È possibile utilizzare il programma di installazione CLI per eseguire la migrazione automatica di vCenter Server o Platform Services Controller da Windows a un'appliance.

Il file ISO del programma di installazione include modelli di esempio di file JSON che contengono i parametri di configurazione minimi necessari per la migrazione di un'istanza di vCenter Server o Platform Services Controller da Windows a un'appliance. I modelli di esempio si trovano nella directory vcsa-cli-installer/templates/migrate.

Nota: Prima di eseguire la migrazione di una distribuzione di vCenter Server con un Platform Services Controller esterno, è necessario far convergere il Platform Services Controller esterno in un Platform Services Controller incorporato e quindi eseguire la migrazione. Vedere l'articolo della Knowledge Base KB 68137.

Attività CLI per la migrazione dell'installazione di vCenter Server da Windows a un'appliance:

  1. Download e montaggio del programma di installazione di vCenter Server.
  2. Download ed esecuzione di VMware Migration Assistant nella macchina Windows di origine.
  3. Preparazione dei file di configurazione JSON per la migrazione CLI.
  4. Eseguire il controllo preliminare prima della migrazione.
  5. Esecuzione di una migrazione CLI di vCenter Server da Windows a un'appliance.

Per eseguire più migrazioni CLI, è possibile utilizzare il programma di installazione CLI più volte con file JSON diversi oppure utilizzare la modalità batch per migrazioni contemporanee.

Importante: Il nome utente utilizzato per accedere alla macchina da cui si desidera eseguire il programma di installazione CLI, il percorso del programma di installazione di vCenter Server Appliance, il percorso del file di configurazione JSON e i valori stringa nel file di configurazione JSON, incluse le password, devono contenere solo caratteri ASCII. I caratteri ASCII estesi e i caratteri non ASCII non sono supportati.

Preparazione dei file di configurazione JSON per la migrazione CLI

Quando si utilizza la CLI per eseguire la migrazione di un'installazione di vCenter Server di origine in un'installazione di vCenter Server Appliance di destinazione, è necessario preparare un modello JSON con i valori di configurazione per la nuova appliance.

È possibile eseguire la migrazione di istanze di vCenter Server o Platform Services Controller da Windows a vCenter Server Appliance impostando i valori sui parametri di configurazione nei modelli disponibili nel file ISO del programma di installazione. I parametri di configurazione che non sono inclusi nei modelli vengono impostati sui valori predefiniti. È possibile aggiungere parametri di configurazione nei modelli per impostarne i valori per la specifica di migrazione .

La directory vcsa-cli-installer/templates/migrate contiene modelli di migrazione di esempio per la migrazione della CLI di vCenter Server 6.7 a un'appliance.

Per un elenco completo dei parametri di configurazione e delle relative descrizioni, passare alla sottodirectory del programma di installazione del sistema operativo ed eseguire il comando di vcsa-deploy migrate --template-help.
Importante: Il nome utente utilizzato per accedere alla macchina da cui si desidera eseguire il programma di installazione CLI, il percorso del programma di installazione vCenter Server Appliance, il percorso del file di configurazione JSON e i valori stringa nel file di configurazione JSON, incluse le password, devono contenere solo caratteri ASCII. I caratteri ASCII estesi e i caratteri non ASCII non sono supportati.

Per eseguire la migrazione batch, inserire i modelli JSON che definiscono la distribuzione in una singola directory. Quando viene chiamato, il programma di installazione CLI migra la distribuzione esistente alla nuova versione di vCenter Server utilizzando la topologia definita nei modelli JSON.

Prerequisiti

Verificare che l'ambiente soddisfi i requisiti per la migrazione. Vedere Requisiti di sistema per la migrazione delle distribuzioni di vCenter Server a distribuzioni dell'appliance vCenter Server.

Preparare l'ambiente per la migrazione. Vedere Preparazione per la migrazione.

Procedura

  1. Aprire la sottocartella migrate nella directory vcsa-cli-installer/templates.
  2. Copiare il modello di migrazione dalla sottocartella migrare all'area di lavoro. Per vCenter Server 6.7, utilizzare la cartella migrate/winvc6.7/.
  3. Aprire il file del modello per il proprio caso d'uso in un editor di testo.
    Per garantire la sintassi corretta del file di configurazione JSON, utilizzare un editor JSON.
  4. Inserire i valori per i parametri di configurazione necessari e, facoltativamente, immettere parametri aggiuntivi e rispettivi valori.
    Importante: Per impostare un valore che contenga il carattere barra rovesciata (\) o virgolette ("), è necessario anteporre al carattere la barra rovesciata (\). Ad esempio, "password":"my\"password" imposta la password my"password, "image":"C:\\vmware\\vcsa" imposta il percorso C:\vmware\vcsa.

    I valori booleani possono contenere solo caratteri minuscoli. Il valore può essere true o false. Ad esempio, "ssh_enable":false.

  5. Salvare in formato UTF-8 e chiudere il file.

risultati

Il file è pronto all'uso per la migrazione.

Operazioni successive

È possibile creare e salvare tutti i modelli necessari per l'ambiente specifico. Quando il modello è pronto, eseguire il controllo preliminare prima di utilizzarlo per la migrazione. Vedere Esecuzione di un controllo preliminare prima di una migrazione CLI a vCenter Server Appliance.

Modelli JSON per la migrazione CLI di vCenter Server per Windows

Il programma di installazione di vCenter Server contiene modelli JSON nella directory vcsa-cli-installer/templates. Nella sottocartella migrate è possibile trovare i modelli JSON con i parametri di configurazione minimi per tutti i tipi di migrazione.

