L'estremità in locale della VPN L2 deve essere un'appliance NSX Edge. Prima di poter creare una VPN L2, è necessario configurare l'appliance e la rete vSphere in locale correlata.

Se nel data center in locale è installata una versione compatibile di NSX-T, è possibile utilizzare l'appliance NSX Edge esistente come lato locale (client) di una VPN L2 che si connette all'SDDC. Se necessario, è possibile scaricare e distribuire un'istanza autonoma di NSX Edge da utilizzare come client VPN L2. Nella tabella seguente sono elencate le versioni di SDDC e in locale compatibili. Per determinare la versione di NSX-T in esecuzione nell'SDDC, vedere Correlazione di VMware Cloud on AWS con le versioni dei componenti nella Guida al funzionamento di VMware Cloud on AWS.
Tabella 1. Interoperabilità VPN L2
Versione server VPN L2 (SDDC) Versione client VPN L2 (Edge in locale)
3.1.3 3.1.3, 3.1.2
3.1.2 3.1.2, 3.1.1, 2.5.3
3.1.1 3.1.1, 3.1.0, 3.0.1
3.1.0 3.1.1, 3.0.1, 3.0.0
3.0.3 3.0.3, 3.0.2, 3.0.1
3.0.2 3.0.2, 3.0.1, 2.5.2
3.0.0 3.0.0, 2.5.0, 2.5.1

Procedura

  1. (Facoltativo) Scaricare l'istanza autonoma di NSX Edge.
    Se nel data center in locale non è installata una versione compatibile di NSX-T, è possibile scaricare e configurare un'appliance NSX Edge autonoma da utilizzare come endpoint in locale per la VPN L2. Dopo aver configurato il lato server della VPN L2, seguire le istruzioni nella pagina Configurazione client VPN L2 remoto per scaricare NSX Edge per VMware ESXi come file OVF.
  2. Installare e configurare NSX Edge.
    Vedere Aggiunta di un Edge autonomo come client VPN L2 nella Guida all'amministrazione di NSX-T Data Center per informazioni su come installare e configurare l'Edge autonomo nel vCenter Server locale.