Le Note di rilascio di VMware Workspace ONE UEM forniscono informazioni sulle nuove funzionalità e sui miglioramenti di ciascuna versione. Questa pagina comprende un riepilogo delle nuove funzionalità introdotte nella versione 2010 oltre a un elenco dei problemi risolti e dei problemi noti.

Nuove funzionalità di questa version

Documentazione

  • Se ancora non si conosce la nostra nuova interfaccia di spostamento nella pagina, vedere Documentazione VMware Workspace ONE UEM Console.
    Abbiamo dato ascolto al feedback degli utenti secondo cui la tradizionale struttura nidificata del sommario è di difficile utilizzo. A partire dal 2008, è possibile cercare ed esplorare i contenuti utilizzando la nostra nuova pagina di navigazione iniziale organizzata in base al modo in cui l'utente utilizza il prodotto.

    Tenere presente che abbiamo rimosso la suddivisione basata sulle versioni nella barra di navigazione laterale a sinistra. Se si sta cercando un contenuto cloud, è possibile selezionare services dal menu a discesa del selettore di versione. Se si sta cercando documentazione on-premise, scegliere la versione di Workspace ONE UEM per la quale si desiderano maggiori informazioni dopo essere giunti al contenuto d'interesse sul sito VMware Docs.

    Invitiamo gli utenti a visitare la nostra nuova pagina di navigazione iniziale e a farci conoscere la loro opinione. Per lasciare un feedback, andare a Documentazione Workspace ONE UEM Console, passare alla parte inferiore della sezione Feedback e comunicarci che cosa piace della nuova esperienza.

Gateway di deposito credenziali

  • Consegna più veloce dei certificati SMIME depositati per Windows 10.
    Il passaggio a un modello basato sugli eventi per segnalare a UEM quando i certificati vengono caricati nel gateway di deposito credenziali migliora notevolmente la velocità con cui è possibile consegnare i certificati depositati ai dispositivi Windows 10.
    Nota: Tutti i certificati caricati nel gateway di deposito (EG, Escrow Gateway) precedenti alla versione 1.2 non sono più compatibili. Dopo aver migrato i dati Redis a EG 1.2+, caricare di nuovo i certificati utilizzando un endpoint v1 o v2 da conservare per l'intera durata del periodo di conservazione configurato.

Freestyle Orchestrator (anteprima)

  • Introduzione a Freestyle Orchestrator (anteprima).
    Freestyle Orchestrator è una piattaforma di orchestrazione IT senza codice che offre la flessibilità di creare flussi di lavoro per risorse quali app, profili e script e applicarli ai dispositivi in base a criteri granulari. Questa funzionalità offre ai clienti la possibilità di definire flussi di lavoro di onboarding complessi ed eseguire processi a più fasi come l'aggiornamento di BitLocker con una configurazione singola. Può inoltre essere utilizzata per selezionare i dispositivi in base a qualsiasi criterio correlato ai dispositivi. Per ulteriori informazioni, vedere Che cos'è Freestyle Orchestrator.

Android

  • Visualizzare il timestamp "Ultimo riavvio" nella console UEM in Dettagli dispositivo.
    Si desidera conoscere l'ora dell'ultimo riavvio dei dispositivi durante la risoluzione dei problemi o la visualizzazione dei dettagli del dispositivo? Ora è possibile visualizzare il timestamp "Ultimo riavvio" nella console UEM in Dettagli dispositivo. Per ulteriori informazioni, vedere Dettagli del dispositivo.
  • Distribuire le applicazioni per i test chiusi.
    Nella console UEM, è ora possibile testare e distribuire le tracce dei test interni personalizzati dell'applicazione prima di rilasciare la versione di produzione. Per ulteriori informazioni, vedere Distribuire applicazioni private in una traccia di test.

