Sincronizzazione di orologi ESXi con un server orario di rete

Prima di installare vCenter Server, verificare che tutti gli orologi di tutte le macchine della rete vSphere siano sincronizzati.

Questa attività illustra come configurare NTP da VMware Host Client.

Procedura

  1. Avviare VMware Host Client e connettersi all'host ESXi.
  2. Fare clic su Gestisci.
  3. In Sistema, fare clic su Data e ora, quindi su Modifica impostazioni.
  4. Selezionare Usa Network Time Protocol (Abilita NTP client).
  5. Nella casella di testo Server NTP, immettere l'indirizzo IP o il nome di dominio completo di uno o più server NTP da sincronizzare.
  6. Dal menu a discesa Criterio di avvio per servizio NTP selezionare Avvia e interrompi con host.
  7. Fare clic su Salva.
    L'host esegue la sincronizzazione con il server NTP.

Preparazione dei database di vCenter Server per la migrazione

L'istanza di vCenter Server Appliance richiede un database per archiviare e organizzare i dati del server. Assicurarsi che il database di vCenter Server di origine sia pronto per la migrazione al vCenter Server Appliance di destinazione.

Ogni istanza di vCenter Server Appliance deve disporre di un proprio database. Il database PostgreSQL in bundle incluso in vCenter Server Appliance supporta fino a 2.500 host e 30.000 macchine virtuali.

Per assicurarsi che il database sia pronto per la migrazione:

  • Verificare che le password siano aggiornate e non scadano a breve.
  • (Facoltativo) Ridurre le dimensioni del database. Per ulteriori informazioni, vedere l'articolo della Knowledge Base KB 2110031.
  • Verificare di aver eseguito il backup del database. Vedere la documentazione del database.
  • Verificare che vCenter Server possa comunicare con il database locale.

Durante la migrazione di vCenter Server a vCenter Server Appliance, il programma di installazione effettua le seguenti operazioni:

  1. Esporta il database di vCenter Server.
  2. Distribuisce il vCenter Server Appliance di destinazione in uno stato non configurato.
  3. Copia i dati esportati nel vCenter Server Appliance di destinazione.
  4. Avvia il servizio PostgreSQL per importare i dati del database di origine.
  5. Esegue l'upgrade dello schema del database in modo che sia compatibile con il vCenter Server Appliance di destinazione.
  6. Avvia i servizi del vCenter Server Appliance di destinazione.

Quando si configura il vCenter Server Appliance di destinazione, l'inizializzazione e la configurazione vengono eseguite utilizzando il database importato con lo schema precedente. È possibile scegliere tra diverse opzioni di migrazione:

  1. Tabelle di inventario
  2. Tabelle di inventario con eventi e attività
  3. Tutti i dati del database

Preparazione di un database Oracle per la migrazione

Prima di eseguire la migrazione del database Oracle da Windows a un database PostgreSQL incorporato nell'appliance, assicurarsi di disporre delle credenziali necessarie e di aver completato tutte le attività di pulizia o di preparazione richieste.

Prerequisiti

Verificare di aver confermato l'interoperabilità di base prima di preparare il database Oracle per la migrazione.

Verificare di aver eseguito il backup del database. Per informazioni sul backup del database di vCenter Server, vedere la documentazione Oracle.

