vSphere Replication può proteggere una o più macchine virtuali e i relativi dischi virtuali replicandoli da un'istanza di vCenter Server all'altra. Configurare le repliche con le impostazioni desiderate utilizzando la procedura seguente.

Quando si configura una replica, si imposta un obiettivo punto di ripristino (RPO) per determinare la perdita di dati massima tollerabile. Ad esempio, un RPO di un'ora punta ad assicurare che una macchina virtuale possa perdere dati per non più di un'ora durante il ripristino. Impostando valori di RPO inferiori si riduce la quantità di dati che potrebbe andare persa durante il ripristino, ma si aumenta la larghezza di banda di rete impegnata per mantenere aggiornata la replica. Il valore RPO influisce sulla pianificazione della replica, ma vSphere Replication non rispetta rigidamente la pianificazione della replica. Vedere Obiettivo punto di ripristino.

vSphere Replication garantisce la coerenza dell'arresto anomalo tra tutti i dischi che appartengono a una macchina virtuale. Se si utilizza la disattivazione, è possibile ottenere un livello di coerenza più elevato. I tipi di disattivazione disponibili sono determinati dal sistema operativo della macchina virtuale. Per le macchine virtuali Windows e Linux, vedere Matrici di compatibilità per vSphere Replication 8.6.x.

È possibile configurare le macchine virtuali in modo che eseguano la replica da e verso i datastore vSAN. Vedere Utilizzo di vSphere Replication con storage vSAN per le limitazioni previste quando si utilizza vSphere Replication con vSAN.

Prerequisiti

  • Verificare che l'appliance vSphere Replication sia distribuita nei siti di origine e di destinazione.
  • Per abilitare la disattivazione delle macchine virtuali che eseguono il sistema operativo guest Linux, installare la versione più recente di VMware Tools su ogni macchina Linux che si intende replicare.
  • Se si desidera replicare una macchina virtuale crittografata o attivare la crittografia di rete di una replica, verificare che l'ambiente soddisfi i requisiti. Vedere Replica di macchine virtuali crittografate.

Procedura

  1. Accedere al vSphere Client.
  2. Nella pagina iniziale fare clic su Site Recovery e quindi su Apri Site Recovery.
  3. Nella home page di Site Recovery, selezionare una coppia di siti e fare clic su Visualizza dettagli.
  4. Fare clic sulla scheda Repliche, selezionare In uscita o In entrata, quindi fare clic sull'icona Crea nuova replica.
  5. Accettare l'assegnazione automatica di un server vSphere Replication o selezionare un server specifico nel sito di destinazione e fare clic su Avanti.
  6. Nella pagina Macchine virtuali della procedura guidata Configura replica, selezionare le macchine virtuali che si desidera replicare, quindi fare clic su Avanti.
  7. Nella pagina Datastore di destinazione, selezionare un datastore in cui replicare i file.
    Quando si replicano più macchine virtuali è possibile configurare un datastore di destinazione diverso per ogni macchina virtuale.
  8. (Facoltativo) Selezionare la casella di controllo Seleziona valori di inizializzazione.
    I valori di inizializzazione della replica possono ridurre il traffico di rete durante la sincronizzazione completa iniziale, ma l'utilizzo involontario di tali valori di inizializzazione della replica potrebbe causare la perdita di dati.
  9. (Facoltativo) Selezionare o deselezionare la casella di controllo Includere automaticamente nuovi dischi nella replica.
    Mantenere la casella di controllo selezionata per includere automaticamente i nuovi dischi nella replica con la stessa configurazione di replica della macchina virtuale di origine. Il formato del disco per i dischi inclusi automaticamente è determinato nel modo seguente: se tutti i dischi replicati utilizzano il formato Uguale all'origine, il formato Uguale all'origine viene applicato ai dischi inclusi automaticamente. Se non è questo il caso, ma tutti i dischi replicati utilizzano lo stesso formato, ad esempio Thin provisioning, ai dischi inclusi automaticamente viene applicato lo stesso formato ( Thin provisioning). Se tutti i dischi replicati utilizzano formati diversi, ai dischi inclusi automaticamente viene applicato il formato Uguale all'origine.
    Se si attiva la visualizzazione Configura datastore per disco, è possibile attivare o disattivare la replica automatica dei nuovi dischi alternando il commutatore Nuovo disco rigido.
  10. Fare clic su Avanti.
  11. (Facoltativo) Nella pagina Seleziona valore di inizializzazione, rivedere i valori di inizializzazione della replica suggeriti e modificarli, se necessario.
    È possibile selezionare i file dei valori di inizializzazione per ciascun disco della macchina virtuale e cercare i valori di inizializzazione utilizzando il menu a discesa e facendo clic su Sfoglia.
    I file di replica per il disco sono scritti nella directory del file dei valori di inizializzazione.
  12. Selezionare la casella di controllo I valori di inizializzazione selezionati sono corretti e fare clic su Avanti.
  13. Nella pagina Impostazioni della replica, utilizzare il dispositivo di scorrimento dell'RPO per impostare il periodo accettabile per il quale è possibile perdere dati in caso di errore del sito.
    L'intervallo dell'RPO disponibile è compreso tra 5 minuti e 24 ore.
  14. (Facoltativo) Per salvare più istanze della replica che possono essere convertite in snapshot della macchina virtuale di origine durante il ripristino, selezionare Abilita istanze in punti temporali specifici e regolare il numero di istanze da conservare.
    Nota: Per ogni macchina virtuale, è possibile conservare fino a 24 istanze. Ad esempio se si configura vSphere Replication in modo che conservi 6 istanze della replica al giorno, il numero massimo di giorni che è possibile impostare è quattro giorni.

    Il numero di istanze della replica conservate da vSphere Replication dipende dal criterio di conservazione configurato, ma è anche necessario che l'intervallo RPO sia sufficientemente breve per la creazione di queste istanze. Poiché vSphere Replication non verifica se i valori impostati per l'RPO creano un numero sufficiente di istanze da conservare e non visualizza un messaggio di avviso nel caso in cui le istanze non siano sufficienti, è necessario aver cura di impostare vSphere Replication in modo che crei le istanze che si desidera effettivamente conservare. Ad esempio, se si imposta vSphere Replication in modo che conservi sei istanze della replica al giorno, l'intervallo di RPO non deve superare le quattro ore, in modo che vSphere Replication abbia la possibilità di creare sei istanze in 24 ore.

  15. (Facoltativo) Attivare la disattivazione per il sistema operativo guest della macchina virtuale di origine.
    Nota: Le opzioni di disattivazione sono disponibili solo per le macchine virtuali che supportano la disattivazione. vSphere Replication non supporta la disattivazione VSS in vVOL.
  16. (Facoltativo) Selezionare Abilita compressione di rete per i dati VR.
    La compressione dei dati di replica trasferiti attraverso la rete consente di risparmiare larghezza di banda e può contribuire a ridurre la quantità di memoria buffer utilizzata sul server vSphere Replication. Tuttavia, la compressione e la decompressione dei dati richiede più risorse della CPU sia nel sito di origine che nel server che gestisce il datastore di destinazione.
  17. (Facoltativo) Attivare la crittografia di rete del traffico di replica.
    Se si configura una replica di una macchina virtuale crittografata, questa opzione viene attivata automaticamente e non può essere disattivata.
  18. Nella pagina Pronto per il completamento, verificare le impostazioni della replica e fare clic su Fine.

risultati

vSphere Replication avvia una sincronizzazione iniziale completa dei file della macchina virtuale nel datastore designato nel sito di destinazione.