iOS

  • Forzare la disconnessione degli utenti di iPad condivisi per le aziende.
    Ora è possibile forzare la disconnessione dell'utente corrente di un iPad condiviso per riportarlo alla schermata di blocco principale. Ciò consente a un nuovo utente di disconnettersi e iniziare a utilizzare il dispositivo. Per ulteriori informazioni, vedere Disconnessione manuale di un utente.
  • Impedire ai dispositivi Apple di visualizzare indirizzi MAC casuali.
    Una nuova funzionalità di privacy di iOS 14 fa sì che vengano visualizzati degli indirizzi MAC casuali per i dispositivi che si connettono al Wi-Fi anziché gli indirizzi MAC hardware effettivi. Con Workspace ONE UEM, ciò può essere impedito su reti Wi-Fi specifiche.
  • Impedire agli utenti di rimuovere le applicazioni iOS gestite.
    Ora è possibile configurare le app gestite sui dispositivi iOS 14 in modo che non siano rimovibili dagli utenti.
  • Impostare domini specifici da includere o escludere nelle configurazioni VPN.
    In iOS 14 le configurazioni VPN per app possono impostare domini e sottodomini specifici al fine di sfruttare o escludere la VPN per le connessioni.
  • Distribuire il traffico APN tramite un proxy HTTP.
    Se si utilizza un proxy HTTP per il proprio ambiente Workspace ONE UEM, è possibile scegliere di inviare tutto il traffico tramite il proxy per gli APN in uscita.
  • Distribuire i profili direttamente per gli utenti di iPad condivisi per le aziende.
    Gli iPad condivisi per le aziende sono ora in grado di installare i profili direttamente per gli utenti che utilizzano il canale utente per configurare impostazioni come account Exchange ed estensioni SSO.

macOS

  • Rinviare gli aggiornamenti software su macOS Big Sur.
    In precedenza, i dispositivi macOS potevano rinviare solo gli aggiornamenti software più importanti del sistema operativo. In macOS Big Sur, gli amministratori possono ora rinviare gli aggiornamenti software che non riguardano il sistema operativo sui dispositivi macOS.
  • Impedire ai dispositivi Apple di visualizzare indirizzi MAC casuali.
    Una nuova funzionalità di privacy di macOS 11 Big Sur fa sì che vengano visualizzati degli indirizzi MAC casuali per i dispositivi che si connettono al Wi-Fi anziché gli indirizzi MAC hardware effettivi. Con Workspace ONE UEM, ciò può essere impedito su reti Wi-Fi specifiche.
  • Impostare domini specifici da includere o escludere nelle configurazioni VPN.
    In macOS Big Sur le configurazioni VPN per app possono impostare domini e sottodomini specifici al fine di sfruttare o escludere la VPN per le connessioni.

Windows

  • Rendere le distribuzioni del software più semplici e flessibili quando i criteri di installazione completi cambiano.
    Ora è possibile modificare i criteri di installazione relativi al momento della chiamata per le distribuzioni delle app Windows. Per ulteriori informazioni, vedere Configurare i file Win32 per la distribuzione software.
  • È stato rimosso il supporto per i dispositivi Windows Phone in Workspace ONE UEM Console.
    I dispositivi Windows Phone non sono più disponibili in Workspace ONE UEM Console a partire dalla versione Workspace ONE UEM 2010. Non sarà possibile gestire, eliminare o reimpostare i dispositivi dalla console. Per rimuovere qualsiasi gestione del dispositivo, avviare la rimozione dell'account di lavoro o ripristinare le impostazioni di fabbrica del dispositivo. Per ulteriori informazioni, vedere l'articolo della Knowledge Base La gestione di Windows Phone verrà rimossa da Workspace ONE 2010.
  • Consultare l'anteprima tecnica per Workspace ONE Drop Ship Provisioning (online).
    Workspace ONE Drop Ship Provisioning per OTA elimina la necessità di creare e condividere pacchetti di provisioning PPKG con il produttore dell'hardware. È sufficiente assegnare i payload a un'etichetta in Workspace ONE UEM console e quindi effettuare un ordine presso il produttore dell'hardware Windows 10 utilizzando tale etichetta di Workspace ONE UEM. Le funzionalità in anteprima tecnica non sono completamente testate e alcune di esse potrebbero non funzionare come previsto. Tuttavia, queste anteprime aiutano Workspace ONE UEM a migliorare le funzionalità attuali e a sviluppare miglioramenti futuri. Per ulteriori informazioni, vedere l'articolo della Knowledge Base Anteprima tecnica: Workspace ONE Drop Ship Provisioning per OTA.

