È possibile eseguire la migrazione di un'istanza autonoma esterna di vRealize Orchestrator 7.x in un ambiente di vRealize Orchestrator 8.x. La migrazione è supportata per le istanze di vRealize Orchestrator 7.x autenticate con vSphere o con vRealize Automation 7.x.

Importante: L'aggiornamento di vRealize Orchestrator 7.x o versioni precedenti a vRealize Orchestrator 8.x non è supportato.
La migrazione trasferisce una configurazione autonoma esterna di vRealize Orchestrator 7.x all'ambiente di vRealize Orchestrator 8.x. La migrazione implica la sovrascrittura di tutti gli elementi esistenti nell'ambiente di vRealize Orchestrator 8.x, ad esempio workflow, azioni, elementi configurazione e risorsa, incluse le stringhe sicure in workflow ed elementi di configurazione, pacchetti, attività, criteri, certificati e certificati attendibili, plug-in, record personalizzati nel file js-io-rights.conf e proprietà di sistema del Centro di controllo. La migrazione di istanze di vRealize Orchestrator autenticate con vSphere include anche lo stato delle entità attualmente in esecuzione, ad esempio i token di esecuzione del workflow, le attività pianificate e le esecuzioni dei criteri. Per le istanze di vRealize Orchestrator autenticate con vRealize Automation, le entità attualmente in esecuzione vengono visualizzate con stato non riuscito nell'ambiente di vRealize Orchestrator di destinazione. La migrazione include i contenuti di vRealize Orchestrator personalizzati e integrati.
Nota: La migrazione delle distribuzioni di vRealize Orchestrator 7.x in cluster a vRealize Orchestrator 8.x non è supportata. È possibile eseguire la migrazione del nodo primario della distribuzione in cluster arrestando i servizi dei nodi di replica prima di eseguire lo script di migrazione.
service vco-server stop
service vco-configurator stop
È possibile eseguire la migrazione utilizzando lo script vro-migrate in bundle con vRealize Orchestrator Appliance.
Nota: Lo script di migrazione interrompe automaticamente i servizi di vRealize Orchestrator.

Prerequisiti

  • La migrazione è supportata per vRealize Orchestrator 7.3 o versioni successive.
  • Scaricare e distribuire un ambiente di vRealize Orchestrator 8.x. Consultare Download e distribuzione di vRealize Orchestrator Appliance in Installazione e configurazione di VMware vRealize Orchestrator.
  • Configurare il provider di autenticazione dell'ambiente di vRealize Orchestrator di destinazione. Il provider di autenticazione dell'istanza di vRealize Orchestrator di origine non viene migrato. Vedere Configurazione di un server vRealize Orchestrator autonomo in Installazione e configurazione di VMware vRealize Orchestrator.
  • Eseguire il backup dell'ambiente di vRealize Orchestrator di destinazione.
  • Verificare che l'accesso SSH sia abilitato nell'istanza di vRealize Orchestrator di origine e nell'ambiente di vRealize Orchestrator di destinazione. Vedere Abilitazione o disabilitazione dell'accesso SSH a vRealize Orchestrator Appliance in Installazione e configurazione di VMware vRealize Orchestrator.
  • Verificare che il database di vRealize Orchestrator di origine sia accessibile dall'ambiente di vRealize Orchestrator di destinazione.

Procedura

  1. Accedere alla riga di comando di vRealize Orchestrator Appliance dell'ambiente di destinazione tramite SSH come root.
  2. Per avviare la migrazione, eseguire lo script vro-migrate.
  3. Seguire i prompt dei comandi per fornire il nome di dominio completo (FQDN) e le credenziali dell'istanza di vRealize Orchestrator di origine.
  4. (Facoltativo) Per seguire lo stato di avanzamento della migrazione, accedere al registro della migrazione:
    1. Accedere alla riga di comando di vRealize Orchestrator Appliance di destinazione tramite una sessione SSH separata come root.
    2. Eseguire il comando tail -f /var/log/vro-migration.log.

risultati

Il processo di migrazione inizia. Quando la migrazione termina, viene visualizzata una notifica nell'istanza di vRealize Orchestrator Appliance di destinazione.