Tabella 1. Modelli JSON di migrazione inclusi nel programma di installazione di vCenter Server
Indirizzo Modello Descrizione
vcsa-cli-installer\templates\migrate\vcsa\winvc6.7 embedded_win_vc_to_embedded_vCSA_on_ESXi.json Contiene i parametri di configurazione minimi necessari per eseguire la migrazione di vCenter Server 6.7 in esecuzione su Windows, con un'istanza di Platform Services Controller incorporata, a un vCenter Server Appliance 8.0 su un host ESXi.
embedded_win_vc_to_embedded_vCSA_on_VC.json Contiene i parametri di configurazione minimi necessari per eseguire la migrazione di vCenter Server 6.7 in esecuzione su Windows, con una versione diPlatform Services Controller incorporata, a un'appliance vCenter Server Appliance 8.0 su un'istanza di vCenter Server.
win_vc_to_vCSA_on_ESXi.json Contiene i parametri di configurazione minimi necessari per eseguire la migrazione di vCenter Server 6.7 in esecuzione su Windows, con un'istanza di Platform Services Controller esterna, a un vCenter Server Appliance 8.0 su un host ESXi.
win_vc_to_vCSA_on_VC.json.json Contiene i parametri di configurazione minimi necessari per eseguire la migrazione di vCenter Server 6.7 in esecuzione su Windows, con una versione di Platform Services Controller esterna, a un vCenter Server Appliance 8.0 su un'istanza di vCenter Server.

Informazioni sulla migrazione di un vCenter Server per Windows con un Platform Services Controller esterno tramite la CLI

Quando si esegue la migrazione di un vCenter Server per Windows che utilizza un Platform Services Controller esterno, viene convertito in un'istanza di vCenter Server con tali servizi incorporati nell'appliance. Per questo motivo, è necessario specificare i parametri dei partner di replica nei modelli di migrazione JSON.

Quando si esegue la migrazione di un vCenter Server per Windows che utilizza un Platform Services Controller esterno, è necessario specificare i parametri dei partner di replica nel modello di migrazione JSON. Questi parametri indicano se la migrazione riguarda uno dei seguenti scenari di migrazione di vCenter Server e Platform Services Controller.
  • Una singola istanza di vCenter Server e Platform Services Controller in un dominio SSO.
  • La prima istanza di vCenter Server e Platform Services Controller in un dominio SSO contenente più istanze di vCenter Server.
  • La replica delle istanze di vCenter Server e Platform Services Controller in un dominio SSO, che è necessario impostare perché punti a un'istanza di vCenter Server 7.0 esistente come partner di replica.
Importante: Prima di eseguire la migrazione di una distribuzione di vCenter Server utilizzando un Platform Services Controller esterno, è innanzitutto necessario far convergere il Platform Services Controller esterno in un Platform Services Controller incorporato e quindi eseguire la migrazione. Per ulteriori informazioni, vedere Rimozione di Platform Services Controller.

Le distribuzioni che utilizzano un Platform Services Controller esterno vengono spesso definite MxN, dove M rappresenta vCenter Server e N rappresenta il Platform Services Controller esterno. Quando si rappresentano più istanze di vCenter Server e Platform Services Controller in un dominio, la distribuzione viene definita MnxNn, dove n è il numero di istanze. Ad esempio, M2xN2 indica due istanze di vCenter Server e due istanze di Platform Services Controller all'interno dello stesso dominio. Quando si esegue la migrazione di tale distribuzione, si esegue innanzitutto la migrazione di un'istanza alla versione 8.0, quindi si esegue la migrazione della seconda istanza alla versione 8.0, specificando la prima delle due istanze come partner di replica.

I parametri di replica nel modello di migrazione JSON si trovano nella sezione sso e sono first_instance e replication_partner_hostname.

Nome parametro Descrizione
first_instance Il parametro first_instance identifica vCenter Server come prima istanza nel dominio SSO di vCenter Server o come partner di replica.

Se si tratta della prima istanza di vCenter Server, impostare first_instance su true. Per le altre istanze di vCenter Server nello stesso dominio SSO, impostare first_instance su false.

replication_partner_hostname*

Se si imposta first_instance su false, è necessario specificare FQDN o IP di un vCenter Server che è già stato migrato alla versione 8.0 e il cui PSC esterno è stato fatto convergere in vCenter Server Appliance.

Quando si esegue la migrazione CLI di una singola istanza di vCenter Server per Windows che utilizza un Platform Services Controller esterno, il processo è il seguente:
  1. Eseguire la migrazione di vCenter Server nella topologia utilizzando il modello win_vc_to_vCSA_on_ESXi.json per gli ambienti ESXi o il modello win_vc_to_vCSA_on_VC.json per le distribuzioni di vCenter Server.

  2. Per una topologia di distribuzione composta da una singola istanza di vCenter Server e Platform Services Controller (distribuzione M1xN1), modificare la sezione sso del modello in modo che il parametro first_instance sia impostato su true e rimuovere il parametro replication_partner_hostname.
    "sso": {
    "__comments": [ This is the first instance (M1) vCenter Server management node, with "first_instance" set to "true" and "replication_partner_hostname" removed.
    ],
    "first_instance": true
    }
  3. Specificare i restanti parametri di configurazione nel modello JSON ed eseguire la migrazione di vCenter Server alla versione 8.0 mediante CLI. Vedere Esecuzione di una migrazione CLI di vCenter Server da Windows a un'appliance.
  4. Dopo aver completato correttamente la migrazione di vCenter Server, dismettere Platform Services Controller. Vedere Dismissione di Platform Services Controller.
    Importante: Dismettere le istanze di Platform Services Controller solo dopo la migrazione e la convergenza di tutte le istanze di vCenter Server nella topologia.
Per una distribuzione composta da due o più istanze di vCenter Server e Platform Services Controller (distribuzione M2xN2), è innanzitutto necessario eseguire la migrazione dell'istanza M1 di vCenter Server alla versione 8.0 e quindi procedere alla migrazione della seconda istanza, replicando l'istanza di vCenter Server.
  1. Eseguire la migrazione di vCenter Server nella topologia utilizzando il modello win_vc_to_vCSA_on_ESXi.json per gli ambienti ESXi o il modello win_vc_to_vCSA_on_VC.json per le distribuzioni di vCenter Server.