Gestione applicazioni

  • Bloccare l'accesso alle app Workspace ONE SDK quando le app non sono gestite da EMM sui dispositivi degli utenti finali.
    Durante la configurazione dell'assegnazione dell'app, se si imposta il flag di accesso gestito EMM come "Richiede gestione EMM", l'app SDK tenta di accedere alla configurazione dell'app gestita EMM sul dispositivo. Se l'app non è in grado di accedere a queste informazioni, l'app non è gestita e l'accesso ad essa è bloccato. Per ulteriori informazioni, vedere Assegnazioni ed esclusioni per le applicazioni.

Gestione contenuti

  • Come parte del nostro impegno per l'inclusione, abbiamo sostituito alcuni termini offensivi.
    Abbiamo implementato un processo per valutare e adottare alternative per i termini potenzialmente offensivi nelle pagine della console Mobile Content Management.

Gestione delle e-mail

  • Le impostazioni personalizzate SEG sono ora disponibili come coppie chiave-valore in Workspace ONE UEM Console.
    Ora è possibile configurare le impostazioni personalizzate SEG come coppie chiave-valore in Workspace ONE UEM Console. Le proprietà comunemente utilizzate vengono inizializzate in Workspace ONE UEM Console. Per ulteriori informazioni, vedere Impostazioni del gateway personalizzato SEG.

Integrazione con i criteri di accesso condizionale di Azure AD

Dispositivi rugged

  • Accodare contenuti sui relay server senza assegnare i dispositivi.
    Ora è possibile aggiungere contenuti per eseguire il push e il pull dei relay server (inclusi i Relay Server Cloud Connector) senza che tali server abbiano dispositivi registrati nel gruppo associato. Questo significa che è possibile ottenere tutte le app e i contenuti con staging anche prima che i dispositivi vengano registrati. Per ulteriori informazioni, vedere Pubblicazione del prodotto su un relay server.

Script e sensori (anteprima)

  • Utilizzare gli script per automatizzare le configurazioni degli endpoint (anteprima).
    Utilizzare la nuova funzionalità Script per i dispositivi macOS e Windows Desktop per inviare codice ai dispositivi per l'esecuzione dei processi. Ad esempio, è possibile eseguire il push di uno script sui dispositivi macOS per reimpostare le configurazioni della stampante o eseguire il push di uno script sui dispositivi Windows Desktop per ricordare agli utenti di riavviare le macchine. Per garantire la sicurezza dei dati sensibili negli script, Workspace ONE UEM include variabili che permettono di oscurare le informazioni, quali le password delle e-mail e i token di sessione. Se si integra Workspace ONE Intelligent Hub con gli script, gli utenti del dispositivo possono accedere a questi script utili ogni volta che lo desiderano. Gli script vengono visualizzati nella sezione App del catalogo Hub. Per informazioni sugli script per Windows Desktop, vedere Automatizzare le configurazioni degli endpoint con script per i dispositivi Windows Desktop. Per informazioni dettagliate sugli script in macOS, vedere Automatizzare le configurazioni degli endpoint con script per i dispositivi macOS.
  • Individuare i sensori nella nuova posizione della navigazione e controllare gli aggiornamenti (anteprima).
    I sensori sono stati spostati in Risorse in modo da facilitarne l'individuazione. Inoltre, non solo è possibile utilizzare i sensori con Windows Desktop, ma è stato aggiunto il supporto per macOS. Utilizzare gli script nei sensori per raccogliere tutti i tipi di dati che è possibile visualizzare per un singolo dispositivo nella pagina dei dettagli del dispositivo, nella scheda Sensori. Grazie a questa nuova scheda, non è più necessario utilizzare il servizio VMware Workspace ONE Intelligence. Tuttavia non c'è motivo di preoccuparsi poiché, se si usa Intelligence, è possibile continuare a visualizzare e interagire con i dati di più dispositivi con report e dashboard. Per ulteriori informazioni, vedere Raccogliere i dati con i sensori per i dispositivi Windows Desktop. Per informazioni dettagliate sui sensori per macOS, vedere Raccogliere i dati con i sensori per i dispositivi macOS.

Problemi risolti

I problemi risolti sono raggruppati come segue.

Problemi risolti della versione 2010
  • AAPP-10648: I dispositivi iOS effettuano il check-in continuamente durante la verifica della presenza di aggiornamenti del sistema operativo disponibili. 

  • AAPP-10660: La richiesta di aggiornamento automatico delle app VPP non viene visualizzata quando è presente un aggiornamento effettivo per l'app disponibile nello Store.