Procedura

  1. Verificare che le password siano aggiornate e non scadano a breve.
  2. Assicurarsi di disporre delle credenziali di accesso, del nome del database e del nome del server di database che il database di vCenter Server utilizzerà.
    Nel sistema ODBC cercare il nome di connessione del nome di origine del database per il database di vCenter Server.
  3. Utilizzare Oracle SERVICE_NAME anziché il SID per verificare che l'istanza del database Oracle sia disponibile.
    • Accedere al server di database per leggere dal registro degli avvisi: $ORACLE_BASE/diag/rdbms/$instance_name/$INSTANCE_NAME/trace/alert_$ INSTANCE_NAME.log.
    • Accedere al server di database per leggere dall'output dello stato del listener Oracle.
    • Se è installato il client SQL*Plus, è possibile utilizzare tnsping per l'istanza del database vCenter. Se il comando tnsping inizialmente non funziona, riprovare dopo qualche minuto. Se l'operazione non riesce, riavviare l'istanza del database vCenter sul server Oracle, quindi riprovare a eseguire tnsping per assicurarsi che sia disponibile.
  4. Verificare che il file del driver JDBC sia incluso nella variabile CLASSPATH.
  5. Verificare che le autorizzazioni siano impostate correttamente.
  6. Assegnare il ruolo DBA o concedere all'utente le autorizzazioni necessarie.
  7. Creare un backup completo del database di vCenter Server.

risultati

Il database è pronto per la migrazione di vCenter Server a vCenter Server Appliance.

Preparazione di un database Microsoft SQL Server per la migrazione

Prima di eseguire la migrazione del database Microsoft SQL Server in esecuzione su Windows a un'appliance di database PostgreSQL incorporata, assicurarsi di disporre delle credenziali necessarie e di aver completato tutte le attività di pulizia o di preparazione richieste.

Importante: Non è possibile utilizzare l'autenticazione integrata di Windows come metodo di autenticazione se il servizio di vCenter Server è in esecuzione con l'account di sistema integrato di Microsoft Windows.

Prerequisiti

Verificare di aver eseguito il backup del database. Per informazioni sul backup del database di vCenter Server, vedere la documentazione di Microsoft SQL Server.

Procedura

  1. Verificare che le password siano aggiornate e non scadano a breve.
  2. Verificare che nella macchina vCenter Server sia installato JDK 1.6 o versione successiva.
  3. Verificare che il file sqljdbc4.jar sia stato aggiunto alla variabile CLASSPATH nella macchina in cui deve essere migrato vCenter Server Appliance.
    Se il file sqljdbc4.jar non è installato nel sistema, viene installato dal programma di installazione di vCenter Server Appliance.
  4. Verificare che il nome di origine del database di sistema utilizzi il driver Microsoft SQL Server Native Client 10 o 11.
  5. Creare un backup completo del database di vCenter Server.

risultati

Il database è pronto per la migrazione di vCenter Server a vCenter Server Appliance.

Preparazione del database PostgreSQL prima della migrazione di vCenter Server a un'appliance

Prima di eseguire la migrazione dell'installazione del database PostgreSQL su Windows a un'appliance, assicurarsi di disporre delle credenziali necessarie e di aver completato tutte le attività di pulizia o di preparazione richieste.

Per informazioni sul backup del database di vCenter Server, vedere la documentazione di PostgreSQL.

Prerequisiti

Verificare di aver confermato l'interoperabilità della migrazione di base prima di preparare il database PostgreSQL per la migrazione di vCenter Server.

Procedura

  1. Verificare che le password siano aggiornate e non scadano a breve.
  2. Per vCenter Server, individuare lo script cleanup_orphaned_data_PostgresSQL.sql nell'immagine ISO e copiarlo nel server PostgreSQL.
  3. Accedere a vCenter Server Appliance come utente root.
  4. Eseguire lo script di pulizia.
    /opt/vmware/vpostgres/9.4/bin/psql -U postgres -d VCDB -f path cleanup_orphaned_data_Postgres.sql

    Lo script di pulizia pulisce ed elimina tutti i dati non necessari o orfani presenti nel database di vCenter Server che non sono utilizzati da alcun componente di vCenter Server.

  5. Creare un backup completo del database di vCenter Server.

risultati

Il database è pronto per la migrazione di vCenter Server a vCenter Server Appliance.

Preparazione degli host ESXi gestiti per la migrazione

È necessario preparare gli host ESXi gestiti dall'installazione di vCenter Server prima di eseguire la migrazione del sistema da Windows a vCenter Server 8.0.

