.
  • Se non si dispone del ruolo di amministratore ma si dispone di quello di utente o di visualizzatore, stabilire chi è l'amministratore dell'istanza di Code Stream.

Procedura

  1. Esaminare i progetti disponibili in Code Stream e selezionarne uno appropriato.
    • Se non sono visualizzati progetti, chiedere di creare un progetto e farsi attribuire il ruolo di membro del progetto a un amministratore di Code Stream dotato dei privilegi necessari. Vedere Come aggiungere un progetto in Code Stream.
    • Se non si è membri di alcun progetto elencato, chiedere di essere aggiunti come membri di un progetto a un amministratore di Code Stream dotato dei privilegi necessari.
    I progetti in Code Stream vengono visualizzati in una scheda in cui è indicato il numero di amministratori e membri nel progetto.
  2. Aggiungere eventuali nuovi endpoint locali remoti e basati su cloud necessari per la pipeline.
    Ad esempio, potrebbero essere necessari Git, Jenkins, Code Stream Build, Kubernetes e JIRA.
    Quando si aggiunge un endpoint, si seleziona il tipo di endpoint e si includono informazioni specifiche sull'endpoint che Code Stream utilizza quando si connette a tale endpoint.
  3. Se si aggiunge un endpoint locale remoto, ad esempio un repository GitHub locale, aggiungere un proxy cloud in Cloud Assembly. Code Stream può quindi connettersi all'endpoint.
    Un endpoint remoto può essere un'origine dati, un repository o un sistema di notifica che si trova in locale anziché in un ambiente basato su cloud. Gli endpoint locali non sono raggiungibili tramite Internet pubblico perché si trovano dietro un firewall.
    1. Per aggiungere proxy cloud, scaricare il file OVA del proxy cloud e installarlo nell'istanza di vCenter Server.
    2. Passare al servizio Cloud Assembly, fare clic su Proxy cloud, fare clic su Nuovo e installare il proxy cloud.
    Quando si installa un proxy cloud, si copia la chiave dalla finestra di dialogo e la si applica all'avvio dell'installazione.
  4. Creare variabili in modo da poter riutilizzare i valori nelle attività della pipeline.

    Utilizzare le variabili segrete per nascondere e crittografare le informazioni riservate. Utilizzare una variabile limitata per le stringhe, le password e gli URL che devono essere nascosti e crittografati, nonché per limitare l'uso nelle esecuzioni. Ad esempio, utilizzare una variabile segreta per una password o un URL. È possibile utilizzare variabili segrete e limitate in qualsiasi tipo di attività nella pipeline.

    Per vincolare le risorse utilizzate nelle pipeline, ad esempio una macchina host, utilizzare variabili limitate. È possibile impedire che la pipeline continui a essere eseguita finché un altro utente non la approva esplicitamente.

    Gli amministratori possono creare variabili segrete e variabili limitate. Gli utenti possono creare variabili segrete.

    È possibile riutilizzare una variabile in più pipeline tutte le volte che si desidera. Ad esempio, una variabile che definisce una macchina host può essere HostIPAddress. Per utilizzare la variabile in un'attività della pipeline, immettere ${var.HostIPAddress}.
    Le variabili in Code Stream indicano il progetto, il nome e il tipo della variabile, nonché il valore per le variabili regolari.
  5. Se si è un amministratore, contrassegnare gli endpoint e le variabili che sono di vitale importanza per la propria azienda come risorse limitate.

    Quando un utente che non è un amministratore tenta di eseguire una pipeline che include una risorsa limitata, la pipeline si arresta in corrispondenza dell'attività che utilizza la risorsa limitata. Un amministratore deve quindi riprendere la pipeline.

    Per contrassegnare un endpoint come limitato, fare clic sul commutatore per contrassegnarlo come tale.
  6. Pianificare la strategia di creazione per la pipeline CICD, CI o CD nativa.
    Prima di creare una pipeline che integri (CI) e consegni (CD) in modo continuativo il codice, pianificare la strategia di creazione. Il piano di creazione consente di determinare quanto necessario a Code Stream affinché possa creare, integrare, testare e distribuire il codice in modo nativo.
    Come creare una build nativa di Code Stream Risultati in questa strategia di creazione
    Utilizzare uno dei modelli di pipeline smart.
    • Crea automaticamente tutte le fasi e le attività.
    • Clona il repository di origine.
    • Crea e testa il codice.
    • Inserisce il codice in contenitori per la distribuzione.
    • Compila i passaggi delle attività della pipeline in base alle selezioni.
    Aggiungere manualmente fasi e attività.

    Aggiungere fasi, aggiungere attività e immettere le informazioni necessarie per compilarle.

  7. Creare la pipeline utilizzando un modello di pipeline smart oppure aggiungere manualmente fasi e attività alla pipeline.
    Quindi, contrassegnare le risorse come limitate. Aggiungere approvazioni, se necessario. Applicare tutte le variabili regolari, limitate o segrete. Aggiungere eventuali associazioni tra le attività.
    La pipeline CICD include diverse fasi e attività per gli stadi del processo di rilascio, ad esempio creazione, pubblicazione, sviluppo e produzione.
  8. Convalidare, abilitare ed eseguire la pipeline.
  9. Visualizzare le esecuzioni della pipeline.
    Nella pagina delle esecuzioni della pipeline, è possibile osservare lo stato di ogni fase durante l'esecuzione, selezionare le azioni e fare clic sul collegamento per ulteriori informazioni.
  10. Per tenere traccia dello stato e degli indicatori di prestazioni chiave (KPI), utilizzare i dashboard della pipeline e creare dashboard personalizzati.
    I dashboard della pipeline possono includere molti dettagli sulle esecuzioni della pipeline, ad esempio il numero di esecuzioni della pipeline, informazioni sulle modifiche riuscite, nonché sulle principali fasi e attività non riuscite e molto altro.

risultati

È stata creata una pipeline utilizzabile nel progetto selezionato.

È possibile anche esportare il file YAML della pipeline per poi importarlo e riutilizzarlo in altri progetti.

Operazioni successive

Ulteriori informazioni sui casi d'uso che potrebbero essere applicati nell'ambiente in uso. Vedere Tutorial sull'utilizzo di Code Stream.