La versione gestita di Google Play Store è la modalità di gestione consigliata per la distribuzione di tutte le applicazioni per i dispositivi Android. La versione gestita di Google Play viene caricata con l'iFrame di Google Play all'interno della console Workspace ONE UEM ogni volta che viene aggiunta un'applicazione pubblica e quando viene configurata una registrazione di Android Enterprise EMM. L'iFrame di Google Play si apre tramite l'integrazione API con Google Play e non è ospitato da VMware.

Distribuire applicazioni pubbliche mediante Google Play Store gestito

Cercare in Google Play Store direttamente dalla console per aggiungere applicazioni dalla versione gestita di Google Play Store per gli utenti.
  1. Passare a Risorse > App >Native > Pubbliche > Aggiungi applicazione.

    Viene mostrato il percorso di navigazione nella console UEM.

  2. Selezionare Android dal menu a discesa Piattaforma.
  3. Selezionare una delle seguenti opzioni per aggiungere un'applicazione:
    Impostazione Descrizione
    Cerca nell'App Store Seleziona questa impostazione per cercare l'applicazione nell'app store. Google Play viene avviato nella console tramite un iFrame.
    Inserisci URL Immettere l'URL pubblico Google Play dell'app da assegnare ai dispositivi registrati nell'Hub.

    Le app inserite utilizzando questa opzione possono essere convertite in app Android Enterprise. Per convertire un'app da distribuire ai dispositivi Android Enterprise, utilizzare il metodo Cerca nell'App Store per cercare e approvare l'app, oppure approvare direttamente l'app nel Google Play Store gestito e utilizzare l'opzione Importa da Play.

    Importa da Play Selezionare per importare le applicazioni approvate in precedenza.
  4. Selezionare Avanti o immettere il Nome delle applicazioni che si desidera aggiungere all'integrazione. Google Play può essere aperto direttamente dalla console.
  5. Individuare le app desiderate utilizzando la casella di testo Cerca o sfogliando la sezione delle app.
  6. Controllare le autorizzazioni che l'applicazione richiede sul dispositivo e selezionare Approva.
  7. Gli aggiornamenti futuri dell'applicazione potrebbero richiedere ulteriori autorizzazioni sul dispositivo. Se si sceglie di approvare automaticamente gli aggiornamenti e di consentirne l'invio ai dispositivi, prendere in considerazione la possibilità di selezionare Mantieni approvazione quando l'app richiede nuove autorizzazioni. Se un'applicazione viene aggiornata, assicurarsi che non sia necessario riapprovarla in Google Play Store.
  8. Configurare le opzioni nella scheda Dettagli.
    Impostazione Descrizione
    Nome Visualizzare il nome dell'applicazione.
    Visualizza nell'App Store Visualizzare il record dello store da cui è possibile scaricare l'applicazione e ottenere informazioni su di essa.
    Categorie

    Utilizzare le categorie per identificare l'utilizzo dell'applicazione.

    È possibile configurare categorie di applicazioni personalizzate o mantenere la categoria precodificata dell'app.

    Modelli supportati Selezionare tutti i modelli di dispositivo che eseguiranno questa applicazione.

    L'app è limitata all'installazione silenziosa

    Android

    Assegnare questa applicazione ai dispositivi Android che supportano la funzionalità di disinstallazione silenziosa.

    Tuttavia, è possibile controllare le app per cui si esegue il push ai propri dispositivi Android standard o aziendali. I dispositivi aziendali Android supportano attività silenziose.

    Gestita da Visualizzare il gruppo a cui appartiene l'applicazione nella propria gerarchia di gruppi.
  9. (Facoltativo) Assegnare i Termini di utilizzo necessari per l'applicazione nella scheda Termini di utilizzo.

    Le condizioni per l'utilizzo consentono all'organizzazione di dichiarare specificamente come utilizzare l'applicazione. Chiariscono all'utente cosa può aspettarsi dall'applicazione. Quando l'applicazione invia un push ai dispositivi, gli utenti visualizzano una pagina con le condizioni per l'utilizzo che devono accettare per poter utilizzare l'applicazione. Se gli utenti non accettano, non possono accedere all'applicazione.