Prerequisiti

Per eseguire la migrazione di vCenter Server o di un'istanza di Platform Services Controller esterna da Windows a vCenter Server 8.0, gli host ESXi di origine e di destinazione devono soddisfare i requisiti della migrazione.

  • La versione degli host ESXi deve essere 6.7 o successiva. Per informazioni sulla compatibilità ESXi, vedere la Guida alla compatibilità di VMware..
  • Gli host ESXi non devono essere in modalità di blocco o manutenzione.

Procedura

  1. Per mantenere i certificati SSL correnti, eseguire il backup dei certificati SSL presenti nel sistema vCenter Server prima di eseguire l'upgrade a vCenter Server 8.0.
    La posizione predefinita dei certificati SSL è %allusersprofile%\VMware\VMware VirtualCenter.
  2. Se si dispone di certificati personalizzati o di identificazione personale, vedere Aggiornamenti e certificati dell'host ESXi per determinare i passaggi preparatori.
  3. Se sono presenti cluster vSphere HA, è necessario abilitare il controllo dei certificati SSL.
    Se sono presenti cluster vSphere HA, è necessario abilitare il controllo dei certificati SSL.
    1. Selezionare l'istanza di vCenter Server nell'albero dell'inventario di vSphere Client.
    2. Selezionare la scheda Gestisci e la sottoscheda Generale.
    3. Verificare che l'opzione vCenter Server richiede certificati SSL host verificati sia selezionata.

risultati

Gli host ESXi sono pronti per la migrazione a vCenter Server Appliance.

Preparazione dei certificati di vCenter Server per la migrazione

Prima di avviare il processo di migrazione, è necessario verificare che i certificati vCenter Server di origine siano pronti.

I certificati di vSphere 6.0 e versioni successive vengono archiviati in VMware Endpoint Certificate Store. Il processo di migrazione viene eseguito normalmente e preserva i certificati. Per informazioni sulle posizioni dei certificati di vCenter Server, vedere l'articolo della Knowledge Base KB 2111411.

Posizione dei file dei certificati

I file dei certificati di vCenter Server sono disponibili in %ProgramData%\VMware\VMware VirtualCenter\SSL

Tipi di certificati supportati

Se l'ambiente utilizza uno dei tipi di certificato supportati, è possibile continuare con la migrazione. Il processo di migrazione viene eseguito normalmente e preserva i certificati.

  • Il file rui.crt contiene l'intera catena incluso il certificato foglia. È possibile creare questo tipo di certificato distribuendo e utilizzando VMware SSL Certificate Automation Tool, vedere in merito l'articolo della Knowledge Base KB 2057340 .
  • Il file rui.crt contiene il certificato foglia e il corrispondente cacert.pem è disponibile in %ProgramData%\VMware\VMware VirtualCenter\SSL per convalidare rui.crt.

Tipi di certificati non supportati

Se l'ambiente utilizza uno dei tipi di certificati non supportati, è necessario preparare i certificati prima di poter procedere con il processo di migrazione.

  • rui.crt contiene solo il certificato foglia, cacert.pem manca o non è valido e cacert.pem non è stato aggiunto all'archivio di attendibilità di Windows.

    Ottenere il certificato dell'autorità di certificazione, inclusi tutti i certificati intermedi, e creare un file cacert.pem oppure sostituire i certificati di vCenter Server con uno qualsiasi dei formati supportati.

  • rui.crt contiene solo il certificato foglia e cacert.pem manca o non è valido, ma cacert.pem è stato aggiunto all'archivio di attendibilità di Windows.

    Ottenere il certificato dell'autorità di certificazione, inclusi tutti i certificati intermedi dall'archivio di attendibilità di Windows e creare cacert.pem. Utilizzare OpenSSL per verificare il certificato eseguendo il comando verify -CAfile cacert.pem rui.crt.

Per ulteriori informazioni sui certificati di sicurezza vSphere, vedere la documentazione Sicurezza di vSphere.