  2. Per la prima istanza di vCenter Server ( M1), modificare la sezione sso del modello in modo che il parametro first_instance sia impostato su true e rimuovere il parametro replication_partner_hostname.
    "sso": {
    "__comments": [ This is the first instance (M1) vCenter Server management node, with "first_instance" set to "true" and "replication_partner_hostname" removed.
    ],
    "first_instance": true
    }
  3. Per l'istanza di vCenter Server rimanente ( M2), modificare la sezione sso del modello in modo che il parametro first_instance sia impostato su false e specificare FQDN o IP dell'istanza di vCenter Server in cui si desidera replicare il secondo nodo. Il partner di replica è la prima istanza di vCenter Server ( M1) di cui è stata eseguita la migrazione alla versione 8.0, che è stata fatta convergere con l'istanza di Platform Services Controller.
    "sso": {
    "__comments": [ This is the second instance (M2) vCenter Server management node, with "first_instance" set to "false" and "replication_partner_hostname" set to the hostname of the replication partner.],
    "first_instance": false,
    "replication_partner_hostname": "FQDN_or_IP_address"
  4. Specificare i restanti parametri di configurazione nei modelli JSON ed eseguire la migrazione di vCenter Server alla versione 8.0 mediante la CLI. Vedere Esecuzione di una migrazione CLI di vCenter Server da Windows a un'appliance.
  5. Dopo aver completato correttamente la migrazione di tutte le istanze di vCenter Server nella topologia, dismettere le istanze di Platform Services Controller. Vedere Dismissione di Platform Services Controller.
    Importante: Dismettere le istanze di Platform Services Controller solo dopo la migrazione e la convergenza di tutte le istanze di vCenter Server nella topologia.

Parametri di configurazione della migrazione

Quando si utilizza il programma di installazione della CLI per migrare l'installazione di vCenter Server a un'appliance, è necessario fornire i parametri con valori relativi alla specifica della migrazione.

Nella tabella sono elencati i parametri di configurazione utilizzati per fornire i dati di input per l'istanza di vCenter Server di origine.

Importante: Il percorso del programma di installazione di vCenter Server Appliance , il percorso del file di configurazione JSON e i valori stringa nel file di configurazione JSON, incluse le password, possono contenere solo caratteri ASCII. I caratteri ASCII estesi e non ASCII non sono supportati.

Per impostare un valore che contenga il carattere barra rovesciata (\) o virgolette ("), è necessario anteporre al carattere la barra rovesciata (\). Ad esempio, "password":"my\"password" imposta la password my"password, "image":"C:\\vmware\\vcsa" imposta il percorso C:\vmware\vcsa.

I valori booleani possono contenere solo caratteri minuscoli. Il valore può essere true o false. Ad esempio "ssh_enable":false.

Sezioni e sottosezioni dei parametri di configurazione nei modelli di migrazione JSON

I parametri di configurazione nei modelli di migrazione JSON sono organizzati in sezioni e sottosezioni.

Tabella 2. Sezioni e sottosezioni dei parametri di configurazione nei modelli di migrazione JSON
Sezione Sottosezione Descrizione
new_vcsa: descrive l'appliance di destinazione a cui si desidera effettuare la migrazione esxi Utilizzare solo se si desidera distribuire l'appliance direttamente in un host ESXi.
Contiene i parametri di configurazione che descrivono l'host ESXi di destinazione.
Nota: È necessario compilare la sottosezione esxi o vc.
vc Utilizzarla solo se si desidera distribuire l'appliance nell'inventario di un'istanza di vCenter Server.

Contiene i parametri di configurazione che descrivono l'host ESXi di destinazione o il cluster DRS dall'inventario di vCenter Server.

Nota: È necessario compilare la sottosezione vc o esxi.
appliance Contiene i parametri di configurazione che descrivono l'appliance.
os Contiene i parametri di configurazione che descrivono le impostazioni del sistema operativo per l'appliance.
ovftool_arguments Sottosezione facoltativa per l'aggiunta di argomenti arbitrari e relativi valori al comando dello strumento OVF generato dal programma di installazione.
Importante: Il programma di installazione di vCenter Server Appliance non convalida i parametri di configurazione nella sottosezione ovftool_arguments. Se si impostano argomenti che lo strumento OVF non riconosce, la distribuzione potrebbe non riuscire.
temporary_network Contiene i parametri di configurazione che descrivono la rete temporanea per la migrazione dei dati dall'origine alla nuova appliance di destinazione.
user-options Utilizzare solo quando l'origine è un'istanza di vCenter Server. Contiene i parametri di configurazione che consentono di controllare gli aspetti del processo di migrazione per i componenti particolari.
source_vc: descrive l'istanza di vCenter Server, vCenter Single Sign-On o Platform Services Controller di origine vc_win Contiene i parametri di configurazione che descrivono l'installazione Windows di origine di vCenter Server o Platform Services Controller
run_migration_assistant Utilizzare solo se l'installazione Windows di origine è in esecuzione come macchina virtuale e si desidera automatizzare la chiamata di Assistente migrazione. Se l'installazione Windows di origine è in esecuzione in una macchina fisica o se si esegue Assistente migrazione manualmente nella macchina Windows di origine, copiare e incollare il valore di identificazione personale dall'output della console di Assistente migrazione nella macchina di origine alla chiave migration_ssl_thumbprint nella sottosezione vc_win e rimuovere la sezione run_migration_assistant.
ceip: descrive la partecipazione al Programma Miglioramento esperienza cliente di VMware. settings Contiene solo il parametro di configurazione ceip_enabled per la partecipazione o meno al Programma di Miglioramento dell'Esperienza del Cliente di VMware.

Necessaria solo se si distribuisce vCenter Server Appliance.

Nota: Se è impostata su true, è necessario eseguire il comando di distribuzione della CLI con l'argomento --acknowledge-ceip.

Per informazioni sul Programma di Miglioramento dell'Esperienza del Cliente di VMware, vedere la sezione relativa alla configurazione di tale programma in vCenter Server e gestione degli host.