  10. Selezionare la scheda SDK e assegnare il Profilo SDK predefinito o personalizzato e un profilo applicazione all'applicazione. I profili SDK applicano funzioni avanzate di gestione alle applicazioni.
  11. Selezionare Salva e assegna per configurare le opzioni di distribuzione flessibili per l'applicazione.

Distribuire una nuova applicazione privata tramite Google Play Store gestito

È possibile pubblicare le applicazioni sviluppate dall'azienda oppure ospitare e distribuire le applicazioni sviluppate per l'azienda tramite Play Store gestito. Durante l'aggiunta di un'app pubblica a un gruppo con Android Enterprise abilitato, l'iFrame viene caricato e le app private sono disponibili nel menu di sinistra. Ulteriori informazioni, come una descrizione, immagini e altro, possono essere aggiunte mediante le Opzioni avanzate dopo il caricamento. Queste applicazioni sono visibili ai dispositivi gestiti dall'azienda e non sono pubbliche al di fuori dell'azienda.
Nota: Le app private caricate tramite iFrame non possono essere mai visibili nel Google Play Store pubblico. Se l'applicazione può essere resa pubblica all'esterno dell'organizzazione, è consigliabile pubblicarla direttamente in Google Play Developer Console anziché tramite iFrame.

Prima di iniziare:

  • Assicurarsi che l'ambiente di Workspace ONE sia registrato in Android Enterprise Mobility Management (EMM).
  • Il file APK con lo stesso ID dell'applicazione non è pubblicato nel Play Store pubblico di Android.
  • L'account del publisher di Google ha un limite di 15 APK al giorno. Questo significa che è possibile caricare fino a 15 applicazioni al giorno.
  1. Passare a Risorse > App > Native > Pubbliche > Aggiungi applicazione.
  2. Selezionare Android dal menu a discesa Piattaforma. Lasciare vuoto il campo Nome e selezionare Avanti. Google Play console si aprirà direttamente dalla console.
  3. Accedere a App private dal menu a sinistra.
  4. Fare clic sull'icona "+" per aggiungere una nuova applicazione e selezionare Carica APK.
    Nota:
    • Il caricamento tramite l'iFrame pubblica l'applicazione in soli 10 minuti e on è soggetto alla tariffa una tantum che viene addebitata per creare un account Google Developer.
    • Le applicazioni private non possono mai essere caricate più di una volta, in quanto Google Play garantisce che ciascuna applicazione abbia un nome di pacchetto univoco.
    • Le applicazioni private eliminate non possono essere ricaricate con lo stesso nome di pacchetto. Eliminare le applicazioni private solo se non si desidererà più riutilizzare lo stesso nome di pacchetto. Il nome del pacchetto è un nome univoco che identifica un'app specifica.
    L'applicazione compare nella sezione App privata e la visualizzazione di una notifica può richiedere fino a 10 minuti. A questo punto è possibile chiudere la schermata. L'applicazione è elencata tra le app pubbliche.
  5. (Facoltativo) È possibile modificare il logo visualizzato in UEM console utilizzando l'icona a forma di matita accanto all'applicazione.
  6. Selezionare Assegna e Aggiungi assegnazione.
  7. Selezionare il gruppo o il gruppo smart a cui si desidera assegnare l'app e fare clic su Aggiungi.
  8. Nella finestra Aggiorna assegnazione, fare clic su Salva e pubblica per confermare.
  9. Scegliere Pubblica per l'assegnazione dell'app. Se la distribuzione è impostata su Automatica, l'applicazione viene installata automaticamente nel dispositivo e visualizzata sia sulla console che sul dispositivo.