Requisiti di sistema per il programma di installazione di vCenter Server

È possibile eseguire il programma di installazione della GUI o della CLI di vCenter Server da una macchina client di rete in esecuzione in un sistema operativo Windows, Linux o Mac di una versione supportata.

Per garantire prestazioni ottimali dei programmi di installazione della GUI e della CLI, utilizzare una macchina client che soddisfi i requisiti hardware minimi.

Tabella 1. Requisiti di sistema per i programmi di installazione della GUI e della CLI
Sistema operativo Versioni supportate Configurazione hardware minima per ottimizzare le prestazioni
Windows
  • Windows 10, 11
  • Windows 2016 x64 bit
  • Windows 2019 x64 bit
  • Windows 2022 x64 bit
4 GB di RAM, 2 CPU con 4 core con 2,3 GHz, 32 GB di disco rigido, 1 NIC
Linux
  • SUSE 15
  • Ubuntu 18.04, 20.04, 21.10
4 GB di RAM, 1 CPU con 2 core con 2,3 GHz, 16 GB di disco rigido, 1 NIC
Nota: Il programma di installazione della CLI richiede un sistema operativo a 64 bit.
Mac
  • macOS 10.15, 11, 12
  • macOS Catalina, Big Sur, Monterey
8 GB di RAM, 1 CPU con 4 core con 2,4 GHz, 150 GB di disco rigido, 1 NIC
Nota: Per le macchine client eseguite in Mac 10.15 o versione successiva, le distribuzioni simultanee della GUI di più appliance non sono supportate. È necessario distribuire le appliance in sequenza.
Nota: Le librerie ridistribuibili Visual C++ devono essere installate per eseguire il programma di installazione della CLI nelle versioni di Windows precedenti a Windows 10. I programmi di installazione di Microsoft per queste librerie si trovano nella directory vcsa-cli-installer/win32/vcredist.
Nota: La distribuzione dell'appliance di vCenter Server con la GUI richiede una risoluzione minima di 1024x768 per la visualizzazione corretta. Le risoluzioni precedenti possono troncare gli elementi dell'interfaccia utente.

Determinazione delle dimensioni del database Oracle e dello storage per la nuova appliance

Prima di eseguire l'upgrade di vCenter Server Appliance o la migrazione di un'istanza di vCenter Server su Windows che utilizza un database Oracle esterno, è necessario determinare le dimensioni del database esistente. In base alle dimensioni del database esistente, è possibile calcolare le dimensioni di storage minime per il nuovo database di vCenter Server Appliance utilizzando un database PostgreSQL incorporato.

È possibile eseguire script per determinare le dimensioni della tabella principale, della tabella di eventi e attività e della tabella delle statistiche Oracle. La tabella principale Oracle corrisponde alla partizione di database (/storage/db) del database PostgreSQL. Le tabelle delle statistiche e di eventi e attività Oracle corrispondono alla partizione di statistiche, eventi, allarmi e attività (/storage/seat) del database PostgreSQL.

Durante l'upgrade dell'appliance, è necessario selezionare una dimensione di storage per la nuova appliance che sia almeno il doppio di quella delle tabelle Oracle.

Durante l'upgrade dell'appliance, è possibile selezionare i tipi di dati da trasferire alla nuova appliance. Per ridurre i tempi di upgrade e i requisiti di tempo di storage per la nuova appliance, è possibile scegliere di trasferire solo i dati di configurazione.

Prerequisiti

È necessario disporre delle credenziali di accesso al database di vCenter Server.