Parametri di configurazione nella sezione new_vcsa

Tabella 3. Parametri di configurazione nella sezione new_vcsa, sottosezione esxi
Nome Tipo Descrizione
hostname stringa Indirizzo IP o nome di dominio completo dell'host ESXi di destinazione in cui si desidera distribuire l'appliance.
username stringa Nome utente con privilegi amministrativi nell'host ESXi di destinazione, ad esempio root.
password stringa Password dell'utente con privilegi amministrativi nell'host ESXi di destinazione.
deployment_network stringa Nome della rete a cui connettere l'appliance.
Nota: La rete deve essere accessibile dall'host ESXi di destinazione.

Questo parametro viene ignorato se l'host ESXi di destinazione ha una sola rete.

datastore stringa Nome del datastore in cui si desidera archiviare tutti i file di configurazione delle macchine virtuali e i dischi virtuali dell'appliance.
Nota: Il datastore deve essere accessibile dall'host ESXi.

Il datastore deve disporre di spazio libero sufficiente.

port numero intero Numero di porta dell'host ESXi. La porta predefinita è 443.
ssl_certificate_verification stringa

La CLI verifica che il certificato di sicurezza di un server sia firmato da un'autorità di certificazione (CA) e stabilisce una connessione sicura. Se il certificato è autofirmato, la CLI interrompe l'aggiornamento a meno che non si specifichi una delle seguenti opzioni di configurazione dei certificati SSL.

Specificare l'identificazione personale del certificato SHA-1 (Secure Hash Algorithm 1). L'identificazione personale di un certificato è una stringa esadecimale che identifica il certificato in modo univoco. L'identificazione personale viene calcolata dal contenuto del certificato utilizzando un apposito algoritmo.

"thumbprint": "certificate SHA-1 thumbprint"

Impostare verification_mode su NONE.

"verification_mode": "NONE"

Se ci si connette a un server con un certificato autofirmato e non si specifica l'identificazione personale del certificato SHA-1 o non si imposta la modalità di verifica su NONE, la CLI visualizza l'identificazione personale del certificato autofirmato del server e richiede di accettare o rifiutare l'identificazione personale del certificato.

È inoltre possibile specificare che la CLI ignori il certificato autofirmato utilizzando il parametro --no-ssl-certificate-validation del comando vcsa-deploy upgrade. Vedere Sintassi del comando CLI di migrazione.

Tabella 4. Parametri di configurazione nella sezione new_vcsa, sottosezione vc
Nome Tipo Descrizione
hostname stringa Indirizzo IP o nome di dominio completo dell'istanza di vCenter Server di destinazione in cui si desidera distribuire l'appliance.
username stringa Nome utente dell'amministratore di vCenter Single Sign-On nell'istanza di vCenter Server di destinazione, ad esempio administrator@vsphere.local.
password stringa Password dell'utente amministratore di vCenter Single Sign-On nell'istanza di vCenter Server di destinazione.
deployment_network stringa Nome della rete a cui connettere l'appliance.
Nota: La rete deve essere accessibile dall'host ESXi di destinazione o dal cluster DRS in cui si desidera distribuire l'appliance.

Questa opzione viene ignorata se l'host ESXi di destinazione o il cluster DRS ha una sola rete.

datacenter stringa o array Data center di vCenter Server che contiene l'host ESXi o il cluster DRS di destinazione in cui si desidera distribuire l'appliance.
Se il data center si trova in una cartella o in una struttura di cartelle, il valore deve essere un elenco di stringhe separate da virgole o una stringa singola contenente un elenco di valori separati da virgole. Ad esempio,
["parent_folder", "child_folder", "datacenter_name"]
o
"parent_folder, child_folder, datacenter_name"

Se nel data center non è presente alcun percorso di cartella, utilizzare solo il nome del data center. Ad esempio,

["datacenter_name"]
o
"datacenter_name"
Nota: Per questo valore viene fatta distinzione tra maiuscole e minuscole.
datastore stringa Nome del datastore in cui si desidera archiviare tutti i file di configurazione delle macchine virtuali e i dischi virtuali dell'appliance.
Nota: Il datastore deve essere accessibile dall'host ESXi di destinazione o dal cluster DRS.

Il datastore deve avere almeno 25 GB di spazio libero.

port numero intero Numero di porta dell'istanza di vCenter Server. La porta predefinita è 443.
target stringa o array

Cluster, host ESXi o pool di risorse di destinazione in cui si desidera distribuire la nuova appliance. Si tratta della destinazione specificata con il parametro datacenter. Questo percorso deve terminare con il nome del cluster, dell'host ESXi o del pool di risorse.

Importante: È necessario fornire il nome visualizzato nell'inventario di vCenter Server. Ad esempio, se il nome dell'host ESXi di destinazione è un indirizzo IP nell'inventario di vCenter Server, non è possibile fornire un nome di dominio completo.
Nota: Per tutti i valori viene fatta distinzione tra maiuscole e minuscole.

Se si desidera che l'appliance distribuita sia elencata in una posizione diversa all'interno della gerarchia del data center, utilizzare il parametro vm_folder descritto più avanti in questa sezione.

Se il cluster, l'host ESXi o il pool di risorse di destinazione si trova in una cartella o in una struttura di cartelle, il valore deve essere un elenco di stringhe separate da virgole o una stringa singola contenente un elenco di valori separati da virgole. Ad esempio,
["parent_folder", "child_folder", "esxi-host.domain.com"]
o
"parent_folder, child_folder, esxi-host.domain.com"
Se l'host ESXi di destinazione fa parte di un cluster, per specificare il percorso utilizzare un elenco di stringhe separate da virgole o una stringa singola contenente un elenco di valori separati da virgole. Ad esempio,
["cluster_name", "esxi-host.domain.com"] 
				  
o
"cluster_name, esxi-host.domain.com"

Se la distribuzione viene eseguita in un pool di risorse, includere l'etichetta Resources prima del nome del pool di risorse. Ad esempio:

 ["cluster_name", "Resources", "resource_pool_name"] 
Nota: Le verifiche preliminari controllano solo la memoria del pool di risorse.
vm_folder stringa Facoltativo. Nome della cartella della macchina virtuale in cui aggiungere l'appliance.
Tabella 5. Parametri di configurazione nella sezione new_vcsa, sottosezione appliance
Nome Tipo Descrizione
thin_disk_mode Booleano Impostare su true per distribuire l'appliance con dischi virtuali thin.
deployment_option stringa Dimensioni dell'appliance.
  • Impostare su tiny se si desidera distribuire un'appliance di vCenter Server per un massimo di 10 host e 100 macchine virtuali con le dimensioni di storage predefinite.