  • AAPP-10665: Impossibile visualizzare entrambi i numeri di telefono per i dispositivi multi-SIM quando l'e-SIM è la SIM principale. 

  • AAPP-10677: Alcuni modelli di iPhone 11 non sono presenti nell'ultimo script di inizializzazione. 

  • AAPP-10706: Impossibile eliminare le periferiche/stampanti sulla console mentre si sta navigando su Dispositivi > Periferiche > Visualizzazione elenco > Dettagli dispositivo > Altro > Ammin (Elimina dispositivo). 

  • AAPP-10808: Impossibile impostare Autenticazione macchina su "Nessuna".

  • AAPP-10810: Impossibile eliminare il gruppo smart dalla pagina dei gruppi di assegnazione VPP. 

  • AAPP-10859: Ai dispositivi DEP non vengono sottoposti i Termini di utilizzo se viene selezionata una piattaforma specifica nelle impostazioni di questi ultimi.

  • AGGL-7219: Le app Web aggiunte tramite iFrame per dispositivi Android Enterprise non vengono segnalate come installate. 

  • AGGL-8194: La cancellazione dei dati del dispositivo non rispetta la protezione del ripristino delle impostazioni di fabbrica aziendali.

  • AGGL-8345: L'aggiunta di collegamenti Web alla descrizione comandi della schermata iniziale deve essere aggiornata per Android.

  • AMST-26955: Il profilo Kiosk non consente virgole nel percorso eseguibile e quindi non è possibile impostare il percorso exe dell'applicazione corretto per il profilo Kiosk.

  • AMST-28425: La scheda Aggiornamenti di Windows non è presente su più dispositivi.

  • AMST-28536: I registri degli errori di ricerca degli utenti di Azure AD non dispongono di un contesto sufficiente. 

  • AMST-28857: Gli aggiornamenti cumulativi (mensili) sostituiti non vengono segnalati come "sostituiti"/"rimossi" in Workspace ONE UEM Console.

  • AMST-28980: Numero di serie della macchina virtuale Windows abbreviato sulla Console. 

  • AMST-29079: Il testo dei termini di utilizzo della registrazione non viene visualizzato durante la configurazione guidata di Azure AD.

  • AMST-29083: Un gran numero di comandi "Approva aggiornamenti" viene spostato nello stato in coda. 

  • AMST-29277: "Rimuovi applicazione" per le app contestuali del dispositivo (Windows) non viene elaborato quando il dispositivo sta effettuando il check-in della modalità macchina. 

  • AMST-29572: Comandi di Aggiornamenti di Windows non generati fino a quando il tag non viene rimosso dal dispositivo. 

  • ARES-8485: Se è configurato un profilo iOS con payload cellulare e il campo Password contiene un valore, quando il profilo viene copiato, l'amministratore non sarà in grado di salvare il profilo copiato senza reinserire la password.

  • ARES-11738: La modifica del gruppo e della classificazione del gruppo smart determina un errore nella messa in coda delle configurazioni delle app. 

  • ARES-12342: L'opzione di distribuzione deve essere impostata in modo predefinito sul valore "Su richiesta" e disabilitata quando l'app pubblica iOS viene caricata tramite un collegamento nella console

  • ARES-12992: L'opzione Profili e risorse > Visualizza XML mostra erroneamente le informazioni del dispositivo nella finestra della console Web. 

  • ARES-13132: La riconciliazione delle app interne non riesce quando il gruppo smart viene modificato con l'aggiunta di dispositivi. 

  • ARES-13322: Impossibile inviare le notifiche push quando vengono filtrate da un gruppo smart. 

  • ARES-13327: Un'immagine di valutazione è mancante quando la valutazione dell'App Store non è un multiplo di 0,5.

  • ARES-13552: Nascondere il flag di accesso gestito EMM nella pagina di riepilogo dell'assegnazione per le app VPP. 

  • ARES-14109: Impossibile rimuovere i dettagli dell'app utilizzando il report Dettagli applicazione per dispositivo se l'applicazione viene aggiunta tramite Dispositivi/Provisioning/Componenti/Applicazione nella console.

  • ARES-14149: I caratteri a byte doppio vengono sostituiti dal simbolo "?" nei termini di utilizzo dell'applicazione visualizzati all'apertura del catalogo delle app.

  • ARES-14324: La data indicata per il valore "Aggiornato" non è corretta nella pagina relativa allo stato di installazione.