Procedura

  1. Accedere a una sessione SQL*Plus con l'utente di database vCenter Server.
  2. Determinare le dimensioni della tabella principale eseguendo lo script seguente.
    SELECT ROUND(SUM(s.bytes)/(1024*1024)) SIZE_MB
      FROM   user_segments s
      WHERE  (s.segment_name,s.segment_type)
                    IN (SELECT seg_name, seg_type FROM
                             (SELECT t.table_name seg_name, t.table_name tname,
                               'TABLE' seg_type
                               FROM   user_tables t
                              UNION
                              SELECT i.index_name, i.table_name,
                              'INDEX'
                               FROM   user_indexes i
                             ) ti
                        WHERE  (ti.tname LIKE 'VPX_%'
                                OR ti.tname LIKE 'CL_%'
                                OR ti.tname LIKE 'VDC_%')
                            AND ti.tname NOT LIKE 'VPX_SAMPLE_TIME%'
                            AND ti.tname NOT LIKE 'VPX_HIST_STAT%'
                            AND ti.tname NOT LIKE 'VPX_TOPN%'
                            AND ti.tname NOT LIKE 'VPX_SDRS_STATS_VM%'
                            AND ti.tname NOT LIKE 'VPX_SDRS_STATS_DATASTORE%'
                            AND ti.tname NOT LIKE 'VPX_TASK%'
                            AND ti.tname NOT LIKE 'VPX_EVENT%'
                            AND ti.tname NOT LIKE 'VPX_PROPERTY_BULLETIN%');
    Lo script restituisce le dimensioni dello storage del database in MB.
  3. Determinare le dimensioni della tabella di eventi e attività eseguendo lo script seguente.
    SELECT ROUND(SUM(s.bytes)/(1024*1024)) SIZE_MB
    FROM   user_segments s
    WHERE  (s.segment_name,s.segment_type)
                 IN (SELECT seg_name, seg_type FROM
                          (SELECT t.table_name seg_name, t.table_name tname,
                            'TABLE' seg_type
                            FROM   user_tables t
                           UNION
                           SELECT i.index_name, i.table_name,
                           'INDEX'
                            FROM   user_indexes i
                          ) ti
                     WHERE
                        ti.tname LIKE 'VPX_TASK%'
                     OR ti.tname LIKE 'VPX_EVENT%');
    Lo script restituisce le dimensioni dello storage di eventi e attività in MB.
  4. Determinare la dimensione della tabella delle statistiche eseguendo lo script seguente.
    SELECT ROUND(SUM(s.bytes)/(1024*1024)) SIZE_MB
    FROM   user_segments s
    WHERE  (s.segment_name,s.segment_type)
                 IN (SELECT seg_name, seg_type FROM
                          (SELECT t.table_name seg_name, t.table_name tname,
                            'TABLE' seg_type
                            FROM   user_tables t
                           UNION
                           SELECT i.index_name, i.table_name,
                           'INDEX'
                            FROM   user_indexes i
                          ) ti
                     WHERE
                        ti.tname LIKE 'VPX_SAMPLE_TIME%'
                     OR ti.tname LIKE 'VPX_TOPN%'
                     OR ti.tname LIKE 'VPX_TASK%'
                     OR ti.tname LIKE 'VPX_EVENT%'
                     OR ti.tname LIKE 'VPX_HIST_STAT%');
    Lo script restituisce le dimensioni dello storage delle statistiche in MB.
  5. Calcolare le dimensioni minime di storage per la nuova appliance che si intende distribuire durante l'upgrade.
    1. Le dimensioni della partizione di database (/storage/db) del database PostgreSQL incorporato devono essere almeno il doppio di quelle della tabella principale Oracle restituita in Passaggio 2.
    2. Le dimensioni della partizione di statistiche, eventi, allarmi e attività (/storage/seat) del database PostgreSQL incorporato devono essere almeno il doppio della somma delle dimensioni delle tabelle delle statistiche e di eventi e attività Oracle restituite in Passaggio 3 e Passaggio 4.
    Ad esempio, se la tabella principale Oracle è di 100 MB, la tabella di eventi e attività è di 1.000 MB e la tabella delle statistiche è di 2.000 MB, la partizione Postgres /storage/db deve essere di almeno 200 MB e la partizione /storage/seat di almeno 6.000 MB.