Distribuire le tracce di testing personalizzate prima del rilascio della versione di produzione

A volte potrebbe essere necessario testare l'applicazione e correggere i problemi tecnici o di fruibilità riscontrati con un impatto minimo per gli utenti e, successivamente, scegliere di rilasciare la versione migliore dell'applicazione per la maggior parte degli utenti. console consente di testare e distribuire un numero illimitato di versioni personalizzate prima di rilasciare la versione di produzione.

Il supporto della versione personalizzata dell'applicazione consente alle aziende di testare app di terze parti e tutte le app private che sviluppano internamente. È possibile pubblicare le applicazioni nelle tracce di testing personalizzate in Google Play console e assegnarle ai gruppi smart.

Prima di iniziare:

  • Assicurarsi di disporre del file APK per la nuova versione che si desidera pubblicare.
  • Se sono presenti più dispositivi registrati per un unico utente ma assegnati a tracce diverse, selezionare Gruppi e impostazioni > Dispositivi e utenti > Android > Registrazione EMM Android > Impostazioni di registrazione e impostare Tipo di registrazione con gestione Work su In base al dispositivo. L'impostazione garantisce la creazione di un record GoogleID diverso per ogni dispositivo in modo che sia possibile assegnare diverse versioni delle app dalla versione gestita di Play Console.
  1. Passare a Risorse > App > Native > Pubbliche > Aggiungi applicazione.
  2. Selezionare Android dal menu a discesa Piattaforma. Lasciare vuoto il campo Nome e selezionare Avanti. Google Play console si aprirà direttamente dalla console.
  3. Accedere a App private dal menu a sinistra.
  4. Selezionare l'applicazione privata per la quale si desidera aggiungere la versione personalizzata per il testing.
  5. Fare clic su Esegui modifiche avanzate in Opzioni di modifica avanzate.
  6. Si viene indirizzati alla pagina di accesso alla console di Google Play. In Google Play Console, completare i passaggi seguenti per creare la Traccia di testing chiusa dell'applicazione.
    1. Accedere a Google Play Console utilizzando l'account Google associato al tenant di Workspace ONE. Sulla propria app selezionare Gestione delle release > Release dell'app. Selezionare Crea traccia chiusa.
    2. In Organizzazioni, fare clic su Modifica.
    3. Selezionare l'organizzazione corrispondente al gruppo di Workspace ONE e fare clic su Fine.
    4. Fare clic su Crea versione.
    5. Aggiungere il file APK. Dopo aver aggiunto il file APK, è possibile visualizzare i dettagli relativi al codice della versione e alla dimensione del file.
    6. Fare clic su Salva nella parte inferiore dello schermo, quindi selezionare Esamina. Visualizzare gli eventuali messaggi di avviso e apportare le necessarie modifiche all'app, come richiesto.
      Nota: È possibile ignorare i messaggi di avviso sui tester, poiché verrà definito tramite Workspace ONE in un secondo momento.
    7. Fare clic su Avvia e Conferma implementazione.
  7. Nella console, selezionare l'applicazione da Risorse > App > Native.
  8. Fare clic su Assegna e Aggiungi assegnazione.
  9. Selezionare il Gruppo di assegnazione per la nuova versione personalizzata dell'applicazione.
  10. Nella scheda Distribuzione, selezionare la traccia di testing chiusa creata dal menu a discesa Versione pre-release in base alla distribuzione.
  11. Fai clic su Salva e pubblica.
  12. Fare clic su Pubblica per confermare l'assegnazione. La versione corrispondente alle regole nel passaggio 11a viene resa disponibile ai gruppi appropriati.

Distribuire le applicazioni private a più server

È possibile creare applicazioni private per la propria azienda e distribuirle a più server.