  • ARES-14398: Il report Dispositivi con dettagli utente e applicazione > stato applicazione Non installata non riporta i dati per tutti i tipi di app.

  • ARES-14456: Il profilo di controllo delle app non viene applicato se l'assegnazione del gruppo di app è Aziendale. 

  • ARES-14457: Quando si pubblica l'app interna Android, la pagina Anteprima dispositivi mostra i dispositivi del profilo di lavoro.

  • ARES-14508: Il profilo di restrizioni geofencing non funziona come previsto.

  • ARES-14533: La documentazione dell'API per lo stato GET /devices/app è insufficiente.  

  • CMCM-188721: I workflow o le sproc Contenuto aziendale determinano picchi estesi della CPU del database. 

  • CMCM-188723: Il repository del contenuto della casella non si sincronizza se il collaboratore di una cartella condivisa viene rimosso. 

  • CMCM-188745: enterpriseContent.LoadManagedContent_ByDeviceID determina un errore di timeout.

  • CMEM-185999: Le limitazioni delle chiavi esterne dalle tabelle legacy bloccano l'aggiornamento del database.

  • CMSVC-13755: Gestire l'eccezione SQL generata per l'ID e il tag di dispositivo duplicati quando due thread paralleli richiamano l'aggiunta dell'etichetta API.

  • CMSVC-13900: L'eliminazione di un gruppo tenant determina un errore di timeout.

  • CMSVC-13923: La console non esegue la mappatura dei dettagli del manager (nome e indirizzo e-mail) all'utente finale e la notifica e-mail di conformità non viene inviata. 

  • CMSVC-13929: La pianificazione dell'aggiornamento del dispositivo per i dispositivi iOS, con il gruppo smart che include i simboli "<" o ">", non funziona come previsto.

  • CMSVC-13981: La stored procedure Admin_Role_Requires_Passcode è mancante.

  • CMSVC-13982: API di informazioni utente del dispositivo che restituisce valori crittografati quando la crittografia è abilitata. 

  • CMSVC-14075: L'aggiornamento dei valori dell'account amministratore tramite API disattiva l'autenticazione a due fattori. 

  • CMSVC-14039: I gruppi di assegnazione basati sul gruppo dell'organizzazione non vengono aggiornati per le assegnazioni delle app quando il nome del gruppo viene modificato. 

  • CRSVC-10460: Il middleware di autenticazione YATS genera un errore sui token con emittente non corrispondente. 

  • ARES-13246: I gruppi smart vengono rimossi da un'app interna al momento della modifica dell'assegnazione.

  • ARES-14149: I caratteri a doppio byte in EVENT DATE nel registro eventi del dispositivo inviato da Workspace ONE a Syslog sono sostituiti dal simbolo "?".

  • CRSVC-13326: L'integrazione Twilio SMS non funziona come previsto. 

  • CRSVC-13692: La sproc WorkflowAssignment_RemoveMultipleAssignment non funziona come previsto. 

  • CRSVC-13698: Dopo l'aggiornamento alla console UEM 2007, le baseline assegnate vengono spostate in uno stato di rimozione in sospeso.

  • CRSVC-14556: La pagina di riepilogo del dispositivo non funziona come previsto. 

  • CRSVC-14634: L'email di attivazione dell'utente non viene inviata dalla console UEM 2010.

  • CRSVC-14920: Evento sul dispositivo per i comandi correlati al profilo visualizza il nome dell'applicazione e viceversa.

  • ENRL-2157: Lo stato del dispositivo viene visualizzato come gestito da MDM quando si esegue una registrazione Web o una registrazione DEP di dispositivi iOS.

  • FCA-193012: La lingua dei termini di utilizzo è sempre l'inglese quando si accede a SSP.

  • FCA-193237: L'esportazione del report del gruppo di telefonia non visualizza l'intestazione del conteggio "Messaggio". 

  • FCA-193884: La chiamata API che modifica il nome del gruppo non riesce quando il nuovo nome del gruppo contiene un carattere meno di (<) seguito da a-zA-Z o caratteri come "?!/". 

  • FCA-194019: Stato di aggiornamento automatico sconosciuto sui dispositivi Windows 10 nella pagina di riepilogo. 