Determinazione delle dimensioni del database Microsoft SQL Server e dello storage per la nuova appliance vCenter Server

Prima di eseguire l'upgrade di un vCenter Server Appliance o la migrazione di un'istanza di vCenter Server su Windows che utilizza un database Microsoft SQL Server esterno, è necessario determinare la dimensione del database esistente. In base alle dimensioni del database esistente, è possibile calcolare le dimensioni di storage minime per il nuovo vCenter Server Appliance. Queste dimensioni di storage consentono al database PostgreSQL incorporato di acquisire i dati del database precedente con sufficiente spazio libero su disco dopo l'upgrade.

È possibile eseguire script per determinare le dimensioni della tabella principale, della tabella di eventi e attività e della tabella delle statistiche di Microsoft SQL Server. La tabella principale di Microsoft SQL Server corrisponde alla partizione di database (/storage/db) del database PostgreSQL. Le tabelle delle statistiche e di eventi e attività di Microsoft SQL Server corrispondono alla partizione di statistiche, eventi, allarmi e attività (/storage/seat) del database PostgreSQL.

Durante l'upgrade dell'appliance, è necessario selezionare una dimensione di storage per la nuova appliance che sia almeno il doppio di quella delle tabelle di Microsoft SQL Server.

Prerequisiti

È necessario disporre delle credenziali di accesso al database di vCenter Server.

Procedura

  1. Accedere a una sessione di SQL Server Management Studio con l'utente di database di vCenter Server.
  2. Determinare le dimensioni della tabella principale eseguendo lo script seguente.
    SELECT SUM(p.used_page_count * 8)/1024 AS disk_size
      FROM sys.dm_db_partition_stats p
      JOIN sys.objects o
        ON o.object_id = p.object_id
     WHERE o.type_desc = 'USER_TABLE'
       AND o.is_ms_shipped = 0 AND UPPER(o.name) NOT LIKE 'VPX_HIST_STAT%'
       AND UPPER(o.name) NOT LIKE 'VPX_SAMPLE_TIME%'
       AND UPPER(o.name) NOT LIKE 'VPX_TOPN%'
       AND UPPER(o.name) NOT LIKE 'VPX_TASK%'
       AND UPPER(o.name) NOT LIKE 'VPX_EVENT%'
       AND UPPER(o.name) NOT LIKE 'VPX_SDRS_STATS_VM%'
       AND UPPER(o.name) NOT LIKE 'VPX_SDRS_STATS_DATASTORE%'
       AND UPPER(o.name) NOT LIKE 'VPX_PROPERTY_BULLETIN%';
    Lo script restituisce le dimensioni dello storage del database in MB.
  3. Determinare le dimensioni della tabella di eventi e attività eseguendo lo script seguente.
    SELECT SUM(p.used_page_count * 8)/1024 AS disk_size
      FROM sys.dm_db_partition_stats p
      JOIN sys.objects o
        ON o.object_id = p.object_id
     WHERE o.type_desc = 'USER_TABLE'
       AND o.is_ms_shipped = 0 AND ( UPPER(o.name) LIKE 'VPX_TASK%'
        OR UPPER(o.name) LIKE 'VPX_EVENT%');
    Lo script restituisce le dimensioni dello storage di eventi e attività in MB.
  4. Determinare la dimensione della tabella delle statistiche eseguendo lo script seguente.
    SELECT SUM(p.used_page_count * 8)/1024 AS disk_size
      FROM sys.dm_db_partition_stats p
      JOIN sys.objects o
        ON o.object_id = p.object_id
     WHERE o.type_desc = 'USER_TABLE'
       AND o.is_ms_shipped = 0
       AND (     UPPER(o.name) LIKE 'VPX_HIST_STAT%'
             OR UPPER(o.name) LIKE 'VPX_SAMPLE_TIME%'
             OR UPPER(o.name) LIKE 'VPX_TOPN%');
    Lo script restituisce le dimensioni dello storage delle statistiche in MB.
  5. Calcolare le dimensioni minime di storage per la nuova appliance che si intende distribuire durante l'upgrade.
    1. Le dimensioni della partizione di database (/storage/db) del database PostgreSQL incorporato devono essere almeno il doppio di quelle della tabella principale di Microsoft SQL Server restituita in Passaggio 2.
    2. Le dimensioni della partizione di statistiche, eventi, allarmi e attività (/storage/seat) del database PostgreSQL incorporato devono essere almeno il doppio della somma delle dimensioni delle tabelle delle statistiche e di eventi e attività di Microsoft SQL Server restituite in Passaggio 3 e Passaggio 4.
    Ad esempio, se la tabella principale di Microsoft SQL Server è di 100 MB, la tabella di eventi e attività è di 1.000 MB e la tabella delle statistiche è di 2.000 MB, la partizione Postgres /storage/db deve essere di almeno 200 MB e la partizione /storage/seat di almeno 6.000 MB.