Per pubblicare applicazioni private da Google Play Console, è necessario registrarsi per ottenere un account sviluppatore di Google Play. Questo account assegna i privilegi di amministratore appropriati per caricare e pubblicare applicazioni private in Google Play gestito. È quindi possibile utilizzare la console per distribuire queste applicazioni agli utenti.
  1. Nel server 1 della console, passare a Risorse > App > Native > Pubbliche > Aggiungi applicazione.
  2. Selezionare Android dal menu a discesa Piattaforma. Lasciare vuoto il campo Nome e selezionare Avanti. Google Play console si aprirà direttamente dalla console.
  3. Accedere a App private dal menu a sinistra.
  4. Selezionare l'applicazione privata per la quale si desidera aggiungere più server.
  5. Fare clic su Esegui modifiche avanzate in Opzioni di modifica avanzate.
    1. Accedere a Google Play Console.
    2. Selezionare Prezzi e distribuzione > Programmi per utenti > Versione gestita di Google Play.
    3. Fare clic su Scegli organizzazioni.
    4. Per ogni organizzazione per cui si desidera pubblicare l'applicazione, immettere l'ID organizzazione.
    5. Per ottenere l'ID organizzazione del server di Workspace ONE, completare i passaggi seguenti:
      1. Accedere alla versione gestita di Google Play Store utilizzando l'account Google associato al server 2 (istanza di registrazione EMM Android) per cui si desidera rendere disponibile l'app privata.
      2. Fare clic su Impostazioni amministratore.
      3. Copiare la stringa dell'ID organizzazione dalla casella Informazioni sull'organizzazione.
    1. Incollare l'ID organizzazione, aggiungere una descrizione (o un nome) e fare clic su Aggiungi.
    2. Fare clic su Fine.
Quando si è pronti per pubblicare l'applicazione, è possibile creare e implementare una versione di produzione o una traccia alfa/beta. Dopo la pubblicazione dell'applicazione, è possibile creare versioni o configurare un'implementazione in fasi.

Distribuire applicazioni Web mediante Google Play Store gestito

Le applicazioni Web sono collegamenti sui dispositivi Android che gli utenti possono aprire per passare agli URL predefiniti. Vengono installate in modalità silenziosa. Sui dispositivi Android, le applicazioni Web possono essere gestite in modo simile alle applicazioni pubbliche. Le app Web richiedono Google Chrome per poter funzionare e sono gestite come applicazioni pubbliche. Per farlo, gli amministratori devono impostare il titolo, l'URL, la modalità di visualizzazione e l'icona. La versione gestita di Google Play Store viene caricata in un iFrame che crea un oggetto App Web trattato da Google Play e dal sistema operativo Android come se fosse un'applicazione pubblica.

Nota: È possibile creare fino a 15 nuove app Web al giorno.
  1. Passare a Risorse > App > Native > Pubbliche > Aggiungi applicazione.
  2. Selezionare Android dal menu a discesa Piattaforma.
  3. Selezionare Cerca nello store per cercare l'applicazione nell'App Store. Lasciare vuoto il campo Nome e selezionare Avanti. Google Play viene aperto direttamente dalla console.
  4. Accedere alle App Web dal menu a sinistra.
  5. Creare un'App Web.
    1. Inserire il Titolo e l'URL.
    2. Selezionare la Modalità di visualizzazione.
    3. Caricare l'Icona.
    4. Selezionare Crea.
    5. Dopo aver salvato l'app Web, selezionare la freccia Indietro nella parte superiore sinistra della schermata.
      Nota: L'app sarà disponibile entro circa 30 minuti. Una volta che l'app è disponibile, sono richiesti circa 10 minuti per pubblicare un'applicazione Web.
  6. Selezionare l'App Web.
  7. Scegliere l'opzione Seleziona nella parte inferiore della schermata.
  8. Selezionare Salva e assegna per configurare le opzioni di distribuzione flessibile per l'App Web.
    Nota: La pubblicazione dell'applicazione Web crea l'applicazione. Tuttavia, la pubblicazione per gli utenti non avviene finché non si assegna l'applicazione all'interno della console.

Aggiungi assegnazioni ed esclusioni alle applicazioni Android

L'aggiunta di assegnazioni ed esclusioni offre un processo di distribuzione flessibile e consente di pianificare più scenari di distribuzione per una singola applicazione. Dopo aver approvato l'applicazione da Google Play Store, si viene reindirizzati alla console Workspace ONE UEM per assegnare le applicazioni ai gruppi smart nella scheda Assegnazione. È possibile aggiungere una singola assegnazione o più assegnazioni per controllare la distribuzione dell'applicazione e stabilirne l'ordine di priorità spostando nella parte superiore quelle più importanti e nella parte inferiore quelle meno importanti. Inoltre, è possibile escludere i gruppi dalla ricezione dell'assegnazione.