    Distribuisce un'appliance con 2 CPU, 10 GB di memoria e 300 GB di storage.

  • Impostare su tiny-lstorage se si desidera distribuire un'appliance di vCenter Server per un massimo di 10 host e 100 macchine virtuali con grandi dimensioni di storage.

    Distribuisce un'appliance con 2 CPU, 10 GB di memoria e 825 GB di storage.

  • Impostare su tiny-xlstorage se si desidera distribuire un'appliance di vCenter Server per un massimo di 10 host e 100 macchine virtuali con dimensioni di storage molto grandi.

    Distribuisce un'appliance con 2 CPU, 10 GB di memoria e 1700 GB di storage.

  • Impostare su small se si desidera distribuire un'appliance di vCenter Server per un massimo di 100 host e 1.000 macchine virtuali con le dimensioni di storage predefinite.

    Distribuisce un'appliance con 4 CPU, 16 GB di memoria e 340 GB di storage.

  • Impostare su small-lstorage se si desidera distribuire un'appliance di vCenter Server per un massimo di 100 host e 1.000 macchine virtuali con grandi dimensioni di storage.

    Distribuisce un'appliance con 4 CPU, 16 GB di memoria e 870 GB di storage.

  • Impostare su small-xlstorage se si desidera distribuire un'appliance di vCenter Server per un massimo di 100 host e 1.000 macchine virtuali con dimensioni di storage molto grandi.

    Distribuisce un'appliance con 4 CPU, 16 GB di memoria e 1750 GB di storage.

  • Impostare su medium se si desidera distribuire un'appliance di vCenter Server per un massimo di 400 host e 4.000 macchine virtuali con le dimensioni di storage predefinite.

    Distribuisce un'appliance con 8 CPU, 24 GB di memoria e 525 GB di storage.

  • Impostare su medium-lstorage se si desidera distribuire un'appliance di vCenter Server per un massimo di 400 host e 4.000 macchine virtuali con grandi dimensioni di storage.

    Distribuisce un'appliance con 8 CPU, 24 GB di memoria e 1025 GB di storage.

  • Impostare su medium-xlstorage se si desidera distribuire un'appliance di vCenter Server per un massimo di 400 host e 4.000 macchine virtuali con dimensioni di storage molto grandi.

    Distribuisce un'appliance con 8 CPU, 24 GB di memoria e 1905 GB di storage.

  • Impostare su large se si desidera distribuire un'appliance di vCenter Server per un massimo di 1.000 host e 10.000 macchine virtuali con le dimensioni di storage predefinite.

    Distribuisce un'appliance con 16 CPU, 32 GB di memoria e 740 GB di storage.

  • Impostare su large-lstorage se si desidera distribuire vCenter Server Appliance per un massimo di 1.000 host e 10.000 macchine virtuali con grandi dimensioni di storage.

    Distribuisce un'appliance con 16 CPU, 32 GB di memoria e 1090 GB di storage.

  • Impostare su large-xlstorage se si desidera distribuire un'appliance di vCenter Server per un massimo di 1.000 host e 10.000 macchine virtuali con dimensioni di storage molto grandi.

    Distribuisce un'appliance con 16 CPU, 32 GB di memoria e 1970 GB di storage.

  • Impostare su xlarge se si desidera distribuire un'appliance di vCenter Server per un massimo di 2.000 host e 35.000 macchine virtuali con le dimensioni di storage predefinite.

    Distribuisce un'appliance con 24 CPU, 48 GB di memoria e 1180 GB di storage.

  • Impostare su xlarge-lstorage se si desidera distribuire un'appliance di vCenter Server per un massimo di 2.000 host e 35.000 macchine virtuali con grandi dimensioni di storage.

    Distribuisce un'appliance con 24 CPU, 48 GB di memoria e 1230 GB di storage.

  • Impostare su xlarge-xlstorage se si desidera distribuire un'appliance di vCenter Server per un massimo di 2.000 host e 35.000 macchine virtuali con dimensioni di storage molto grandi.

    Distribuisce un'appliance con 24 CPU, 48 GB di memoria e 2110 GB di storage.

image stringa Facoltativo. Percorso del file locale o URL del pacchetto di installazione dell'appliance vCenter Server.

Per impostazione predefinita, il programma di installazione utilizza il pacchetto di installazione incluso nel file ISO nella cartella vcsa.

name stringa Nome della macchina virtuale per l'appliance.

Può contenere solo caratteri ASCII tranne un segno di percentuale (%), una barra rovesciata (\) o una barra (/) e non deve includere più di 80 caratteri.

ovftool_path stringa Facoltativo. Percorso del file locale eseguibile dello strumento OVF.

Per impostazione predefinita, il programma di installazione utilizza l'istanza dello strumento OVF inclusa nel file ISO nella cartella vcsa/ovftool.

Tabella 6. Parametri di configurazione nella sezione new_vcsa, sottosezione os
Nome Tipo Descrizione
password stringa Password dell'utente root del sistema operativo dell'appliance.

La password può contenere da 8 a 20 caratteri e deve includere almeno una lettera maiuscola, almeno una lettera minuscola, almeno un numero e almeno un carattere speciale, ad esempio un segno di dollaro ($), un cancelletto (#), una chiocciola (@), un punto (.) o un punto esclamativo (!). Tutti i caratteri devono essere caratteri ASCII inferiori senza spazi.

ssh_enable Booleano Impostare su true per abilitare l'accesso dell'amministratore SSH all'appliance.
Tabella 7. Parametri di configurazione nella sezione new_vcsa, sottosezione temporary_network
Nome Tipo Descrizione
ip_family stringa Versione IP della rete dell'appliance.