  • FCA-194393: Quando l'opzione Non disturbare è attivata su un dispositivo iOS, Workspace ONE UEM viene erroneamente visualizzato come "AW non disturbare fino a". 

  • FCA-194403: Alta latenza durante il caricamento del dashboard quando si esegue l'aggiornamento alla console 2005 da 1907. 

  • MACOS-1347: Il pacchetto di bootstrap riporta lo stato "Obsoleto. App assegnata ma non installata".

  • MACOS-1490: Correggere i riferimenti FK nella tabella del gruppo di assegnazione quando si elimina il gruppo.

  • RUGG-7733: I contatti duplicati e le app telefoniche vengono visualizzati come un'opzione di scelta quando il profilo di avvio multiplo dell'app viene creato in una lingua diversa dall'inglese. 

  • RUGG-8846: La pagina Riepilogo dispositivo per Windows riporta un conteggio errato dal profilo. 

  • RUGG-8867: La modifica di begininstall interrompe il flusso di uploadChunk. 

  • RUGG-8867: La chiamata begininstall non riesce restituendo l'errore "Il file dell'applicazione allegato non è di tipo modulo valido per l'applicazione abilitata per il provisioning".

  • SAWCM-497: Si osserva una latenza intermittente in risposta da AWCM. 

20.10.0.1 Problemi della patch risolti
  • CRSVC-15597: Rendere la disattivazione di DeviceStateMigrationFeatureFlag facoltativa.

20.10.0.2 Problemi della patch risolti
  • AGGL-8832: La registrazione dei dispositivi Android viene bloccata a causa della generazione di un'eccezione durante ConcludeDeviceEnrollment. 

  • AMST-29860: Il contesto di installazione passa dall'utente al dispositivo quando l'amministratore aggiorna i criteri del registro Al completamento dell'installazione per la chiamata.

  • ARES-15829: Miglioramento delle prestazioni della sincronizzazione dei dispositivi per il flusso Profili.

  • ARES-15831: Miglioramento delle prestazioni dell'elaborazione del salvataggio del campione dell'elenco di applicazioni. 

  • CMSVC-14198: Operazioni di lettura elevate durante il caricamento dell'utente di registrazione per il gruppo. 

  • CMSVC-14200: Problema di prestazioni per EnrollmentUser_DetailsLoadByEmail. 

  • CRSVC-15651: Prestazioni ridotte della sproc interrogator.SelectiveApplicationList_Save_V2.

  • ENRL-2299: Creazione del record del dispositivo in Stato dispositivo per la registrazione autonoma dell'app. 

  • FCA-194954: Miglioramento delle prestazioni per ridurre le operazioni di lettura e scansione per l'API DevicesBySearchCriteria. 

20.10.0.3 Problemi della patch risolti
  • AAPP-11190: Il servizio di messaggistica termina l’elaborazione dei messaggi nella coda APNSOutbound. 

  • CMCM-188861: I file di contenuti gestiti non vengono visualizzati nell'app Content. 

20.10.0.4 Problemi della patch risolti
  • AAPP-11198: Il profilo di gestione del dispositivo non viene rimosso dal dispositivo al momento della rimozione dei dati aziendali. 

  • AAPP-11211: Dispositivi cancellati facendo clic sull'endpoint di check-in. 

  • ARES-16460: L'azione di forzatura delle installazioni non deve passare a DSM fino a quando ProfileDeliveryAtScaleFeatureFlag non è abilitato. 

  • CRSVC-16375: Problema di RunActivityLoop durante la registrazione. 

20.10.0.5 Problemi della patch risolti
  • AAPP-11299: Impatto della stored procedure deviceApplication.VppLicenseReconcileByDeviceOnUnEnrollment sul server DB.

  • AMST-30245: Il comando DeviceQuery mette in coda 8 messaggi FastLaneWNSOutbound.

  • CRSVC-16561: Il flusso di lavoro in Freestyle non viene aggiornato con l'ultima versione dell'app.

  • CRSVC-16637: Riduzione dell'impatto delle dispendiose chiamate al catalogo delle app per Windows. 

  • INTEL-25646: Lo stato di installazione del profilo non viene segnalato correttamente.

  • MACOS-1713: L'assegnazione del sensore mostra solo i primi 500 gruppi smart.

20.10.0.6 Problemi della patch risolti
  • AGGL-9091: L'API delle app restituisce il codice di stato 500 quando viene richiamata per il dispositivo Android.