  1. Selezionare Risorse > App > Native > Interne o Pubbliche.
  2. Caricare un'applicazione e selezionare Salva e assegna oppure selezionare l'applicazione e selezionare Assegna dal menu Azioni.
  3. Nella scheda Assegnazioni, selezionare Aggiungi assegnazione e completare le opzioni riportate di seguito.
    1. Nella scheda Distribuzione, immettere le seguenti informazioni:
      Impostazione Descrizione
      Nome Immettere il nome dell'assegnazione.
      Descrizione Immettere la descrizione dell'assegnazione.
      Gruppi assegnazione Immettere un nome di gruppo smart per selezionare i gruppi di dispositivi che dovranno ricevere l'assegnazione.
      La distribuzione inizia il La distribuzione inizia il è disponibile solo per le applicazioni interne. Impostare un giorno del mese e un'ora in cui avviare la distribuzione.

      Per una distribuzione ottimale, considerare i modelli di traffico della rete prima di impostare una data di inizio con una larghezza di banda.

      Metodo di distribuzione app
      • Su richiesta – Distribuisce contenuti di un catalogo o di un altro agente delle distribuzione e permette che l'utente del dispositivo scelga se e quando installarli.

        Questa è l'opzione migliore per i contenuti che non sono fondamentali per l'organizzazione. La possibilità per gli utenti di scaricare i contenuti in qualsiasi momento consente di risparmiare larghezza di banda e limita il traffico non necessario.

      • Automatico – Distribuisce contenuti di un catalogo o di un altro hub delle distribuzione su un dispositivo, al momento della registrazione. Una volta registrati i dispositivi, il sistema richiede agli utenti di installare i contenuti.

        Questa è la scelta migliore per i contenuti di importanza critica per l'organizzazione e i relativi utenti mobili

      Priorità aggiornamento automatico

      L'impostazione Priorità aggiornamento automatico è disponibile solo per le applicazioni Android pubbliche. Questa impostazione consente di controllare gli aggiornamenti delle app e offre la flessibilità di aggiornare diverse applicazioni a velocità variabili.

      Utilizzare questa impostazione per specificare se eseguire immediatamente il push degli aggiornamenti ad app specifiche sui dispositivi, rinviando gli aggiornamenti a un altro gruppo di app.

      • Predefinito: se un profilo di Aggiornamento automatico delle app pubbliche è stato inviato a un dispositivo, l'app segue il criterio globale definito per questo profilo sul dispositivo. Se non viene eseguito il push di alcun profilo di aggiornamento automatico delle app pubbliche su un dispositivo assegnato, l'app segue il comportamento predefinito di Android sul dispositivo.
      • Priorità alta: le app vengono aggiornate rapidamente non appena gli aggiornamenti vengono pubblicati e approvati da Google Play. Questa impostazione sostituisce qualsiasi profilo di aggiornamento automatico delle app pubbliche inviato ai dispositivi assegnati.
      • Posponi: le app non vengono aggiornate automaticamente nei primi 90 giorni dopo essere diventate obsolete. Questa impostazione sostituisce qualsiasi profilo di aggiornamento automatico delle app pubbliche inviato ai dispositivi assegnati.

      L'esempio seguente consente di comprendere meglio questa funzionalità.

      Alcuni dipendenti operano in settori rigidamente regolamentati. Per garantire che le applicazioni sviluppate da terze parti siano conformi agli standard del settore, è consigliabile testare le nuove versioni delle app prima di distribuirle agli utenti dei dispositivi.