Impostare su ipv4 o ipv6.

mode stringa Assegnazione dell'indirizzo IP per la rete dell'appliance.

Impostare su static o dhcp.

ip stringa Indirizzo IP dell'appliance.

Obbligatorio solo se si utilizza un'assegnazione statica, ovvero se si imposta il parametro mode su static.

È necessario impostare un indirizzo IPv4 o IPv6 che corrisponda alla versione dell'IP di rete, ovvero al valore del parametro ip_family.

Un indirizzo IPv4 deve essere conforme alle linee guida RFC 790.

Un indirizzo IPv6 deve essere conforme alle linee guida RFC 2373.

dns_servers stringa o array Indirizzi IP di uno o più server DNS.
Per impostare più server DNS, utilizzare un elenco di stringhe separate da virgole o un elenco separato da virgole come singola stringa per fornire il percorso. Ad esempio,
["x.y.z.a", "x.y.z.b"]
o
"x.y.z.a, x.y.z.b"

Obbligatorio solo se si utilizza un'assegnazione statica, ovvero se si imposta il parametro mode su static.

prefix stringa Lunghezza del prefisso di rete.

Obbligatorio solo se si utilizza l'assegnazione statica, ovvero se si imposta il parametro mode su static.

Per la versione IPv4, il valore deve essere compreso tra 0 e 32.

Per la versione IPv6, il valore deve essere compreso tra 0 e 128.

gateway stringa Indirizzo IP del gateway predefinito.

Per la versione IPv6, il valore può essere default.

Tabella 8. Parametri di configurazione nella sezione new_vcsa, sottosezione user_options
Nome Tipo Descrizione
vcdb_migrateSet stringa

Selezionare i tipi di dati da migrare dalla vecchia alla nuova appliance. I dati vengono copiati dall'istanza di vCenter Server di origine al server di destinazione. L'origine iniziale dei dati resta invariata.

  • Impostare su core se si desidera trasferire solo i dati di configurazione. In questo modo, la migrazione dei dati viene effettuata più rapidamente, riducendo al minimo il periodo di inattività del sistema.
  • Impostare su core_events_tasks se si desidera trasferire immediatamente i dati di configurazione e cronologici (eventi e attività). vCenter Server verrà avviato solo dopo la migrazione di tutti i dati dal sistema vCenter Server per Windows di origine.
  • Impostare su all se si desidera trasferire immediatamente i dati relativi alla configurazione, alla cronologia e alle metriche delle prestazioni. vCenter Server verrà avviato solo dopo la migrazione di tutti i dati dal sistema vCenter Server per Windows di origine. Questa opzione consente di trasferire la quantità massima di dati e richiede un periodo di inattività maggiore rispetto alle altre opzioni di migrazione dei dati.
  • Impostare su transfer_events_tasks_after_upgrade se si desidera trasferire i dati cronologici (eventi e attività) in background al termine dell'aggiornamento. Durante questo periodo di tempo, le prestazioni di vCenter Server potrebbero non essere ottimali.
  • Impostare su transfer_stats_events_tasks_after_upgrade se si desidera trasferire i dati relativi a cronologia e metriche delle prestazioni in background al termine dell'aggiornamento. Durante questo periodo di tempo, le prestazioni di vCenter Server potrebbero non essere ottimali.
Nota: Per ridurre al minimo i tempi di migrazione e la quantità di storage necessaria per il nuovo vCenter Server Appliance, utilizzare il valore core.

Per ulteriori informazioni sui tipi di dati che è possibile trasferire dal sistema vCenter Server esistente al nuovo vCenter Server aggiornato, vedere Trasferimento dei dati da un'istanza di vCenter Server Appliance esistente.

Tabella 9. Parametri di configurazione nella sezione new_vcsa, sottosezione sso
Nome Tipo Descrizione
first_instance stringa

Impostare first_instance su true se questa è la prima operazione di migrazione convergente nel dominio SSO di vCenter Server o se non si desidera impostare il partner di replica per questo nodo.

Se si desidera impostare il partner di replica per questo nodo, impostare first_instance su false e specificare il valore di replication_partner_hostname come FQDN di un nodo fatto precedentemente convergere che si trova attualmente in una topologia di vCenter Server incorporata.

Per ulteriori informazioni sulla specifica dei parametri first_instance e replication_partner_hostname, vedere Informazioni sulla migrazione di un vCenter Server per Windows con un Platform Services Controller esterno tramite la CLI.

replication_partner_hostname stringa Nome host del partner di replica. Rimuovere se è first_instance

Requisiti per la chiamata automatica di Assistente migrazione

È possibile utilizzare la sottosezione run_migration_assistant per automatizzare la chiamata di Assistente migrazione. La chiamata automatica funziona solo se l'installazione Windows di origine è in esecuzione come macchina virtuale.

L'account utente specificato nei parametri os_username o vum_os_username richiede l'elevazione dei privilegi a livello di amministratore. Ad esempio:
  • L'account amministratore Windows integrato.
  • Un account utente con un nome utente diverso da Amministratore che fa parte del gruppo di amministratori di Windows locale.
  • L'account Amministratore di dominio con nome utente Amministratore che fa parte del gruppo di amministratori di Windows locale.
  • L'ID del nome utente avere il formato your_domain_name\\user_ID o user_ID@your_domain_name.
Limitazione: La chiamata automatica di Assistente migrazione non funziona con un account Windows che richiede l'elevazione dei privilegi a livello di amministratore. Eseguire invece manualmente Assistente migrazione nella macchina Windows di origine. Copiare e incollare il valore dell'identificazione personale dall'output della console di Assistente migrazione nella macchina di origine alla chiave migration_ssl_thumbprint nella sottosezione vc_win e rimuovere la sezione run_migration_assistant.