  • CMSVC-14465: La pagina di visualizzazione dell'elenco degli amministratori non viene caricata. 

20.10.0.7 Problemi della patch risolti
  • AMST-30440: Impossibile creare l'applicazione Windows tramite API con la versione attuale del file. 

  • LUEM-187: Errori di overflow aritmetico dovuti all'inconsistenza del tipo di dati nel carico del dispositivo. 

  • PPAT-8340: Il DTR è mancante dopo che il cliente ha effettuato l'aggiornamento dell'ambiente dalla versione 2003 (o successiva) alla console più recente. 

20.10.0.8 Problemi della patch risolti
  • CRSVC-17284: Creare ulteriori attività di registrazione del registro eventi. 

20.10.0.9 Problemi della patch risolti
  • AGGL-9332: Lo stato di conformità rimane "controllo di conformità in sospeso". 

20.10.0.12 Problemi della patch risolti
  • AMST-31370: Campione di certificato elaborato anche quando alcune query del certificato restituiscono errori che comportano la revoca del certificato. 

20.10.0.14 Problemi della patch risolti
  • AAPP-11730: Il nome del dispositivo non è impostato come nome descrittivo durante il processo di registrazione. 

  • CRSVC-18456: Risoluzione dei problemi di crittografia/firma su Servizi dispositivo, che causano errori di comunicazione del dispositivo dovuti a recenti modifiche in .NET Framework rilasciate nell'ambito degli ultimi aggiornamenti di Windows.

  • CRSVC-18743: Avvio dei servizi [memcached] non riuscito a causa dell'inattività di uno dei nodi Memcached configurati. 

20.10.0.15 Problemi della patch risolti
  • AGGL-9646 Lo stato di conformità mostra "Non disponibile" nella visualizzazione dell'elenco dei dispositivi, causando problemi di dominio all'accesso.

  • AGGL-9647: L'unità TempDB si riempie a causa di smartGroup.AppsForAndroidWorkAppPublishAffectedSmartGroups_Load. 

Problemi noti

I problemi noti sono raggruppati come segue.

Apple
  • AAPP-10591: La creazione di report e l'automazione cliente sono interessati

    Quando si registra un dispositivo DEP con l'opzione di registrazione personalizzata attivata, OSPlatform e OSPlatformString non vengono popolati.

    Come soluzione alternativa disattivare la registrazione personalizzata. 

  • AAPP-10869: La gestione degli aggiornamenti iOS "Data di inizio distribuzione" non viene salvata correttamente.

    Aggiornamenti del dispositivo iOS. La gestione degli aggiornamenti iOS "Data di inizio distribuzione" non viene salvata correttamente.

  • MACOS-1887: Impossibile distribuire Intelligent Hub (installazione automatica dopo la registrazione), pacchetti bootstrap e app Apple Business Manager (VPP) su macOS 11 Big Sur

    La chiave "Richiedi password amministratore per installare/aggiornare le app" (restrict-store-require-admin-to-install) è obsoleta in macOS 10.14. In macOS 11 Big Sur, l'installazione di un profilo con questa chiave, purtroppo, causerà un errore delle app distribuite tramite comandi MDM nativi. 

    Come soluzione alternativa, deselezionare l'impostazione "Richiedi password amministratore per installare/aggiornare le app" in qualsiasi profilo di restrizioni macOS distribuito su un dispositivo macOS 11 o versioni successive.

Console
  • FCA-194884: È possibile aggiungere più volte segnalibri a una pagina freestyle e in caso di eliminazione di un segnalibro duplicato la pagina freestyle si interrompe.

    In un gruppo, all'amministratore è consentito aggiungere segnalibri a qualsiasi pagina una sola volta ma, se la pagina freestyle è impostata come pagina di arrivo, mediante l'icona del segnalibro l'amministratore può aggiungere più volte un segnalibro alla pagina freestyle.

     

    Come soluzione alternativa, anziché l'icona, l'amministratore deve utilizzare il pulsante del segnalibro per aggiungere segnalibri alla pagina freestyle.

  • FCA-194720: L'amministratore può eseguire azioni di creazione e modifica nel flusso di lavoro con la risorsa di sola lettura freestyle.

    L'amministratore può aggiungere/eliminare/modificare risorse come app, profilo e script nel flusso di lavoro con il ruolo di amministratore personalizzato che dispone del solo accesso alla visualizzazione e alla navigazione nella pagina freestyle.

