La funzione Assistente per l'onboarding dei contenuti consente di automatizzare il trasferimento di modelli .vmtx, immagini ISO, script e altri file nell'SDDC cloud.

Sono disponibili due opzioni per la modalità di trasferimento dei modelli Assistente per l'onboarding dei contenuti .vmtx all'SDDC
  • Convertire questi modelli in modelli OVF nella libreria dei contenuti dell'SDDC. Questa opzione richiede meno tempo.
  • Trasferire questi modelli come modelli .vmtx nell'inventario del vCenter Server. In tal caso, i modelli vengono sottoposti a una conversione intermedia in OVF, quindi sono nuovamente convertiti in modelli .vmtx.
Nota: Assistente per l'onboarding dei contenuti aggiunge script e immagini ISO a una libreria di contenuti che viene pubblicata dal data center locale e sottoscritta dall'SDDC. Non aggiunge modelli OVF o OVA esistenti alla libreria dei contenuti. Per le altre modalità di trasferimento dei modelli OVF o OVA nell'SDDC, vedere l'argomento relativo al trasferimento di modelli, ISO e altri contenuti nell'SDDC della Guida al funzionamento di VMware Cloud on AWS.

È possibile utilizzare la funzione Assistente per l'onboarding dei contenuti in qualsiasi macchina MacOS, Linux o Windows che disponga di un accesso di rete al data center locale e all'SDDC.

Se si utilizza la funzione Assistente per l'onboarding dei contenuti per trasferire contenuto all'SDDC e successivamente si individuano ulteriori elementi da trasferire, è possibile eseguire nuovamente la funzione Assistente per l'onboarding dei contenuti. La funzione Assistente per l'onboarding dei contenuti riconosce quali modelli .vmtx sono già stati trasferiti e non consente di selezionarli nuovamente per un altro trasferimento. Riconosce inoltre le immagini ISO e i file di script che sono stati trasferiti e trasferisce esclusivamente nuove immagini e script ISO.

Prerequisiti

Prima di eseguire Assistente per l'onboarding dei contenuti, eseguire le seguenti operazioni:
  • Assicurarsi che la versione in esecuzione nel data center locale vCenter Server sia la 6.0 o successiva.
  • Installare Java Runtime Environment (JRE) 1.8 o versione successiva. È possibile scaricare il programma di installazione di Java Runtime dal sito Web di Oracle all'indirizzo http://www.oracle.com/technetwork/java/javase/downloads/jre8-downloads-2133155.html.
  • Impostare la variabile di ambiente $JAVA_HOME nella posizione in cui è stato installato JRE.
  • Impostare una connessione VPN tra il data center locale e l'SDDC. Vedere "Configurazione di VPN e gateway" nella Guida introduttiva a VMware Cloud on AWS.

Procedura

  1. Preparare script e immagini ISO da aggiungere alla libreria dei contenuti spostandole in un'unica cartella nel data center locale.
    I modelli .vmtx non richiedono alcuna preparazione speciale.
  2. Scaricare la funzione Assistente per l'onboarding dei contenuti dalla posizione di download.
    1. Fare clic su Strumenti nella colonna a sinistra della Console VMC.
    2. Nella scheda Assistente per l'onboarding dei contenuti fare clic su DOWNLOAD per scaricare Content-Onboarding-Assistant-version.jar, in cui version è 1.5 o una versione più recente del file.
  3. Nel terminale o nella riga di comando passare alla directory in cui è stato posizionato il file Content-Onboarding-Assistant.jar e immettere il comando java -jar jar_file_name --cfg full_path_to_config_file.

    Nel file di configurazione, specificare ogni parametro nella riga corrispondente facendolo seguire da uno spazio e dal valore. Ad esempio

    onpremServer vcenter.onprem.example.com
    onpremInfraServer psc.onprem.example.com

    È anche possibile specificare molti parametri nella riga di comando indicandoli come --parameter parameter_value. Digitare java --jar jar_file_name --help per visualizzare un elenco completo dei parametri, oppure consultare la tabella seguente.

    Parametro Descrizione
    onpremServer server Nome dell'host del vCenter Server per il data center locale.
    onpremInfraServer psc-server Nome dell'host del Platform Services Controller locale. Questo passaggio è facoltativo per le configurazioni incorporate.
    onpremUsername username Nome utente utilizzato per accedere al vCenter Serverlocale.
    location foldername Posizione di file quali script o immagini ISO nel datastore locale. Utilizzare il formato datastore-name:folder/.
    cloudServer server Nome host dell'SDDC cloud vCenter Server.
    cloudInfraServer infra-server Nome host dell'SDDC cloud vCenter Server. Questo passaggio è facoltativo.
    cloudFolderName foldername Nome della cartella vCenter Server nell'SDDC cloud in cui verranno archiviati i modelli .vmtx.
    cloudRpName resource-pool-name Pool di risorse nell'SDDC cloud per i modelli .vmtx.
    cloudNetworkName network-name Gruppo di porte virtuali distribuito nell'SDDC cloud per i modelli .vmtx.
    sessionUpdate value Tempo in millisecondi tra le chiamate di aggiornamento della sessione. Il valore predefinito è 60000 ms (10 minuti). Se si verificano problemi di timeout delle sessioni durante l'esecuzione della funzione Assistente per l'onboarding dei contenuti, è opportuno ridurre questo valore.
  4. Quando richiesto, immettere le password per il data center locale e l'SDDC cloud.
    Assistente per l'onboarding dei contenuti testa le connessioni al data center locale e all'SDDC, quindi visualizza una tabella con tutti i modelli .vmtx rilevati.
  5. Immettere i numeri per i modelli che si desidera trasferire.
    È possibile immettere dei numeri singoli separati da virgole oppure un intervallo separato da un trattino.
  6. Controllare che la cartella delle immagini e degli script ISO sia corretta.
  7. Selezionare la modalità di trasferimento dei modelli .vmtx.
    • Selezionare l'opzione 1 per trasferire i modelli come modelli OVF nella libreria dei contenuti dell'SDDC.
    • Selezionare l'opzione 2 per trasferire i modelli come modelli .vmtx nell'inventario di vCenter Server.

risultati

La funzione Assistente per l'onboarding dei contenuti esegue le operazioni seguenti:
  • Copia i modelli .vmtx dal data center locale all'SDDC utilizzando le opzioni specificate.
  • Crea una libreria dei contenuti nel data center locale, aggiunge le immagini e gli script ISO a tale libreria dei contenuti e la pubblica.
  • Crea una libreria dei contenuti sottoscritta nell'SDDC e sincronizza le immagini e gli script ISO con l'SDDC.

Operazioni successive

A questo punto è possibile utilizzare i modelli .vmtx e le immagini ISO per creare macchine virtuali nell'SDDC.