Parametri di configurazione nella sezione source_vc

Tabella 10. Parametri di configurazione nella sezione source_vc, sottosezione vc_win
Nome Tipo Descrizione
hostname stringa Nome host o l'indirizzo IP dell'installazione Windows di origine di vCenter Server o Platform Services Controller di cui si desidera eseguire la migrazione.
username stringa Nome utente di vCenter Single Sign-On con privilegi amministrativi per l'istanza di vCenter Server, vCenter Single Sign-On o Platform Services Controller di cui si desidera eseguire la migrazione.
password stringa Password dell'istanza di vCenter Server o Platform Services Controller di cui si desidera eseguire la migrazione.
migration_port stringa Numero di porta di Assistente migrazione visualizzato nella console di Assistente migrazione. La porta predefinita è 9123.
active_directory_domain stringa Nome del dominio Active Directory a cui appartiene l'istanza di vCenter Server di origine.
active_directory_username stringa Nome utente amministratore del dominio Active Directory a cui appartiene l'istanza di vCenter Server di origine.
active_directory_password stringa Password amministratore del dominio Active Directory a cui appartiene l'istanza di vCenter Server di origine.
Nota: Il programma di installazione verifica le credenziali immesse, ma non verifica i privilegi necessari per aggiungere la macchina di destinazione al dominio Active Directory. Verificare che le credenziali utente dispongano di tutte le autorizzazioni necessarie per aggiungere una macchina al dominio Active Directory.
migration_ssl_thumbprint stringa Identificazione personale SSL di Assistente migrazione.
Tabella 11. Parametri di configurazione nella sezione source_vc, sottosezione run_migration_assistant
Nome Tipo Descrizione
esxi_hostname stringa FQDN o IP del sistema ESXi in cui si trova l'istanza di vCenter Server, vCenter Single Sign-On o Platform Services Controller di origine.
esxi_username stringa Nome utente di un utente con privilegi amministrativi nell'host ESXi.
esxi_password stringa Password dell'utente dell'host ESXi. Se la si omette, viene richiesto di immettere la password nella console dei comandi durante la verifica del modello.
esxi_port stringa Numero di porta dell'host ESXi. La porta predefinita è 443.
os_username stringa Nome utente amministratore per la macchina Windows di origine.
os_password stringa Password dell'utente amministratore per la macchina Windows di origine. Se la si omette, viene richiesto di immetterla nella console dei comandi durante la verifica del modello.
migration_ip stringa Indirizzo IP della scheda di rete di cui eseguire la migrazione.
migration_port stringa Numero di porta di Assistente migrazione visualizzato nella console di Assistente migrazione. La porta predefinita è 9123.
export_dir stringa Directory in cui esportare la configurazione e i dati di origine.
sa_password stringa Indirizzo IP della password dell'utente dell'account del servizio vCenter Server di rete. Questa opzione è necessaria solo se il servizio vCenter Server è in esecuzione in un account non LocalSystem. Se la si omette, viene richiesto di immetterla nella console dei comandi durante la verifica del modello.
Tabella 12. Parametri di configurazione nella sezione source_vum, sottosezione run_migration_assistant
Nome Tipo Descrizione
esxi_hostname stringa FQDN o IP del sistema ESXi in cui si trova l'istanza di vCenter Server, vCenter Single Sign-On o Platform Services Controller di origine.
esxi_username stringa Nome utente di un utente con privilegi amministrativi nell'host ESXi.
esxi_password stringa Password dell'utente dell'host ESXi. Se la si omette, viene richiesto di immettere la password nella console dei comandi durante la verifica del modello.
esxi_port stringa Numero di porta dell'host ESXi. La porta predefinita è 443.
vum_hostname stringa FQDN o IP del sistema ESXi in cui si trova l'istanza di Update Manager di origine.
vum_os_username stringa Nome utente amministratore per la macchina Windows di origine.
vum_os_password stringa Password dell'utente amministratore per la macchina Windows di Update Manager di origine. Se la si omette, viene richiesto di immetterla nella console dei comandi durante la verifica del modello.
migration_port stringa Numero di porta di Assistente migrazione visualizzato nella console di Assistente migrazione. La porta predefinita è 9123.
export_dir stringa Directory in cui esportare la configurazione e i dati di origine.

Parametri di configurazione nella sezione ceip

Tabella 13. Parametri di configurazione nella sezione ceip, sottosezione settings
Nome Tipo Descrizione
ceip_enabled Booleano Impostare su true per partecipare al Programma di Miglioramento dell'Esperienza del Cliente di VMware per questa appliance.

Esecuzione di un controllo preliminare prima di una migrazione CLI a vCenter Server Appliance

È possibile eseguire un controllo preliminare per verificare che i requisiti della migrazione siano soddisfatti e risolvere eventuali problemi prima della migrazione della distribuzione di vCenter Server.

Prima di eseguire la migrazione della distribuzione di vCenter Server a un'appliance, è possibile eseguire un controllo preliminare per individuare i requisiti di spazio su disco, i tempi di upgrade stimati e le estensioni registrate nell'appliance vCenter Server. L'esecuzione di un pre-upgrade è un passaggio facoltativo ma altamente consigliato quando si pianifica un upgrade.

Prerequisiti

Preparazione dei file di configurazione JSON per la migrazione CLI utilizzando i modelli di esempio e i parametri di configurazione di Parametri di configurazione della migrazione.

Procedura

  1. Verificare il modello senza distribuire l'appliance immettendo il comando: vcsa-deploy migrate --verify-template-only pecorso_file_json.
  2. Eseguire CLI Migrate utilizzando l'opzione --precheck-only.
    È possibile modificare i piani di migrazione utilizzando i requisiti di spazio su disco e i tempi di migrazione stimati. Se si riceve un errore, è possibile risolvere il problema prima della migrazione effettiva.
  3. Dopo aver risolto eventuali errori, eseguire nuovamente il comando CLI Migrate utilizzando l'opzione --verify-template-only finché tutti gli errori non vengono risolti.

risultati

A questo punto si è pronti a eseguire un processo di migrazione CLI senza errori.