Download ed esecuzione di VMware Migration Assistant nella macchina Windows di origine

Per preparare la migrazione da Windows a vCenter Server Appliance, è necessario scaricare ed eseguire VMware Migration Assistant nell'istanza di vCenter Server o Platform Services Controller di origine. Se la distribuzione di vCenter Server dispone di un'istanza di Update Manager esterna eseguita su Windows, scaricare ed eseguire VMware Migration Assistant nella macchina Windows di origine.Update Manager prepara il server e il database di Update Manager per la migrazione da Windows a vCenter Server Appliance.

VMware Migration Assistant esegue le attività seguenti nella macchina Windows di origine in cui viene eseguito:

  1. Rileva il tipo di distribuzione di origine.
  2. Esegue controlli preliminari nell'origine.
  3. Segnala gli errori che devono essere risolti prima di avviare la migrazione.
  4. Fornisce informazioni per i passaggi successivi nel processo di migrazione.
Assicurarsi che la finestra VMware Migration Assistant resti aperta durante il processo di migrazione. Se si chiude VMware Migration Assistant, il processo di migrazione verrà interrotto.

Prerequisiti

Procedura

  1. Nel pacchetto del programma di installazione di vCenter Server Appliance individuare la directory contenente VMware Migration Assistant.
  2. Copiare la cartella di VMware Migration Assistant nella macchina Windows di origine in cui viene eseguito uno dei seguenti componenti:
    • Update Manager
    • Platform Services Controller
    • vCenter Server
    Attenzione: Se Update Manager viene eseguito in una macchina Windows diversa da quella di qualsiasi altro componente di vCenter Server in corso di migrazione, eseguire prima VMware Migration Assistant sulla macchina di Update Manager di origine. Se non si esegue prima VMware Migration Assistant sulla macchina di Update Manager di origine, il servizio VMware Migration Assistant su vCenter Server potrebbe avere esito negativo.
  3. Eseguire VMware Migration Assistant sulla macchina Windows.
    • Per la GUI, fare doppio clic su VMware-Migration-Assistant.exe
    • Per la CLI, immettere: VMware-Migration-Assistant.exe -p <password di Administrator@vmdir.domain>

      Per elencare tutti i parametri di input disponibili, immettere: VMware-Migration-Assistant.exe --help.

    Importante: Lasciare aperta la finestra Assistente migrazione finché non termina il processo di upgrade o migrazione della distribuzione di vCenter Server.
    VMware Migration Assistant esegue controlli di pre-upgrade e richiede di risolvere gli eventuali errori rilevati prima di procedere con la migrazione.

risultati

Quando i controlli preliminari sono terminati e vengono risolti eventuali errori, il sistema di origine è pronto per la migrazione.

Operazioni successive

Per avviare il processo di migrazione, seguire le istruzioni di VMware Migration Assistant.

Per i passaggi di migrazione dettagliati, vedere uno dei seguenti riferimenti.