  • FCA-194795: L'amministratore non sarà in grado di visualizzare tutte le attività disponibili dei passaggi del flusso di lavoro se elencato nella parte inferiore della pagina.

    Aggiungere il flusso di lavoro con più passaggi la condizione in modo che l'amministratore giunga fino alla parte inferiore della pagina, dall'ultimo passaggio se l'amministratore fa clic sui puntini di sospensione, tutti gli elementi eseguibili disponibili non vengono visualizzati.

    Come soluzione alternativa, l'amministratore può accedere agli elementi eseguibili dell'ultimo passaggio comprimendo il passaggio precedente del flusso di lavoro.

  • FCA-194585: Nel blocco If-Then-Else, il passaggio Else non viene eliminato dal flusso di lavoro dopo l'eliminazione del passaggio If.

    L'amministratore crea il flusso di lavoro utilizzando il passaggio If-Then-Else e dopo di ciò elimina il passaggio If. Con il passaggio If i passaggi Then vengono rimossi ma il passaggio else rimane nel flusso di lavoro.

    Come soluzione alternativa, l'amministratore può eliminare singolarmente il passaggio else dal flusso di lavoro.

  • FCA-194661: Nel flusso di lavoro, la risorsa script del pannello dell'amministrazione viene visualizzata due volte.

    Creare un flusso di lavoro e aggiungere la risorsa script nella condizione del gruppo else. Ora, se l'amministratore fa clic sul blocco della condizione principale, nel pannello dell'amministratore vengono visualizzate due passaggi script. Ciò non influisce sulla funzionalità del flusso di lavoro, tuttavia si ha l'impressione visiva errata che i passaggi di script sono aggiunti due volte.

    Come soluzione alternativa, l'amministratore può verificare i passaggi dalla pagina dei dettagli del flusso di lavoro.

  • ENRL-2278: Il nome descrittivo del dispositivo visualizza la memoria di archiviazione e il numero di modello del dispositivo.

    Il nome descrittivo del dispositivo visualizza la memoria di archiviazione e il numero di modello del dispositivo fino a quando non si fa clic sul pulsante Fine nell'Hub 

Tunnel
  • PPAT-7896: L'installazione del profilo VPN non riesce se il cliente passa da un'autorità di certificazione di terze parti a quella di AirWatch per l'autenticazione del client. 

    Il certificato di firma non viene generato e aggiornato durante la migrazione da un'autenticazione client di terze parti ad AirWatch, per cui il profilo VPN potrebbe avere esito negativo sui dispositivi iOS, macOS e AFW.

    Come soluzione alternativa, fare clic sull'opzione di rigenerazione nella sezione di autenticazione client della pagina di configurazione di Tunnel e pubblicare il profilo

Gestione contenuti mobili
  • CMCM-188782: Ritardo nella ridenominazione di una cartella su SP. 

    Rinominare una cartella in SharePoint e tentare la sincronizzazione restituisce un errore 404 o un file XML vuoto

    Come soluzione alternativa attendere qualche minuto dopo aver rinominato la cartella, quindi attendere il completamento della sincronizzazione. 

  • CMCM-188551: Impossibile modificare e salvare i repository degli utenti dalla pagina "Repository utente". 

    Impostazioni di modifica ridondanti per il repository degli utenti. 

    Come soluzione alternativa è possibile modificare il repository dalla pagina principale. 

  • CMCM-188952: La data di scadenza di un file è sempre il giorno dopo quella impostata nella console.

    Impostare una data di scadenza per qualsiasi file nella sezione Contenuti gestiti della console. Sincronizzare il dispositivo e controllare le informazioni del file. La data di scadenza di un file è sempre il giorno dopo quella impostata nella console. 

    Come soluzione alternativa, impostare la data un giorno prima della data di scadenza prevista.  

Dispositivi rugged
  • RUGG-9133: Impossibile registrare il dispositivo rugged dopo l'aggiornamento della Console alla versione 2010

    Se si genera il nuovo codice a barre con il pacchetto vecchio nella Console, la registrazione non va a buon fine.

    Come soluzione alternativa, salvare prima il pacchetto e quindi generare il codice a barre.

check-circle-line exclamation-circle-line close-line
Scroll to top icon