Un workflow di vRealize Orchestrator viene eseguito in base a un flusso logico di eventi.

Quando si esegue un workflow, ogni elemento dello schema nel workflow viene eseguito in base alla sequenza seguente.

  1. Il workflow associa i parametri di input e le variabili del token del workflow ai parametri di input dell'elemento dello schema.
  2. L'elemento dello schema viene eseguito.
  3. I parametri di output dell'elemento dello schema vengono copiati nelle variabili del token del workflow e nei parametri di output del workflow.
  4. Le variabili del token e i parametri di output del workflow vengono archiviati nel database.
  5. Viene avviata l'esecuzione dell'elemento dello schema successivo.

Questa sequenza viene ripetuta per ogni elemento dello schema fino alla fine del workflow.

Punti di controllo del token del workflow

Quando un workflow viene eseguito, ogni elemento dello schema è un punto di controllo. Dopo l'esecuzione di ogni elemento dello schema, vRealize Orchestrator archivia le variabili del token del workflow nel database e viene avviata l'esecuzione dell'elemento dello schema successivo. Se il workflow si interrompe in modo imprevisto, al successivo riavvio del server vRealize Orchestrator, l'elemento dello schema attualmente attivo viene eseguito nuovamente e il workflow continua dall'inizio dell'elemento dello schema che era in esecuzione quando si è verificata l'interruzione. Tuttavia, vRealize Orchestrator non implementa la gestione delle transazioni o una funzione di rollback.

Fine del workflow

Il workflow termina se l'elemento dello schema attualmente attivo è un elemento fine. Dopo che il workflow raggiunge un elemento fine, altri workflow o applicazioni possono utilizzare i parametri di output del workflow.