      In questo caso, è possibile impostare un profilo di aggiornamento automatico delle app pubbliche che impedisca gli aggiornamenti automatici per tutte le applicazioni del Play Store gestito. Per le app che devono essere aggiornate automaticamente, come quelle sviluppate internamente, è possibile creare eccezioni impostando la priorità dell'aggiornamento automatico su alta.

    2. Nella scheda Restrizioni, immettere le seguenti informazioni:
      Impostazioni Descrizione
      Accesso gestito Abilitare la gestione adattativa per impostare Workspace ONE UEM per la gestione del dispositivo, in modo da consentire al dispositivo di accedere all'applicazione.

      Workspace ONE controlla questa funzionalità e non è supportato da AirWatch Catalog.

    3. Nella scheda Tunnel, immettere le seguenti informazioni:
      Impostazione Descrizione
      Android Legacy Selezionare il Profilo VPN per app da utilizzare per l'applicazione e configurare una VPN al livello dell'applicazione.
    4. Nella scheda Configurazioni applicazioni, attivare la seguente impostazione.
      Impostazione Descrizione
      Invia configurazione Inviare le configurazioni delle applicazioni ai dispositivi.
  4. Selezionare Crea.
    Nota:

    Alcuni punti importanti relativi alla configurazione delle applicazioni:

    • L'assegnazione delle app preesistenti deve essere modificata. Potrebbe essere necessaria una nuova assegnazione se in precedenza è stata inclusa una configurazione personalizzata.
    • Quando nella console vengono caricate nuove versioni dell'app, le configurazioni disponibili vengono aggiornate automaticamente.
    • Per modificare una configurazione, modificare l'assegnazione e apportare le modifiche alla configurazione dell'applicazione. Salvare e pubblicare nuovamente l'app.
    • Per ricevere la configurazione dell'applicazione gestita in relazione alle applicazioni interne, i dispositivi richiedono Workspace ONE Intelligent Hub 22.04 o una versione successiva.
  5. Selezionare Aggiungi assegnazione per aggiungere nuove assegnazioni di app all'applicazione.
  6. Configurare le impostazioni di distribuzione flessibile per l'applicazione modificando le pianificazioni e la priorità per le distribuzioni. Le opzioni visualizzate in questa finestra sono specifiche della piattaforma.
    Impostazione Descrizione
    Copia Dall'ellittica verticale, è possibile fare clic su Copia se si sceglie di duplicare le configurazioni di assegnazione.
    Elimina Dall'ellittica verticale, è possibile rimuovere l'assegnazione selezionata dalla distribuzione dell'applicazione.
    Priorità

    È possibile modificare la priorità dell'assegnazione configurata dal menu a discesa durante l'immissione dell'assegnazione selezionata nell'elenco delle assegnazioni. Priorità 0 è l'assegnazione più importante e ha la precedenza su tutte le altre distribuzioni. I dispositivi ricevono tutti i criteri di distribuzione delle restrizioni e i criteri di configurazione delle app dal gruppo di assegnazione con priorità più alta.

    Se un dispositivo appartiene a più di un gruppo smart e si assegnano questi gruppi smart a un'applicazione con diverse distribuzioni flessibili, il dispositivo riceve la distribuzione flessibile stabilita con la priorità più immediata. Quando si assegnano gruppi smart alle distribuzioni flessibili, tenere presente che un singolo dispositivo può appartenere a più di un gruppo smart. A sua volta, un dispositivo può essere assegnato a più di una distribuzione flessibile per la stessa applicazione.

    Ad esempio, se Dispositivo 01 appartiene al Gruppo smart HR e al Gruppo smart Formazione. È possibile configurare e assegnare due distribuzioni flessibili per l'applicazione X, che comprendano entrambi i gruppi smart. Il dispositivo 01 ha ora due assegnazioni per l'applicazione X.

    • Priorità 0 = Smart Group HR, per distribuire in 10 giorni con On Demand
    • Priorità 1 = Smart Group Training, per distribuire subito con Auto

    Il dispositivo 01 riceve l'assegnazione di priorità 0 e ottiene l'applicazione in 10 giorni a causa del livello di priorità delle assegnazioni. Il dispositivo 01 non riceve l'assegnazione di priorità 1.