Operazioni successive

Esecuzione di una migrazione CLI di vCenter Server da Windows a un'appliance.

Esecuzione di una migrazione CLI di vCenter Server da Windows a un'appliance

È possibile effettuare la migrazione di vCenter Server a un'appliance da una macchina presente nella rete vSphere.

Prerequisiti

Procedura

  1. Passare alla directory del programma di installazione CLI del software per il sistema operativo in uso.
    • Se si distribuisce l'appliance da una macchina con sistema operativo Windows, passare alla directory vcsa-cli-installer|win32.
    • Se si distribuisce l'appliance da una macchina con sistema operativo Linux, passare alla directory vcsa-cli-installer/lin64.
    • Se si distribuisce l'appliance da una macchina con sistema operativo Mac, passare alla directory vcsa-cli-installer/mac.
  2. Selezionare il programma di installazione CLI: vcsa-deploy.exe.
  3. Eseguire il comando di migrazione.
    vcsa-deploy migrate --accept-eula optional_arguments path_to_the_json_file
    La variabile optional_arguments è un elenco di argomenti facoltativi separati da spazi per impostare configurazioni aggiuntive.
    Ad esempio, è possibile impostare la posizione del registro e altri file di output generati dal programma di installazione.
    vcsa-deploy migrate --accept-eula --log-dir=path_to_the_location path_to_the_json_file

risultati

Il modello di migrazione viene distribuito. È possibile Verificare della riuscita dell'upgrade o della migrazione di vCenter Server.

Sintassi del comando CLI di migrazione

È possibile utilizzare uno o più argomenti del comando per impostare i parametri di esecuzione del comando migrate.

È possibile aggiungere un elenco di argomenti separati da spazi al comando CLI di upgrade.
vcsa-deploy migrate list_of_arguments path_to_the_json_file

L'argomento di template necessario fornisce il percorso di un file JSON che descrive la procedura di distribuzione di vCenter Server Appliance. È possibile collocare più file JSON in una directory e la CLI eseguirà la migrazione di tutte le distribuzioni in modalità batch. Per ulteriori informazioni sull'esecuzione di migrazioni simultanee, vedere Preparazione dei file di configurazione JSON per la migrazione CLI.

Importante: I valori stringa, incluse le password, possono contenere solo caratteri ASCII. I caratteri ASCII estesi e i caratteri non ASCII non sono supportati.

Per impostare un valore che contenga il carattere barra rovesciata (\) o virgolette ("), è necessario anteporre al carattere la barra rovesciata (\). Ad esempio, "password":"my\"password" imposta la password my"password, "image":"C:\\vmware\\vcsa" imposta il percorso C:\vmware\vcsa.

I valori booleani possono contenere solo caratteri minuscoli. Il valore può essere true o false. Ad esempio "ssh.enable":false.

Argomento facoltativo Descrizione
--accept-eula Accetta il contratto di licenza con l'utente finale.

Necessario per l'esecuzione del comando di distribuzione.

-h, --help Visualizza il messaggio della guida per il comando.
--template-help Visualizza il messaggio della guida per i parametri di configurazione nel file di distribuzione JSON. È possibile utilizzare vcsa-deploy [subcommand] --help per un elenco di argomenti specifici del sottocomando.
-v, --verbose Aggiunge informazioni di debug all'output della console.
-t, --terse Nasconde l'output della console. Visualizza solo messaggi di avviso e di errore.
--log-dir, LOG_DIR Specifica la posizione del registro e di altri file di output generati dal programma di installazione.
--skip-ovftool-verification

Esegue la verifica di base dei parametri di configurazione e distribuisce l'appliance vCenter Server, ma non convalida i parametri dello strumento OVF nella sottosezione ovftool_arguments del modello JSON. Se si impostano argomenti che lo strumento OVF non riconosce, la distribuzione potrebbe non riuscire.

--no-ssl-certificate-verification

Impedisce la verifica SSL delle connessioni ESXi.

La CLI verifica che il certificato di sicurezza di un server sia firmato da un'autorità di certificazione (CA) e stabilisce una connessione sicura. Se il certificato è autofirmato, la CLI interromperà l'upgrade, a meno che non si specifichi che la CLI debba ignorare il certificato autofirmato utilizzando il parametro del comando --no-ssl-certificate-validation.

Se ci si connette a un server con un certificato autofirmato e non si specifica se la CLI debba accettarlo, la CLI visualizza l'identificazione personale del certificato autofirmato del server e chiede di accettare o rifiutare il certificato.

È inoltre possibile specificare che la CLI ignori i certificati autofirmati utilizzando il parametro di configurazione ssl_certificate_verification nel modello JSON. Vedere Aggiornamento dei parametri di configurazione per l'aggiornamento tramite CLI di vCenter Server Appliance.

Importante: Evitare l'utilizzo di questa opzione poiché potrebbe causare problemi durante o dopo l'upgrade a causa di un'identità non convalidata dell'host di destinazione.
--operation-id Consente di fornire un identificatore per tenere traccia dell'installazione, della migrazione o dell'upgrade simultanei di più istanze di vCenter Server. Se non viene fornito un ID operazione, la CLI genera un identificatore univoco universale (UUID) che è possibile utilizzare per identificare le diverse istanze di vCenter Server e il relativo stato di installazione o upgrade.
--verify-template-only Esegue la verifica del modello di base senza installare Upgrade Runner, effettuare controlli preliminari ed eseguire l'upgrade o la migrazione di vCenter Server Appliance.
--precheck-only Installa Assistente migrazione nella macchina virtuale di vCenter Server di origine ed esegue una serie completa di controlli preliminari senza eseguire la migrazione.
--acknowledge-ceip Conferma il riconoscimento della partecipazione al programma Analisi utilizzo software di VMware. Questo argomento è obbligatorio se ceip.enabled è impostato su true nel modello di upgrade.
Codice d'uscita Descrizione
0 Comando eseguito correttamente
1 Errore di runtime
2 Errore di convalida
3 Errore modello