    Nome assegnazione Visualizza il nome dell'assegnazione.
    Descrizione Visualizza la descrizione dell'assegnazione.
    Gruppi smart Visualizzare il gruppo smart assegnato.
    Metodo di distribuzione app Visualizzare come l'applicazione esegue l’invio ai dispositivi. Auto invia immediatamente mediante il Catalogo AirWatch senza alcuna interazione dell'utente. Su richiesta invia ai dispositivi quando l'utente avvia un'installazione da un catalogo.
    Accesso EMM gestito Visualizzare se per l'applicazione è abilitata la gestione adattativa.
  7. Selezionare la scheda Esclusioni e inserire gruppi smart, gruppi dell’organizzazione e gruppi utente per escluderli dalla ricezione dell'applicazione.
    • Il sistema applica le esclusioni dalle assegnazioni delle applicazioni a livello di applicazione.
    • Tenere in considerazione la gerarchia di gruppo (OG) nell’aggiungere le esclusioni. Le esclusioni a livello di OG principale non si applicano ai dispositivi dell’OG secondario. Le esclusioni in un OG secondario non si applicano ai dispositivi dell’OG principale. Le esclusioni si devono aggiungere per l’OG desiderato.
  8. Selezionare Salva e pubblica.

Aggiungere dei link Web per i dispositivi Android dalla console Workspace ONE UEM

Le applicazioni Web Links funzionano come un'applicazione su un dispositivo. I link Web sono noti anche come collegamenti rapidi. Offrono agli utenti finali un modo per accedere a un URL direttamente da un'icona nel menu del dispositivo. L'utente finale vede l'icona e il titolo dell'applicazione Web Links, seleziona l'applicazione e si connette direttamente a un URL specificato. Le applicazioni Web Links sono utili per la navigazione a URL estesi con molti caratteri. È richiesta l'approvazione manuale dell'utente per poter aggiungere il collegamento alla schermata home. È possibile inserire icone di applicazioni Web Links sulla springboard. Queste icone connettono gli utenti finali a repository di contenuti interni o a schermate di accesso senza bisogno di aprire un browser e digitare un URL lungo. I link Web possono utilizzare un URI personalizzato per aprire browser specifici e sono gestiti come profili, a differenza delle app Web che devono utilizzare il browser Chrome.

È possibile aggiungere link Web come un'applicazione nella sezione Risorse della console Workspace ONE UEM. Per ulteriori informazioni, vedere Aggiungere applicazioni di link Web.

Organizzare le applicazioni nel Play Store gestito

Gli amministratori possono semplificare l'accesso alle applicazioni consigliate aggiungendo le applicazioni in raccolte che vengono visualizzate come righe nella versione gestita di Play Store. Dopo avere abilitato questa funzionalità, esiste il requisito minimo di una raccolta in qualsiasi momento. Le app che non sono state assegnate a una raccolta possono essere trovate solo nell'archivio Play Store gestito utilizzando la funzionalità di ricerca.

Una volta che un ambiente ha iniziato a utilizzare le raccolte, Google Play gestito non può riportato a uno stato precedente. Poiché non è possibile eseguire il rollback della modifica delle raccolte, i clienti sono vivamente incoraggiati a testare la funzionalità in ambiente sandbox per assicurarsi che sia coordinata con l'esperienza e le funzionalità richieste dall'utente finale prima di eseguirne il rollout in qualsiasi ambiente di produzione.

  1. Selezionare Risorse > App > Pubbliche > Aggiungi applicazione.
  2. Selezionare Android dal menu a discesa Piattaforma.
  3. Selezionare Cerca nello store per cercare l'applicazione nell'App Store. Lasciare vuoto il campo Nome e selezionare Avanti. Google Play viene aperto direttamente dalla console.
  4. Accedere a Organizza le app dal menu a sinistra.
  5. Creare raccolte e aggiungere app alla raccolta per impostare il layout di Play Store.